Scarica la nota di Cittadinanzattiva sul disegno di legge 2037 sulla ristorazione colletiva.

Cittadinanzattiva da 14 anni realizza un monitoraggio civico riguardante lo stato degli edifici scolastici e dei diversi servizi didattici al suo interno, come le mense scolastiche. Inoltre, dal 2015, Cittadinanzattiva, ActionAid e Slow Food Italia, costituitesi nella alleanza Italia, Sveglia!, hanno dato il via al proprio impegno congiunto affrontando, tra l’altro, con la campagna "La mensa che vorrei", il tema della ristorazione collettiva nelle scuole, un tema che interessa circa 10 milioni di italiani e in particolare le famiglie.

Il nuovo Codice degli Appalti, la proposta di legge in discussione presso la IX Commissione del Senato sulla ristorazione collettiva, la recente sentenza della Corte di Appello di Torino che stabilisce la legittimità di portare il pranzo da casa, hanno riportato all’attenzione generale l’importanza di questo servizio evidenziando l’urgenza di avviare una riflessione complessiva per un suo ripensamento, con il concorso di tutti gli attori coinvolti.

Il 18 ottobre 2016 abbiamo presentato la I Indagine su “Mensa a scuola: costi, qualità e...nuove prospettive?", con dati riguardanti qualità, sicurezza, igiene, trasparenza, costi, sprechi, rifiuti, partecipazione legati al servizio di ristorazione scolastica in 79 scuole di 13 Regioni. Una ulteriore indagine ha riguardato la rilevazione delle rette della ristorazione scolastica in tutti i capoluoghi di provincia, per scuola dell’infanzia e scuola primaria. Sono state rilevate le rette minime e massime per ogni capoluogo e per tipologia di scuola, nonché la retta media per la famiglia “tipo” individuata dall’Istat con ISEE annuale di 19.900€.

Scarica l’Abstract con i dati aggiornati ad ottobre 2016

la registrazione dell'evento del 18 ottobre su Youtube

 

Anno di realizzazione: 2015 - in corso
Per contatti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Esperta in scienze del linguaggio e progettazione formativa, è tra i fondatori di Cittadinanzattiva. Ha una splendida famiglia, un debole per la nipotina Gaia e la gatta Nikita. Adora la sua terra, l’Umbria, ma si sente cittadina romana. Ha contribuito alla nascita del settore Scuola di Cittadinanzattiva, che coordina dal 2002. La Campagna Impararesicuri è l’impresa di cui va più fiera. Il suo sogno: che tutte le scuole italiane siano sicure, accessibili, belle, digitalizzate, aperte. E ce la sta mettendo tutta per dare una mano affinché lo diventino.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.