Ambiente

  • climaeambiente

    L’ambiente quasi dimenticato: secondo l’Istat la spesa ambientale erogata nel 2012 è inferiore sia di quella del 2011 che del 2010. Approfondisci

  • inquinamento globale

    Il 2019 è appena iniziato, ma le previsioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) non sono le più rosee, considerando i molteplici problemi di salute globale che si trova ad affrontare. Per far fronte a tali minacce, l’OMS mette in atto, per il 2019, il 13° Programma Generale di Lavoro (2019-2023), che ha l’obiettivo del “triplo miliardo”, ossia 1 miliardo in più di persone che beneficino dell’accesso alla copertura sanitaria universale, 1 miliardo in più protette dalle emergenze sanitarie e 1 miliardo in più di individui che godano di una salute migliore.

  • oceano copy

    Negli ultimi 10 anni il pH medio delle acque del nord-est dell’Oceano Pacifico è sceso di 0.002 unità di pH per anno. Lo ha constatato un pool di oceanografi del MIT e del Woods Hole Oceanographic Institution.

  • cambiamento climatico copy copy

    In una conferenza congiunta lla COP25 di Madrid, i governi italiano e messicano hanno annunciato il loro impegno per potenziare l'educazione ambientale e climatica nei rispettivi sistemi scolastici. Il ministro Fioramonti ha illustrato il nuovo modello di educazione civica orientato all'ambiente e alla sostenibilità che debutterà nei programmi della scuola dell'obbligo dal prossimo settembre.

  • Sogin nucleare

    Con il referendum del 1987 gli italiani votarono l’abrogazione di alcune norme necessarie alla costruzione di centrali nucleari, mettendo di fatto la parola fine allo sfruttamento dell’energia nucleare nel paese. A quella data però operavano, ed esistono tuttora, quattro centrali e una serie di depositi nucleari che, negli anni hanno accumulato scorie radioattive. Scorie che continuano ad essere prodotte da processi industriali, attività di ricerca e di medicina nucleare.

  • emergenza acqua

    In Italia l’emergenza idrica continua, soprattutto al Centro Nord. Anche se è la situazione di Roma (dove si teme un razionamento dell’acqua per i cittadini) e del lago di Bracciano a catalizzare l’attenzione dei media, l’Anbi - Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue – fa notare come la situazione al Nord sia addirittura più grave.
 


  • ErriDeLuca

    Un processo alla parola, quello che vede coinvolto l’autore napoletano Erri De Luca per aver rilasciato pubblicamente alcune interviste “scomode” sul caso della Tav Torino-Lione. La procura di Torino ha chiesto otto mesi di condanna all’autore che si trova imputato di istigazione a delinquere perché, secondo l’accusa, avrebbe incitato al sabotaggio del cantiere della tratta.

  • sistema di comunicazione satellitare

    Il Muos (Mobile User Objective System) è il sistema di comunicazioni satellitari della marina militare statunitense ed una delle basi a terra del sistema si trova in Sicilia, a Niscemi (Caltanissetta), proprio nella riserva naturale della Sughereta, un sito di interesse comunitario. Da sempre il Muos è stato oggetto di forti contestazioni, perché ritenuto un sito abusivo in quanto installato su un territorio tutelato da vincoli ambientali con inedificabilità assoluta e pericoloso a causa delle emissioni elettromagnetiche a piena potenza.

  • tribunale giudice

    Pene fino a diciotto anni: è questa una delle tante previsioni contenute nel testo di modifica del codice penale presentato in Senato, per introdurre il reato di “Omicidio sul lavoro”. Secondo gli ultimi dati Inail, in media, queste tragedie si ripetono più di due volte ogni giorno ed esiste una grande difficoltà nell' arrivare a punire con il carcere il datore di lavoro che si renda responsabile di gravi inosservanze della normativa sulla sicurezza.

  • Sono i dati contenuti nel Rapporto dell’Agenzia per l’ambiente europea (Aea) a conferire all’Italia la medaglia d’oro per il maggior numero di morti premature - 84.400 decessi di questo tipo, su un totale di 491.000 a livello Ue - a causa dell’inquinamento dell’aria. Secondo i dati contenuti nel Rapporto, nel nostro Paese nel 2012 ben 59.500 decessi prematuri sono attribuibili a tre agenti killer presenti nei bassi strati dell’atmosfera: il particolato fine (micro polveri sottili), l’ozono ed il biossido di azoto.

  • Monica il tuo navigatore antismog

    "MONItoraggio Cooperativo della qualità dell'Aria”, per gli amici MONICA è il nome del primo progetto di “citizen science” (letteralmente la scienza dei cittadini) di ENEA.

  • citta trasporti

    Nel 2017 i veicoli a benzina sono stati i più venduti sul mercato europeo, superando – per la prima volta dal 2009 – i veicoli diesel. Un dato in controtendenza con gli sforzi compiuti in questi anni e con le buone notizie fornite recentemente dall’European Environment Agency (EEA): secondo un nuovo rapporto, infatti, le emissioni provenienti dalla macchine nel 2016 sono state 118,1 grammi di Co2 per km percorso, l’1,2% in meno rispetto al 2015.

  • decarbonizzare europa

    Nel discorso di insediamento dello scorso luglio, la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha messo la sostenibilità al centro della sua visione dell'Europa. L'obiettivo dichiarato è di raggiungere la "neutralità carbonica" nell'Unione entro il 2050. Ciò significa che a quella data le emissioni di anidride carbonica dovranno essere abbassate fino a pareggiare le capacità di assorbimento dei cicli naturali. Per raggiungere lo scopo è stato lanciato il cosiddetto European Green Deal: un patto tra gli stati membri per avviare un percorso di norme, innovazioni, investimento e politiche che portino al risultato voluto. I primi passi saranno una "legge sul clima" a livello europeo, e investimenti per 1000 miliardi nei prossimi dieci anni per i diversi ambiti della sostenibilità. Elisa Giannelli, ricercatrice di E3G, uno dei principali istituti europei di analisi sulle politiche del clima e dell’energia, approfondisce i nodi cruciali di questa politica.

  • foresta globale

    La FAO pubblica i risultati della stima globale delle risorse forestali. Rallenta il tasso di deforestazione a livello mondiale, migliora la gestione delle foreste.
    Le foreste del mondo continuano a ridursi mentre aumenta la popolazione e il terreno forestale viene convertito in agricoltura e destinato ad altri usi, ma negli ultimi 25 anni il tasso di deforestazione globale netto è ridotto di oltre il 50%.

  • mar mediterraneo

    L’Italia sulla carta sta facendo molto, tutelando oltre il 19% delle proprie acque territoriali. Tuttavia questa gestione è efficace solo per l’1,67% dei nostri mari, e il Mediterraneo, non solo italiano, continua a essere afflitto da inquinamento, plastica e overfishing. Lo denuncia un report del WWF presentato alla COP21 del Mediterraneo che si è tenuta a Napoli dal 2 al 5 dicembre.

  • mattarella

    Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in visita a Belluno lancia l'SOS climatico.
    Per il Presidente, il Ciclone Vaia che pochi mesi fa ha colpito i boschi del Veneto e del Trentino ha fatto comprendere agli italiani che gli effetti dei cambiamenti climatici sono già qui.
    Per questo motivo Mattarella ha sottolineato l’importanza di adottare misure per contrastare il fatto che “siamo sull’orlo di una crisi climatica globale”.
    “Limitarsi a evocare la straordinarietà di fatti che si affacciano prepotentemente, per giustificare noncuranza verso una visione e progetti di più lungo periodo, - ha sottolineato il Presidente - è un incauto esercizio da sprovveduti"

  •  Grande successo della Marcia per la Terra che nella Giornata per la Custodia del Creato del Vicariato di Roma ha animato le strade della capitale. Circa 4000 persone e più di cento associazioni, facendo proprio il messaggio contenuto nell’enciclica Laudato Si’, di Papa Francesco hanno sfilato per chiedere politiche concrete e interventi reali gia' dalla Conferenza dell’Onu sul clima di Parigi (Cop21) rispetto ai cambiamenti climatici, che si apre tra poco meno di un mese e dalla quale dipendono i destini del Pianeta.

  • inquinamento ko 2015 02 18

    Cittadinanzattiva aderisce alla manifestazione nazionale No Snam - No Hub del Gas convocata per sabato 21 aprile a Sulmona (AQ) ore 15 (viale Togliatti) per opporsi ad un futuro basato sull'energia fossile e per valorizzare il patrimonio ambientale e culturale del nostro paese.

    Un'altra Grande Opera dannosa e inutile che renderà solo profitti a pochi azionisti, distruggerà vastissimi territori e danneggerà gravemente popolazioni intere mettendo a serio rischio tutto l'equilibrio biologico degli interi appennini.

  •  

    Gli anni passano, la “Mal’aria” è la stessa. Dal dossier di Legambiente emerge che gli sforamenti di PM10 nelle nostre città continuano ad essere un vero dramma. E il 2015 è partito malissimo Approfondisci

  • lupi a roma

    I ricercatori del gruppo di monitoraggio del branco di lupi residente nella Riserva del Litorale Romano da notizia della nascita della terza cucciolata in tre anni. Dalle immagini della videotrappola risulta evidente che i lupetti sono ibridi. La LIPU, che gestisce la locale oasi di Castel di Guido e ha dato la notizia, lancia l'allarme per il futuro della sottospecie appenninica, minacciata dal dna canino diffuso dai cani vaganti e rinselvatichiti.

  • "Il nostro è un paese meraviglioso. Quante volte abbiamo sentito questa frase? A milioni, certo. Va detto che mai come questa volta si tratta di una affermazione scontata, ma anche fondata. Se andiamo a scorrere i dati relativi al numero di beni artistici, architettonici, archeologici, monumentali, naturali, paesaggistici, troveremo sempre il nostro paese ai vertici delle classifiche. Non c’è infatti angolo del nostro territorio nazionale, dal semplice frammento di roccia delle Dolomiti e giù a Sud fino a quei deliziosi pomodorini che crescono dalle parti di Capo Passero, a Pachino, che non abbia una storia da raccontare.

    Qualche volta, anzi, sono proprio questi pezzi del nostro territorio che condizionano e influenzano lo sviluppo di ulteriori storie.

  • locuste africa sito

    La FAO ha lanciato un appello internazionale per fronteggiare l'invasione di locuste che si sta diffondendo dal Corno d'Africa. la situazione critica è partita da Kemia, Somalia ed Eritrea, a fine 2019: quest'insetto, di solito innocuo e solitario, periodicamente si aggrega a milioni di suoi simili a formare sciami che diventano una piaga inarrestabile. In questo inizio di 2020 le locuste hanno invaso vegetazione, coltivazioni e pascoli anche in Etiopia e Gibuti, dove le popolazioni vivono già in condizione di insicurezza alimentare.

  • biologico 800x450

    Quello del biologico è un settore in continua crescita. Crescono i consumatori, i fatturati, le aziende e in alcuni casi i problemi legati a chi vende per biologico ciò che biologico non è.

  • lipu

    Il neo Presidente della Lega Italiana Protezione Uccelli commenta l'istituzione del nuovo Governo in ottica ambientalista, chiedendo una regia nazionale e continentale per uniformare le leggi di protezione dell'ambiente e della fauna. Verner commenta anche la querelle con Jovanotti per l'utilizzo delle spiagge: "Era stato avvertito. Quei concerti potevano essere fatti in altri luoghi e altri periodi".

  • Le bambine salvate. Storie raccontate attraverso uno scatto reference

    La seconda giornata del Festival dei Diritti Umani alla Triennale di Milano ha avuto come protagonista il lavoro di Stefano Stranges, vincitore del contest #ioalzolosguardo2017: un reportage dall'India  in cui si raccontano le storie di donne vittime di abusi e discriminazione, ma anche di reinserimento sociale. Ha destato emozione la mostra “Le bambine salvate” appunto di Stranges, membro del collettivo fotogiornalistico Walkabout-ph.
    La mostra fotografica documenta le storie di bambini vulnerabili e fragili nella loro disabilità ed emarginazione sociale, di bambine e ragazze vittime di violenza, matrimoni forzati, stupri e discriminazioni.

  • Land Grabbing anche l Italia tra i Paesi che approfittano di terre altrui reference

    Il land grabbing, “l’accaparramento delle terre”, consiste nell’acquisizione di grandi appezzamenti di terra da utilizzare prevalentemente a scopo agricolo da parte di agenti stranieri, stati o aziende multinazionali, a scapito dei paesi più poveri. Un fenomeno purtroppo in crescita che non fa che peggiorare le condizioni economiche e sociali dei paesi in via di sviluppo.

  • ambiente petrolio gas copy

    Il colosso degli idrocarburi ha annunciato il suo addio alla ricerca di fonti fossili dopo avere trovato petrolio e gas, ma in quantità non sufficienti o soddisfacenti. Le reazioni da parte ambientalista sono state ovviamente di giubilo dopo mesi di battaglie mediatiche e non solo.
    “Oggi è un gran giorno per l'Artico - dichiara Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace international -  Questa è un'enorme vittoria per milioni di persone che si sono opposte ai piani di Shell, e nello stesso momento è un disastro per le altre compagnie petrolifere che hanno interessi in quella regione.

  • chimica verde

    La chimica tradizionale è indubbiamente responsabile di molta parte dei danni arrecati nel XX secolo all'ambiente naturale. Basti pensare all'utilizzo in agricoltura di fitofarmaci e pesticidi sintetici; a lubrificanti, coloranti, sgrassanti ed altre sostanze utilizzate nell'industria pesante, tessile o alimentare; o al boom delle materie plastiche, virtualmente indistruttibili, che hanno invaso fiumi, mari e discariche del pianeta dalla metà del '900 in poi. Se la chimica basata sul petrolio è stata parte del problema, una nuova chimica, sostenibile, "verde" e basata su materie prime vegetali, può essere parte della soluzione. Se ne discuterà il 26 febbraio a Milano in un convegno organizzato dal CNR per promuovere le tecnologie della chimica verde presso gli industriali e gli imprenditori italiani.

  • La Marcia per il Clima colora il centro di Roma reference

    Ventimila persone e decine di associazioni hanno sfilato domenica a Roma per chiedere alla COP21 di Parigi misure decise contro i cambiamenti climatici. La manifestazione ha riunito un vasto e variopinto arcobaleno di associazioni ambientaliste, sportive, sociali, sigle sindacali, rappresentanze professionali e studentesche, onlus e naturalmente semplici cittadini e turisti che si sono accodati alla processione. La mobilitazione, denominata a livello internazionale Global Climate March, si è svolta in contemporanea in decine di città del mondo, e continua ancora mentre scriviamo seguendo la successione dei fusi orari.

  • Sbiancamento dei coralli rischia di diventare routine reference

    Studio Unep avverte: se non si arresta il riscaldamento globale il fenomeno dello sbiancamento diventerà annuale e coinvolgerà il 99% delle barriere coralline mondiali.
    Lo sbiancamento del corallo si verifica nel momento in cui le alghe che lo abitano, in presenza di fenomeni come l’aumento della temperatura dell’acqua lasciano il loro ospite. Sono queste alghe a fornire al corallo il suo colore brillante e la loro perdita, oltre all’effetto cromatico, rende il corallo molto più sensibile a fame e malattie. Insomma un corallo bianco è un corallo malato, se non morto.

  • "Ogni momento della città dovrebbe contenere un’opportunità educativa strutturata, rivolta soprattutto ai giovani. Una città che non sa creare cortocircuiti con i suoi giovani è destinata a perdere energia, a spegnersi. E allora perché questo non accada è necessario che la città sia una realtà significativa per i giovani, che offra loro implicazioni operative, emozionali e progettuali". [...] "E, senza dubbio, in questo quadro generale della città, anche la scuola. La scuola può svolgere un grande ruolo per quanto riguarda il lavoro sulle idee e le opzioni cognitive". 

  • india led

    L’India è tra i paesi più inquinatori del mondo. Colpa del carbone, che da anni resta al centro della sua politica energetica, anche nel campo dell’illuminazione pubblica. Da qui la scelta di dare un primo segnale in direzione del risparmio, della riduzione degli sprechi e della diminuzione delle emissioni di anidride carbonica. Come? Sostituendo innanzitutto le lampadine dell’illuminazione pubblica, ovunque.

  • futuro verde

    Recentemente l’Italia ha contributo con 5 milioni di euro al Fondo Ambientale delle Nazioni Unite, dopo aver firmato un nuovo accordo con l'ONU che la impegna ancor di più nella risoluzione dei problemi ambientali più urgenti. La donazione sarà utilizzata per progetti che contribuiscano a un sistema finanziario globale sostenibile: nello specifico saranno destinati ad aumentare l’efficienza delle risorse, e rinforzare la gestione sostenibile delle risorse naturali e dell’economia marittima. Con questi nuovi contributi l’Italia ha raggiunto la quota di 10,2 milioni di euro donati al fondo dal 2014.

  • pianeta

    Kathleen Rogers, presidente dell’Earth Day Network, ha lanciato una raccolta firme globale da presentare ai leader mondiali che parteciperanno alla COP21 di Parigi, appuntamento determinante per le sorti del pianeta che si sta avvicinando a passi spediti.
    Approfondisci

  • Si terrà a Roma, il prossimo 5 aprile, presso la Città dell’Altra Economia (Largo Dino Frisullo), dalle 10 alle 17, il workshop "Il riuso dei beni pubblici e la valorizzazione del territorio: l'art.24 come opportunità per una gestione partecipata attraverso la sussidiarietà circolare" 

    Con questa iniziativa ci proponiamo di avviare un percorso condiviso tra amministrazioni comunali, esperti e organizzazioni civiche per individuare modalità e strumenti che agevolino il recupero e il riuso di beni pubblici inutilizzati e abbandonati, favorendo in tal modo la valorizzazione del territorio, con particolare riferimento all’art.24 della Legge 11 novembre 2014 n.164, il cosiddetto "Sblocca Italia".

    Crediamo possa essere anche l’occasione per comprendere, insieme, come questo percorso di assunzione di responsabilità sui beni comuni possa essere ulteriormente favorito da linee guida di intervento e di governance territoriale, da adeguati dispositivi amministrativi di indirizzo (delibera quadro, schemi di convenzione, etc.), nonché da modelli di riuso e gestione dei beni e di valorizzazione del territorio che riconoscano e favoriscano la dimensione partecipata e collettiva.

  • greeneconomy2

    Un appello ai Ministri dell’Ambiente dei principali paesi mondiali per chiedere politiche reali sia sul fronte della protezione dell’ambiente che su quello dell’educazione. A scriverlo una generazione di ragazzi che chiede di investire in formazione e ricerca e di contribuire, attraverso la condivisione del sapere e delle esperienze, alla costruzione di un futuro di ben-essere, di un mondo migliore, più equo, più sostenibile.

  • cambiamento climatico

    Molte ricerche scientifiche hanno analizzato l'impatto delle attività umane nel "Sistema-Terra", tanto che dal 2015 è emersa la proposta di introdurre nella "Scala dei tempi geologici", la successione delle ere ufficialmente riconosciuta, una nuova epoca: L’Antropocene, l'era in cui l'umanità ha iniziato a modificare la geologia e l'ecosistema del pianeta.

  • climaeambiente

    Il Parlamento Europeo ha approvato a Strasburgo la ratifica dell'accordo sul clima di Parigi. Perchè questa sia definitiva servirà un ultimo passaggio in Consiglio, ma ormai la strada è segnata. Ai Parlamenti dei singoli Stati il compito di ratificare l'accordo individualmente, ciascuno secondo le proprie procedure.

  • italia del riciclo

    Presentato il rapporto “L’Italia del Riciclo 2016”, realizzato da FISE Unire, l'associazione che rappresenta le aziende del recupero rifiuti, e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.
    Il rapporto, che analizza "lo sviluppo dell’industria del riciclo, filiera per filiera, e il suo ruolo strategico nell’economia circolare”, quest'anno lascia trasparire dati positivi in "quasi" tutte le filiere: aumentano le raccolte di carta, legno, plastica, alluminio, vetro e organico, mentre appare in controtendenza quella dell'acciaio.

  • papa

    Diffusa giovedì scorso la prima enciclica green della storia, nell'anno in cui i grandi inquinatori del mondo si riuniranno a Parigi per cercare di limitare i cambiamenti climatici prima che questi diventino irreversibili. Nelle parole del Papa non solo un ringraziamento per la bellezza del creato, ma soprattutto una tirata d'orecchi generale al mondo per il modo in cui lo ha "custodito".

  • ambiente buca lo schermo

    Il surriscaldamento globale si acuisce, i tempi per prendere provvedimenti che possano mitigare i danni da cambiamenti climatici si riducono, i decisori politici si trovano a fare i conti con emergenze ambientali sempre più frequenti (e sempre più costose): ma quanto conta davvero l'ambiente nelle scelte editoriali di giornali, radio, tv e testate online?

  • L ambiente buca lo schermo In arrivo il 2 rapporto Eco Media reference

    Il surriscaldamento globale si acuisce, i tempi per prendere provvedimenti che possano mitigare i danni da cambiamenti climatici si riducono, i decisori politici si trovano a fare i conti con emergenze ambientali sempre più frequenti e costose, i cittadini scendono in piazza per chiedere politiche serie sulla questione climatica: ma quanto conta davvero l'ambiente nelle scelte editoriali di giornali, radio, tv e testate online?


  • marcia per la terra

    Domenica 8 novembre il Vicariato di Roma celebrerà una Giornata per la Custodia del Creato. L'iniziativa assume un'importanza internazionale perché promossa dalla Diocesi del Papa proprio alla vigilia della grande conferenza sul clima di Parigi - la COP21 - guardando alla quale il Sommo Pontefice ha voluto promulgare l'enciclica Laudato si'.

    Per sottolineare il valore dell'evento, Vicariato di Roma, Connect4Climate ed Earth Day Italia, hanno ideato una Marcia di solidarietà al messaggio dell'Ecologia Integrale lanciato da Papa Bergoglio. La Marcia per la Terra partirà dal Colosseo per arrivare a Piazza Santi Apostoli e quindi a San Pietro dove il Santo Padre offrirà la Sua benedizione e il Suo saluto all'evento in occasione dell'Angelus.

  • Domenica 8 novembre alle 9.30 si tiene a Roma la "Marcia per la Terra", per aderire insieme ad altre organizzazioni al messaggio lanciato dal Papa a livello globale sulla urgenza di agire tutti insieme per il rispetto dell'ambiente e del territorio.

  • spreco

    Diffusi in occasione del panel ‘Zero hunger, zero waste: growing best practices’ i dati sullo spreco alimentare in Italia. Dati decisamente poco incoraggianti se si pensa che il cibo sprecato ha valore complessivo di 15 miliardi di euro, una somma equivalente allo 0,88% del Pil nazionale. 
    Di questi 15 miliardi, solo 3 derivano dallo spreco tra produzione e distribuzione, mentre altri 11,8 miliardi sono invece cibi direttamente gettati nella spazzatura nelle nostre case.

  • strade automobile

    Undicimila e duecento chilometri all'anno: 933 al mese e oltre 30 al giorno. E' la distanza media che percorre un automobilista italiano secondo uno studio pubblicato dal sito Facile.it, basato sulle oltre 10.000 richieste di preventivo pervenute al portale che compara le tariffe delle compagnie di assicurazione.

  • Italia dissestata reference

    Frane e alluvioni minacciano direttamente popolazioni, attività economiche e beni culturali in tutta Italia. Un rapporto dell'ISPRA lancia l'allarme su una situazione preoccupante, causata dalla mala gestione del territorio a partire dagli anni '50 del Novecento.

    Sono oltre un milione gli italiani che vivono in zone soggette a frane, quasi due milioni si trovano invece in aree a rischio alluvioni. I tesori di Venezia, Firenze, Pisa, e più della metà dell'Emilia Romagna rischiano di finire sott'acqua. Un quinto del territorio nazionale a rischio frane; 576.000 imprese e oltre 2 milioni di lavoratori a rischio alluvioni. Un'area grande quanto Piemonte ed Emilia Romagna messi insieme si trova sotto elevata minaccia di frane e "media" probabilità di alluvioni: un pericolo che incombe anche sull'88% dei comuni italiani.

  • riciclare i rifiuti

    FISE Unicircular e Fondazione per lo sviluppo sostenibile hanno presentato il decimo rapporto su "L'Italia del riciclo". Buone notizie: alcune filiere come carta, legno, plastica, vetro, alluminio e acciaio hanno già raggiunto, o quasi, gli obiettivi europei al 2025. Altri settor sono indietro, come la raccolta delle batterie e dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) che molti cittadini ancora smaltiscono nell’indifferenziato.

  • Sul fronte delle infrastrutture idriche il nostro Paese risulta arretrato rispetto al resto dell'Europa e con molte disuguaglianze tra Nord e Sud.
    Le perdite nelle reti sono stimate tra il 30-40%, gli acquedotti e le reti fognarie soffrono di vecchiaia, il 24% delle condotte e il 27% della rete fognaria ha più di 50 anni, ed ancora esiste un 8% di condotte in cemento amianto, meno della metà degli impianti di depurazione (45%) assicura un trattamento dei reflui almeno secondario e sul fronte qualità, il 2,2% dei campioni è risultato fuori norma con un 9% sulle isole.

  • esplosione amianto

    Dopo trenta morti e decine di malati per patologie correlate all'esposizione all'amianto, parte a distanza di anni il processo contro l’ex stabilimento Isochimica, la fabbrica di Avellino dove negli anni 80-90 i lavoratori erano assunti per rimuovere a mani nude, senza mascherine e inconsapevoli dei pericoli, la fibra killer dai treni delle Ferrovie Italiane.  La Procura di Avellino deciderà sulla richiesta di rinvio a giudizio di 29 imputati che potrebbero dover rispondere di reati  che vanno dal disastro colposo, all'omicidio plurimo colposo, disastro ambientale, lesioni, falso in atto pubblico e abuso d'ufficio.

  • irlanda enrico

    Il parlamento irlandese approva il Fossil Fuel Divestment Bill 2016, provvedimento che cancella tutti gli investimenti del fondo sovrano irlandese da carbone, petrolio e gas.
    Se passerà il test della commissione finanziaria, il provvedimento nei prossimi mesi farà dell’Irlanda il primo paese al mondo ad aver messo al bando i combustibili fossili.

  • invito800 450 PIT SERVIZI 2016 copy

    Cittadinanzattiva è lieta di Invitarti alla presentazione del XVI Rapporto PiT Servizi (Progetto integrato di Tutela), che si svolgerà il 27 e 28 ottobre p.v. con 4 focus tematici nell'ambito dei servizi di pubblica utilità (Energia e ambiente, Mobilità e trasporti, Telecomunicazioni e Servizi postali, Servizi bancari e Servizi assicurativi).

  • Intonaco armato in fibra di vetro

    Il Centro Ricerche ENEA Casaccia ha ideato una soluzione concreta per contrastare le conseguenze, spesso tragiche, causate dai terremoti sulle abitazioni: un intonaco armato con rete in fibra di vetro. Per testare la tenuta dell’intonaco, una soluzione tutta made in Italy di facile applicazione e soprattutto a basso costo, sono stati effettuati dei test su alcune strutture tipiche dell’edilizia dei centri storici dell’Appennino, che hanno resistito a terremoti di intensità più che raddoppiata rispetto al sisma più violento che ha colpito il centro Italia nel 2016.

  • inquinamento aborti

    Secondo uno studio condotto dal Dottor Matthew Fuller, Professore dell’Università dello Utah, il rischio di aborti spontanei aumenta quando le donne incinte sono esposte ad un forte inquinamento atmosferico.
    Lo studio ha analizzato i dati relativi a 1300 donne incinte fino a 20 settimane che tra il 2007 e il 2015 hanno visitato il pronto soccorso di un ospedale di Salt Lake City. Fuller, che non è originario del luogo, ha notato un aumento degli aborti spontanei proprio in concomitanza di periodi di forte inquinamento dell’aria.

  • energia elica 2015 02 19

    El Hierro, Samso, Eigg, Bonaire, Bornholm, Pellworm, Tokelau, Aruba, Muck, White, Gigha: non sono i giocatori di una squadra di calcio ma le undici isole citate da Legambiente come esempio di autosufficienza energetica grazie allo sfruttamento di fonti rinnovabili. La onlus ambientalista ha presentato un dossier che evidenzia le potenzialità degli ambienti isolani nel produrre da sé il proprio fabbisogno energetico a prescindere dalle situazioni climatiche e geografiche in cui si trovano.

  • vetro veritas

    Sono quelli in vetro i migliori packaging per vino e olio. A dirlo due ricerche Assovetro realizzate rispettivamente dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa e dal Dipartimento di Scienze e Innovazione tecnologica dell’Università del Piemonte Orientale – Alessandria.

  • cambiamenti climatici

    Oltre 157 milioni di persone dal 2008 al 2014 sono state costrette a spostarsi a causa di eventi metereologici estremi. Secondo l’IDMC (Internal Displacement Monitoring Centre) sono tempeste e alluvioni le principali responsabili di queste migrazioni forzate.

  • natura copy

    L'Expo milanese aprirà il primo maggio e parlerà di cibo. Esperti e studiosi sono già al lavoro per tracciare linee guida di un accordo internazionale per ridurre la sovrapproduzione e lo spreco di cibo. Accordo che verrà messo per iscritto nella “Carta di Milano”. Approfondisci

  • caccia

    Si è conclusa il 31 gennaio la stagione della caccia 2017/2018. Anche quest’anno le conseguenze sono state molto gravi, e non solo per la fauna: 90 vittime complessive (22 morti e 69 feriti) in "ambito venatorio", cioè durante azioni di caccia, su tutto il territorio italiano.

    Nei circa 5 mesi stagione venatoria, a cui vanno aggiunti i contestatissimi giorni di preapertura a settembre e di proroga a febbraio, l'Associazione Vittime della Caccia ha censito 90 vittime (+32% rispetto all'anno precedente).

  • Il Tar salva lisola dei cittadini

    Gruppi di cittadini si erano organizzati per salvare uno degli ultimi spazi della laguna veneziana non ancora trasformati in hotel e non ancora ceduti a privati: parliamo dell’isola di Poveglia, cittadini uniti per ridare vita a questo luogo. Ma dall'Agenzia del Demanio avevano ricevuto solo dei no e risposte non motivate. Ora il Tar sanziona quei dinieghi, riconoscendola finalità di indubbia rilevanza sociale e collettiva delle proposte avanzate dalla collettività per restituire un pezzo di Venezia a Venezia, far sì che l’isola non venga destinata ancora - e sempre - all'economia schiacciante del turismo, ma trasformarla in bene comune, in parco, in spazio per attività sociali, in luogo, fondamentalmente, aperto.

  • Il ruolo dei cambiamenti climatici nelle crisi alimentari

    Anche i cambiamenti climatici contribuiscono ad accrescere le emergenze alimentari nei paesi in via di sviluppo. Annate di siccità o eventi catastrofici come inondazioni e cicloni possono mettere in ginocchio la produzione di cibo di intere regioni, lasciando gli abitanti nella cosiddetta "insicurezza alimentare". Molte popolazioni, principalmente asiatiche e africane, si trovano così a dipendere dagli aiuti internazionali oppure a migrare verso paesi dove il cibo sia più disponibile.

  • Alla fine è andata così, come le associazioni ambientaliste e i cittadini non si auguravano: per il referendum contro le trivellazioni, si voterà il 17 aprile e non in concomitanza con le elezioni politiche. Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha firmato il decreto sulle norme in materia ambientale che indice il referendum popolare sulle trivelle appunto per il 17 aprile.

  • ilportaledeiconsumi

    L'Arera - l'Autorità per l'energia e per l'ambiente, ha creato un nuovo portale web dal quale è possible risalire ai dati dei consumi di luce e gas prodotti nel passato. E' una sorta di memoria storica dei consumi, una banca dati a livello nazionale. Sarà utile al consumatore per per tenere d’occhio le spese e capire come risparmiare e sprecare meno. Come si legge sul sito, l’obiettivo principale è “aumentare la consapevolezza delle proprie abitudini di consumo energetico e di conoscere la propria impronta energetica”.
    L'accesso al portale è consentito per mezzo dello SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Lo stesso sitema che si utilizza per accedere al sito dell'Agenzia delle Entrate.

  • Nonostante gli Accordi di Parigi il livello del mare si alzera di un metro

    Secondo uno studio pubblicato da Nature, gli impegni presi alla COP21 non basteranno: nel 2300 il mare sarà più alto di 0,7 o 1,2 metri, a seconda di quanto verranno tagliate le emissioni di gas serra.
    Una ricerca pubblicata dal magazine online Nature Communications ha lanciato l'allarme: gli effetti dei cambiamenti climatici perdureranno anche se tutti rispettassero gli impegni presi a Parigi nel 2015, e venissero applicate le limitazioni alle emissioni di gas serra per contenere il riscaldamento globale al di sotto di 2°C rispetto ai livelli preindustriali. Tra gli effetti deleteri, l’innalzamento del livello del mare continuerà ad essere una delle conseguenze dirette più gravi.

  • economia forestale

    L'artefice del Bosco Verticale di Milano, ora impegnato nella ricostruzione di luoghi pubblici ad Amatrice, parla del nuovo ruolo socio-ambientale dell'architettura: dall'utilizzo di alberi e piante per mitigare il clima urbano, a una nuova gestione "economica" del patrimonio forestale italiano per il quale, provocatoriamente, invoca un "Ministero del Legno".

  • impatto fotovoltaico

    Uno studio del CNR analizza le prospettive aperte dalla rivoluzione energetica solare. La crescita del comparto negli ultimi anni è stata vertiginosa, al punto che potrebbe oggi fornire elettricità sufficiente al fabbisogno annuo di un paese come l’Italia.
    A livello europeo basterebbe una superficie pari allo 0.6% del demanio comunitario utilizzata a fotovoltaico per coprire l’intero fabbisogno energetico dell’Ue.

  • Il dissesto idrogeologico nazionale e le sue contraddizioni reference

    Secondo dati ISPRA del 2010, 7.145 comuni italiani (l’88,3% del totale) è interessato da qualche elemento di pericolosità territoriale; tra questi il 20,3% (1.640 comuni) presentano aree ad elevato (P3) o molto elevato (P4) rischio frana, il 19,9% (1.607 comuni) presentano aree soggette a pericolosità idraulica (P2) mentre il 43,2% (3.893) presentano un mix dei rischi potenziali (P2, P3, P4).

  • clima legambiente

    In Italia gli effetti del cambiamento climatico hanno già sortito conseguenze molto gravi; dal 2010 sono stati 250 gli eventi che hanno provocato danni rilevanti nei territori, con la morte di 250 persone e l’evacuazione di oltre 40mila. Appare necessaria, dunque, su questo fronte, una svolta delle politiche che indirizzino il paese verso una visione di futuro diversa, riqualificando le città nella lotta ai cambiamenti climatici e ripensando l’economia.

  • cambiamenti climatici

    Presentato il dossier Legambiente "Le città italiane alla sfida del clima". I dati parlano chiaro: in Italia dal 2010 i fenomeni collegati ad eventi atmosferici estremi  (allagamenti, frane, esondazioni) sono stai 204 distribuiti in 101 comuni. Secondo i dati del Cnr solo le inondazioni dal 2010 al 2015 hanno provocato nel nostro Paese la morte di 140 persone e l’evacuazione di oltre 32mila cittadini. 43, invece, i giorni di blackout elettrici dovuti al maltempo.

  • cambiamento climatico incendi Australia

    Prendendo spunto dal libro "Effetto serra, effetto guerra", scritto a quattro mani da un climatologo e da un diplomatico, mettiamo in luce le strette relazioni tra il cambiamento climatico e le crisi politiche all'origine di alcuni conflitti. Un riscaldamento globale che ormai è certificato da tutta la comunità scientifica, e che nella penisola italiana procede a ritmo quasi doppio che altrove, a causa delle caratteristiche del territorio e delle dinamiche atmosferiche sul bacino del Mediterraneo.

  • marcia per il Clima. A Roma si parte da Campo dei Fiori reference

    Mancano ormai pochi giorni all’apertura della COP21 di Parigi sui cambiamenti climatici e il popolo del clima torna a mobilitarsi per chiedere ai propri rappresentanti che nella capitale francese si stringa un accordo ambizioso e in grado di assicurare un futuro giusto e sostenibile per tutto il pianeta.

  • concerto sostenibilità

    Lunedì 22 aprile La Terrazza del Pincio di Roma ospiterà l'ormai tradizionale Concerto per la Terra di Earth Day Italia che celebra la Giornata Mondiale della Terra (Earth Day) istituita dalle Nazioni Unite nel 1970.
    Per la terza edizione consecutiva il concerto, gratuito per cittadini e turisti, avrà luogo su uno dei belvedere più suggestivi della Capitale. Carmen Consoli, Marina Rei, Paolo Benvegnù, Mirkoeilcane, Eva Pevarello si avvicenderanno sul palco a partire dalle 19, testimoniando col loro talento l'impegno del mondo della musica per la salvaguardia del Pianeta.

  • Il 15 del mondo e area protetta. Unep bene ma bisogna fare di piu reference

    Seconso il rapporto Unep "Planet Protected 2016", il 15% del territorio mondiale e il 12% delle acque del mondo si trovano all’interno delle aree protette. Un segnale incoraggiante per la conservazione del capitale naturale del mondo, ma ancora insufficiente se si pensa che l’80% delle zone più importanti dal punto di vista della biodiversità non è ancora sotto tutela.

  • "Compra in valle, la montagna vivrà" è lo slogan che ha lanciato Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti montani) per salvare i negozi di montagna. I dati dell’Osservatorio regionale sul commercio indicano in Piemonte 81 comuni senza neanche un negozio e il fenomeno della desertificazione in crescita.

    "Luoghi di incontro e di servizio, non solo attività commerciali. Questo sono i negozi di montagna che stanno scomparendo. I paesi senza le botteghe, i bar, le vetrine di artigiani sono più poveri. La questione è sotto i riflettori, anche se per tante persone che popolano le terre alte è ormai tardi per cambiare le cose".

  • g20

    La riunione del G20 a Hangzhou, in Cina, ha prodotto un momento storico, la ratifica contemporanea dell'Accordo di Parigi di Stati Uniti e Cina, e un documento finale, il cosiddetto "Consenso di Hangzhou", in cui le venti maggiori economie planetarie hanno delineato le future politiche comuni sul piano della finanza, dell'economia e dello sviluppo.

  • CiboBiologico

    In un maso dell'Alto Adige qualcuno alleva, coltiva e vende piante e animali rari senza chimica o manipolazione genetica; produzioni e tecniche quasi dimenticate che trovano un nuovo mercato nella gastronomia d'eccellenza.

  • 730 2015 03 04

    L’Ong ha pubblicato il rapporto “Pesticide application as routine in EU apple production - L’abuso di pesticidi nella produzione europea di mele”, con i risultati di un’analisi sulle mele acquistate nei supermercati di 11 diversi Paesi europei, Italia compresa, prendendo in esame 23 catene di supermercati.

  • ilva

    ILVA, Carbon e Plastic Tax, mobilità elettrica ed energie rinnovabili. Edo Ronchi, presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, fa un punto sul percorso italiano lungo la strada degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, commentando l'argomento più caldo del momento: il destino dell'acciaieria più grande d'Europa.

    Produrre acciaio è un dovere per l'Italia? La Legge di Bilancio in discussione può bastare a lanciare il Green New Deal, la svolta verso la sostenibilità annunciata dal Governo? Come evolvono le energie rinnovabili e le emissioni di gas serra nel nostro paese? L'Italia è in linea con gli impegni presi con l'ONU e l'Unione Europea per un futuro più sostenibile? Le tasse sull'utilizzo di plastiche e fonti fossili sono strumenti utili o provvedimenti di facciata? Edo Ronchi, già Ministro dell'Ambiente negli anni '90, fondatore dei Verdi ed oggi esperto di green economy, analizza le luci e le ombre delle politiche ambientali italiane.

  • Durante la Conferenza di presentazione dei prossimi Stati Generali della Green Economy il sorprendente dato, frutto di un’analisi della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile: Italia meglio di Germania, Regno Unito, Francia e Spagna. 

    
Nel confronto tra le cinque principali economie europee, la green economy italiana si colloca al primo posto per quota di rinnovabili, riciclo dei rifiuti speciali, emissioni pro-capite nei trasporti e nei prodotti agroalimentari di qualità certificata mentre sul fronte dell’efficienza energetica, della produttività delle risorse e dell’agricoltura biologica conquista il secondo posto. 

  •  Global Climate Strike

    Venerdì 27 settembre, al culmine della Climate Action Week (20-27 settembre) i giovani dei Fridays For Future scendono per le strade delle maggiori città del mondo per il terzo Sciopero Globale del Clima. Seguendo l'esempio di Greta Thunberg presidieranno palazzi del potere e istituzioni per chiedere... che cosa?

  • Gli italiani si fidano del vetro

    Il vetro per gli italiani è sicuro, sostenibile e riciclabile.
    Nonostante la disponibilità sul mercato di nuovi materiali, il vetro è considerato dai più insostituibile in numerosi ambiti, soprattutto in quello relativo alla sicurezza del cibo dove il vetro rimane il materiale di cui ci si fida di più.
    Lo sottolinea uno studio – condotto dal Censis e Assovetro – che ha rilevato il “Valore sociale di prodotti e attività dell’industria vetraia in Italia”. Nel Belpaese, infatti, sono 28 milioni le persone che considerano il vetro il miglior materiale in utilizzi e ambiti decisivi della vita; 15,5 milioni, invece, gli italiani che ritengono non ci sia alcun utilizzo o ambito in cui possa essere sostituito.

  • Vigneto a tendone in agro di Barletta

    A Corleone e Monreale le terre confiscate alla mafia sono gestite da vent'anni da una cooperativa sociale. "Lavoro e non solo" ospita giovani da tutta Italia per lavorare la terra e diffondere la cultura della legalità. Gli esperti e gli anziani del luogo collaborano per produrre alimenti biologici che finanziano le attività.

  • Giornata informativa I finanziamenti dellUnione europea 2014 2020

    Active Citizenship Network presenterà uno dei propri progetti Europei, “Citizenergy - European citizens for renewable”, durante la giornata formativa che lo Europe Direct Roma sta organizzando per il prossimo 9 novembre 2016 a Mentana, su “I finanziamenti dell’Unione europea 2014-2020 e le fonti di informazione europee”.  

  • The Svalbard Global Seed Vault was built to protect millions of food crops from climate change

    Lo scorso dieci settembre il ghiaccio del Mar Glaciale Artico ha raggiunto la sua estensione minima stagionale con 4,14 milioni di chilometri quadrati. Nei primi giorni di settembre persi oltre 34.000 chilometri quadrati di ghiaccio al giorno.

  • g7ambiente clima bologna

    Chiuso a Bologna il G7 ambiente. Tra i punti principali sul tavolo dei grandi della terra gli avanzamenti dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e la definizione dell'Agenda 2030 relativa allo sviluppo sostenibile, due documenti delle Nazioni Unite che impongono ai governi un netto cambio di prospettiva nella programmazione della loro crescita economica e uno sforzo maggiore che unisca progresso, equità e tutela del pianeta.

  • forestale

    Il disegno di legge sulla riforma della Pubblica amministrazione, presentato al Parlamento dal premier Renzi e dal ministro Marianna Madia, prevede l’accorpamento tra Corpo Forestale e Polizia di Stato. Circa 8mila uomini e donne che vestono la divisa verde confluirebbero nella Polizia di Stato, andandosi a sommare ai circa 95mila poliziotti, e passando dalle dipendenze del ministero delle Politiche Agricole a quello dell’Interno.

  • RIUSO IMMOBILI PUBBLICI: AL VIA PROGETTO PER COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONI
    Agenzia del Demanio, Fondazione Patrimonio Comune (ANCI) e Cittadinanzattiva Onlus hanno firmato Accordo per l’avvio e l’attuazione di iniziative di collaborazione tra cittadini e amministrazioni per il riuso di spazi abbandonati

    Roma, 15 ottobre 2015 – Per favorire iniziative di riuso degli immobili pubblici, così come prevedono gli articoli 24 e 26 dello Sblocca Italia (D.L. n. 133/2014), è stato firmato oggi un Protocollo d’intesa tra Roberto Reggi, Direttore dell’Agenzia del Demanio, Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva Onlus e  Alessandro Cattaneo, Presidente di Fondazione Patrimonio Comune (ANCI).

     

  •  

    L’Agenzia del Demanio, in collaborazione con Fondazione Patrimonio Comune (ANCI) e Cittadinanzattiva Onlus, firma un protocollo d’intesa per l’avvio di un progetto pilota finalizzato alla promozione, all’avvio e all’attuazione di iniziative di collaborazione tra Cittadini e Amministrazioni per il riuso di beni inutilizzati e spazi abbandonati.

    Dalla pagina ufficiale dell'Agenzia del Demanio.

     

  • cambiamento climatico copy

    In un video messaggio alla conferenza internazionale che ha lanciato la campagna di mobilitazione per l'Earth Day 2020, il Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca ha ribadito la necessità dell'Italia di centrare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 ed ha annunciato per il 2020 l'apertura di un dibattito nazionale che coinvolgerà scuola e università sul futuro del nostro Paese.

    Earth Day Network, l'organizzazione incaricata dall'ONU di celebrare ogni anno la Giornata Mondiale per la Terra (Earth Day), il 22 ottobre, a sei mesi esatti dalla ricorrenza, ha lanciato la mobilitazione generale per portare i temi ambientali alla ribalta del dibattito globale. Tra i testimonial, i leader, gli artisti e i rappresentanti di associazioni intervenuti alla conferenza stampa internazionale, unico rappresentante italiano è stato Lorenzo Fioramonti. Il Ministro dell'Istruzione ha ribadito l'urgenza di agire in contrasto ai cambiamenti climatici e alle diseguaglianze sociali, seguendo le scadenze dell'Agenda 2030 dell'ONU. Fioramonti ha anche sottolineato il ruolo dell'Earth Day, che nel suo 50° anniversario si pone come catalizzatore di forze vive per un effettivo cambiamento socio-economico globale.

  • cambiamento climato

    Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile e Next Nuova Economia perTutti lanciano l'idea di orientare la tradizionale spesa familiare del sabato al consumo consapevole. Sabato prossimo, 28 settembre, all'indomani dello sciopero globale dei già celebri "Fridays For Future", partirà la mobilitazione nazionale dei "Saturdays For Future".

    Enrico Giovannini, economista, accademico, ex ministro del lavoro e portavoce dell'ASVIS - l'associazione che promuove in Italia Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU - racconta la genesi e gli scopi dei "Saturdays For Future". La campagna di sensibilizzazione invita i consumatori italiani a scegliere prodotti la cui filiera rispetti criteri di tutela ambientale e diritti umani dei lavoratori. L'iniziativa invita anche istituzioni, produttori e grande distribuzione a non "lasciare soli" i consumatori in questo percorso di consapevolezza, aumentando le informazioni disponibili sulle etichette anche grazie alla tecnologia.

  • fao warns of famine catastrophe in south sudan 4160ed984b9cc173871a8c82a74f147b

    L'organizzazione delle Nazioni Unite lancia l'allarme sulla contaminazione dei container commerciali. Animali e piante infestanti sbarcano ovunque, provocando più danni dei disastri naturali e delle fuoriuscite di petrolio.

  •  failacosagiusta 800x450

    Anche Cittadinanzattiva partecipa a "Fa' la cosa giusta Umbria", la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, in programma a Bastia Umbra dal 30 settembre al 2 ottobre.

    Cinque gli appuntamenti promossi dalla nostra organizzazione.

  • tav

    L’autore napoletano Erri De Luca è stato assolto dall’accusa di istigazione al sabotaggio nel corso del processo che si è svolto a Torino. Lo scrittore era stato imputato per alcune dichiarazioni rilasciate in un’intervista nel 2013 in cui sosteneva che il progetto del treno ad alta velocità andava sabotato.

  • Mancano meno di 5 anni: entro il 2020 la popolazione globale di specie animali e vegetali potrebbe crollare del 67%. Il peso insostenibile della  mano dell’uomo sulla fauna selvatica  è solo uno dei numerosi segnali che ci manda il Pianeta Terra e che il WWF ha raccolto nel Living Planet Report. 


  •  End Plastic Pollution. Al via la campagna sulla plastica reference

    La plastica è il principale rifiuto prodotto dall’uomo presente negli oceani; un inquinamento che produce danni incalcolabili per ambiente, ecosistemi e specie animali. Considerando esclusivamente il Mar Mediterraneo, ad esempio, si calcolano circa 250 miliardi di frammenti di plastica sparsi nell’acqua. Una situazione divenuta insostenibile e che merita un intervento immediato oltre che una presa di coscienza decisa da parte di cittadini e istituzioni.

  • Nel 2014 emissioni in calo del 7% rispetto al 2013. Complessivamente meno 20% tra il 1990 e il 2014. Lo rende noto la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in occasione dell'anniversario dell'entrata in vigore del Protocollo di Kyoto. Approfondisci

  • emissionidiCO2inaumento

    Nonostante i buoni propositi, negli ultimi anni si registra un aumento delle emissioni di anidride carbonica nel nostro paese. La lieve ripresa economica italiana va di pari passo ad un altrettanto lieve, ma preoccupante aumento di CO2 pro capite dopo un decennio di forte calo. Lo rivela il nuovo Documento di Economia e Finanza del 2018, e in particolare l'allegato "Indicatori di benessere equo e sostenibile" i cui dati non lasciano dubbi.

  • elezioni2018

    Duecento associazioni, organizzazioni, enti e istituzioni organizzate nella Coalizione Clima scrivono ai candidati chiedendo impegni seri per la decarbonizzazione del Paese e la lotta ai cambiamenti climatici.

    Coalizione Clima, una rete di oltre 200 tra organizzazioni del terzo settore, sindacati, imprese, scuole e università ha lanciato un appello a tutti i partiti e alle coalizioni in vista delle prossime elezioni politiche italiane.

  • ecobus

    È un’Italia sempre più efficiente, ma non ancora in “Classe A” quella che esce dal 6° Rapporto Annuale sull’Efficienza Energetica dell’ENEA. Grazie alla spinta degli ecobonus negli ultimi 3 anni sono stati fatti investimenti per 9,5 miliardi di euro (3,3 nel 2016) per circa 1 milione di interventi.

  •  energiarinnovabilejpg

    L'Unione Europea ha promosso e sottoscritto accordi globali, vincolanti anche per l'Italia, per la riduzione delle emissioni nocive, stabilendo obiettivi a medio e lungo termine per ridurre i consumi e convertire la produzione di energia dalle fonti fossili alle rinnovabili.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.