Politiche dei consumatori

  • invito rapporto PiT Servizi 2015

    "Sulla strada del consumattore: da spettatore a protagonista",  questo il titolo del XV Rapporto PiT servizi che si svolgerà a Roma nei prossimi 28 e 29 ottobre. La presentazione del rapporto PiT costituisce un appuntamento fisso da ben 15 anni e rappresenta per Cittadinanzattiva un fondamentale momento di incontro e interlocuzione con i principali attori coinvolti in tutti i settori per i quali il nostro servizio di tutela fornisce gratuitamente ai cittadini informazioni, assistenza e consulenza.

  • cons pit servizi con servizi utenze era dello scont r o ppIl 16 e 17 dicembre la presentazione del XIV Rapporto PIT Servizi di Cittadinanzattiva. Quattro workshop su: Energia e Ambiente, Mobilità e Trasporti, Tlc e Servizi Postali, Servizi bancari e assicurativi. Il Rapporto PiT servizi costituisce un appuntamento fisso da ben 14 anni e rappresenta per Cittadinanzattiva un fondamentale momento di incontro e interlocuzione con i principali attori coinvolti in tutti i settori per i quali il servizio di tutela - PiT Servizi – fornisce gratuitamente ai cittadini informazioni, assistenza e consulenza. LEGGI TUTTO

  • La XIII Sessione programmatica Cncu-Regioni, svoltasi a Napoli il 18 e 19 novembre, si conclude con l’approvazione di un documento conclusivo in cui si sostiene la piena attuazione delle linee guida, approvate il 26 settembre 2013, relative ai criteri da applicare per individuare i principi e gli elementi minimi da inserire nei contratti di servizio e nelle carte di qualità dei servizi pubblici locali. Le Associazioni dei consumatori devono svolgere un ruolo importante attraverso adeguate campagne di informazione rivolte agli utenti sugli standard di qualità dei servizi e sulle modalità di risoluzione di eventuali contenziosi. Approfondisci

  • Servizi e cittadini: lo spread dei diritti.

    Il 13 settembre a Roma la presentazione della XII Relazione Pit Servizi di Cittadinanzattiva

    Qual è lo stato dei servizi pubblici in Italia visti dai cittadini? Quali le principali problematiche che l'utente-consumatore incontra quando ha a che fare con servizi bancari e postali, pubblica amministrazione, società fornitrici di energia e gas, aziende telefoniche ed altro ancora?

     

  • Telecomunicazioni ed energia al top nella classifica dei disservizi. Pratiche commerciali sempre più aggressive e  cittadini senza tutele. E’ quanto emerge dalla XII Relazione PIT Servizi di Cittadinanzattiva, dal titolo “Servizi e cittadini: lo spread dei diritti”, presentata lo scorso 13 settembre a Roma. Scarica il rapporto e leggi il nostro comunicato stampa

  • multa wind

    600 mila euro. A tanto ammonta la sanzione che il Garante per la protezione dei dati personali ha comminato nei confronti di Wind Tre. 
    A giudizio delle indagini, la società italiana del gruppo CK Hutchison operante nel settore della telefonia, avrebbe contattato gli utenti, direttamente o tramite la propria rete di vendita, seppure questi si fossero opposti a trattamenti per finalità commerciali. 
    Il Garante ha quindi ritenuto illecito il trattamento dei dati dei clienti effettuato dalla società telefonica per fini di marketing.
    L’entità della sanzione stabilità dall’Autorità, ha tenuto conto della gravità delle violazioni contestate come il fatto che siano stati impiegati differenti canali di contatto (telefonate ed sms) con esponenziale aumento dell’invasività delle campagne promozionali.

    Approfondisci

  • Fa tappa a Roma, dal 2 marzo, il viaggio di “Johnny, tra diritti disattesi, sharing economy e nuovi canali di acquisto”. L’iniziativa promossa da Cittadinanzattiva, Federazione Confconsumatori - ACP e Movimento Consumatori, realizzata grazie al finanziamento del Ministero dello sviluppo economico, attraverso il personaggio di Johnny, consumatore moderno, offre informazione, formazione, consulenza e assistenza ai cittadini su servizi pubblici locali, diritti dei passeggeri, e-commerce e piattaforme di economia collaborativa (sharing economy). 

    L'appuntamento del 2 e del 6 marzo è in Piazza dell'Anagrafe dalle 9 alle 14. 

  • vitadacittadino

    “Vita da cittadino” questo il titolo della rappresentazione teatrale in programmazione il 28 maggio 2015 alle ore 20,30, a Roma presso il teatro Brancaccino. Lo spettacolo nasce dall’incontro tra il gruppo di lavoro che all’interno di Cittadinanzattiva si occupa di politiche dei consumatori e il drammaturgo regista Francesco Suriano. L’ idea è quella  di utilizzare il linguaggio teatrale come veicolo per favorire l’avvicinamento del pubblico alle tematiche che  Cittadinanzattiva porta avanti ormai da tempo.

  • vitadacittadino

    Vita da cittadino è uno spettacolo che nasce dall’incontro tra il gruppo di lavoro che all’interno di Cittadinanzattiva si occupa di politiche dei consumatori e il drammaturgo regista Francesco Suriano.

    Il gruppo di lavoro è partito dall’idea di utilizzare il linguaggio teatrale come veicolo per favorire l’avvicinamento del pubblico alle tematiche portate avanti dalla stessa associazione.

    Agire nella convinzione che avvalersi della forma espressiva teatrale consente di creare consapevolezza. Stimolare la curiosità a conoscere, tentare di produrre un risultato concreto nel favorire l’empowerment (la responsabilizzazione) del cittadino, oltre che essere un momento di riflessione nel percorso del teatro di ricerca, pronto a sperimentare nuovi linguaggi.

  • Violazione del marchio la ricerca di CompuMark

    Lo studio “The Trademark Ecosystem: Insights from Intellectual Property Professionals around the World” , realizzato da CompuMark ha segnalato un dato scoraggiante per quanto riguarda la violazione del marchio per i brand a livello mondiale. Sono infatti il 74% le dichiarazioni di violazione nel 2017 con un trend considerato da molti in aumento.

  • mercatino serr2017 720x340

    In occasione della 9° edizione della Settimana europea della riduzione dei rifiuti, che va dal 18 al 26 novembre e che quest’anno si è concentrata sul tema del riuso come suggerisce lo slogan “Riusa e Ripara: Dai una seconda vita agli oggetti!”, il 24 novembre l’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva presenterà il Dossier rifiuti 2017 in cui  per la decima annualità saranno illustrati i risultati dell’indagine sulle tariffe sostenute dai cittadini per la raccolta, trasporto, recupero e smaltimento dei rifiuti solidi urbani e assimilati.

  • modulo bonifico postale

    Pagare con il bollettino postale le fatture di luce, gas, acqua o telefono può essere penalizzante per il consumatore? Secondo le previsioni del codice del consumo, non dovrebbe essere così, ma dalle segnalazioni di alcuni cittadini sembrerebbe che le società di vendita applicherebbero dei costi in più che variano da 1 a 4 euro, se il pagamento non avviene con rid bancario o carta di credito, ma mediante bollettino postale, che andrebbero ad aggiungersi a 1,50 euro dovuti per il bollettino medesimo.

  • 5x100 video ca

    La parola d’ordine di Cittadinanzattiva è “perché non accada ad altri”: il nostro ruolo è non solo quello di denunciare carenze, soprusi, inadempienze, ma di agire per prevenirne il ripetersi mediante il cambiamento della realtà, dei comportamenti, la promozione di nuove politiche e l’applicazione delle leggi. Tutto questo grazie alla partecipazione dei cittadini.Siamo infatti convinti che “fare i cittadini è il modo migliore di esserlo”, cioè che l’azione dei cittadini consapevoli dei propri poteri e delle proprie responsabilità sia un modo per far crescere la nostra democrazia, tutelare i diritti, promuovere la cura quotidiana dei beni comuni.Anche per questo, Cittadinanzattiva ha deciso da sempre di non vincolare il suo intervento a tutela delle persone con l’obbligo di iscrizione. Puoi infatti rivolgerti gratuitamente al nostro sistema di tutela integrata PiT, da cui potrai ottenere una risposta, o puoi contattare una delle centinaia di sedi della nostra organizzazione sul territorio. Sono oltre 30.000 le persone che ogni anno ricevono il nostro supporto. 

  • consapevolezza banche

    Il 14 febbraio scorso, con un comunicato stampa, Unicredit conferma il programma di cooperazione attiva con 13 Associazioni dei Consumatori, di cui fa parte anche Cittadinanzattiva.
    La sinergia nasce per accrescere la consapevolezza tra i consumatori sui temi di banca e finanza. È dal 2005 che il gruppo bancario italiano Unicredit e le Associazioni dei Consumatori collaborano al fine di sensibilizzare il pubblico.
    I temi su cui si fonda il contribuito delle Associazioni dei Consumatori riguardano la trasparenza, la semplificazione, l’educazione bancaria, l’inclusione finanziaria e la conciliazione paritetica.

  • video cinque per mille

    Grazie alla tua firma, da più di 35 anni siamo al fianco dei cittadini con problemi legati alla salute e alla sanità, siamo pronti ad informare e tutelare i consumatori, a proporre nuove formule perché la giustizia sia più veloce e equa, per formare i cittadini di domani e fare in modo che la scuola sia un posto sicuro e confortevole per i nostri figli.

  • "Viva i consigli, Abbasso lo Spam. Dal telefono al supermercato: il marketing a prova di privacy", questo il titolo del vademecum redatto e pubblicato dall’Autorità per la protezione dei dati personali, in cui i consumatori potranno trovare consigli utili su come impedire ad un'impresa di violare la propria privacy, intromettendosi senza consenso nella loro vita quotidiana con telefonate o messaggi indesiderati, oppure spiando di nascosto i loro acquisti online! .

  • Un po albergo un po casa vacanza arriva il condhotel

    Un albergo come seconda casa, con tutti i servizi a disposizione per una vacanza senza pensieri, ma con un po' di privacy in più. E con la possibilità di guadagnare, quando non si è in vacanza, lasciando la gestione della casa al proprietario dell'albergo. Con questa formula si apprestano a sbarcare anche da noi i condhotel, strutture turistiche che sono una via di mezzo tra alberghi e condomini. Entrerà infatti in vigore il prossimo 21 marzo il decreto che regolamenta il settore.

  • consumatori energia2015 02 13

    La crisi economico-finanziaria che stiamo vivendo da ormai quasi sete anni continua a monopolizzare l'attenzione delle istituzioni e dei media, crisi che ha ormai il suo epicentro nella Vecchia Europa. Un fronte sul quale si stanno concentrando opinionisti e studiosi è quello dell’analisi dell’impatto sui consumi e di come questo impatto sta modificando la vita delle persone.
    Un fronte che vede anche il nostro movimento impegnato nel dare risposte e chiavi di lettura differenti.
    Ne possiamo sottolineare quattro di chiavi di lettura, che stanno modificando le nostre vite: il potere d’acquisto delle famiglie, il diverso andamento dei consumi, la vulnerabilità dei consumatori rispetto a truffe e raggiri, differenti e nuovi stili di vita.

  • giocodazzardo

    Stando ai dati del Global Betting and Gaming Consultancy, nel 2014 le perdite degli italiani al gioco d'azzardo sono di circa 17,2 miliardi di euro, una cifra enorme, se si considera che è triplicata dal 2001, in poco meno di quindici anni. Interessante poi notare come al fenomeno del gioco d'azzardo non siano state contrapposte delle politiche di contenimento, tanto che l'unico soggetto a guadagnarci sembrerebbe essere proprio lo Stato.

  • Quasi il 70% dei cittadini considera più agevole poter pagare il canone Tv in bolletta elettrica e il 60% lo ritiene un buon modo per contrastare l’evasione da questa tassa. Negativo invece il giudizio sul fatto che la nuova norma abbia apportato dei vantaggi a sostegno delle famiglie meno abbienti e per migliorare la qualità del servizio radio televisivo. Il 90% degli intervistati dichiara che investirebbe l’extragettito in progetti realizzati dalle associazioni civiche a sostegno delle fasce deboli della popolazioni e il 54% per ridurre la pubblicità e migliorare l’offerta televisiva.

    Persiste ancora un po’ di disinformazione: il 14,4% dei cittadini pensa che il canone Tv vada pagato solo se si utilizzano i canali Rai, immaginando che basti il sigillo agli stessi per essere esonerati dal pagamento. Un ulteriore 30% ritiene che sia sufficiente possedere un computer, tablet o smartphone per essere tenuti al pagamento del canone.

    Sono questi alcuni dei principali dati che emergono da un’indagine realizzata, fra febbraio e giugno su 300 utenti di età compresa tra i 31 e i 75 anni, nell'ambito del progetto “Luce sul canone” realizzato da Cittadinanzattiva, Federazione Confconsumatori – ACP e Movimento Consumatori e finanziato dal Ministero dello Sviluppo economico.

  • Quasi il 70% dei cittadini considera più agevole poter pagare il canone Tv in bolletta elettrica e il 60% lo ritiene un buon modo per contrastare l’evasione da questa tassa. Negativo invece il giudizio sul fatto che la nuova norma abbia apportato dei vantaggi a sostegno delle famiglie meno abbienti e per migliorare la qualità del servizio radio televisivo. Il 90% degli intervistati dichiara che investirebbe l’extragettito in progetti realizzati dalle associazioni civiche a sostegno delle fasce deboli della popolazioni e il 54% per ridurre la pubblicità e migliorare l’offerta televisiva.

    Persiste ancora un po’ di disinformazione: il 14,4% dei cittadini pensa che il canone Tv vada pagato solo se si utilizzano i canali Rai, immaginando che basti il sigillo agli stessi per essere esonerati dal pagamento. Un ulteriore 30% ritiene che sia sufficiente possedere un computer, tablet o smartphone per essere tenuti al pagamento del canone.

  • Si è svolto nel parlamentino del Cnel a Roma il convegno conclusivo del progetto “Johnny, tra diritti disattesi, sharing economy e nuovi canali di acquisto”, realizzato da Cittadinanzattiva, Federazione Confconsumatori–ACP e Movimento Consumatori grazie al finanziamento del Ministero dello sviluppo economico. Dopo un anno di attività sul territorio, di indagini e di ricerche le tre associazioni hanno presentato il lavoro svolto e si sono confrontate con Istituzioni, Autorità e attori del Mercato sulle priorità individuate in ogni settore: diritti dei passeggeri; servizi pubblici locali; e-commerce e sharing economy.

  • canone rai rimborso copia copia

    Per tutti i ritardatari, venerdì 30 giugno, è l’ultimo giorno per poter presentare la dichiarazione di non detenzione di un apparecchio  tv ed essere esonerati dal pagamento per il secondo semestre del 2017.

    Scarica il modello e nel sito dell’Agenzia delle Entrale, va compilato il Quadro A da parte dell’intestatario dell'utenza elettrica dell'abitazione.

    Le modalità di invio consentono di scegliere tra il servizio web dell’Agenzia delle Entrate  o  tramite servizio postale, insieme a un valido documento di riconoscimento, e senza busta all’indirizzo: Agenzia delle Entrate Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

  • social net giovani share informazioni

    A rivelarlo è una ricerca secondo la quale il 93% delle persone intervistate condivide le proprie informazioni online. Sono soprattutto i giovani a rendere accessibili agli estranei un’elevata quantità di informazioni private condividendole sui social media. Pubblicare e condividere foto e informazioni sui principali social network, Facebook, Instagram, Whatsapp, è ormai diventata una consuetudine. Gli utenti del web sono davvero consapevoli del fatto che, condividendo in rete le proprie informazioni, le stesse potrebbero diventare di dominio pubblico?

  • mcdonalds infografica

    La segnalazione, presentata da Codacons insieme a Movimento Difesa del Cittadino e Cittadinanzattiva chiede a Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate e Procure di Roma e Milano di indagare su una possibile elusione fiscale che potrebbe portare nelle casse dello Stato fino a 224 milioni di euro Roma, 1 Ottobre 2015 – Codacons, insieme a Cittadinanzattiva e Movimento Difesa del Cittadino, ha presentato un esposto contro il gruppo McDonald’s per presunta violazione delle norme fiscali e tributarie vigenti nel nostro paese. La denuncia chiede alle istituzioni italiane di indagare su una possibile elusione fiscale a vantaggio di una società del gruppo con sede principale in Lussemburgo e sede secondaria in Svizzera realizzata fra il 2009 e il 2013. Se accertata potrebbe portare nelle casse dello Stato fino a 224 milioni di euro.

  • SCENA 05 0.00.00.23

    Sono troppi 90 giorni di attesa prima di poter inoltrare un reclamo all'azienda del trasporto su gomma, per un disservizio subìto. A sostenerlo è Cittadinanzattiva che ha inoltrato una nota con delle osservazioni specifiche all'ART, l'Autorità di Regolazione dei Trasporti.
    Secondo l'associazione infatti, “dover aspettare almeno 90 giorni, senza aver ricevuto risposta, dalla data di invio di reclamo all’azienda di trasporto prima di poter inoltrare il reclamo all’ Autorità di settore è un tempo eccessivo che rischia di vanificare la validità e l’importanza dello strumento di reclamo e di edulcorare il potere sanzionatorio dell’Autorità stessa in merito a questa criticità”. E' quanto  afferma Tina Napoli, responsabile delle politiche dei consumatori di Cittadinanzattiva, che ha così inviato una lettera all’Autorità di regolazione dei Trasporti per chiedere una revisione del Regolamento sul procedimento sanzionatorio per le violazioni delle disposizioni del regolamento (UE) n. 181/2011 relativo ai diritti dei passeggeri nel trasporto effettuato con autobus.

  • ammin. aperta

    Il coinvolgimento dei cittadini nell’azione di governo non può che essere il cardine su cui sviluppare ogni iniziativa di open government. Partendo da questo presupposto, l'amministrazione pubblica inviata cittadini, enti pubblici, associazioni e chiunque abbia interesse ad approfondire i temi del governo aperto a partecipare alla terza edizione della Settimana dell’Amministrazione Aperta che quest’anno si tiene da lunedì 11 a domenica 17 marzo in tutta Italia.

  • torino giocattoli contraffatti

    Maxi sequestro delle Guardia di Finanza di Torino per più di un milione e mezzo di articoli contraffatti tra cui giocattoli e confezioni di colla spesso utilizzati dai bambini sia a casa che a scuola.

    I prodotti presentavano una falsa certificazione con l’intento di trarre in inganno i consumatori con il rischio di causare danni molto gravi per la salute dei consumatori, ancora di più se si pensa che molti dei prodotti erano destinati ad un pubblico di bambini.

  • telecom

    Non è un pesce d'aprile, ma l'ennesima modifica unilaterale contrattuale messa in atto da un operatore telefonico, Telecom Italia Mobile. La novità è che la modifica di fatturazione, fissata per il prossimo 1 aprile, questa volta verrà applicata sulla fatturazione delle utenze di rete fissa. L'azienda telefonica è molto chiara quando evidenzia sul proprio sito web che le fatture della telefonia fissa non saranno più mensili ma verranno progressivamente emesse ogni 8 settimane e che il corrispettivo degli abbonamenti delle offerte e dei servizi sarà calcolato su 28 giorni e non più su base mensile.

  • PITServiziCONSUMATORI std 01

    Cittadinanzattiva è lieta d’invitarLa alla presentazione della XVII Relazione Pit Servizi, frutto del lavoro svolto dal servizio di tutela dei consumatori e degli utenti promosso e animato dall'associazione.
    Giunto alla sua XVII edizione, è la sintesi delle segnalazioni che provengono a Cittadinanzattiva tramite il proprio servizio Pit durante tutto l’anno. Il Rapporto rappresenta una fotografia di quelli che sono stati i disservizi più frequentemente segnalati da parte dei cittadini nel corso dell’ultimo anno e al contempo anche un quadro di quelle che sono state le attività messe in campo dall’associazione nei diversi settori di riferimento per contrastare comportamenti scorretti, la violazione di diritti o semplicemente per promuovere un migliore dialogo e accorciare le distanze tra consumatori, aziende e pubblica amministrazione.

  • After many years the proclamation of the "Charter of the Rights of citizens and consumers" involving among the fundamental rights "the right to claim damages and alternative dispute resolution," Cittadinanzattiva strong experience gained on prevention and management of conflict, agrees to comply with this handbook in accordance with the provisions of the European Commission Recommendation 2001/310/EC (Principles applicable to court bodies involved in the consensual resolution of consumer disputes).

  • cattivi pagatori

    Si chiama Simoitel, il Sistema informativo sulle morosità intenzionali nel settore della telefonia, che da lunedì 18 marzo 2019 è operativo per contrastare il fenomeno del cosidetto "turismo telefonico". posto in essere da quegli utenti che, migrando da un operatore telefonico a un altro, lasciano diverse fatturazioni insolute. Si è arrivati al Simoitel dopo anni di tavoli multistakeholder, tra cui anche le Associazioni dei consumatori e Cittadinanzattiva, ma soprattutto da un provvedimento del Garante Privacy di ottobre 2015 in risposta a una richiesta delle aziende telefoniche afflitte dal fenomeno dei cattivi pagatori, o meglio dire dei morosi volontari. Lo strumento riguarda solo i morosi intenzionali e si applica al settore della telefonia per i servizi di telefonia fissa e mobile postpagata. Cosa cambia dal 18 marzo?

  • Telefonate moleste arriva il nuovo Registro delle opposizioni

    Ogni volta che acquistiamo un biglietto di viaggio, scarichiamo una App, usufruiamo di sconti tramite una carta fedeltà, aderiamo a una offerta telefonica, ci iscriviamo a un evento siamo consapevoli che stiamo fornendo i nostri dati personali ad aziende terze? Soprattutto, sappiamo a quali aziende verranno ceduti i nostri dati e l’utilizzo che ne faranno? Non sempre la risposta è positiva.
    Il marketing telefonico è un fenomeno ben noto ad utenti, associazioni dei consumatori e Garante privacy, tanto che negli ultimi dieci anni è stato attenzionato in modo particolare soprattutto in relazione all’incremento delle lamentele dei consumatori in termini di invasività delle telefonate ricevute. Il dato che emerge è preoccupante se pensiamo che non c’è piena consapevolezza di quello che facciamo.

  • approvato emendamento bollette copy

    Entro il prossimo 5 aprile gli operatori di telefonia, reti televisive e di comunicazioni elettroniche, dovranno necessariamente adeguarsi alle disposizioni che per i contratti di fornitura nei servizi di comunicazione elettronica impongono la cadenza di rinnovo delle offerte e della fatturazione dei servizi su base mensile o di multipli del mese. Il rinnovo dell’offerta telefonica e la fatturazione del servizio erogato non saranno più ogni 4 settimane, ma esclusivamente a ciclo mensile. In questo modo viene eliminata la tredicesima mensilità acquisita inconsapevolmente dagli utenti del settore telefonico e si ritorna ai 12 rinnovi annuali, che prima della entrata in vigore della legge erano arrivati a 13 con la modifica unilaterale dei 28 giorni. Come è possibile tutelarsi?

  • telecomunicazioni

    Con una informativa utile ai propri clienti residenziali Telecom Italia, li informa che dal 1° maggio 2015 sono state o saranno sostituite le attuali offerte semplificando anche la tradizionale distinzione in bolletta tra il costo per la linea telefonica di casa e quello sostenuto per effettuare chiamate. La linea telefonica di casa evolve verso un’offerta “Tutto incluso”, una tariffa flat, che offre così una  libertà sui consumi di traffico e la certezza di una spesa mensile inclusiva delle chiamate illimitate.

  • La spesa per l'istruzione dei propri figli incide fortemente sui budget della famiglie italiane e complessivamente raggiunge i 15 miliardi di euro. La maggior parte - 8,7 miliardi - è assorbita da rette di iscrizione e tasse, considerando l'intero arco del ciclo educativo, dall'asilo nido all'università. Ma una buona fetta pari a 3,8 miliardi (il 25%) è rappresentata dalla spesa per la didattica, a cominciare dai libri. Inoltre, una voce davvero onerosa riguarda i costi della mensa e del trasporto scolastico che insieme raggiungono circa 2,6 miliardi (oltre il 17%).

  • Cittadinanzattiva su manovra Governo: un salasso per famiglie già stremate dalla crisi.

    Aumento IVA ulteriore danno per fasce a reddito basso di 250 euro annui.

     

    “Le famiglie italiane sembrano essere diventate dei salvadanai da svuotare, con tasse,  Iva e tagli di risorse al servizio sanitario e alle politiche sociali”, queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva

  • Ad un mese dall’ECOFIN di giugno, 10.000 organizzazioni della società civile assieme alle maggiori associazioni sindacali di 39 Paesi si rivolgono ai 10 Capi di Stato e di Governo europei, tra cui il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, perché si concretizzi l’impegno, assunto lo scorso dicembre dai Paesi UE, di raggiungere entro giugno l’accordo per l’introduzione della Tassa europea sulle Transazioni Finanziarie (TTF).

  • Tarsu, Tia1, Tia2…tassa, tariffa o tributo? Tutte e nessuno! In questi anni diverse sentenze, dalla Corte Costituzionale alla Cassazione, hanno dato pareri contraddittori in merito alla natura del tributo, e ora scopriamo che la manovra “Salva Italia” introdurrà la “Res”, un nuovo tributo locale sui rifiuti e servizi, che andrà a sostituire le vecchie tariffe…e intanto i consumatori come devono comportarsi? Hanno diritto a richiedere i rimborsi dell’IVA per la Tia indebitamente pagata alle società che a livello locale gestiscono la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti urbani?
    Approfondisci

  •  

    agcom

     

    Entro il 31 dicembre 2018, Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb, dovranno restituire in bolletta i giorni illegittimamente erosi agli utenti a seguito della fatturazione a 28 giorni delle offerte di telefonia fissa. Un nuovo aggiornamento sulle tariffe a 28 giorni quindi che vede l’Agcom imporre il rimborso da parte degli operatori entro fine anno.
    A seguito delle 4 delibere dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni con le quali aveva diffidato gli operatori a far venire meno gli effetti dell’illegittima anticipazione della decorrenza delle fatture emesse successivamente alla data del 23 giugno 2017, è stato individuato il nuovo termine entro il quale gli operatori dovranno ottemperare a quanto richiesto nei provvedimenti di diffida.
    Per il rimborso il calcolo dei giorni parte dal 27 giugno 2017 fino al giorno in cui sono tornati a tariffa mensile.

  • TAR del Lazio accoglie ricorso di Ryanair 1

    Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso della compagnia low cost irlandese che contestava il provvedimento Antitrust in quanto sospendeva la scelta di Ryanair per la nuova policy del bagaglio a mano pronta a partire dal 1 novembre 2018. L’Autorità infatti, con i provvedimenti del 31 ottobre e 7 novembre, aveva sospeso la politica tariffaria della compagnia aerea relativa al trasporto dei bagagli ritenendo che la richiesta di un supplemento per un elemento essenziale del contratto di trasporto aereo, quale il bagaglio a mano, fornisse una falsa rappresentazione del reale prezzo del biglietto e viziasse il confronto con le tariffe delle altre compagnie, inducendo in errore il consumatore.

  • telefonia mobile

    Il Tar del Lazio dà ragione ai consumatori e conferma le previsioni Agcom che imponevano agli operatori Tim, Vodafone, Fastweb e WindTre la restituzione dei giorni erosi per il mancato rispetto dell’obbligo di cadenza mensile delle fatturazioni.

    Le telefoniche infatti, entro il 31 dicembre di quest’anno, dovranno restituire direttamente in bolletta i giorni “erosi” agli utenti a seguito della fatturazione a 28 giorni, decisa in violazione della delibera dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Il Tar ha però annullato le sanzioni comminate dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni verso le società telefoniche.

  • telecomunicazioni copy

    Tar Lazio rigetta il ricorso delle Telco e congela i rimborsi degli utenti. Cittadinanzattiva: le aziende diano segnale di attenzione al cliente e rimborsino le mensilità, evitando diminuzioni di contenuti e aumenti.

    “Siamo soddisfatti della decisione con cui il Tar del Lazio ha ribadito la bontà delle decisioni della AGCOM che impongono il ritorno alla fatturazione mensile invece di quella a 28 giorni imposta dalle compagnie telefoniche”, ha dichiarato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva. Allo stesso tempo però il Tar ha congelato i rimborsi che Agcom aveva chiesto alle aziende di dare agli utenti. Dovremo attendere fino al prossimo 31 ottobre per vedere sciolta la riserva sui rimborsi che il Tar ha deciso di sospendere fino all’udienza di merito.

  • economia circolare 2

    Il tema dell’economia circolare non dovrebbe essere avvolto nel mistero. Eppure non se ne discute ancora diffusamente. Ciò stupisce ancor di più se si pensa, dati alla mano, che il nostro paese è in pole position nelle classifiche europee dell’indice complessivo di circolarità, ovvero il valore attribuito secondo il grado di uso efficiente delle risorse.
    Sull’argomento si è tenuta, il primo marzo scorso, la Conferenza Nazionale sull’Economia Circolare 2019. L’incontro è stato organizzato dal Circular Economy Network (rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e 13 aziende e associazioni di impresa) e da ENEA –l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile. All’esito di quanto discusso, è stato prodotto il primo Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia 2019.

  • Si tratta di una serie di studi realizzati da Cittadinanzattiva per approfondire gli effetti del federalismo fiscale:

    • "Servizi pubblici locali e utenze domestiche" (ottobre 2010). Lavoro congiunto tra l'Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva e le Associazioni dei consumatori Adoc e Adiconsu.
    • strisce blu

      Nei parcheggi con le strisce blu cambiano le cose. Dallo scorso 1° luglio, infatti, i cittadini che vogliono sostare nelle aree con le strisce blu potranno farlo gratuitamente nel caso in cui il parchimetro non è adeguatamente attrezzato per i pagamenti tramite POS.

    • spese scolastiche

      Le spese per la scuola dei nostri figli sono detraibili dalla prossima dichiarazione dei redditi fino ad un massimo di 786 euro a studente.

      Dalla tassa di iscrizione per gli studenti universitari al contributo volontario per le scuole dalla materna alle superiori, alla retta della mensa scolastica, si tratta di molti soldi che le famiglie spendono annualmente per "mantenere agli studi" i propri figli, dai più piccoli agli universitari. Inoltre, per gli studenti con disturbi specifici dell'apprendimento, si possono detrarre anche le spese per acquisto di strumenti compensativi e sussidi didattici.

    • Per il 2018 è previsto un tetto di spesa detraibile pari a 786 euro per ogni alunno o studente, ossia una detrazione massima di circa 150 euro per ogni figlio iscritto. Dal 2019 il tetto passa a 800 euro. 

      L'Agenzia delle entrate ha chiarito che la detrazione è prevista, per tutte le scuole (anche le private) per la spesa relativa a: la mensa e gli eventuali servizi integrativi di assistenza alla mensa; i servizi di pre e post scuola; le gite; l’assicurazione scolastica; i corsi di lingua, teatro, ecc. svolti anche al di fuori dell’orario scolastico e senza obbligo di frequenza, purché si tratti di corsi deliberati dall’istituto.

    • Tra le novità in tema di tutela dei consumatori vi è la soppressione dell’Isvap,Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private di interesse collettivo, che a quanto pare verrà accorpata insieme alla Covip,  Commissione di vigilanza sui fondi pensione, in un unico nuovo ente ad hoc, l’IVARP, che si occuperà unitamente, della vigilanza sulle assicurazioni e sul risparmio previdenziale. Approfondisci

    • Previste  nuove indicazioni in merito alla sospensione del canone televisivo della Rai per le zone colpie dall'evento dannoso del terremoto del 2016.
      E’ stato infatti prorogato il termine previsto per la sospensione dei versamenti tributari, tra cui il canone TV, dal 30 novembre 2017 al 31 dicembre 2017.
      La sospensione viene applicata nei seguenti casi:
      • soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 1 al DL 17 ottobre 2016, n. 189: dal 24 agosto 2016 al 31 dicembre 2017;
      • soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 2 al DL 17 ottobre 2016, n. 189: dal 26 ottobre 2016 al 31 dicembre 2017;
      • soggetti residenti nei Comuni indicati nell'allegato 2 bis al DL 9 febbraio 2017, n. 8 dalla sua legge di conversione 7 aprile 2017, n. 45: dal 18 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.


    • In relazione al progetto "Conciliamo" realizzato nel 2008 da Cittadinanzattiva è possibile scaricare il seguente materiale divulgativo:

      • Card;
      • Locandina;
      • Siti di prenotazione viaggi sotto accusa almeno 2 violano norme UE

        La Commissione europea e le autorità dell'UE preposte alla tutela dei consumatori hanno avviato una verifica coordinata di 352 siti web di confronto prezzi e prenotazione viaggi in tutta l'UE.
        I prezzi di 235 siti - ossia due terzi dei siti controllati - sono risultati ingannevoli e poco trasparenti. Il controllo ha rivelato una serie di irregolarità negli strumenti di confronto online, in particolare riguardo al prezzo e alle sue modalità di calcolo e di presentazione: costi supplementari aggiunti nella fase conclusiva della procedura di prenotazione, prezzi promozionali non corrispondenti a servizi effettivamente disponibili, offerte con disponibilità limitata (riportanti, ad esempio, diciture quali "ultime due", "disponibilità limitata ad oggi"), in cui non viene specificato che tale disponibilità è legata unicamente al sito in questione.

      • sicurezza alimentare

        Fino al 20 novembre 2015 consumatori, politici e imprenditori del settore agroalimentare possono rispondere al questionario online sulla bozza delle priorità strategiche dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare per il 2020, contribuendo così alla loro definizione. La strategia Efsa 2020 guiderà il lavoro dell'Autorità per i prossimi cinque anni. Partecipa!

      • sienergia

         

        Appuntamento il 27 giugno alle ore 9.30 presso la Sala Pavillon della Residenza di Ripetta con l’evento conclusivo del progetto "Si(e)nergia: cittadini e imprese per la sostenibilità energetica".
        Nel corso della mattinata saranno presentati i dati emersi dalla consultazione che ci hanno restituito la percezione dei cittadini sulla sostenibilità energetica e il punto di vista delle aziende. 
        Saranno messi in luce punti di forza e debolezza, opportunità e/o eventuali contraddizioni, nella percezione che i cittadini hanno dell’impegno della politica, delle aziende e della stessa società civile nel perseguimento della sostenibilità energetica.

      • politiche consumatori

        La pausa estiva ha portato in dote a Cittadinanzattiva un prestigioso riconoscimento a livello nazionale ed europeo nel campo delle politiche dei consumatori: la designazione del proprio responsabile delle politiche europee quale nuovo membro del Gruppo consultivo europeo dei consumatori per i prossimi tre anni. Sarà pertanto suo l’onere di rappresentare il punto di vista delle associazioni dei consumatori italiane all’interno del citato Gruppo, che come risaputo è composto da un solo rappresentante  per ciascun Paese dell’UE, oltre che da un rappresentante per ciascuna delle due associazioni dei consumatori europee accreditate dalla Commissione Europea.

      • online shopping copia

        Sempre più consumatori effettuano acquisti online per motivi economici o per praticità. E di fatto l’e-commerce sta prendendo sempre più piede all’interno del nostro Paese e nel resto dell’Unione Europea. Il trend è dimostrato anche dai dati della edizione 2017 del Consumer Conditions Scoreboard che fotografa un incremento della fiducia dei consumatori verso lo shopping online e quindi un incremento degli acquisti online, anche a livello trasfrontaliero. Non tutti gli Stati Membri però sono uguali.

      • settimanaeuropea della mobilitajpg

        Settimana europea della mobilità sostenibile: con “Choose, change, combine”, Cittadinanzattiva consulta i cittadini sulle nuove  forme di mobilità.
        Anche quest’anno Cittadinanzattiva, partner associato della European mobility week, si fa promotrice di una serie di iniziative di informazione e sensibilizzazione in tema di mobilità sostenibile. Oltre 40 gli appuntamenti organizzati: attività di monitoraggio del trasporto pubblico, distribuzione di materiali informativi, passeggiate a piedi, car free day, momenti di confronto con le amministrazioni comunali che, dal 16 settembre, si susseguiranno in diverse città a partire da Catania, Taranto, Palermo, Potenza, e altre ancora.

      • 22 settembre invito

        La settimana europea della mobilità sta per concludersi e Cittadinanzattiva, dopo il grande successo del Gioco dell’oca a Piazza Testaccio lo scorso sabato, le numerose proposte di sensibilizzazione e divulgazione in molte città italiane (consulta l’agenda appuntamenti) e le iniziative di piazza sparse su tutto il territorio nazionale, invita tutti a partecipare all’ultimo evento.    

      • consumatore

        Il 22 e il 23 novembre si sono riuniti a Catanzaro i massimi esponenti del consumerismo italiano che si sono confrontati sui temi dell'economia collaborativa. Quest'anno la sessione programmatica del CNCU (Consiglio Nazionale Consumatori Utenti) intitolata “Il ruolo delle associazioni dei consumatori nell’economia collaborativa”, si è concentrata sul nuovo modello economico che si sta sviluppando sempre di più e destinato a svilupparsi negli anni avvenire.

      • servizi premium

        Nonostante la sperimentazione attivata dall' Autorità per le garanzie nelle comunicazioni in collaborazione con le associazioni consumatori, e l'introduzione di un numero verde dedicato 800.44.22.99 – attivo 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana- a oggi il fenomeno delle attivazioni di servizi a pagamento non richiesti sembra persistere ed è per questo che Cittadinanzattiva, alla luce di alcune segnalazioni ricevute, ha interessato le Autorità interessate, Antitrust e Agcom, ciascuna per la propria competenza, inoltrando una segnalazione per verificare le anomalie ancora possibili cui possono incappare gli utenti della rete durante la navigazione sul web dal proprio smartphone.

      • Cittadinanzattiva ha avviato sin dal 1998 - con parti del movimento cooperativo - iniziative di sperimentazione concreta sull'accessibilità e sulla qualità dei servizi. L'insieme delle attività di seguito elencate ha rappresentato il programma quadro "appalti e partecipazione civica", sviluppato dal 1998 al 2005. Per una panoramica delle uscite stampa prodotte su questi temi, cliccaqui: rassegna stampa 2001-2005

      • In questa sezione sono ospitati i documenti realizzati nell'ambito del progetto "Ristorazione Amica". L'iniziativa ha contribuito ad accrescere la sensibilità e l'impegno di Cittadinanzattiva non solo in tema di qualità dei pasti nelle mense ospedaliere e scolastiche, ma anche sul versante più generale della sicurezza alimentare e della corretta alimentazione. Per una panoramica delle uscite stampa prodotte su questi temi, clicca qui: rassegna stampa 2002-2007 e rassegna stampa 2007-2012.

      • Vivere senza supermercato? Si può tentare, almeno a fare una spesa più consapevole e di qualità. 

        I consigli arrivano da Elena, 33 anni, che si presenta così sul suo sito/blog: "Intanto premetto, vivo a Roma, in un appartamento senza giardino e diciamo che non mi è proprio immediato uscire fuori casa e raccogliere i frutti offerti dalla natura… quindi la scelta di vivere senza andare al supermercato non è comoda, ma questo non significa che sia complicata. Anzi! Per certi versi mi sono semplificata e abbellita la vita".

      • "Tutela dei diritti e gestione pacifica dei conflitti: teoria e pratica della conciliazione". Ciclo di seminari di formazione a carattere nazionale sulle conciliazioni rivolto ad avvocati e operatori di diritto, difensori civici, operatori di centri di ascolto e tutela sociale, referenti per la gestione dei reclami nel settore aziendale, studenti universitari.

      • Sbilanciamoci

        Presentato a Roma, presso la Sala Isma del Senato della Repubblica in piazza Capranica 72, il rapporto Sbilanciamoci 2016 dal titolo "Come usare la spesa pubblica per i diritti, la pace e l'ambiente".
        Da 16 anni, in corrispondenza con la presentazione della Legge di Stabilità, la campagna "Sbilanciamoci" presenta il suo lavoro sulla Controfinanziaria.

      • rivoluzioneiliad

        “L’offerta iliad: la più generosa e la più trasparente. Gli utenti italiani di telefonia mobile subiscono da sempre la mancanza di trasparenza di un mercato caratterizzato da offerte gonfiate da costi nascosti. L’Autorità garante della concorrenza e del mercato sta indagando, inoltre, l’esistenza di un possibile cartello tra gli operatori italiani. Da oggi la situazione cambia: iliad porta verità e trasparenza”. Così si legge nel comunicato stampa con cui la compagnia “low cost” francese, da poco sbarcata nel mercato italiano della telefonia mobile, si presenta ai suoi futuri clienti.
        Una tariffa “per sempre” super conveniente a 5,99 euro mensili riservata al primo milione di utenti che vorrà attivarla, comprensiva di 30 giga di dati in 4G+, minuti e sms illimitati, minuti illimitati verso oltre 60 destinazioni internazionali indicate sul sito dell’operatore e di 2 GB per il roaming in Europa.

      • antitrust Compagnie telefoniche italiane

        L’Antitrust, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, ha sanzionato le principali compagnie telefoniche (Telecom, Vodafone, Wind, Fastweb e Tiscali) per un totale di 9.000.000 euro per aver adottato condotte illecite in violazione delle norme del codice del consumo di recepimento della direttiva Consumer rights, nell’ambito della commercializzazione di contratti a distanza, online e al telefono, o fuori dei locali commerciali di servizi di telefonia fissa e/o mobile. 

      • Sacchetti Bio

        "Il 1 gennaio 2018 è entrato in vigore l’articolo 9-bis della legge di conversione 123/2017 che obbliga i supermercati e i punti vendita ad utilizzare sacchetti ortofrutta biodegradabili, da impiegare anche per tutti i prodotti serviti al banco, come carne, pesce e gastronomia. I sacchetti – dice il provvedimento – devono essere distribuiti a pagamento, e il prezzo va riportato sullo scontrino. Fino a pochi giorni fa il prezzo delle nuove buste biodegradabili era un mistero e nessuna catena di supermercati si era sbilanciata.

      • Sacchetti ortofrutta cosasapere

        La questione dei sacchetti per l’ortofrutta, che dal 1° gennaio 2018 devono essere compostabili e i supermercati devono far pagare al consumatore, ha occupato molto spazio nei giornali e anche nei social, ed è diventata oggetto di dibattito politico. La vicenda è stata caratterizzata dalla totale assenza delle istituzioni che non hanno diramato comunicati se non per confondere le idee (come la dichiarazione sulla possibilità di usare sacchetti portati da casa). Anche i supermercati hanno la loro parte di responsabilità, visto che non hanno informato i consumatori con un adeguato anticipo, anche se la questione è nota da 5 mesi.

      • Ryanair bagaglio a mano

        Ryanair, cambia tutto: da lunedì 15 gennaio, infatti, entrano in vigore le nuove regole per il bagaglio a mano. Per portare a bordo una borsetta da donna, un portacomputer o uno zaino (di 35x20x20 cm) e il trolley o la valigia (55x40x20 cm) come accade finora bisognerà infatti acquistare un pacchetto Premium (a 5 euro se preso insieme al biglietto, a 6 in seguito). In caso contrario si potrà portare in cabina soltanto una borsa più piccola, mentre quella più grande verrà imbarcata in stiva gratuitamente dopo averlo registrato al gate. All'arrivo potrà essere ritirato al nastro trasportatore .

      • Una scelta di Ryanair rimette il vettore low-cost irlandese al centro delle polemiche e delle ironie del web: dal prossimo 13 giugno, sarà tagliata a 48 ore la finestra a disposizione dei viaggiatori che non hanno acquistato dei posti riservati a bordo per effettuare il check-in senza incorrere in sovraprezzo. Nella vecchia versione, i giorni a disposizione erano quattro. Per guadagnare un po' di respiro in più ci sarà sempre una soluzione: pagare. L'aggiornamento dei termini e delle condizioni per volare con Ryanair, prevede che coloro che abbiano pagato per prenotare dei posti a sedere assegnati abbiano più tempo a disposizione per il check-in: sono autorizzati a farlo già da 60 giorni prima del volo, fino alle due ore antecedenti la partenza.

      • ryanair wizzair

        Nonostante il provvedimento dell'Autorità della Concorrenza che dispone in via cautelare la sospensione della nuova policy dei bagagli a mano delle due compagnie low-cost Ryanair e Wizzair, finora sembra non ci sia stato nessun adeguamento alle nuove regole introdotte dal 1 novembre scorso. I vettori fanno sapere che faranno appello alla decisione dell'Antitrust ritenendo di aver agito nei limiti di una policy trasparente.

      • Rottamazione bis delle cartelle esattoriali entro il 15 maggio

        Entro il prossimo 15 maggio i contribuenti che hanno carichi affidati alla Agenzia-Entrate Riscossione  potranno presentare l’istanza per l’adesione alla cosiddetta rottamazione bis. Chi ha dunque i suddetti carichi dovrà affrettarsi per valutare o meno l’opportunità in termini di convenienza, ma anche soprattutto la possibilità di aderire alla definizione agevolata.

      • salmonella salame

        Nella settimana n°14 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 53 (8 quelle inviate dal Ministero della salute italiano). L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende cinque casi: benzo (a) pirene e idrocarburi policiclici aromatici in integratore in capsule di semi di cumino nero, provenienti dalla Germania; Salmonella in cumino dalla Turchia; Salmonella (in 2 campioni su 5) in petti di pollo salati e congelati, dal Cile; norovirus (GI; GII) in ostriche vive (Crassostrea gigas) dalla Francia; Salmonella in salame senza glutine e senza lattosio dall’Italia.

      • La qualità del servizio mensa all'esame degli utenti

        "Ristorazione amica" è il nome del progetto pilota che Cittadinanzattiva ha realizzato dal 2001 al 2005 con l'obiettivo di monitorare la qualità del servizio di ristorazione erogato presso scuole, ospedali e residenze per anziani. Il progetto ha permesso di realizzare anche indagini sulla soddisfazione degli utenti e di avanzare proposte per migliorare il servizio, avendo tre finalità di carattere generale:

      • Risparmio vulnerabilità 800x450

        "Più informati, più protetti”, Cittadinanzattiva lancia in occasione della Giornata Mondiale del Risparmio il progetto su risparmio e vulnerabilità, primo passo della campagna informativa.

        In occasione della Giornata Mondiale ad esso dedicata, Cittadinanzattiva lancia una consultazione civica rivolta ai cittadini interessati al tema del risparmio ed alla sua crescente vulnerabilità, con il triplice scopo di rilevare le criticità riguardanti aspetti quali l’uso consapevole del denaro, le difficoltà quotidiane legate alle possibilità di risparmio (sempre più in erosione, come denuncia la Consob) e all’adozione di strategie per gestire i rischi a sua tutela.

      • Risparmio vulnerabilità 800x450

        CLICCA QUI  PER CONOSCERE GLI STRUMENTI UTILI PER CHI PERDE IL LAVORO

        L’attuale contesto socio economico è protagonista di profondi mutamenti con ripercussioni sull’economia del Paese e, in maniera diretta, sulle scelte che quotidianamente i cittadini sono chiamati a compiere.

        Nel frangente attuale, la capacità degli italiani di pianificare e monitorare il proprio risparmio risulta inferiore rispetto a quanto rilevato a livello EU.

        Molteplici possono essere le spiegazioni legate a tale aspetto: scarse capacità nella gestione del proprio budget, incremento delle spese legate a servizi di base (es. spese sanitarie, servizi educativi, ecc.), scarse competenze finanziarie.
        Su questa criticità si innesta, come ulteriore elemento di fragilità, la bassa percezione del rischio di eventi avversi imprevisti che, in caso dovessero verificarsi, configurerebbero situazioni di gravi difficoltà per le famiglie.

        Finalità generale

        La finalità generale della presente proposta è quella di incidere sulla filiera del risparmio - dalla gestione del bilancio familiare, alla formazione del risparmio fino alla sua tutela - agendo sul livello di conoscenza dei consumatori, informandoli e aumentando la loro consapevolezza verso rischi e soluzioni, fornendo loro competenze e strumenti, che li mettano nella condizione di gestire al meglio le conseguenze di eventuali shock esterni che possono modificarne la situazione finanziaria. Ciò a partire dalle maggiori criticità da essi percepite e rilevate in tema di uso del denaro e gestione del risparmio.
        Nostra finalità è anche quella di favorire il dialogo e il confronto costruttivo con Imprese, Istituzioni e Autorità, al fine di facilitare, incoraggiare e ampliare l’accesso a queste tipologie di servizi, ponendoci così direttamente nel solco di quanto previsto dal Goal 8 dell’Agenda 2030“Lavoro dignitoso e crescita economica - Incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti” con particolare riferimento a quanto previsto dal target 8.10 “Rafforzare la capacità delle istituzioni finanziarie nazionali per incoraggiare e ampliare l’accesso ai servizi bancari, assicurativi e finanziari per tutti”.

         Obiettivi specifici

        Il progetto mirerà principalmente a perseguire 3 obiettivi:

        1. rilevare le criticità riscontrate dal punto di vista del cittadino su tre aspetti in particolare che contraddistinguono la filiera del risparmio: uso consapevole del denaro, difficoltà quotidiane legate alle possibilità di risparmio e criticità e pregiudizi legati sia all’acquisto di prodotti di investimento sia all’adozione di strategie per gestire i rischi e le conseguenze economico-finanziarie di possibili shock esterni.
        2. informare i consumatori aumentando la loro consapevolezza verso rischi e soluzioni connessi alla formazione, alla gestione e alla tutela del risparmio;
        3. generare un confronto aperto e costruttivo sulle criticità percepite e vissute dai cittadini, circa gli aspetti sopra delineati, con diversi stakeholder di settore, al fine di individuare delle proposte di miglioramento.

        Principali attività

        1. avvio di una consultazione civica in tema di risparmio e vulnerabilità;
        2. realizzazione di una campagna informativa, prevalentemente social, rivolta ai consumatori, sviluppata a partire dalle criticità e i pregiudizi rilevati in fase di consultazione;
        3. realizzazione di una round table tra stakeholder di settore con oggetto di discussione quanto emerso dalla consultazione dei consumatori in termini di criticità e problematiche maggiormente sentite.

         

        Approfondimenti

        CONSIGLI UTILI E APPROFONDIMENTI SUL RISPARMIO

         

        Per maggiori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

        Anno di realizzazione: 2018/2019

         

        Iniziativa sviluppata nell’ambito del programma “Più informati, più protetti”, promosso dal Forum ANIA-Consumatori con l’obiettivo di informare e sensibilizzare i consumatori su temi di grande interesse.

      • Nell’ambito del progetto Io sono Originale, le associazioni coinvolte hanno organizzato degli eventi specifici rivolti ai ragazzi delle scuole superiori. La scelta si inserisce in un contesto in cui recenti sondaggi hanno evidenziato la scarsa conoscenza e percezione della gravità del fenomeno da parte dei giovani consumatori.

        Lo scopo è quindi quello di sensibilizzare i consumatori fin dalla giovane età per contribuire alla creazione di un senso civico e valoriale che determini i comportamenti virtuosi e aumenti la responsabilità personale del giovane consumatore attraverso la consapevolezza dei danni provocati dalla contraffazione.

        Durante gli eventi i ragazzi potranno confrontarsi con gli stakeholder coinvolti, mettersi alla prova con simpatici quiz, conoscere il punto di vista dei cittadini intervistati riportato in un breve video e approfondire il tema sui materiali prodotti.

      • Rinnovato anche per il 2018 il Bonus asilo nido

        La Legge di Bilancio 2018 ha riconfermato per l’anno corrente il bonus asilo nido erogato dall’Inps a sostegno delle famiglie con bambini; è possibile utilizzarlo per il pagamento delle rette dell’asilo nido senza distinzione tra pubblico e privato. L’importo ammonta ad € 1000 e la domanda per l’ottenimento del contributo può avvenire entro il 31 dicembre 2018.
        La richiesta può essere effettuata dalle famiglie con figli nati, adottati o in affido dal 1° gennaio 2016 in poi, senza limite di reddito Isee, i quali risultano iscritti all’asilo e da famiglie di bambini malati cronici con necessità di cure presso il proprio domicilio.

      • recupero crediti privacy

        Accesso al credito, sostegno alle famiglie in difficoltà, rafforzamento della consapevolezza. Attorno a queste tre tematiche è stata rinnovata per il triennio 2018- 2020 l’iniziativa “CREDIamoCI”, creata nel 2015 tra l’Abi e le Associazioni dei Consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Asso-Consum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, La Casa del Consumatore, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori, U.Di.Con). Scopo dell’accordo è il potenziamento di tutta una serie di misure straordinarie per il credito alle famiglie in difficoltà con il pagamento delle rate di alcune forme di credito al consumo a medio e lungo termine e di credito ipotecario; l’introduzione di misure specifiche a sostegno delle popolazioni colpite da calamità naturali; l’emanazione della disciplina del Prestito Ipotecario Vitalizio, grazie all’accoglimento da parte del Parlamento della proposta comune di Abi e numerose Associazioni dei consumatori; l’istituzione del Fondo di garanzia per il sostegno alla natalità.

      • Secondo i calcoli effettuati dall’Ufficio studi della Confedilizia infatti, l’applicazione della maggiore aliquota deliberata dai vari Comuni, rispetto a quella base uniformemente adoperata per la prima rata e pari al 7,6 per mille, comporterà per la seconda rata dei forti rincari, anche fino al 200%, soprattutto per i proprietari di immobili dati in affitto. Confedilizia illustra il quadro degli aumenti determinati dall’applicazione dell’Imu, rispetto all’Ici, dopo le modifiche approvate dai Comuni – con nuove delibere o con variazioni alle delibere già approvate – entro il termine di legge del 31 ottobre 2012. Approfondisci

      • In Italia, la quantità di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (i cosiddetti RAEE) raccolti e riciclati è in aumento, ma per merito di poche aree geografiche: nel 2015, infatti, solo in 49 province la situazione appare in miglioramento rispetto agli anni precedenti, mentre in 40 province la raccolta è ancora al di sotto dei 4 kg per abitante (target in vigore fino al 31 dicembre 2015).

      • rifiuti elettronici i dati nazionali e la guida di cittadinanzattiva ed ecodom copia

        Acquistare un nuovo elettrodomestico a risparmio energetico, un televisore al plasma,  un tablet o uno smartphpone di ultima generazione è semplice, basta recarsi da un rivenditore autorizzato o cliccare su un sito di e-commerce con il prezzo più conveniente sul mercato e il gioco è fatto. Per smaltire le vecchie apparecchiature elettriche ed  elettroniche (Raee) in cambio delle nuove invece, il processo da mettere in atto è più complesso. Negli ultimi tempi il proliferare di normative in tema di credito al consumo, risparmio energetico e nuove tecnologie ha incrementato le vendite di nuove apparecchiature elettriche ed elettroniche andando inconsapevolmente a creare un problema di smaltimento dei vecchi apparecchi inutilizzati o semplicemente accantonati per cedere il posto ai nuovi.

      • Tra i tanti tipi di rifiuti che “produciamo” ogni giorno (e dai quali rischiamo ogni tanto di finire sommersi) ci sono anche i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE). Piccoli e grandi elettrodomestici, computers, cellulari, televisori, lampadine a risparmio energetico, ma anche orologi, radiosveglie, videogiochi … tutte le apparecchiature che funzionano con la corrente elettrica quando (prima o poi) smettono di funzionare e devono essere gettate via diventano RAEE, cioè Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.
        La quantità di RAEE che ogni cittadino italiano “produce” (cioè butta via) ogni anno è impressionante: quasi 13 kg a testa, che in totale fanno circa 800.000 tonnellate all’anno. Sembrano numeri esagerati: proviamo però a dare un’occhiata dentro casa. Secondo una recente indagine, ogni famiglia italiana ha in garage, in cantina, negli armadi o in fondo ai cassetti otto apparecchiature elettriche / elettroniche non funzionanti o comunque non più utilizzati: condizionatori portatili e boiler, pianole e video-registratori, TV a tubo catodico, friggitrici, macinacaffè, tostapane …in totale sono circa 200 milioni di pezzi, quasi un quinto di tutte le apparecchiature possedute.

      • rincarobollette

        Cittadinanzattiva su ricarico su bollette energetiche: l’Autorità dia informazioni chiare e ufficiali. Al Governo un appello per non appesantire ulteriormente le bollette delle famiglie.
        Negli ultimi giorni, a seguito della delibera n. 50/2018 dell’ARERA ( l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente), si sono diffuse notizie inesatte sul mancato incasso degli oneri generali di sistema dovuto alle morosità e sul loro recupero tramite ricarico nelle bollette dei consumatori finali: in particolare si è diffusa la voce di una cifra di 30/35 euro in più a carico dei consumatori, a cui sono seguiti appelli agli stessi per stornare dalla bolletta eventuali costi legati al recupero di quelle voci.

      • reddito di cittadinanza

        E’ possibile richiedere il reddito di cittadinanza, presentando richiesta entro per aprile entro il 31 marzo. Molti cittadini stanno contattando la nostra associazione per sapere come farne richiesta.

      • redditodiinclusione

        Diventa operativo il Reddito di inclusione (Rei) per le famiglie in condizioni di povertà. Dal 1 dicembre è infatti possibile presentare all'Inps le domande per accedere all beneficio, che partirà da gennaio. Il contributo massimo, al momento, è pari a 5.824,80 euro l'anno, ovvero 485,40 euro al mese, ma nella legge di bilancio 2018 sono previste risorse aggiuntive.

      • Solleciti telefonici e digitali insistenti e ripetuti, visite domiciliari anche ai vicini di casa o al datore di lavoro, minaccia di azioni legali: il consumatore di fronte a tutto questo era indotto a pagare i crediti che gli venivano richiesti anche se oggetto di contestazione o con problemi di prescrizione. “Indebito coindizionamento”, dice l’Antitrust, che ha multato la società di recupero crediti Recus Spa per 500 mila euro.

      • Per quanto tempo è opportuno conservare scontrini, multe e bollette pagate? La prescrizione varia da pagamento a pagamento. Approfondisci

      • Quali sono i lavori in casa che non necessitano di un permesso

        Per la prima volta è disponibile la lista delle prime 58 opere che saranno considerate in regime di edilizia libera in tutto il Paese. Nella Gazzetta ufficiale n. 81 del 7 aprile u.s. è stato pubblicato un glossario con le opere che non richiedono un titolo abilitativo: Cil, Cila, Scia o un permesso per costruire. Si attua così l’articolo 1, comma 2 del Dlgs 222 del 2016, che già conteneva una tabella dei vari interventi edilizi, con relativi regimi amministrativi, dall'edilizia libera sino ai permessi di costruire. Già nella tabella del 2016 risultano libere le manutenzioni ordinarie e le pompe di calore, oltre ai manufatti leggeri in strutture ricettive, l’eliminazione di barriere architettoniche, i pannelli fotovoltaici, gli elementi d’arredo.

      • L'accordo, siglato dal Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti e dall'Ente Nazionale Italiano di Unificazione, si pone l'obiettivo di migliorare la qualità e la sicurezza di prodotti e servizi a tutela dei consumatori, ed ancora, di promuovere e consolidare un dialogo sistematico volto alla realizzazione di progetti comuni e che dia voce alle esigenze dei consumatori nel processo di elaborazione delle norme volontarie in settori di particolare interesse consumeristico. Approfondisci

      • europa evento 5marzo

        L'European Consumers Union (ECU), di cui Cittadinanzattiva fa parte, realizzerà il prossimo 5 Marzo al Parlamento Europeo l'evento: ““Verso le elezioni europee: rafforzare l’Unione Europea per una maggiore tutela dei consumatori””. La conferenza si terrà nella sala A3H-1 dalle 10:30 alle 12:30, è possibile registrarsi cliccando QUI
        Da ormai dieci anni, importanti organizzazioni dei consumatori di ogni parte d’Europa sentono il bisogno di un nuovo coordinamento sovranazionale per meglio tutelare i diritti dei cittadini. Tali organizzazioni, altamente specializzate  nell’ambito della tutela dei consumatori e capillarmente diffuse sull’intero territorio europeo, diventano sempre più fondamentali per fornire un sostegno locale e per produrre pressioni verso i produttori e le istituzioni politiche a livello nazionale e comunitario.

      • PROPOSTA DI LEGGE SU SHARING ECONOMY. MOVIMENTO CONSUMATORI E CITTADINANZATTIVA: MOLTO LONTANI DAL RISULTATO, NON BASTA LA CONCORRENZA, SERVONO SCELTE CHIARE SULLE TUTELE

        A seguito delle dichiarazioni del presidente Antitrust, Pitruzzella sulla nuova disciplina sulla sharing economy (su cui in questi giorni sono in corso le consultazioni) Movimento Consumatori e Cittadinanzattiva - che hanno presentato le loro osservazioni alla proposta di legge - ritengono che se è vero come sostiene Pitruzzella che lo scopo principale delle nuove regole è quello di “prevenire o evitare conflitti tra piattaforme come Uber e Airbnb, da una parte, e i tassisti e gli albergatori dall’altra” è altrettanto indispensabile disciplinare settorialmente le tutele per i consumatori e fare molta più luce tra le nuove qualificazioni giuridiche dei singoli protagonisti delle nuove filiere.

      • consumo elettronici programmati per non durare

        Si chiama obsolescenza programmata il fenomeno che negli ultimi anni sta riguardando beni di consumo elettronici che invece di durare correttamente il più a lungo possibile, cessano di funzionare a distanza di poco tempo dall’acquisto, non a causa dell’usura del bene, bensì per una programmazione della durata del prodotto in sé. In pratica, invece di puntare alla qualità e all’efficienza del prodotto tecnologico, le aziende lo programmano per farlo funzionare fino a... un tempo stabilito.

      • Mancata consegna del prodotto, mancato riconoscimento del diritto di recesso e della garanzia, mancata corrispondenza tra quanto indicato sul sito e il prodotto che si riceve, questi i principali problemi che emergono negli acquisti che gli italiani fanno sul web e che l’Antitrust si trova ad affrontare nei casi di abusi e pratiche commerciali scorrette che vengono denunciati dai sempre più numerosi e-buyers.

      • Prodotti pericolosi i giocattoli al primo posto

        È stata presentata il 12 marzo la relazione del Sistema europeo di rapida allerta per i prodotti pericolosi. Il sistema è di supporto alle autorità nazionali per l’applicazione della normativa UE a tutela dei consumatori ed un utile strumento per individuare e ritirare i prodotti pericolosi dal commercio.
        La relazione presentata a Bruxelles evidenzia un incremento dell’utilizzo del sistema nel corso del 2017, da parte delle autorità nazionali con oltre 2000 segnalazioni. Nella lista dei prodotti pericolosi troviamo al primo posto i giocattoli (29%) seguiti da automobili e motocicli (20%), e abbigliamento, prodotti tessili e articoli di moda (12%). I rischi maggiormente segnalati sono stati lesioni e pericoli chimici. La provenienza dei prodotti è prevalentemente extra europea con la Cina che raggiunge il 53% delle segnalazioni pervenute, mentre provengono dall’Europa il 26% dei prodotti rischiosi.

      • L' Antitrust - Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato- è intervenuta nuovamente a tutela dei consumatori che effettuano inconsapevolemtante acquisti online di prodotti contraffatti di marchi famosi spacciati dalle aziende spacciano come originali. Sono 6 i provvedimenti con cui l'Antitrust aveva intimato ad altrettanti operatori commerciali, tutti di nazionalità extra-europea, di sospendere entro due giorni ogni attività diretta a vendere su Internet articoli di questo genere.
        Dal momento che gli operatori coinvolti non si sono adeguati alle prescrizioni indicate dall'Autorità, l’Agcom ha poi disposto l’oscuramento di 174 siti sul territorio italiano, con la collaborazione del Nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

      • antitrust su vodafone

        Dopo i procedimenti avviati dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato verso le società di telecomunicazioni Wind, Fastwebe Tim anche Vodafone finisce nel mirino dell'Autorità per pratica scorretta sulle offerte relative alla FIBRA. Antitrust infatti contesta a Vodafone di aver posto in essere una pratica scorretta per cui era stato aperto un procedimento il 18 aprile dello scorso anno in violazione degli artt. 20, comma 2, 21 e 22 del Codice del Consumo, per aver omesso o non adeguatamente evidenziato informazioni su: caratteristiche dell’offerta di connettività a internet in fibra ottica; esistenza di limitazioni - tecnologiche, geografiche di copertura della rete, di capacità trasmissiva - dei servizi in fibra ottica; differenze di servizi disponibili e di performance in funzione dell’infrastruttura utilizzata per offrire il collegamento in fibra.

      • risparmio e vulnerabilità 800450

        È partita la campagna informativa del progetto su Risparmio e vulnerabilità realizzato nell’ambito del programma “Più informati, più protetti” promosso dal Forum ANIA-Consumatori, che ha l’obiettivo di informare e sensibilizzare i consumatori su temi di grande interesse.

        Sulla base dei risultati emersi dalla consultazione civica, attraverso la quale abbiamo rilevato la percezione degli intervistati, in particolare sull’uso consapevole del denaro, sulle difficoltà connesse al risparmio e sulla cura e tutela del risparmio, abbiamo prodotto degli approfondimenti con lo scopo di colmare alcune lacune conoscitive ma anche di fornire delle informazioni utili nella gestione quotidiana dei risparmi e in casi di eventi straordinari.

      • PITServiziCONSUMATORI

        Criticità nelle fatturazioni telefoniche, per l’energia elettrica e l’acqua. Un cittadino attento ma sempre poco tutelato.

        Il cittadino è attento, vigile e sempre più consapevole e pertanto pretende che i propri diritti vengano rispettati, le associazioni e la gran parte delle aziende collaborano per migliorare il sistema, la pubblica amministrazione si sta “aprendo”, ma evidentemente tutto ciò non basta perché i diritti vengono regolarmente violati e permangono le disuguaglianze fra cittadini. Un esempio? L’accesso ai servizi non è uguale per tutti, se si vive in una “zona interna” si avrà più difficoltà ad accedere alla banda larga rispetto a chi vive in una grande città. La totale assenza dell’alta velocità o semplicemente di mezzi di collegamento idonei rende impossibile l’accesso ai mezzi di trasporto per milioni di persone.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.