VII Giornata europea dei diritti del malato: oltre 80 eventi in tutta Italia, domani 16 maggio l'evento europeo a Bruxelles


Oltre 80 eventi in 43 città italiane di 13 regioni per informare i cittadini sui loro diritti in ambito sanitario: questo il resoconto della Settimana dei diritti promossa dall'8 a 16 maggio dalle sedi locali del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva per celebrare in Italia la VII Giornata europea dei diritti del malato, con il sostegno non condizionato di Johnson&Johnson Medical. Si tratta di iniziative di mobilitazione sul territorio, alcune ancora in programma nei prossimi giorni (l'elenco è disponibile sul sito web www.cittadinanzattiva.it), con cui il Tribunale per i diritti del malato, attraverso una apertura straordinaria delle sedi locali, banchetti o incontri pubblici in piazze, ospedali, comuni, studi medici etc, ha raccolto storie e segnalazioni dei cittadini e fatto informazione sui loro diritti a partire dalla Carta europea dei diritti del malato.


"Il recepimento della Direttiva europea sui diritti dei pazienti nelle cure transfrontaliere è un'occasione da non perdere anche nel nostro Paese: facilitare l'accesso all'innovazione e favorire una scelta "informata" dei luoghi di cura secondo il principio europeo di non discriminazione. Da anni stiamo lavorando per raggiungere questi obiettivi e siamo soddisfatti di questa direttiva che recepisce molti dei contenuti della nostra Carta Europea dei diritti del malato. La vera sfida in Italia sarà rendere pubbliche e comprensibili le informazioni sulla qualità e la sicurezza delle strutture sanitarie, comprese le informazioni raccolte in questi anni dalle organizzazioni civiche", ha affermato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva.
La Settimana dei diritti si chiuderà con la iniziativa europea della Giornata in programma a Bruxelles domani 16 maggio, in cui Active citizenship network, la rete europea di Cittadinanzattiva, discuterà di partecipazione delle organizzazioni dei malati nel processo di recepimento della Direttiva Ue sull'assistenza sanitaria transfrontaliera. Nel pomeriggio sarà presentato il report "The patients' involvement in health policies in Europe", una relazione riguardante le leggi sanitarie, le esperienze, gli ostacoli e le buone pratiche a livello europeo per quanto riguarda le aree generali - quali pianificazione, decisione, attuazione e valutazione – in materia di partecipazione dei pazienti, con un focus sulle politiche partecipative nella cura del cancro.

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.