Terremoto

Ancora un rinvio per definire le forme di partecipazione dei cittadini alla ricostruzione sebbene già previste dal primo decreto commissariale all’indomani del terremoto del 24 agosto (decreto legge n. 189/2016 articolo 16, comma 2).

La nuova Ordinanza 16/2017 della Presidenza del Consiglio, emanata il 3 marzo, disciplina le modalità di funzionamento e di convocazione della Conferenza permanente e delle Conferenze regionali,  ma, all’articolo 9,rinvia a una successiva ordinanza la disciplina delle forme di partecipazione delle popolazioni interessate.

 

Lo denuncia Cittadinanzattiva, organizzazione impegnata attraverso i suoi attivisti nei territori colpiti dal sisma con molteplici iniziative, come i Presidi civici delle comunità colpite dal sisma, volte a promuovere il ruolo attivo dei cittadini nell’individuazione dei bisogni delle popolazioni e nelle scelte per la ricostruzione.

In una situazione che sembra bloccata dagli ostacoli burocratici e dai rimpalli delle responsabilità, le organizzazioni e i comitati civici possono rappresentare una effettiva risorsa per contribuire a gestire lo stato di emergenza, per diffondere informazioni certe e qualificate, per favorire il ritorno a una vita normale, per avviare finalmente una ricostruzione che stenta a partire.

Dei temi della partecipazione e della ricostruzione si parlerà, con gli interlocutori di riferimento, in occasione della Direzione nazionale di Cittadinanzattiva che si svolgerà ad Ascoli Piceno il 18 marzo prossimo.

 

Alessandro Cossu
Classe '71, napoletano di nascita, mancato romano di adozione. Laureato in economia, ha passato molto tempo a collezionare master in diverse discipline, ed è a Cittadinanzattiva dal 1997. Appassionato di cucina e di tecnologia applicata, è responsabile dell'ufficio comunicazione e stampa, e membro della Direzione Nazionale.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.