omosessuali

La Commissione Giustizia del Senato ha approvato il 26 marzo scorso, con un’ampia maggioranza, il testo base che regolamenta le unioni civili fra persone dello stesso sesso. Dopo l’ok, il testo passa ora all’esame in Aula. Il disegno di legge apre la strada anche alle adozioni gay, seppur in maniera restrittiva, regolamentando inoltre i diritti per i conviventi - eterosessuali o omosessuali -  come il subentro nel contratto d’affitto, l’assistenza in ospedale, il mantenimento temporaneo dell’ex partner in difficoltà e la possibilità di regolare i rapporti patrimoniali di fronte ad un notaio.

Il "modello" di famiglia si allarga dunque, tracciando un percorso di uguaglianza e riconoscimento dei diritti senza discriminazioni e distinzioni. Per saperne di più leggi l’articolo 

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.