Editoriale

 

acqua dossier 2015 02 15

Servizio idrico: +33% il costo negli ultimi 6 anni. In 40 città aumenti superiori al 40%.   Record a Reggio Calabria (+164,5%), Lecco (+126%) e Benevento (+100%).
La Toscana si conferma la regione più cara, mentre Isernia, Milano e Trento le città più economiche.
Pubblicato il dossier annuale di Cittadinanzattiva. 
Cara acqua. Negli ultimi 6 anni il costo dell’acqua non ha fatto che aumentare: +33% di media, con tariffe raddoppiate o quasi a Viterbo (+92,7%), Carrara (+93,4%), Benevento (+100%),  e più che raddoppiate a Lecco (+126%) e Reggio Calabria (+164,5%). In altre 35 città, gli incrementi hanno superato il 40%.

flag eng

salute ministero 2015 02 15

Da cittadini, azionisti e utenti del nostro Servizio Sanitario Nazionale,  siamo molto preoccupati per l’assordante silenzio del Ministero della Salute e del Ministero dell’Economia, all’indomani della presentazione del XVI Rapporto PiT Salute del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva dal titolo "Meno sanità per tutti, la riforma strisciante".
Da cittadini, come dobbiamo interpretare questo silenzio? E’ la conferma che abbiamo “colto nel segno” ed è questo il vero disegno politico, quello di una riforma strisciante?

 

silenzio 2015 02 15

As citizens, stakeholder and users of our National Health Service,  we are very concerned about the deafening silence of the Ministry of Health and the Ministry of Economy, after the presentation of the XVI PiT Health Report of the Tribunal for Patients' Rights-Cittadinanzattiva entitled "Less health care for all, the creeping reform", presented on 16 July in Rome. 
As citizens, how should we interpret this silence? Does it confirm that we have "hit the mark" and this is the real political design, that of a creeping reform? Yet the picture that emerges from the Report of the NHS is alarming: the Health Service is increasingly inaccessible to the public, discharge on the pockets of the latter the cost of care, for the lucky ones who can afford it; to the others, however, no choice but to give it up or postponing the time. 

 

bollette 2015 02 15

Cittadinanzattiva ha presentato oggi (11 luglio - ndr) il focus “Energia ad intermittenza” del Rapporto PiT Servizi 2013, lavoro che affronta quanto segnalato dai cittadini nell’ambito del settore energia e ambiente (acqua, luce, gas e rifuti). Su 9.633 segnalazioni nel corso del 2012 il 30% riguarda questo ambito.
Trasparenza delle voci presenti in bolletta, conguagli onerosi, denuncia di tariffe esose, difficoltà nel farsi restituire le somme versate: sono queste le maggiori criticità lamentate dai cittadini che si ripetono nell’ambito di energia, gas, acqua e rifiuti. 
Accanto a queste criticità, è doveroso sottolineare che aumenta il numero dei consumatori in difficoltà per pagare le bollette di energia e gas.

 

Cittadinanzattiva presented on July 11, the focus "Intermittently energy" Report PiT Services, 2013, work that deals with what is reported by the citizens in the context of energy and environment sector (water, electricity, gas and waste materials). Of 9,633 reports in 2012 to 30% related to this area. 
Transparency of the items in the bill, costly adjustments, complaint of overcharging, difficulty in getting return the paid sum: these are the more critical issues complained by citizens that recur in the context of energy, gas, water and waste. In addition to these problems, it must be stressed the number of consumers in difficulties to pay the bills of electricity and gas increases.

tagli sanità 2015 02 15

Fra qualche giorno Cittadinanzattiva, attraverso l’analisi delle segnalazioni che giungono al Pit, il suo servizio di assistenza e informazione per i cittadini, pubblicherà il consueto rapporto annuale sullo stato della sanità in Italia, dandogli il titolo, emblematico e parlante, di “Meno sanità per tutti”. Tutta l’azione politica degli ultimi anni, caratterizzata dalla riduzione della spesa, ma basata sul “non-criterio” di tagli indiscriminati e lineari, ha segnato enormi passi indietro del nostro sistema di welfare, ma, soprattutto, ha inciso pesantemente sui capisaldi, anche ideali, sui quali esso si fondava tradizionalmente e, in ultima analisi, ha attentato alla sua stessa sopravvivenza.

cambiamento 2015 02 15

Questa settimana dedichiamo il nostro spazio di apertura a due importanti petizioni che hanno bisogno del vostro sostegno. La prima fa riferimento alla campagna “sono Un Vip”, di cui potrete leggere più avanti, e  che ci vede protagonisti di una battaglia contro gli “accanimenti” burocratici ai danni dei veri invalidi. Un dato sopra tutti può aiutarci a inquadrare il tema: più di un anno di attesa per ottenere la pensione di invalidità. 
E una campagna lanciata da un paio di anni dai precedenti Governi contro “i falsi invalidi” che ha preso troppo spesso i toni di una vera e propria caccia alle streghe.

la forza riformatrice cotturri 2015 02 18 copy

Vi proponiamo un estratto dalla introduzione del volume "la forza riformatrice della cittadinanza attiva", di Giuseppe Cotturri, di cui in questi giorni stiamo promuovendo la presentazione in diverse città. Il libro è acquistabile nel corso delle presentazioni, nelle principali librerie e nella nostra "bottega" online.
Indignazione e protesta contro gli abusi e la corruzione di tanti esponenti della politica in Italia sono dilaganti. Dietro la degenerazione morale e culturale delle organizzazioni di partito risiedono, da lungo tempo anche in altri paesi ell'Occidente, ragioni profonde, strutturali di crisi degli istituti della rappresentanza politica.

unione europea

Oggi in GU la nuova Direttiva UE sulle conciliazioni, e in Italia ritorna la mediazione: non è certo un tempismo casuale, il ritorno alla mediazione obbligatoria era inevitabile. Lo avevano chiesto i Saggi di Napolitano, il Governatore della Banca D'Italia, la Commissione Europea (in occasione della notifica della fuori uscita dalla procedura di infrazione), Confindustria, naturalmente i 900 e oltre organismi di mediazione, giuristi e magistrati del calibro di Santacroce e altri. 
Il "decreto del fare" ha preso atto della necessità di tornare a valorizzare strumenti di risoluzione alternativa delle controversie: la convenienza, nel contesto del decreto, è data dalla necessità di rimuovere alcuni tra i tanti ostacoli alla ripresa economica.

marino alemanno 2015 02 15

Cari candidati,
vi scriviamo perché domenica i cittadini di Roma dovranno decidere chi nei prossimi anni avrà l’onore e l’onere di governare la nostra città.
Crediamo, e la bassa affluenza al primo turno dei votanti lo dimostra, che la fiducia dei cittadini sia ai minimi e solo dando un segnale di forte discontinuità dal punto di vista del metodo e del merito ci sia la possibilità di ridurre un divario tra cittadini ed istituzioni che rischia di essere irrecuperabile. 
Dal punto di vista del merito senza dubbio alcune proposte sono:

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.