Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

  • bambini adolescenti

    WeWorld Onlus lancia il WeWorld INDEX 2015, un nuovo rapporto sulla condizione di bambine, bambini, adolescenti e donne nel mondo, il prossimo 23 giugno alla Farnesina, partendo dall’assunto che il progresso di una società dovrebbe essere misurato non solo attraverso indicatori economici, ma anche analizzando le condizioni di vita dei soggetti più deboli o comunque più a rischio di “esclusione sociale”.

    Leggi di più

  • L'Associazione Genitori della Toscana denuncia che le iscrizioni online, appena chiuse, possono creare spiacevoli sorprese sulla questione del tempo pieno e spiegano come denunciare e far valere il proprio diritto al tempo prolungato. Leggi di più

  • Cittadinanzattiva è tra le associazioni che negli anni ha contribuito alla stesura dei Rapporti di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia. Il Gruppo di lavoro ha dato vita a questo rapporto sia per predisporre annualmente un aggiornamento sull'attuazione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia che per individuare precise Raccomandazioni da presentare al Governo italiano sulle singole tematiche affrontate.

  • Cittadinanzattiva è tra le associazioni che negli anni ha contribuito alla stesura dei Rapporti di aggiornamento sul monitoraggio della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia. Il Gruppo di lavoro ha dato vita a questo rapporto sia per predisporre annualmente un aggiornamento sull'attuazione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia che per individuare precise Raccomandazioni da presentare al Governo italiano sulle singole tematiche affrontate.

     

  • Il Consiglio di Stato accoglie il ricorso di un gruppo di studenti di Bologna per quanto riguarda la disparità di trattamento nei test di ammissione universitari. Il numero chiuso ora è al vaglio della Corte Costituzionale che si dovrà pronunciare in merito. Due gli scenari possibili: o l'eliminazione dei test di accesso, o la compilazione di una graduatoria nazionale invece che per singolo ateneo. Per cui, chi non è rientrato fra gli ammessi in un ateneo potrebbe rientrare in quello di un'altra città. Leggi di più. Leggi la sentenza

  • Legalità (7%) e cittadinanza (6%) sono fanalini di coda nelle materie di aggiornamento degli insegnanti delle scuole elementari e medie italiane; in testa alla classifica vi sono le nuove tecnologie, per le quali il 53% dei docenti ha seguito corsi di formazione ad hoc. Anche se poi ben il 18% delle stesse scuole dichiara di non far utilizzare per niente le tecnologie informatiche agli studenti. Sono alcuni dei dati che emergono dal Monitoraggio su Piani dell’offerta formativa, valutazione, formazione dei docenti ed altro ancora, presentato dal Ministero dell’Istruzione ed al quale hanno partecipato oltre 10.000 scuole. Approfondisci e scarica il documento

  • I termini per la presentazione delle candidature delle scuole al programma Scuola Digitale. sono stati prorogati all'11 Marzo 2013. Lo slittamento della scadenza aiuterà gli istituti a terminare un processo molto complicato. Per saperne di più

  • minori

    Nasce una piattaforma per spiegare ai bambini i loro diritti nelle aule di giustizia: attraverso illustrazioni, giochi ed esempi vengono spiegate le Linee guide per una giustizia child friendly, adottate nel 2010 dall'Unione europea e rimaste per ora solo sulla carta. Il materiale è scaricabile e può essere utilizzato nelle scuole o in altri luoghi di ritrovo di bambini e ragazzi.

  • diritti dellinfanzia

    I Garanti per l'nfanzia di varie regioni denunciano situazioni al limite in diverse zone del Paese.  In Campania ad esempio le criticità sono molte: baby gang, gioco d'azzardo minorile, obesità infantile, evasione scolastica. Nel mezzogiorno mezzo milione di minori vive sotto la soglia di povertà, 1 bambino su 4 non ha soldi a sufficienza per alimentarsi e vestirsi, il numero di minori che non frequenta la scuola è purtroppo in costante crescita.

  • 158 insegnanti e 3.297 studenti di 55 scuole piemontesi  hanno avviato il progetto “Diari di Viaggio. Educare ad una cittadinanza mondiale condividendo a scuola le esperienze di migrazione". Promosso dal Consorzio delle Ong Piemontesi,il progetto vuole favorire il processo di crescita personale e di integrazione sociale dei giovani stranieri tra i 6 e i 18 anni. Leggi di più

  • Si è svolto a Roma il “Carnevale della cittadinanza”, una giornata all’insegna dell’allegria per attirare l’attenzione su un tema su cui però non c’è nulla da scherzare: la legge che riforma il diritto alla cittadinanza, ferma al Senato da ben 450 giorni, in attesa di essere discussa. Alla manifestazione hanno partecipato tantissimi bambini, associazioni e parlamentari per dare voce ad uno slogan comune: “Non si può più aspettare, non si può fare questo gioco sulla pelle dei bambini”.

  • Ce lo chiedono per le gite e i corsi, ma anche per acquistare cancelleria e detersivi nelle scuole. E' il contributo volontario, ormai tanto diffuso nelle nostre scuole, come mostra l'inchiesta di Repubblica, da non sembrarci più tanto volontario... Ecco tutto quello che 'c'è da sapere su questa ulteriore "tassa"

  • tutorvolontariimmigratiboomdidomande

    È trascorso un anno dall’entrata in vigore della Legge n. 47 del 2017 che promuove la figura del tutore volontario, selezionato su base regionale dai Garanti per l’infanzia e l’adolescenza, per la protezione e l’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati.  Si tratta di una legge innovativa, che permette ai minori soli di essere protetti e accompagnati nello loro crescita, al pari di ogni altro bambino e adolescente. A un anno esatto dalla promulgazione della legge quasi 4.000 cittadini, in tutta Italia, hanno dato la loro disponibilità a diventare tutori volontari: l'entusiasmo e la partecipazione di così tante persone che si sono proposte volontariamente per fare da guida ad un minore straniero, dare preziosi consigli nelle scelte di vita quotidiana, supportarlo nelle vicissitudini burocratiche e stare al suo fianco nel percorso di integrazione nel nostro Paese, è uno degli aspetti più positivi della legge.

  •  Tutori minori non accompagnati tanti aspiranti poche nomine copy copy

    Il Garante Nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza ha fornito i dati relativi alle nomine dei volontari che hanno deciso di candidarsi per ricoprire la figura di tutore dei minori non accompagnati. Oltre quattromila sono i cittadini che hanno dato la loro disponibilità, ma pochi sono stati i tutori nominati: solo 1.166 quelli inseriti negli elenchi dei Tribunali dei Minori ed appena 258 quelli nominati. Dati che, a fronte del numero dei minori stranieri non accompagnati, ben 13.838, sembrano davvero esigui. Si tratta di un flop? Il problema appare legato a una norma transitoria che prevede che il passaggio di competenza al Tribunale dei Minori valga solo per i ragazzi arrivati dopo il 3 marzo 2018.

  • tuchegenitotisei

    Fare il genitore è senza dubbio il lavoro più diffcile che esista. A far riflettere sulla crescita e lo sviluppo dei figli arriva il libro di Patrizia Pasquini dal titolo: "Tempo lineare: Osservare, Conoscere, Aiutare i bambini e i genitori" . Un testo che parla del rapporto tra adulti e bambini, della famiglia e dell'educazione della prima infanzia.

  • In una lettera inviata dal commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa, Nils Muiznieks, al Presidente del Senato, Strasburgo dice no alla riforma della giustizia minorile in Italia. Il provvedimento, al momento in esame in Aula, prevede la soppressione dei tribunali per i minorenni e l'accorpamento degli uffici minorili a quelli ordinari, con la creazione di “sezioni distrettuali” nei tribunali ordinari e di “gruppi specializzati” nelle procure ordinarie, tuttavia con un rischio elevato per la perdita secca di specializzazione e di indebolimento del ben consolidato sistema di protezione dei diritti dei minori che vige in Italia.

  • Tribunale di Firenze prima adozione gay in Italia

    Sentenza storica del Tribunale per i minorenni di Firenze. Il giudice ha disposto la trascrizione anche in Italia dei provvedimenti emessi da una Corte britannica e ha così riconosciuto l’adozione di due bambini da parte di una coppia gay, senza la sussistenza di legami biologici. E’ la prima volta che accade in Italia: si tratta di un altro passo avanti sulla strada dei pari diritti fra coppie etero e omosessuali.

  • test.invalsi

    Il quadro emerso dai risultati dell'Invalsi conferma il solito trend, un forte divario tra nord e sud a confermare che l'istruzione italiana non cambia. Nel meridione i risultati più bassi del 30%. Le ragazze più brave nelle materie linguistiche mentre i maschi in matematica, i ragazzi stranieri più bravi in inglese ma nel resto delle materie i punteggi sono nettamente inferiori rispetto ai loro compagni italiani. Risulta molto influente la situazione socio economica delle famiglie di provenienza.

  • Pubblicato sul sito del Ministero dell'Istruzione il Protocollo di intesa con la rete Scuola di cittadinanza attiva per promuovere la cultura della legalità, della sicurezza e della cittadinanza nelle scuole. Leggi di più

  • Lo studente disabile lasciato ingiustamente senza insegnante di sostegno va risarcito: lo stabiloscono due sentenze del Tar della Campania e della Sardegna. Mentre in diverse scuole della provincia di Belluno manca personale per l'assistenza ai disabili, e si chiedono contributi alle famiglie. Approfondisci

  • Entro il 31 gennaio le Regioni devono aver predisposto i Piani di dimensionamento scolastico previsti dalla legge 111 del 2011. L'obiettivo è arrivare ad una media regionale di 1000 alunni per istituto. L'associazione dei Dirigenti scolastici invia una lettera al Ministro Profumo perchè riveda i criteri per il ridimensionamento. Approfondisci su www.disal.it. Sul sito di Orizzonte scuola le notizie aggiornate sulle Regioni che stanno via via approvando i loro Piani.

  • stepchild si

    E’ arrivato il primo ok alla c.d. “stepchild adoption”, ovverosia alla adozione dei figli da parte del convivente: si tratta del primo caso in Italia. Il Tribunale dei Minori di Roma ha infatti trattato e giudicato positivamente l'adozione di due bambine da parte della compagna della madre: la novità è che ciascuna delle due donne era contemporaneamente madre biologica di una bambina e chiedeva l’adozione dell’altra.

  • Cittadinanzattiva ha aderito all’appello pubblico lanciato dall'Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia (Aimmf) contro le previsioni della riforma del processo civile che in pochissimi giorni ha ottenuto moltissime adesioni da tutta Italia. I timori e le preoccupazioni nascono dal fatto che la proposta di legge approvata dalla Camera contempla la soppressione dei tribunali per i minorenni e l'accorpamento degli uffici minorili a quelli ordinari, con la creazione di “sezioni distrettuali” nei tribunali ordinari e di “gruppi specializzati” nelle procure ordinarie.

  • Parte il ricorso collettivo contro la riduzione delle ore di sostegno nelle scuole elementari romane. Sul sito del Coordinamento Scuole elementari di Roma tutte le informazioni in proposito ed inoltre la possibilità di scaricare il Piano di ridimensionamento scolastico per l'anno 2012-2013 emanato dalla Regione Lazio. Approfondisci

  • L’incredibile vicenda si è consumata in una scuola elementare di Mugnano, a nord di Napoli, dove un gruppo di genitori, dopo aver saputo della presenza in classe di un ragazzino autistico, ha deciso di trasferire i loro figli in altre sezioni o scuole. Il commento di Gianluca Nicoletti sul suo blog Obliqua-mente

  • tribunale minori
    E’ dei primi giorni del mese di agosto la decisione presa dal Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, di stralciare la norma relativa all’abolizione del Tribunale per i Minorenni dalla riforma del processo civile attualmente in esame al Senato. Per le associazioni che da mesi si stanno battendo per impedire la soppressione del Tribunale si tratta di una decisione che desta grande soddisfazione per chi è quotidianamente impegnato sul campo per una tutela giuridica davvero a misura di bambino e delle famiglie.

  • Tagliate le risorse per il sostegno all'istruzione ai ragazzi ricoverati. Silvia, 15 anni di Genova, racconta: "Solo un'ora di insegnamento in tre mesi". Leggi di più. Maggiori info sul progetto Scuola in ospedale

  • Sabato 16 febbraio si terrà ad Asti un convegno che ha un obiettivo preciso: dare un messaggio chiaro alla politica italiana affinchè si impegni a garantire la sicurezza nelle scuole del nostro Paese. Le scuole devono essere luoghi di cultura e non di tragedie, ed è con questo principio di fondo che  gli organizzatori del convegno chiedono ai candidati alle prossime elezioni una dichiarazione di impegno in materia di sicurezza scolastica. Per saperne di più

  • Tra qualche giorno sarà pubblicato il bando dedicato alle scuole innovative e scadrà il 30 di Agosto. Il concorso previsto dalla legge 107 della Buona Scuola ha l'obiettivo di dotare il Paese di 52 nuove scuole all'avanguardia, sostenibili a misura di studente. Sono stati messi a disposizione 350 milioni di euro dall'Inail. Una commissione di esperti selezionerà i tre progetti vincitori in palio: 25.000; 10.000; 5.000 euro.

  • I dirigenti delle scuole del Sud contestano i progetti PON, ossia quelli finanziati dal Ministero dell'Istruzione, tramite fondi europei, per promuovere nuove modalità di fare scuola, attivare la comunità educante e contrastare la dispersione scolastica.

    "Le risorse a volte sono state utilizzate in maniera superficiale, senza una progettazione vera che portasse ad affrontare problemi decennali, a cominciare dall’abbandono scolastico. Serve un monitoraggio qualitativo più serio", afferma Maria Giuliana Fiaschè, dirigente scolastica a Roccella Jonica. 

  • La proposta del senatore Monti di tener chiuse le scuole solo durante il mese di agosto ha scatenato polemiche e malcontenti. Vi proponiamo una analisi della Voce.info che, attraverso dati e studi, spiega che ridurre le vacanze estive  aiuterebbe le famiglie meno abbienti e l’istruzione dei loro figli, riducendo i divari di apprendimento causati dalle lunghe pause. Ma i continui tagli alla scuola, il clima e le infrastrutture inadeguate renderebbero difficile una riforma del calendario scolastico. Approfondisci

  • Era stata una minaccia dell'Unione italiana Province, quella di chiudere le scuole perchè non ci sono più soldi per riscaldarle. Ma ora sembra diventi realtà, almeno a Milano, dove la Provincia ha emanato una circolare che invita i dirigenti, dal prossimo anno, a lasciare le scuole chiuse il sabato per ovviare alle "ulteriori forti diminuizioni di spesa previste per il riscaldamento".
    E seppur nella autonomia scolastica, trattasi sempre di un caldo invito per ovviare alla fredda stagione e a bilanci sempre più magri.

  • Più autonomia alle scuole, diverso reclutamento per gli insegnanti, un rapporto collaborativo tra il centro (il ministero) e il territorio (le scuole). Sono i punti principali del piano per la scuola illustrati nei giorni scorsi dal ministro dell'Istruzione Francesco Profumo. Leggi di più

  • Questo il titolo del progetto del Ministero dell'Istruzione, che da gennaio pubblicherà sul proprio sito web le "carte d'identità" degli Istituti Scolastici. Diverse le informazioni contenute nelle schede: numero di docenti, di classi, eventuale presenza di laboratori e palestre; esiti degli esami, percentuali di assenze e abbandono scolastico: tutti quei dati, in altre parole, utili ad orientare i genitori nella scelta dell'Istituto a cui iscrivere il proprio figlio. Approfondisci

  • Mentre il Ministro Profumo annuncia la "rivoluzione digitale" nelle scuole, l'Unione degli studenti denuncia che dal prossimo 20 ottobre 3.800 istituti, per motivi economici, perderanno la connessione gratuita al web. Cittadinanzattiva nel suo ultimo Rapporto denuncia che una scuola su tre è senza aula computer. Leggi sul sito dell'UDS. E sul sito di Agenda digitale un approfondimento sulla attuale situazione tecnologica delle scuole italiane.

  • tribunale.lgbt

    Nuovo passo in avanti per il riconoscimento delle coppie omogenitoriali: prima la sentenza della Corte di Appello di Napoli ed ora la decisione dei Tribunali di Pistoia e di Bologna sanciscono il riconoscimento dei diritti della madre non biologica in virtù della Legge 40 sulla fecondazione assistita. La Corte di Appello di Napoli ha infatti accolto la richiesta di stepchild adoption avanzata da due madri, stabilendo che la madre non biologica è madre sin dalla nascita del bambino per aver accettato e condiviso il progetto della procreazione assistita.

  • Nel 2010-2011 circa il 10% delle famiglie degli alunni con disabilità ha presentato un ricorso al Tribunale civile o al Tribunale amministrativo regionale per ottenere un aumento delle ore di sostegno. E' uno dei dati che emerge dalla ricerca del Censis e della Fondazione Serono. In generale, con 438 euro pro-capite annui, l’Italia si colloca molto al di sotto della media dei Paesi dell’Unione Europea (531 euro) nella graduatoria delle risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilità. Scarica la sintesi della ricerca. Leggi anche il commento di Franco Bomprezzi

  • E' quello che è accaduto per alcuni studenti di Marettimo, una piccolissima isola dell'arcipelago delle Egadi. Sull'isola esisteva solo la scuola elementare e per i ragazzi che dovevano frequentare le scuole medie era un bel problema, le famiglie avrebbero dovuto trasferirsi. Così da necessità, virtù, i genitori e gli insegnanti hanno provato a usare la tecnologia e sperimentare lezioni a distanza, un vero e proprio successo, accolto dai ragazzi con entusiasmo. Una buona pratica in grado di trasformare le piccole scuole isolate in scuole del futuro, capaci di dare agli studenti che le frequentano maggiori stimoli. Per saperne di più

  • Il Garante della privacy ha tassativamente vietato la pubblicazione di foto di adolescenti su Facebook, relative ad attività legate alla scuola  e non solo. Il  provvedimento infatti regola anche la pubblicazione di video e la lettura di temi “personali” in classe. Per saperne di più

  • Le scuole hanno un mese di tempo, dal 10 febbraio al 12 marzo, per presentare le domande di partecipazione al progetto sperimentale "Vales" per la valutazione esterna delle scuole e, per la prima volta, dei dirigenti scolastici. Il modulo si trova sul sito del ministero

  • Il prossimo martedì 17 giugno, presso la Camera di Commercio di Roma verrà presentato il VII Rapporto di aggiornamento sui Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza nel nostro Paese. Interverranno Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti e Vincenzo Spadafora, Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza. Scarica l'invito

  • E' l'appello lanciato dalle Associazioni che aderiscono al gruppo di lavoro per la convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, e che hanno sollevato il problema della scarsa partecipazione ai lavori della Commissione Parlamentare da parte dei rappresentanti. Il numero dei parlamentari presenti alle sedute è infatti sempre irrisorio. Leggi la lettera sottoscritto dal gruppo CRC

  • Se molti ne sono convinti già da tempo, una conferma "istituzionale" della necessità di favorire la partecipazione dei genitori alla vita scolastica viene dalle Linee di indirzzo emanate dal Ministro Profumo, in cui si parla addirittura di progettazione partecipata. Sul sito dell'Associazione Genitori della Toscana una interessante guida per genitori che vogliono o "devono", in qualità di rappresentanti di classe o di istituto, coinvolgere altri genitori e far acquisire loro competenze e passioni da condividere all'interno della scuola.

  • minori non accompagnati

    Per la prima volta in Italia e in Europa, viene messa a sistema la tutela dei minori stranieri non accompagnati: la legge 47 del 7 aprile 2017 introduce infatti la nuova figura del tutore volontario. Si tratta di privati cittadini, adeguatamente selezionati e formati, guidati dalla volontà di vivere una nuova forma di genitorialità sociale e di cittadinanza attiva, con l’obiettivo di incarnare una nuova idea di tutela legale attenta alla relazione con bambini e ragazzi che vivono in Italia senza adulti di riferimento, capace di farsi carico dei loro problemi ma anche di farsi interprete dei loro bisogni e garante dei loro diritti.

  • Un servizio de “Le Iene” ha portato alla luce l’ennesima ingiustizia e la burocrazia senzo senso che colpisce i più deboli,  anche nel mondo della scuola. In particolare all’inizio di ogni anno vengono ridotte le ore dedicate ad un ragazzo autistico che secondo i funzionari scolastici dovrebbe andare a scuola per sole 6 ore settimanali. La madre  ogni anno ricorre a TAR che puntualmente le dà ragione: e la storia si ripete, con uno spreco di soldi sia per lo stato che, soprattutto, per la madre e il ragazzo, che continua a perdere ore di lezione. Guarda il video

  • Il fondo nazionale per l'infanzia e l'adolescenza è stato ridotto per il 2014 del 30%, si è passati da 40 a 28 milioni di euro. Un ulteriore taglio dopo una riduzione avvenuta nel duemila. Di fatto, è diventato un fondo destinato a sole 15 grandi città. Per saperne di più

  • Sembrerebbe di sì, visto che venerdì 20 si riunisce il Cipe per lo sblocco dei Fondi Fas destinati alle scuole e ad alcuni cantieri di metropolitane. Inoltre, il decreto sulle liberalizzazioni dovrebbe prevedere fondi per costruire mille scuole a basso impatto energetico. Leggi di più

  • figli separati

    L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha presentato la “Carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori” , un decalogo nato nell’interesse dei più piccoli, spesso travolti e “stravolti” nelle liti familiari degli adulti. In Italia i minorenni figli di genitori separati o divorziati sono quasi centomila: lo scopo, dunque, è quello di fissare in un documento - che definisce dieci punti ai quali i genitori dovranno cercare di aderire e che verrà inviato a consultori, avvocati, ordini professionali, agenzie educative - l’importanza di mantenere affetti costruiti negli anni, relazioni, senza perdere equilibrio, per vivere i rapporti in un clima di serenità.

  • Il Mammut di Scampia, il Centro Territoriale che da oltre dieci anni, sull'onda della faida di Scampia del 2005, opera nel campo della ricerca azione e della pedagogia attiva in ambito nazionale, lancia questa nuova avventura, il "Barrito dei Piccoli", il primo giornale della città per bambini realizzato dai bambini. Con il contributo di tanti intellettuali, artisti e giornalisti partenopei.

  • Minori non accompagnati ecco i numeri giornata mondiale infanzia adolescenti

    Il 20 novembre si è celebrata la Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza a favore dei bambini, troppo spesso vittime innocenti di abusi, guerre, povertà e maltrattamenti e costretti a vivere un'infanzia negata. In particolare, la presenza dei minori stranieri in Italia si è consolidata nel tempo: al primo gennaio 2017 sono più di 1 milione i minori stranieri iscritti nelle anagrafi comunali del nostro Paese e rappresentano un quinto della popolazione straniera residente.

  • minori in carcere

    Sono 453 i minori rinchiusi nei 17 Istituti Penitenziari Minorili d’Italia. Giovani ristretti, vite mozzate da violenze, che scontano la pena ma per i quali deve esserci un futuro diverso. Partendo dalla loro riabilitazione, per il loro reinserimento futuro nella società, attraverso attività di istruzione, sport e cultura.

  • Ogni anno lo denunciamo pubblicamente con i dati del Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e comfort delle scuole italiane che presentiamo a settembre: nei bagni delle scuole la carta igienica è un lusso. E qualche azienda ci prova a farsi pubblicità inviando rotoli agli studenti più meritevoli. Approfondisci

     

  • Caro Ministro, la possibilità per i cittadini di destinare l'8 per mille alla edilizia scolastica è già legge! E non una proposta, come lei dice nell'intervista a Fabio Fazio a "Che tempo che fa". Nel video della trasmissione (riportato da Il Fatto quotidiano)  l'equivoco, svelato da M5S che ha fatto approvare il relativo emendamento nella legge di stabilità.
    Nel comunicato di Cittadinanzattiva le richieste agli interlocutori istituzionali, perchè si diano forza e concretezza a questa importante novità per le nostre scuole

  • Il cibo è di buona qualità, la pulizia è adeguata, ma gli ambienti sono troppo rumorosi e non proprio accoglienti. Troppo poco diffuse le indagini sulla qualità percepita dagli studenti e l’unico strumento di partecipazione e controllo a disposizione delle scuole, ossia le Commissioni mensa, restano, ad oggi, poco presenti e inascoltate. Due bimbi su tre amano mangiare a scuola, ma solo uno su dieci dice di finire tutto quello che viene servito.

  • mense scolastiche cibi di qualita ma troppo rumore e le rette sono alte adriana

    Cittadinanzattiva su mense scolastiche: cibi di qualità, ma troppo rumore nei locali. E le tariffe elevate pesano sulle rinunce e le richieste del pasto da casa.
    Convocare Stati generali della ristorazione scolastica

    Il cibo è di buona qualità, la pulizia è adeguata, ma gli ambienti sono troppo rumorosi e non proprio accoglienti. Troppo poco diffuse le indagini sulla qualità percepita dagli studenti e l’unico strumento di partecipazione e controllo a disposizione delle scuole, ossia le Commissioni mensa, restano, ad oggi, poco presenti e inascoltate. Due  bimbi su tre amano mangiare a scuola, ma solo uno su dieci dice di finire tutto quello che viene servito.

  • I genitori non hanno soldi per pagare la mensa scolastica dei figli e il sindaco trova per loro uno spazio alternativo in cui mangiare il panino portato da casa all'interno della scuola. Succede a Cavenago Brianza. Diversamente a Livorno, dove "mangia anche chi non paga". Sul sito di Tgcom24 si scatena il dibattito

  • La mensa scolastica è inaccessibile e lo studente disabile deve arrivarci trasportato ''in braccio'', nonostante da almeno due anni la mamma abbia provato a far cambiare la situazione. Accade in una scuola media di Roma, ma come risulta dai dati dell'ultimo Rapporto Impararesicuri, il 17% delle mense scolastiche non è attrezzato per le disabilità. Cittadinanzattiva disponibile a seguire il caso. Leggi tutto

  • All’IPIA di Monza ogni cambio dell’ora si trasforma in un vero e proprio trasloco di banchi e sedie. Mancano all’appello 150 banchi ed altrettante sedie e non ci sono i soldi per comprarli.  All’inizio dell’anno gli arredi inutilizzabili sono stati buttati senza essere sostituiti, e l'aumento del numero degli iscritti costringe ogni ragazzo a portare con sè, ad ogni cambio d'ora, oltre allo zaino anche il banco e la sedia: una vera follia!. Per saperne di più

  • La situazione delle iscrizioni agli asili pubblici ed alle scuole materne, è molto preoccupante, pare infatti che molti bambini resteranno il prossimo anno "senza asilo". I posti del pubblico non soddisfano le richieste, molte città sono al tracolllo, come Roma, Napoli, Pescara, Milano. Leggi di più. Scarica il dossier di Cittadinanzattiva

  • scuola gatto edifici a forma di animale 3

    Se studiate in scuole italiane, guardando queste foto potreste essere colti da un moto di invidia o, se proprio siete dei sognatori, decidere di trasferirvi in uno di questi Paesi per far studiare i vostri figli in queste bellissime scuole.
    L’Huffington Post Francia ha scelto dieci tra le scuole più belle del Pianeta, dall'asilo all'Università. A forma di gatto, o con il tetto in erba, con grandi finestre o comodi pouf al posto delle sedie, nella selezione non c'è traccia di un istituto italiano.

  • Nasce su internet un social network nazionale di insegnanti, formatori ed educatori per raccogliere le storie della scuola che "funziona". A narrarle sono gli stessi insegnanti per far uscire fuori dalle aule, mettere in libertà e condividere in rete esperienze di successo, di vita, di emozioni, di problemi affrontati e comportamenti adottati in classe. Leggi di più

  • Dal prossimo anno scolastico, i libri di testo non potranno più essere solo cartacei ma dovranno essere accompagnati anche da un cd rom o essere interamente scaricabili da Internet.
    E se c'è chi ne prevede un risparmio per le famiglie (vedi il portale Skuola.net) c'è chi sottolinea il rischio di un colpo al mercato dell'usato

  • La riapertura delle scuole dell'infanzia e dei nidi è caratterizzata come tutti sappiamo dal "periodo dell'inserimento". Mamme e papà restano in classe con i propri figli per almeno due ore, in modo da evitare traumi e facilitare l'inserimento in classe,  almeno così dicono. La trafila va avanti per due settimane almeno e non si fanno eccezioni. Ma quanto è davvero utile e necessario questo periodo di "ambientamento"? A Francesca Puglisi Senatrice del PD, responsabile Scuola della Segreteria del Partito e Capogruppo in Commissione istruzioneal Senato, avanza l'ipotesi di riscrivere lo statuto dei lavoratori. Per saperne di più leggi su www.partitodemocratico.it e www.repubblica.it

  • Nel nostro Paese aumentano la povertà, la dispersione scolastica, il lavoro minorile e l'esclusione sociale. Solo nel Sud Italia oltre 1,5 milioni di bambini sono a rischio; è quanto emerge dal V Rapporto di aggiornamento sulla Convenzione Onu sui diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, presentato a Roma dal Gruppo Crc - che riunisce 85 associazioni e organizzazioni del terzo settore. E il Ministro Fornero si impegna ad attivare un osservatorio per valutare gli effetti della crisi economica sui più piccoli. Guarda il video. Scarica il Rapporto

  • carta milano bambini

    Il 29 Giugno è stata presentata ad Expo la Carta di Milano dei bambini. Un documento che racchiude una serie di impegni per un futuro sostenibile e con un particolare obiettivo: garantire cibo buono e sano per tutti gli abitanti della terra.
    Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha voluto una versione junior della carta, adatta ai bambini di età compresa tra i 5 e i 13 anni, con immagini e linguaggi adatti ai piccoli e con un motto: "cibo buono per tutti!. La Carta afferma il Ministro Martina:" è uno strumento formidabile, che invita a riflettere sui due macro temi dell'Expo, lo spreco alimentare e la lotta alla fame.

    Scaricala versione junior della carta e visita il sito.

  • immigrati

    Il Consiglio dei Ministri degli Esteri e della Difesa ha approvato la base legale per la missione navale dell’Unione europea contro le reti dei trafficanti scafisti per porre fine alle stragi nel Mediterraneo. La decisione consente dunque l'avvio formale della pianificazione operativa della missione navale, denominata “EuNavFor Med”, che avrà il suo quartier generale proprio a Roma e disporrà di fondi Ue per 11,82 milioni per i primi due mesi dall'avvio, con un mandato iniziale fissato a dodici mesi.

  • Ascoltateci, perbacco! Ogni scuola, università, centro di ricerca e luogo della conoscenza è chiamato a mobilitarsi, ognuno con la propria autonomia e creatività, dall’occupazione al girotondo, dalla festa al flash-mob, dall’assemblea d’istituto al capannello, dall’urlo collettivo al seminario di studi, dall’interruzione delle lezioni alla semplice esibizione della primula, simbolo generale di una nuova auspicata primavera per la scuola.
    L'iniziativa l'Urlo della scuola è in programma il prossimo 23 marzo, promossa da numerosi Comitati. E dopo l'Urlo, il 24 marzo le Proposte in una Convenzione a Bologna.
    Approfondisci su www.urlodellascuola.it

  • La Costituzione continua a fare proseliti! Ecco "Articolo 3 Vale Anche Per Me", un’associazione di Vigevano che si occupa di sostenere quelle famiglie che, per gravi motivi economici, non riescono a pagare la retta scolastica della mensa dei loro bambini o la retta del nido o scuola dell’infanzia. Per saperne di più visita il loro blog www.articolo3.netsons.org, e la pagina facebook per seguirli.

  • Dalla A di abbandono scolastico, che interessa il 17,6% degli studenti, fino alla Z di zaini, sempre più leggeri grazie (forse) ai libri digitali. Passando per la Q di quote di partecipazione delle famiglie che Cittadinanzattiva ha stimato in 390 milioni di euro l'anno. Ecco l'alfabeto della scuola italiana stilato dal Corriere della sera con dati e sfide del nostro sistema scolastico. Approfondisci

  • Presentazione de "La scuola che vorrei" promossa da Cittadinanzattiva in VII Commissione Cultura della Camera dei Deputati

    Giovedì 30 maggio, Sala Stampa Montecitorio
    Ore 14.30-15.30

    Otto proposte dalle quali ripartire per il futuro della scuola e dei giovani nel nostro Paese.
    Questo l'intento del Memorandum "La scuola che vorrei", promosso da Cittadinanzattiva e già sottoscritto in sole due settimane da cento scuole in tutta Italia.
    Il Memorandum sarà presentato in conferenza stampa alla Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati, il prossimo 30 maggio presso la Sala Stampa di Montecitorio, via della Missione 4, dalle ore 14.30 alle ore 15.30.

  • Il primo intervento in materia di disabilità e scuola attuato dal presidente americano Obama, al suo secondo mandato, è assicurare lo sport a scuola anche per i portatori di disabilità. Con una direttiva del Ministero dell'istruzione statunitense che così, sic et sempliciter, fissa i termini della questione: lo sport è uno strumento per assicurare l'integrazione scolastica per tutti. E come tale è un diritto. Leggi sul blog degli Invisibili del Corriere della sera

  • Per tredici piccoli studenti disabili di Roma un grosso successo ma la loro vittoria può estendersi: dopo il ricorso presentato e promosso dal Coordinamento Scuole Elementari di Roma, il TAR del Lazio ha emesso la sentenza n. 2199 con la quale riconosce il diritto al rapporto 1 alunno diversamente abile / 1 insegnante di sostegno. E ora il Coordinamento promuove un secondo ricorso collettivo e una manifestazione sotto il Ministero dell'Istruzione in programma il 22 marzo. Leggi la sentenza e Approfondisci

  • Ancora lontani dagli obiettivi europei nelle politiche per l’infanzia. Solo il 13,5% dei bambini ha accesso ai servizi per l’infanzia e agli asili nido, con opportunità ancor più ridotte nel Sud e nelle Isole. Ancora troppi i minorenni nella fascia di età 0/5 fuori dalla propria famiglia di origine che vengono accolti nelle comunità rispetto all’affido familiare. Diffuso il 7° Rapporto su “I diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia” a cura del Gruppo CRC, alla cui redazione ha partecipato anche Cittadinanzattiva. Scarica il Rapporto. Leggi il comunicato stampa

  • 398 euro a bambino, di cui il 44% nel settore scuola e solo l'1% nell'ambito del sostegno alla famiglia. Inoltre, manca un coordinamento fra i 229 attori istituzionali che si occupano di infanzia in Italia.
    A fare il punto per la prima volta su quanto si spende in Italia per i minori e su chi se ne occupa a livello istituzionale è il Garante nazionale per l'infanzia e l'adolescenza con il Report "Disordiniamo" a cui seguirà una analisi dei dati a livello regionale e locale.

  • L'Istat ha presentato anche quest'anno l'indagine sugli alunni disabili presenti nella scuola primaria e secondaria di I grado. Sono 149 mila gli alunni con disabilità e tra questi, molti non sono autonomi. Il dato più eclatante emerso dalla ricerca è il numero dei docenti di sostegno molto ridotto rispetto alle reali necessità degli studenti e al numero reso pubblico dal MIUR. Leggi tutto

  • Le regioni Toscana, Emilia-Romagna, Liguria, Umbria, Sicilia, Puglia e Basilicata avevano fatto ricorso alla Corte Costituzionale contro le norme in materia di dimensionamento scolastico, contenute nella manovra finanziaria varata nel luglio 2011, che prevedevano l'accorpamento delle scuole con meno di 1000 alunni. Con la sentenza 147 del 2012, la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità di una parte del dimensionamento scolastico - per l’esattezza l’art.19, comma 4 del decreto legge 98 del 2011, per violazione dell’articolo 117, terzo comma della Costituzione, “essendo una norma di dettaglio dettata in un ambito di competenza concorrente”. Approfondisci

  • Che la vita degli studenti disabili sia difficile nelle scuole e università di tutta Italia ce lo raccontano le cronache di ordinaria "discriminazione": barriere architettoniche, burocrazia, leggi non rispettate. L'università La Sapienza di Roma prova a semplificare la vita dei ben 1.142 studenti con diverse disabilità iscritti all'ateneo nell'ultimo anno accademico. Le varie inziative sono raccolte nella guida "La Sapienza per tutti. Servizi per gli studenti disabili"

  • Accanto ai buoni propositi annunciati dalla neoministra Carrozza, e da noi commentati positivamente, c'è una notizia che ci preoccupa e su cui aspettiamo un chiarimento da parte del Ministro: e cioè la riduzione degli insegnanti di sostegno, che seguirebbe al nuovo orientamento su chi sono gli alunni con bisogni educativi speciali. Approfondisci

  • bambinisenzasbarre

    Martedì 6 settembre 2016 è stato siglato l'accordo dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando, dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza e la presidente dell’Associazione “Bambinisenzasbarre Onlus”. Si tratta del rinnovo per altri due anni del Protocollo d’Intesa Carta dei figli di genitori detenuti, avviato il 21 marzo 2014.

  • Esce il 19 gennaio nelle librerie il libro inchiesta di Salvo Intravaia, giornalista di Repubblica e docente, edito da Laterza. Numeri, esempi e storie di un mondo che coinvolge almeno 15 milioni di persone, che sembra far acqua da tutte le parti ma ricco di risorse per rilanciarsi. Leggi di più

  • in Italia solo 14 scuole sono completamente attrezzate per la didattica multimediale. Siamo in ritardo di 15 anni rispetto, ad esempio, alla Gran Bretagna dove sono digitalizzate l'80% delle classi. Approfondisci su www.huffingtonpost.it. Nel frattempo tre scuole di Roma, una di Trapani e una di Palermo si doteranno di banchi tablet. Leggi di più

  • Una gita è per tutti l'emblema della condivisione di un'esperienza insieme ai propri compagni, ma non è stato così per Chiara, una bimba romana disabile di soli 10 anni, che il 16 aprile, doveva con la sua classe fare la sua prima gita scolastica in una fattoria alle porte di Roma.
    Pronti per partire all'ingresso della scuola, il pulmino richiesto a tempo debito al Comune per poter accogliere la carrozzina di Chiara non è mai arrivato, a sostituirlo il tipico scuolabus giallo, e per Chiara una vettura apposita. Lo sconcerto della madre di Chiara e delle insegnanti che hanno denunciato l'accaduto. Per saperne di più

  • Aumenta la percentuale di ragazze e ragazzi che vivono esperienze negative navigando in Internet: erano il 6% nel 2010, sono diventati il 13% nel 2017. Il 31% degli 11-17enni dichiara di aver visto online messaggi d’odio o commenti offensivi rivolti a singoli individui o gruppi di persone, attaccati per il colore della pelle, la nazionalità̀ o la religione. Di fronte all’hate speech il sentimento più diffuso è la tristezza (52%), seguita da rabbia (36%), disprezzo (35%), vergogna (20%). Ma nel 58% dei casi gli intervistati ammettono di non aver fatto nulla per difendere le vittime.

  • Un'equipè di ricercatori di Harvard ha dimostrato che per gli studenti dislessici la lettura dai tablet è più semplice e pare faciliti l'apprendimento. I tablet infatti, permettono di adattare il testo da leggere a poche parole per riga e usare caratteri molto lineari più agevoli per i dislessici. Per saperne di più

  • education

    Forse il titolo più adatto a questo rapporto di Ocse-Pisa, sarebbe stato "No Equity in Education" visto che dai dati emersi solo il 12% degli studenti svantaggiati sulla scala socio-economica entra nel novero dei "più bravi". Gli svantaggi scolastici iniziano già a manifestarsi intorno ai 10 anni, ètà in cui i bambini italiani frequentano la quinta elementare.

  • "Di fronte alla crisi economica non si può non partire dalle scuole", lo ha detto il neopremier Renzi nel suo discorso programmatico al Senato. E come prima mossa, occorre partire dall'edilizia scolastica: l'impegno che Renzi si è preso è lavorare ad un piano straordinario per mettere in sicurezza subito 2.300 scuole dopo la chiusura estiva per riconsegnarle sistemate all'inizio del nuovo anno. Leggi il nostro comunicato

  • Il Gruppo CRC ( Gruppo di lavoro per la Convenzione sui diritti dell'Infanzia e dell'adolescenza) ha presentato a Roma il suo VI Rapporto su "I diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia", alla presenza del Ministro per il lavoro e le politiche sociali Giovannini, e dell'Autorità Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Povertà, e non solo per l'infanzia nel nostro Paese, scuole senza certificazioni, situazione difficile soprattutto nel mezzogiorno, questi i dati principali emersi dal Rapporto. Scarica il VI Rapporto e il comunicato

  • insegnante lavagna

    Tuttoscuola, che nei giorni scorsi ha denunciato le problematiche legate alla mobilità dei docenti nel nostro Paese, solleva ora un'altra criticità: la mobilità dei docenti di sostegno. Si tratta di circa 250 mila docenti nelle scuole statali i cui spostamenti non hanno risparmiato gli studenti più deboli, anzi per loro la situazione è ancora più critica.

  • E' lo stesso Garante Vincenzo Spadafora, nominato solo sei mesi fa, ad alzare bandiera bianca ed annunciare la chiusura delle attività. "L’Authority si trova in una situazione di stop forzato – afferma – non può più operare". Approfondisci

  • Cittadinanzattiva è tra le associazioni che hanno contribuito alla stesura dei primi due Rapporti sullo stato dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia. Nella II Edizione, in particolare, vi è un paragrafo relativo al diritto alla sicurezza negli ambienti scolastici (pag.38 e 39).

  • Cittadinanzattiva è tra le associazioni che hanno contribuito alla stesura dei primi due Rapporti sullo stato dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia.

    Il Gruppo di lavoro che ha dato vita a questo rapporto ha deciso di predisporre annualmente un aggiornamento sull'attuazione dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia e delle relative Raccomandazioni dell'Onu da presentare al Governo italiano.

  • Mettere nella cartella o nello zaino i libri per le lezioni del giorno dopo non sarà più un problema, arrivano i libri digitali.Questa sarà la novità per i prossimi anni nelle nostre scuole, i libri tradizionali cederanno il posto ai libri in digitale. Il ministro Profumo ha firmato un decreto sui libri scolastici che definisce l'obbligo di adottare volumi digitali o almeno un formato misto (testi tradizionali e formato elettronico). Il provvedimento permetterà alle famiglie di ridurre notevolmente la spesa per l'acquisto dei libri ogni anno. Per saperne di più

  • Il 97% dei 15-17enni va online tutti i giorni dal telefono, il primo smartphone arriva a 11 anni e mezzo, quando inizia subito l’utilizzo di Youtube e Whatsapp. A 12 anni e mezzo ci si iscrive a facebook. Non si può evitare che il proprio figlio navighi online, ma certo lo si può aiutare ad acquisire consapevolezza.

  • Dislessia: Tar di Lecce annulla bocciatura di studente su ricorso Cittadinanzattiva. “Importante sentenza che sottolinea il dovere per la scuola di assicurare strumenti idonei all'apprendimento”

    Un importante tassello si aggiunge alle norme già in vigore per garantire il diritto allo studio delle persone affette da dislessia. Il 9 settembre il Tar di Lecce, con l'ordinanza 709/2010, ha infatti deciso l'annullamento della bocciatura di uno studente della prima classe della scuola media di Talsano, stabilendo così la sua ammissione al secondo anno.

  • Fra i più piccoli (7-11 anni) spopolano videogiochi, e un non trascurabile 7% dice di aver giocato alle slot machine. Più di un bambino su 4 (25,9%) ammette di essersi imbattuto in pagine Internet contenenti immagini di violenza. Fra i più grandi (11-18 anni), il 47% dichiara di essersi sentito, almeno qualche volta, dipendente da Internet. E la crisi ricade su tutti: un adolescente su tre è preoccupato dalle difficoltà economiche della propria famiglia e, fra i piccoli, più di uno su cinque percepisce che i genitori non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese. Questi alcuni dei numerosi dati nella "Indagine sulle condizioni dell'Infanzia e dell'adolescenza" presentati da Eurispes e Telefono Azzurro. Approfondisci

  • A 25 anni dall’approvazione della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si afferma una cultura dell’infanzia ma non una strategia: ancora difficoltà nel mettere a sistema gli interventi e nel programmare risorse adeguate. Manca un Piano infanzia dal 2011; scarsi gli investimenti sulla prima infanzia: solo il 13,5% dei bambini 0-3 anni ha accesso a nidi comunali o servizi integrativi Leggi il comunicato del Gruppo CRC

  • Se credi che leggere sia un piacere inesauribile già da piccoli, e che leggere a scuola sia un privilegio al quale tutti dovrebbero aver diritto, puoi diventare azionista della biblioteca scolastica di tuo figlio, sostenendo il progetto "I libri? Spediamoli a scuola". L'obiettivo specifico è creare un circolo virtuoso fra librerie di quartiere e scuole (dalla materna alle superiori), per invitare cittadini, associazioni, enti e aziende ad acquistare i libri inseriti in lista e "spedirli" nella scuola partner. Sul sito www.sinnos.org tutte le informazioni.

  • Il fenomeno è in calo, ma resta il divario fra Nord e Sud. Sia nella scuola secondaria di I che di II grado. I maschi sono più coinvolti delle femmine, così come percentuali più alte si registrano fra studentesse e studenti di cittadinanza non italiana che non sono nati in Italia.

    Per l’Italia si registra un miglioramento, poichè la dispersione scolastica si attesta, per l’anno 2016, al 13,8%. Nel 2006 era al 20,8%. L’Italia si avvicina dunque all’obiettivo Europa 2020, del livello del 10%. Il dettaglio regionale evidenzia il divario fra Nord e Sud con Sicilia, Campania, Sardegna, Puglia, Calabria, sopra la media nazionale della dispersione.

  • Nella conferenza stampa del 20/07/11 sono stati presentati dal Ministro Gelmini il decreto attuativo e le linee guida della legge n. 170/10 sui disturbi specifici di apprendimento. Il comunicato stampa. Il Decreto attuativo. Le linee guida

  • La Ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, e l'Autorità Garante per l'infanzia e l'adolescenza, Filomena Albano, hanno firmato le linee guida per il diritto allo studio degli alunni fuori famiglia. 

    Le linee guida intendono fornire il contesto generale e le indicazioni operative per sostenere tutti gli alunni, che per diverse ragioni si trovano lontani dalle famiglie di origine.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.