violenza donna onu

E’ l’ONU stesso a richiamare l’Italia ed a chiedere al nostro Paese di mettere in atto azioni concrete e sforzi maggiori per combattere la violenza contro le donne, un vero e proprio crimine di Stato ed un obbligo internazionale da cui non si può prescindere. Nonostante i passi in avanti che il Governo italiano ha fatto negli ultimi anni, quello della violenza sulle donne rappresenta ancora un punto debole del nostro sistema di tutela, poiché il numero di femminicidi resta ancora elevato.

Nelle osservazioni finali sull’Italia adottate ad ottobre scorso, a seguito della presentazione del quarto rapporto periodico, il Comitato ONU sui diritti economici, sociali e culturali ha infatti manifestato forti preoccupazioni per il dilagare degli episodi di violenza e per la mancanza di un’applicazione effettiva delle misure a tutela delle donne. Il prossimo scrutinio di revisione per l’Italia da parte del Comitato avverrà nel 2020.

Approfondisci 

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.