Politiche sanitarie

  • superticket e legge di bilancio

    "Con la legge di bilancio avremo più bonus per tutti meno che per il Servizio Sanitario Pubblico, che al contrario rischia di lasciare per strada almeno un ulteriore miliardo rispetto al programmato. Una Legge depressiva e pericolosa per la salute delle persone, che obbligherà a dover scegliere se rinnovare i contratti al personale sanitario o tagliare i livelli essenziali di assistenza in vigore da meno di un anno. Una scelta inaccettabile alla quale non avremmo mai pensato di arrivare." Questi gli effetti della Legge di Bilancio secondo Tonino Aceti coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.

  • summerschool motoresanità

    Anche quest’anno la Summer School di Motore Sanità (dal 21 al 23) affronterà le problematiche più importanti inerenti il SSN. Il titolo "Salvare, Cambiare o Cambiare per Salvare" indica con chiarezza il percorso della scuola ed i temi più stringenti.
    Si andrà dalla sostenibilità dell’innovazione alla definizione di innovazione. Ai nuovi criteri AIFA con il sistema GRADE per graduare l’importanza innovativa e l’impatto sulla salute dei nuovi farmaci, alla scommessa dell’intelligenza artificiale ed il rapporto tra tecnologia ed operatori sanitari.
    Si ragionerà sul nuovo codice degli appalti e la ricaduta sul procurement della pubblica amministrazione. Si esamineranno le caratteristiche dei più importanti sistemi sanitari europei ed internazionali al fine di individuare, per quanto possibile, le best practices organizzative sia per le reti ospedaliere sia per la medicina territoriale.

  • presa diretta sazi da morire

    Un'inchiesta dedicata alle cattive abitudini alimentari e al racconto di quanto queste incidono sulla nostra salute. Il Servizio Sanitario Nazionale non riesce ad affrontare la spesa crescente, allora come fare? Domande, risposte e approfondimenti sul tema, nella puntata "SAZI DA MORIRE" del programma di Rai3 "Presa Diretta", andata in onda il 7 marzo.

  • manovra finanziaria

    "La notizia del finanziamento del Fondo Sanitario con 113 miliardi per il 2017 è sicuramente positiva. E' la prima volta dopo tanto tempo, stando alle anticipazioni, che un finanziamento programmato per la sanità pubblica viene effettivamente confermato da una legge dello Stato". Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato - Cittadinanzattiva in merito alle anticipazioni sulla manovra finanziaria.

  • Tagli alla sanità, accesso ai farmaci, in particolare per l'epatite C, liste di attesa e altre fra le principali questioni sanitarie. Sono questi i temi su cui si sono confrontati martedì 14 luglio numerosi ospiti in studio a "L'aria d'estate", versione estiva de "L'aria che che tira", su La7 .

  • ministra grillo copy

    Su dati Ministero su liste di attesa: criticità note. Serve campagna di informazione ai cittadini e controllo su intramoenia

    “I primi dati del servizio 1500 confermano quanto abbiamo evidenziato da diversi anni nel nostro Rapporto Pit Salute: i cittadini si ritrovano spesso da soli quando devono accedere al SSN, con poche informazioni o di scarsa qualità. E’ necessario per questo avviare una campagna che illustri con completezza ai cittadini non solo quali siano i loro diritti quando si trovano con liste di attesa troppo lunghe, ma come agire per ottenere invece che il loro diritto all’accesso venga rispettato”. Questo il commento di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva in merito ai primi dati emersi dal report del Ministero della Salute sulla linea dedicata alle liste di attesa. 

  • evento monitoraggio

    “Presentato il Monitoraggio civico di Cittadinanzattiva sulle strutture oncologiche: buona la personalizzazione delle cure e la presa in carico del paziente. Da migliorare gestione dei tempi di attesa, informatizzazione e continuità assistenziale.

    Più nel dettaglio, la gran parte delle strutture sanitarie garantisce una adeguata presa in carico dei pazienti oncologici attraverso equipe specializzate, attenzione alla personalizzazione del percorso di cura e rilascio del codice di esenzione già dal sospetto diagnostico nel 50% delle strutture. Buona la comunicazione con il paziente e i familiari, così come l’adeguatezza e il comfort degli spazi nei reparti di degenza e nei day hospital.

  • strisce blu disabili 1

    Permettere ai cittadini con disabilità di poter parcheggiare gratuitamente sulle strisce blu con il proprio automezzo quando gli spazi riservati sono già occupati o non presenti. È questo il senso del DDL per il diritto alla mobilità delle persone con disabilità promosso da Cittadinanzattiva, UILDM e VERA, insieme alla prima firmataria, On. Maria Chiara Gadda, e agli altri deputati che hanno sostenuto il provvedimento da subito, Roberto Pella, FI, Vice Presidente Vicario di ANCI, Lisa Noja, PD, delegata alla accessibilità del Comune di Milano, On. Luca De Carlo (FDI), sindaco di Calalzo di Cadore, On. Federico Fornaro (Pres. gruppo LEU) e On. Rossella Muroni (LEU).

  • Il 31 marzo è scaduto il termine previsto per legge per la chiusura delle strutture Ospedaliere Psichiatrico Giudiziarie; non sono stati prorogati ulteriormente i termini, segno che l’iniziativa istituzionale vuole ufficializzare il giro di boa rispetto l’assistenza ai pazienti ancora ricoverati nelle strutture in questione, con una presa in carico appropriata.

  • Il Governo va avanti sulle procedure di commissariamento per 6 regioni che sono inadempienti rispetto alla legge che prevede la chiusura degli Ospedali psichiatrici giudiziari. La Conferenza Stato Regioni, infatti, non ha accolto la richiesta formale della Conferenza dei Presidenti di sospendere l’annunciato commissariamento di alcune Regioni.

  • Altro passo in avanti verso la chiusura delle strutture ex-Opg presenti sul territorio nazionale: dopo Napoli-Secondigliano e Reggio Emilia, anche Aversa termina le attività.

  • Il 31 marzo 2015 era la data stabilita per la chiusura "per legge" delle strutture psichiatrico-giudiziarie; la normativa (legge n. 81 del 2014) stabiliva quindi che i pazienti dovessero essere presi in carico da strutture territoriali capaci di prestare assistenza e tutela. Al momento, però, la legge non sembra di facile attuazione, e le poche strutture R.E.M.S. (Residenze per l'Esecuzione delle Misure di Sicurezza) operative sul territorio sono già sature per via di una insufficienza di posti.

  • Prosegue la chiusura delle strutture OPG (Napoli Secondigliano, Reggio Emilia lo scorso 5 maggio), come da piano, ma in estremo ritardo sia rispetto alle indicazioni normative e giuridiche, che per quanto concerne le necessità dei pazienti e l’organizzazione del territorio.

  • OpgReggio2

    Il 27 ottobre 2016 la delegazione di StopOpg nazionale, formata da Stefano Cecconi e Giovanna Del Giudice e dal presidente di 180amici L'Aquila Sandro Sirolli, ha visitato a Barete (L'Aquila) la Rems provvisoria dell'Abruzzo e del Molise.

    La delegazione è stata accolta del direttore dell'Asl dell'Aquila Vittorio Sconci, dalle due psichiatre della struttura, dalla psicologa e dal coordinatore infermieristico che ringraziamo per la disponibilità ed attenzione con cui ci hanno ricevuto.

  • ll 23 dicembre prossimo, antivigilia di Natale, una delegazione di stopOPG tornerà in visita all’OPG di Montelupo Fiorentino.
    Sarà occasione per incontrare le persone internate e gli operatori, confermando l’impegno del Comitato per la chiusura definitiva dell’OPG, rispondendo ai bisogni di cura dei pazienti e ai diritti dei lavoratori della struttura.

  • StopOPG scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando, al Sottosegretario alla Salute Vito De Filippo e p.c. al Commissario per il superamento OPG Franco Corleone, in relazione all’emendamento al Disegno di Legge 2067 (su garanzie difensive, durata dei processi, finalità della pena ecc), approvato al Senato, che rischia di riaprire la stagione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.

  • StopOPG nelle Rems di Verona e LAquila

    Continua il viaggio di StopOPG nelle Rems, ora come OSSERVATORIO SUL SUPERAMENTO DEGLI OPG E SULLE REMS. Il 10 dicembre 2018 una delegazione - composta dai referenti regionali Anna Poma, Gianfranco Rizzetto, Franco Nube, Francesco Santin - ha visitato le due Rems di Nogara (VR). Il 17 dicembre la delegazione ha visitato anche la struttura Rems di Barete (AQ).

  • Progetto senza titolo 3

    Continua il Viaggio di StopOPG nelle Rems, ora come "Osservatorio sul Superamento degli OPG e sulle REMS": il 5 luglio 2018 una delegazione - composta da Stefano Cecconi, Mauro Fuso, Vito D’Anza, Michele Passione e Donato Petrizzi - ha visitato la Rems di Volterra, in provincia di Pisa (avviata a dicembre 2015 con bacino d’utenza delle regioni Toscana e Umbria).
    Prima della visita si è svolta una riunione, con alcune/i operatrici e operatori, presente il direttore del DSM (e della Rems) Alfredo Sbrana. Durante la riunione si sono raccolte informazioni sull'organizzazione e sulle attività della struttura, sui progetti futuri e avere uno scambio di opinioni sull’esperienza in corso con la Rems e sul processo di superamento degli OPG.

  • Venerdì 23 dicembre 2016, antivigilia di Natale, una delegazione di stopOPG è tornata a visitare l’OPG di Montelupo Fiorentino.
    L’autorizzazione dal Dipartimento per l’Amministrazione Penitenziaria DAP è arrivata solo pochi minuti prima dell’ingresso. Inoltre, da segnalare negativamente è la scelta del DAP che ha negato l’ingresso in OPG ai giornalisti, con i quali l’incontro si è svolto nella sala colloqui.
    E’ stata un’occasione importante, per incontrare le persone internate e gli operatori, con la direttrice Antonella Tuoni, nella quale abbiamo confermato l’impegno del nostro Comitato per la chiusura definitiva degli OPG, che deve avvenire rispondendo ai bisogni di cura dei pazienti e ai diritti dei lavoratori della struttura. Importante è anche si discuta e si decida finalmente sul destino della struttura.

  • Dal 30 novembre 2015 una delegazione del Comitato nazionale Stop OPG sta girando l’Italia delle strutture post-OPG (quelle previste dalla legge 9/2012 per la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari OPG) per valutarne la rispondenza ai requisiti e la capacità di assistere i pazienti in maniera propria: il viaggio è iniziato da Maniago in Friuli (Aas 5 di Pordenone) e il 3 dicembre si è fatta tappa in Campania per visitare due Rems a Mondragone e a Roccaromana, e il 4 dicembre è stata la volta della regione Lazio a Pontecorvo (Asl di Frosinone). A fine dicembre il viaggio toccherà Aurisina (Trieste), a gennaio 2016 le Rems in Emilia Romagna e poi le altre. 

  • AIDS 2tvc

    Cittadinanzattiva, Istituto Superiore di Sanità e Ambasciata Americana organizzano insieme un seminario di approfondimento dal titolo "Possiamo davvero arrestare l'AIDS? Sfide nella prevenzione dell'HIV e continuità terapeutica". A partire dalla lezione della Dottoressa Melanie Thompson, ricercatrice americana del Research Consortium of Atlanta, ci sarà un confronto tra associazioni di cittadini e pazienti, esperti e professionisti della salute per raggiungere l’obiettivo eradicazione HIV 2030.

  • Un sistema integrato, che costruisca un percorso di "dimissione protetta" riducendo al minimo, per quanto consentito dalle condizioni cliniche del paziente, la permanenza nei reparti di rianimazione e intensivi. Approfondisci

  • Nei giorni 8 e 9 aprile si è tenuto un confronto fra i vari soggetti del mondo della Sanità, con uno sguardo al futuro del Ssn e alla sua sostenibilità; sono state presenti le istituzioni del settore (Ministero alla Salute italiano e i colleghi di Malta, Lituania Lettonia e Grecia), i rappresentanti delle Regioni e delle agenzie ed enti come AIFA e INAIL, oltre che gli ordini professionali, le rappresentanze sindacali e le Associazioni di pazienti e cittadini. Fra queste, Cittadinanzattiva/Tribunale per i diritti del malato. Leggi il comunicato stampa e consulta il programma dell’evento

  • ospedale generica 2015 02 19

    La rivista “Monitor”, pubblicazione curata da AGENAS, nel suo numero 38 tratta del nuovo Regolamento per la definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera; il regolamento rappresenta la fase operativa del processo di riqualificazione della Sanità nazionale teorizzato nel Patto con la Salute.

  • ospedale generica 2015 02 19

    Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva su rilievi del Consiglio di Stato sul Regolamento per Standard Ospedalieri: ci si sta dimenticando del resto dell'assistenza

    "Cogliamo l'occasione del rilievo fatto dal Consiglio di Stato sullo schema di decreto sugli standard ospedalieri per sollecitare Ministero e Regioni a ridefinire ed approvare in modo tempestivo, coordinato e simultaneo i regolamenti per tutti quegli ambiti dell'assistenza socio-sanitaria che ad oggi sono fermi al palo", ad affermarlo Tonino Aceti, Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva.

     

  • SIRU

    Si riunisce per la prima volta nel Lazio la Società italiana di Riproduzione Umana: a Roma, giorno 8 giugno, con il titolo “La salute riproduttiva nel Sistema Sanitario: criticità e opportunità”
    Si affronteranno temi e questioni, nonché si prenderanno in esame le recenti novità che coinvolgono il settore: il recente inserimento nei Livelli essenziali di assistenza delle prestazioni di PMA con la necessità conseguente di ridisegnare il sistema regionale di offerta all’interno del Servizio sanitario regionale; la costruzione di buone pratiche mediche e sanitarie; la realizzazione di una rete di prevenzione per la salute riproduttiva nel quadro dell’integrazione territoriale del centro di PMA con i Consultori e le Case della Salute, i Medici di Medicina Generale, l’Ospedale e gli altri professionisti coinvolti; l’impatto dell’inquinamento ambientale sulla infertilità; l’applicazione della fecondazione eterologa a quattro anni dalla sua reintroduzione a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 162/2014; l’informazione e il consenso informato dopo la Legge 24/2017; la diagnosi genetica e le garanzia di corretto e appropriato accesso alle metodiche. Due sessioni saranno riservate alle novità nell’ambito della ginecologia e dell’andrologia.

  • Nella puntata di Ballarò, Rai Tre, del 25 novembre, una intervista anche a Tonino Aceti, coordinatore del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, nel servizio in onda dal minuto 2:20:10 sugli effetti del ticket. Guarda il video

  • Cittadinanzattiva, con la collaborazione di Farmindustria, realizza per l’anno 2013 e 2014 il progetto “I due volti della Sanità”, raccogliendo le segnalazioni di cittadini e professionisti a proposito di sprechi e buone pratiche. Gli ambiti di segnalazione sono quelli che vanno dalla burocrazia eccessiva all’organizzazione dei servizi, o che riguardano il sotto-utilizzo di risorse umane e materiali. Vai alla pagina apposita per saperne di più sul progetto e segnala negli relativi form gli sprechi e buone pratiche.

  • L'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità", con cui si chiede a tutti di segnalare buone pratiche e sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari, continua; il progetto intende invitare i cittadini alla analisi delle criticità, offrendo anche un contributo concreto al miglioramento delle politiche sanitarie in termini di sostenibilità. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. Leggi tutto

  • Invito Sprechi e buone pratiche copy

    Cittadinanzattiva/Tribunale per i diritti del malato presenta i risultati raggiunti dall’indagine civica sugli sprechi, con il progetto “I Due volti della sanità. Tra sprechi e buone pratiche - La road map per la sostenibilità, vista dai cittadini”. L’evento è previsto per il 16 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso la Sala De Luxe della Casa del Cinema a Villa Borghese -  Largo Marcello Mastroianni, 1, Roma.

  • Si terrà il 16 marzo a Roma, presso la Sala Deluxe della Casa del Cinema, Largo Marcello Mastroianni 1 (ore 10-13), la presentazione del Rapporto “I due volti della sanità. Tra sprechi e buone pratiche. La road map per la sostenibilità vista dai cittadini”, promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, con il sostegno non condizionato di Farmindustria.
    Cittadinanzattiva riveste tradizionalmente un ruolo di sentinella civica rispetto ai disservizi, allo spreco di risorse, alla burocrazia inutile che si ripercuotono sui cittadini mettendo a rischio la garanzia del diritto ad un accesso tempestivo e qualitativamente adeguato a servizi e prestazioni sanitarie.
    Per questo motivo, sono stati raccolti nel Rapporto esempi concreti di spreco in sanità, dal punto di vista dei cittadini: per offrire a decisori e amministratori uno strumento pratico di riorientamento delle politiche, in vista di una migliore efficienza dei servizi.
    Alla “pars destruens”, rappresentata dall'analisi degli sprechi, segue quella “costruens”, grazie alla forza positiva del premio Andrea Alesini che, giunto quest’anno alla 12° edizione, promuove e incentiva la conoscenza e la diffusione di buone pratiche al fine di trasformare le singole esperienze in “sistema”.

  • Invito Sprechi e buone pratiche

    Si terrà in data 16 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso la Sala De Luxe della Casa del Cinema a Villa Borghese -  Largo Marcello Mastroianni, 1, un doppio appuntamento con le attività di raccolta dati e presentazione delle politiche di Cittadinanzattiva/Tribunale per i diritti del malato, in occasione della diffusione dei risultati raggiunti dall’indagine civica sugli sprechi, con il progetto “I Due volti della sanità. Tra sprechi e buone pratiche - La road map per la sostenibilità, vista dai cittadini” e la cerimonia di premiazione per il XII “Premio Andrea Alesini per le buone pratiche in Sanità“.

  • spesa medica

    "Non tutta la spesa privata è funzione della incapacità del Ssn di dare risposte adeguate. Perché se si guarda all'interno di quei 40 miliardi di esborso dei cittadini denunciato sia nel Rapporto Gimbe sia dal Report RBM-Censis - chiarisce Tonino Aceti, coordinatore nazionale di Cittadinanzattiva/Tribunale per i diritti del malato - emerge come la composizione di quella spesa sia estremamente varia e in parte esuli dal Ssn: spesa per ticket, differenza di prezzo tra farmaco "brand" e farmaco generico, farmaci di fascia C, cure odontoiatriche che solo parzialmente sono incluse nei Lea, integratori, prodotti omeopatici e altro ancora".

  • ristorazione sanitaria

    L’alimentazione, soprattutto quando la persona ha problemi di salute, costituisce un fattore di cura importante che concorre nel più “ampio” percorso terapeutico della persona malata;

    In linea con gli obiettivi di tutela della salute, garanzia di qualità e sicurezza, lotta agli sprechi e inefficienze, è nata l’idea di una “Sperimentazione di analisi civica dei contratti di erogazione dei servizi mensa nelle strutture sanitarie”: un’analisi civica “pilota” sui contratti e capitolati d’appalto e un questionario rivolto ai pazienti, di 5 strutture sanitarie in Italia, per raccogliere   la loro esperienza su qualità dei cibi e bevande, modalità e orari di distribuzione, personalizzazione delle diete, attenzione alle preferenze alimentari per credo religioso.

  • È negativa la valutazione delle indicazioni di Renzi, a proposito della Spending Review e della parte della stessa che interessa il sistema sanitario. Il Governo chiede un altro 3% di riduzione delle spese per ogni Ministero, e in ambito sanitario le Regioni parlano di rottura dei patti e di impossibilità a garantire l’erogazione anche dei Lea. Approfondisci l’argomento su www.huffingtonpost.it e www.repubblica.it

  • La Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (FIASO) rende noti i dati dell’analisi dei servizi offerti da 45 fra ASL e Aziende Ospedaliere; negativa la valutazione: “Segnali inquietanti, regioni virtuose incluse”. Il tentativo di risparmio di circa 3 miliardi di euro potrebbe trasformarsi in una riduzione dei servizi. Leggi la notizia e approfondisci

  • tagli sanità 2015 02 15

    Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su Spending Review in sanità. Non sia come in passato: finora compromessi sicurezza, qualità e tempi di accesso. Giù le mani dal Fondo Sanitario Nazionale.

    "Altri tagli al fondo non sarebbero sostenibili né per i cittadini, né per il SSN: si trasformerebbero in mera riduzione dei servizi, compressione dei diritti e delle tutele. Abbiamo già pagato e tanto in termini di qualità, sicurezza e accessibilità alle cure. Tra tagli alle risorse e ai servizi, peso di ticket e tasse, blocco del turn over, promosse disattese di rilancio del territorio, i cittadini fanno sempre più fatica a curarsi, soprattutto in alcune aree del Paese. Il nodo vero oggi non è quanto spendiamo, ma come spendiamo e come amministriamo i servizi. In questo senso, la spending review che ci aspettiamo dovrebbe, ad esempio, aggredire le esistenti duplicazioni di centri decisionali, funzioni e strutture: assorbono risorse impropriamente e penalizzano l'equità di accesso alle cure per i cittadini". Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva.

     

  • Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su spending review: in sanità sì ai risparmi, no ad ulteriori tagli. E quanto risparmiato sia reinvestito nel SSN

    "Sì a risparmi in sanità, un no assoluto, invece, ad ulteriori tagli. E i risparmi siano reinvestiti nel Servizio sanitario nazionale per alleggerire il peso dei ticket, aggiornare i Livelli essenziali di assistenza e rafforzare l'assistenza territoriale", è quanto afferma Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva in merito alle dichiarazioni del commissario Cottarelli sui tagli alla spesa pubblica nella sua audizione al Senato.

  • Il Ministro della Salute Balduzzi annuncia di aver individuato 7 miliardi di spesa in beni e servizi "rivedibili" nel settore sanitario. Leggi di più

  • Si tratta di una campagna promossa da Cittadinanzattiva al fine di ricevere segnalazioni di scarsa pulizia nelle strutture ospedaliere.

    Se sei in ospedale e noti rifiuti abbandonati, biancheria sporca, imbrattamenti non rimossi, segni di scarsa pulizia (cartacce, mozziconi di sigaretta, escrementi di animali, etc.), colature e chiazze d'acqua, fili elettrici scoperti, inviaci una foto o un piccolo video precisando il luogo, l'ospedale e la data della segnalazione.

  • Le aggressioni al personale medico sono un’emergenza nei pronto soccorso nazionali. Da una ricerca condotta da Simeu, dal 1 marzo al 30 aprile 2017, nel 63% dei pronto soccorso osservati si è verificata almeno una aggressione fisica. Il campione è costituito da 218 strutture di medicina d’emergenza-urgenza, pari al 33% di quelle presenti sul territorio nazionale. Le strutture presenti nel campione sono distribuite nelle 20 regioni e comprendono 53 Pronto Soccorso, 111 Dipartimenti Emergenza Accettazione (DEA) di primo livello e 54 di secondo livello.

  • Lo scorso 14 gennaio si è svolto l’evento “Assistenza farmaceutica: equita', accesso, partecipazione” organizzato da Cittadinanzattiva a proposito di sostenibilità del SSN e accesso ai farmaci. Presente anche Farmindustria, che ha ribadito l’importanza dell’accordo fra Ministero e Regioni, a proposito di accesso alle cure e ai servizi, suggerendo di porre attenzione alla prevenzione delle patologie croniche in modo da liberare risorse economiche da destinare ai farmaci innovativi. Leggi il comunicato e la notizia sul web

  • Dopo il convegno sulla sostenibilità sanitaria regionale e la presentazione dei casi da parte di Cittadinanzattiva, l’Assessore alla Sanità Monferino ammette i problemi non risolti: liste d’attesa (12.000 i pazienti in attesa per le RSA), sovraticket e codici di accesso in pronto soccorso. Approfondisci

  • Si è tenuto a Crotone lo scorso 3 ottobre il Convegno sulla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale, promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato con il sostegno della Fondazione Lilly. Un dibattito molto interessante che ha avuto anche una buona eco sulla stampa e si è concluso con un interessantissimo dibattito con protagonisti Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato e il Sub commissario per l'attuazione del Piano di rientro dal disavanzo in sanità Andrea Urbani. Qui i video del dibattito  conclusivo

  • Il Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con FederSanità ANCI, ha realizzato un progetto informativo volto a fornire informazioni a proposito di sostanze chimiche e miscele, sulla loro classificazione e imballaggio e sui rischi per la salute: un sito internet che contenga, oltre alle informazioni tecniche sui materiali e gli oggetti, anche le buone prassi e la relativa normativa. Consulta il sito www.salutedigitale.it

  • sono malato anchio crealatuacartolina

    Al via il 18 aprile la campagna itinerante del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva

    Con la campagna itinerante “Sono malato anch’io – La mia salute è un bene di tutti”, il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva, in occasione del trentacinquennale dalla sua fondazione,attraverserà tutto il nostro Paese, facendo tappa in 23 diverse città, a partire dal 18 aprile 2015 e fino alla fine del mese di ottobre. La campagna è realizzata con il sostegno non condizionato di ABBVIE, e avrà come partner il portale di crowdfunding “EPPELA”.

    La campagna sarà rappresentata nelle principali piazze per due giorni da una “mostra fotografica” sui diritti dei cittadini, ispirata ai 14 diritti contenuti nella Carta Europea dei Diritti del Malato promossa da Cittadinanzattiva nel 2002, e un grande gazebo personalizzato.
    Il tour, che sosterà in ogni città due giorni, oltre al tema principale, cioè la tutela e il rilancio del Servizio Sanitario Nazionale pubblico, universale, equo, accessibile e di qualità, permetterà di toccarei principali problemi che vivono le persone quando hanno bisogno dei servizi sociali e sanitari al livello territoriale e regionale.
    Le tappe interesseranno prevalentemente città di medio-piccole dimensioni perché sono i territori più penalizzati o considerati sacrificabili in termini di servizi in molte aree del nostro Paese.

  • Il 18 e 19 maggio ad Ascoli Piceno, la tappa della campagna itinerante "Sono malato anch'io. La mia salute è un bene di tutti", per i 35 anni del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva.

    www.sonomalatoanchio.org

    Due momenti, uno il 18 maggio in Piazza del Popolo, a diretto contatto con i cittadini ed uno il 19 maggio di confronto istituzionale sul tema del dolore, saranno al centro della tappa in due giorni ad Ascoli Piceno della campagna "Sono malato anch'io. La mia salute è un bene di tutti", con cui il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva sta celebrando i suoi 35 anni di attività e ribadisce l’impegno a tutela dei diritti dei cittadini e di un SSN pubblico, universale, equo, accessibile e di qualità. La campagna, che si svolge con il sostegno non condizionato di  Abbvie, attraverserà l'Italia con 23 tappe in programma da aprile ad ottobre: tutte le informazioni sono disponibili sui siti web www.sonomalatoanchio.org ewww.cittadinanzattiva.it.

  • cartolinatdm copy

    In occasione del Tour dei Diritti e della campagna “Sono malato anch’io – La mia salute è un bene di tutti” Cittadinanzattiva Marche organizza due giornate di incontro, informazione e approfondimento, in programma il 18 e 19 maggio. Consulta il programma e la locandina dell’evento al link apposito.

  • curare bambini omeopatia

    Dal 1979 la National Science Foundation negli Stati Uniti e, dal 1988, l’Eurobarometro nel nostro continente, continuano i loro rilevamenti sulla percezione pubblica della scienza.

    Secondo la serie di linee guida rivolte a chi si occupa di comunicare la scienza, redatte nel 2002 dall’Office of Science and Technology e dal Research Councils inglesi, l’approccio preferenziale di comunicazione sarebbe quello di natura partecipativa. Lo scopo fondamentale di questo modello è quello di coinvolgere il pubblico in decisioni che riguardano la ricerca e le nuove tecnologie.

  • petizione medica

    Ti chiediamo di impiegare 5 minuti del tuo tempo per compilare il sondaggio di Pain Alliance Europe, di cui Cittadinanzattiva fa parte, su "dolore e stigma".
    Sono tutte domande a risposta multipla. I pazienti che hanno già fatto il sondaggio lo hanno trovato molto interessante e rappresentativo delle loro esperienze personali.
    Il sondaggio si può compilare in forma anonima o si può includere la propria email per riceverne i risultati.

  • La crisi in Grecia colpisce in maniera più grave il settore della sanità: il Servizio Sanitario non riesce a saldare il debito con le ditte produttrici di farmaci e con le farmacie; queste ultime sono infatti in sciopero, e gli ospedali centellinano le terapie e gli esami perché stanno esaurendo le scorte non solo di farmaci, ma anche di materiali come la carta per le radiografie. Leggi la notizia eapprofondisci

  • La SIMEU  (Società Italiana di Medicina d’Emergenza - urgenza) organizza dal 16 al 22 giugno promuove la settimana nazionale del Pronto Soccorso. In diverse piazze ed ospedali italiani i medici che operano nei Pronto Soccorso incontreranno i cittadini per far conoscere l’organizzazione del servizio, rispondere alle loro domande su questioni cliniche, sociali ed organizzative. Leggi di più e scarica le locandine con le iniziative regionali dalla pagina ufficiale dell'iniziativa.

  • Progetto senza titolo

    Un più efficace contrasto alle infezioni correlate all’assistenza (ICA) non può prescindere dall’adozione di soluzioni innovative combinate insieme ad una decisa azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, per la quale risulta cruciale coinvolgere gruppi di advocacy e di tutela dei diritti dei pazienti. Questo il messaggio che emerge dalla due giorni in tema di sicurezza dei pazienti, organizzata il 4 e 5 Febbraio a Bruxelles dalla rete europea di Cittadinanzattiva, Active Citizenship Network, con il sostegno di Copma.

    Dai recenti dati diffusi dal Centro europeo malattie infettive, il problema delle infezioni resistenti agli antibiotici risulta in peggioramento: in Europa si verificano circa 33.000 decessi all'anno per infezioni di questo tipo, quasi un terzo dei quali in Italia, dove ad alta incidenza del fenomeno si affianca un livello di consapevolezza ancora modesto.

  • cure

    La sicurezza delle cure è parte costitutiva del diritto alla salute ed è perseguita nell'interesse dell'individuo e  della collettività, come espressamente riferisce l’art.1 della legge 24/2017 (cd Legge Gelli)”, ha dichiarato Francesca Moccia, vice segretaria generale di Cittadinanzattiva, intervenuta alla presentazione della proposta di istituzione dell’Arbitrato della salute, promossa da Consulcesi, network legale in ambito sanitario.

  • tappa tour sicilia

    Arriva in Sicilia la campagna itinerante del Tribunale per i Diritti del Malato-Cittadinanzattiva.  Tappe a Palermo, Catania e Messina. Evento Regionale a Palermo in Piazza Unità d’Italia.
    Leggi il comunicato

  • settimana uildm

    Torna La Settimana delle Sezioni UILDM, in programma dal 3 al 9 ottobre. La seconda edizione dell’evento nazionale promosso dall’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare sarà dedicata alla sensibilizzazione su ciò che l'Associazione e le sue Sezioni locali hanno fatto e fanno tutti i giorni per le persone con patologie neuromuscolari e per favorire e sostenere l’inclusione sociale delle persone con disabilità. Al centro dell’iniziativa, anche quest’anno saranno le Sezioni dell'Associazione e il racconto delle loro attività, del loro impegno declinato quotidianamente in un’ottica di solidarietà, in rete con le comunità locali.

  • Settimana delle Sezioni UILDM 2017

    La Settimana delle Sezioni UILDM 2017 torna dal 2 al 8 ottobre. La terza edizione dell’evento nazionale di sensibilizzazione promosso dall’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare sarà dedicata a ciò che UILDM e le sue Sezioni locali fanno tutti i giorni per le persone con patologie neuromuscolari e per sostenere l’inclusione sociale delle persone con disabilità.

    Al centro dell’iniziativa di quest’anno ci sarà la figura del volontario UILDM – una ricchezza inestimabile per l’Associazione e anima delle Sezioni – nel suo impegno quotidiano fatto di tempo regalato, di relazioni e di scambio, dove chi dà riceve molto più di quanto dona.

  • Dal 21 al 29 maggio si svolgerà la III Settimana del pronto soccorso di SIMEU in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva. Il tema di quest’anno è l'attenzione al paziente anziano.

    In diverse città italiane saranno organizzati incontri, dimostrazioni, occasioni di ascolto e confronto con i cittadini.  

  • ospedale generica 2015 02 19

    Si terrà l’11 maggio a Roma la conferenza stampa di presentazione della Settimana del Pronto Soccorso 2015 SIMEU, in collaborazione con il Tribunale per i diritti del malato.

  • Attivo dal 1987 e gestito dall’Istituto Superiore di Sanità, offre in modo gratuito e anonimo informazioni e indicazioni, anche legali: dallo scorso febbraio è infatti possibile avvalersi della consulenza di un legale esperto nella tutela dei diritti dei cittadini direttamente coinvolti e delle loro famiglie. Il numero è 800/861061, attivo dal lunedì al venerdì dalle 13 alle 18. Leggi di più

  •  

    Preoccupanti misure per il Servizio Sanitario Pubblico all’interno del Documento di Economia e Finanza: tagli e ancora tagli. 

    “La si racconti tutta, non è vero che ci saranno più soldi per il Servizio Sanitario Nazionale e per il diritto alla salute, perché il saldo sarà decisamente negativo. Infatti, se da una parte sono previsti per gli anni 2015-2018  2,6 miliardi di euro per  l’ edilizia sanitaria, indennizzi per le persone danneggiate da sangue infetto e per i farmaci innovativi, dall’altra si approva l’ennesimo taglio, su richiesta delle Regioni, di circa 5 miliardi di euro al Fondo Sanitario Nazionale nei soli due anni 2015 e 2016”, queste le dichiarazioni di Tonino Aceti Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva.

  • monitoraggio civico servizi territoriali

    Il 28 febbraio è iniziato il monitoraggio civico dei servizi erogati sul territorio promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i Diritti del Malato, “Monitoraggio dei Servizi sul Territorio - Fuori dall'Ospedale e dentro le mura domestiche”. Il progetto vede protagonisti centinaia di cittadini, associazioni di pazienti, professionisti, istituzioni e guarda a tutto ciò che c’è fuori dall'ospedale fin dentro le mura domestiche. L’esigenza di monitorare questi servizi parte dalle segnalazioni dei cittadini che si sono rivolti a Cittadinanzattiva sul tema, e che rappresentano la terza area di “criticità” per la quale ci contattano.

  • Si terrà a Roma il prossimo 19 luglio, presso Sala Storica della Luiss Enlabs in Via Marsala 29/h dalle ore 9.30 alle ore 13.30, l’evento di presentazione dei dati del “Monitoraggio dei servizi sul territorio – Fuori dall'ospedale, dentro le mura domestiche”, promosso da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, con il contributo non condizionato di ABBVIE.

    L’evento ha l’obiettivo di stimolare una riflessione sullo stato attuale dell’offerta dei servizi territoriali di cura e assistenza, facendo particolare attenzione ai nuovi assetti organizzativi (AFT, UCCP) previsti dalla L. 189/2012, al ruolo dei Distretti sanitari, alle cure primarie, alle nuove tecnologie (e-health), alle cure domiciliari, all'aderenza terapeutica e più in generale alla necessità di creare o rafforzare i percorsi assistenziali.

  • Passa la fiducia per il decreto che contiene le misure dell'intesa Stato-Regioni del 2 luglio e altre norme di interesse sanitario. Al centro delle riflessioni le tematiche della razionalizzazione della spesa, dei dispositivi medici, dei farmaci. Poi, ancora, i fondi per gli ospedali romani, in vista del Giubileo, la razionalizzazione in merito ai ricoveri di riabilitazione e il problema delle prestazioni inappropriate.

  • Più domanda di salute ai cittadini e meno risorse economiche per il servizio sanitario: tra 50 anni l'incidenza della spesa sanitaria sul PIL raddoppierà. Quali prospettive per il Friuli Venezia Giulia?

    Udine, 2 marzo 2012 – Risparmi del welfare e conseguenti ricadute sul cittadino: è di recentissima attualità la denuncia sull'abbassamento del livello dell'assistenza sanitaria offerta al cittadino da parte del servizio sanitario pubblico mentre, d'altra parte, al centro dell'agenda politica nazionale rimane ferma l'urgente necessità di riordinare i conti dello stato, ottimizzando la crescente spesa.

  • Selfie e foto in sala operatoria

    Selfie in corsia, Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato: non moda, ma lesione della privacy dei pazienti e della loro dignità. Ordine dei medici intervenga per ripristinare rispetto deontologia professionale
    “Gli scatti in sala operatoria ci offendono, e offendono la dignità e la sofferenza dei pazienti, trattati come un vero e proprio trofeo da immortalare. Pretendiamo che l’Ordine intervenga con urgenza per sanzionare i professionisti coinvolti, di fronte a questa evidente mancanza di  rispetto di più articoli del codice deontologico che hanno sottoscritto, e quindi per non minare il rapporto di fiducia tra medico e paziente”.

  • sanità italiana 2015 02 20

    Il Bando di concorso 2014 per la segnalazione delle buone pratiche in Sanità, tramite il Premio “Andrea Alesini”, si sta chiudendo in queste giornate: Cittadinanzattiva sta lavorando alla sistematizzazione dei materiali da sottoporre alla valutazione della Giuria di esperti. Nelle prossime settimane saranno contattati i candidati che risulteranno i vincitori di questa edizione.

  • E' stata prorogata a fine settembre la scadenza per segnalare buone pratiche e sprechi in sanità, attraverso l'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità". Si possono segnalare buone pratiche e sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. Scadenza per presentare le segnalazioni: fine settembre

  • Prosegue l'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità", con cui si chiede ai cittadini di segnalare le buone pratiche e gli sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari; il progetto intende invitare i cittadini alla analisi delle criticità, offrendo anche un contributo concreto al miglioramento delle politiche sanitarie in termini di sostenibilità. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. E' possibile segnalare fino al 13 giugno. Approfondisci

  • E' stata prorogata fino a fine giugno la scadenza per segnalare buone pratiche e sprechi in sanità. L'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità", con cui si chiede ai cittadini di segnalare buone pratiche e sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari, intende invitare i cittadini alla analisi delle criticità, offrendo anche un contributo concreto al miglioramento delle politiche sanitarie in termini di sostenibilità. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. Approfondisci qui

  • E' stata prorogata fino a fine giugno la scadenza per segnalare buone pratiche e sprechi in sanità, attraverso l'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità". Si possono segnalare buone pratiche e sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. Scadenza per presentare le segnalazioni: fine giugno

  • Prorogata al 30 ottobre la scadenza per segnalare buone pratiche e sprechi in sanità, grazie all'iniziativa di Cittadinanzattiva "I due volti della Sanità", con cui si chiede a tutti di segnalare buone pratiche e sprechi all'interno dell'offerta dei servizi sanitari. Il progetto intende invitare i cittadini alla analisi delle criticità, offrendo anche un contributo concreto al miglioramento delle politiche sanitarie in termini di sostenibilità. L'apposita pagina del progetto permette di approfondire il tema e di accedere direttamente ai form di segnalazione. Leggi tutto

  • Proseguono i tavoli di lavoro per il progetto “Quale futuro per il servizio socio sanitario nazionale. Focus sull'assistenza integrativa” realizzato in collaborazione con Assobiomedica. L’evento sì terrà a Roma il prossimo 18 febbraio alle 15.30 presso la sede regionale di Cittadinanzattiva Lazio. Il prossimo appuntamento in Sicilia. Leggi la pagina apposita per maggiori informazioni

  • scuolacivica moduloacquisti

    Si è svolto lo scorso 5 e 6 dicembre a Napoli, il corso sugli 'Acquisti in Sanità. Governare le innovazioni garantendo i diritti, della nostra Scuola Civica diritti e partecipazione in sanità.

    Le giornate di formazione hanno trattato il tema delle  innovazioni introdotte in materia di acquisti dalla Spending review, dal Nuovo Codice degli appalti, dalle Leggi di Bilancio 2016-2017 e dal Piano nazionale anticorruzione: la centralizzazione degli acquisti, la scelta economicamente più vantaggiosa, l'accordo quadro per i farmaci biotecnologici, la blockchain per l’e-procurement, solo per citarne alcune.

  • acquisti in sanità iscrizioni 01 immagine per i social copy
    Ancora qualche giorno per iscriverti al corso della Scuola Civica, "Acquisti in sanità. Governare le innovazioni garantendo i diritti", che si terrà il prossimo 5 e 6 dicembre 2018 a Napoli.
    Il corso intende essere una occasione in cui presentare, discutere e individuare insieme strumenti per la prevenzione e gestione del rischio nell'ambito degli acquisti in sanità, offrendo metodi, strumenti, esperienze e buone pratiche per la mappatura e valutazione dei rischi e per l'individuazione delle relative azioni correttive.
    Iscrizioni gratuite entro il 28 novembre.

  • SCREENING ONC WEB 5

    La prevenzione è uno strumento per ridurre le disuguaglianze legate a condizioni sociali, economiche e culturali, in tutte le condizioni patologiche, a maggior ragione se parliamo di tumori. Il tasso di sopravvivenza al cancro, infatti, è più alto oggi tra le persone più informate, ma il dato potrebbe modificarsi se ci fosse una maggiore conoscenza dei programmi di screening organizzato, che ancora oggi scontano difformità territoriali sul livello di conoscenza e adesione delle popolazione.
    Cittadinanzattiva–Tribunale per i diritti del malato lancia oggi una campagna informativa digital sui principali social network, con hashtag #nonaspettare, di supporto al programma nazionale di screening per il cancro alla mammella, al colon retto e alla cervice uterina. L’obiettivo è quello a raggiungere una larga fascia della popolazione, informarla sui rischi di tali patologie e sull’importanza della prevenzione e ad aumentare, di conseguenza, l’adesione agli screening organizzati.

  • tutela pit salute risponde

    All'interno del progetto "Rafforziamo la tutela", realizzato in collaborazione con Johnson & Johnson Medical Spa, si aggiungono due nuovi temi a quelli trattati all'interno della rubrica "Il PiT Salute risponde": si tratta di Screening oncologici e Procreazione Medicalmente Assistita. All'interno delle pagine sono presenti informazioni e riferimenti per approfondire gli argomenti e consultare i relativi riferimenti normativi.

  • screening neonatale

    Aismme Onlus (Associazione Italiana Sostegno Malattie Metaboliche Ereditarie), da sempre in prima linea - con Uniamo Federazione Italiana Malattie Rare - per l’applicazione dello screening neonatale ad ogni nuovo nato in Italia, chiede il blocco del Decreto ministeriale e appoggia la Senatrice Paola Taverna (M5S) nella sua decisa azione di difesa del Disegno di Legge 998 di cui è prima firmataria ma sottoscritto da componenti di tutte le forze politiche. Un provvedimento condiviso con le associazioni dei malati, organico e efficace, già approvato dalla Commissione Sanità al Senato in sede deliberante, approdato il 18 dicembre scorso alla  Camera (C. 3504) e calendarizzato in Commissione Affari Sociali per il 22.3.2016.

  • cart EXE Brochure GMMR 01 SECONDA STAMPA

    Quattro ospedali romani, una piazza in cui effettuare visite e screening gratuiti per adulti e bambini, una tavola rotonda con esperti aperta a tutti coloro che vogliono saperne di più: così il prossimo 16 ottobre, a Roma, si celebrerà la Giornata mondiale del Malato Reumatico, all’insegna dello slogan “LA PREVENZIONE E L’INFORMAZIONE CURANO E RASSICURANO”.

  • Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su sciopero medici 22 luglio: consigli ai cittadini per veder rispettato il proprio diritto alle cure, anche in caso di sciopero

    Circa 500mila visite specialistiche e 30mila interventi programmati potrebbero saltare a causa dello sciopero dei dirigenti sanitari del 22 luglio. Per questo il Tribunale per i diritti del malato- Cittadinanzattiva, oltre ad aver inviato una lettera-appello ai sindacati medici e alle aziende sanitarie e ospedaliere per limitare i disagi e riprogrammare contestualmente visite ed esami non erogati a causa dello sciopero, consiglia ai cittadini di:

  • Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su sciopero medici: riprogrammare visite e prestazioni previste in tempi congrui per evitare disagi ai cittadini.
    Lettera appello a sindacati medici e aziende sanitarie

    "Abbiamo a cuore la salvaguardia e la cura del nostro Servizio Sanitario Nazionale e comprendiamo che queste motivazioni siano alla base dello sciopero dei medici del prossimo 22 luglio; ma siamo preoccupati per le conseguenze che ancora una volta pagheranno i cittadini Per questo lanciamo un appello a tutti i professionisti della sanità e ai Direttori generali, perché i disagi siano contenuti e perché le visite diagnostiche, specialistiche e di day surgery previste per quella data siano riprogrammate contestualmente nei successivi 7 giorni e gli interventi programmati nei successivi 15 giorni. Inoltre, le risorse economiche inutilizzate per il pagamento delle ore non lavorate dai professionisti siano impegnate per garantire cure tempestive ai cittadini".

  • Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su protesta ginecologi ed ostetriche: no a scioperi contro i cittadini, individuare percorsi comuni per migliorare i servizi.

    "Siamo dispiaciuti. Non è questo il modo per affrontare i problemi, che sicuramente ci sono, scaricandoli sui cittadini che si troveranno senza servizi per una giornata intera. Piuttosto chiediamo forme alternative di sciopero dove potremmo essere al fianco di ginecologi e ostetriche" è quanto afferma Giuseppe Scaramuzza, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva in merito alla decisione di ginecologi e ostetriche di scioperare e non garantire le prestazioni sanitarie ai cittadini il prossimo 12 febbraio.

  • "Uno sciopero che penalizza ancora una volta i cittadini e che ostacola la necessaria riforma dell'assistenza sanitaria territoriale", è quanto afferma Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, in merito allo sciopero indetto per il 19 maggio dai medici di medicina generale e dai pediatri.

  • Cittadinanzattiva su schema di decreto su cure transfrontaliere: peggiorativo rispetto all'attuale sistema. E l'associazione indica le proposte di modifica.

    "Lo schema di Decreto approvato dal Governo per l'applicazione della Direttiva europea sulle cure transfrontaliere rischia di peggiorare il sistema di accesso alle cure in Europa per i cittadini del nostro Paese e di creare ulteriori differenze tra i pazienti nelle diverse regioni italiane", è quanto afferma Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva che ha inviato una Nota al Ministro Lorenzin, agli Assessori regionali alla Sanità, alle Commissioni competenti di Camera e Senato e al Presidente della Conferenza Stato-Regioni,.

  • saluteweb

    Esiste da pochi giorni un altro strumento di informazioni in ambito sanitario: si tratta di un sito internet, che ovviamente prevede anche una applicazione per smartphone, dal nome “Scegliere Salute” che ha lo scopo di facilitare la ricerca di medici e strutture sanitarie su tutto il territorio italiano. Si tratta, in pratica, di una pagina di ricerca in cui è possibile selezionare la tipologia di medico ricercata (specialista, o anche centri diagnosi e ospedali), la regione e la città, oltre che, ovviamente la specializzazione desiderata.

  • La Regione Sardegna, dopo l’approvazione dei PDTA, percorsi diagnostici e terapeutici per persone con malattie infiammatorie croniche dell'intestino, ha recepito anche l’intesa della Conferenza Stato-Regioni sulle malattie reumatiche infiammatorie e autoimmuni (“Malattie reumatiche infiammatorie e auto-immuni, tra cui Artrite Reumatoide, Spondiloartriti, Artrite Psoriasica, Artriti Enteropatiche, Artrite Idiopatica Giovanile, le Connettiviti tra le quali Sclerosi Sistemica, Lupus Eritematoso sistemico, Sindrome di Sjogren, dermatomiosite, Polimiosite e Vasculiti ed altre malattie rare).

  • sanita tdm a nola lesa dignita del malato

    Aceti, Regione verifichi attivazione posti letto di osservazione breve intensiva

    Roma, 9 gen. (AdnKronos Salute) - "E' inaccettabile vedere persone curate per terra sulle coperte. Più che una struttura del Servizio sanitario nazionale sembra un ospedale da campo. La dignità della persona e del malato è stata fortemente penalizzata, se non mancata del tutto nel percorso di cura e assistenza in questi due giorni". Così il coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva, Tonino Aceti, ha commentato all'Adnkronos Salute la situazione di sovraffollamento che si è creata tra sabato e domenica nel pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, in cui i pazienti sono stati curati a terra per indisponibilità di barelle. Aceti ha ricordato che tra il 7 e l'8 gennaio l'afflusso al pronto soccorso è stato di "265 persone, di cui 30 ricoverate e 2 trasferite in altre strutture: in tutto 233 soccorse come visto nelle immagini". "Si sapeva che questo era un momento delicato per il picco influenzale e che sarebbe arrivato il freddo - ha sottolineato - Le strutture ospedaliere e la Regione Campania avrebbero dovuto pianificare una strategia di contrasto e gestione di un eventuale sovraffollamento. Il fatto che nessuno sembra se ne sia preoccupato, ci lascia perplessi e ci preoccupa molto". "Inoltre - ha aggiunto - chiediamo alla Regione e agli ispettori del ministero della Salute di verificare se in quella struttura i posti letto di osservazione breve intensiva fossero stati attivati e in che misura, se il personale era adeguato e se i 107 posti letto erano tutti sfruttati e utilizzati. Vogliamo sapere anche se la Regione Campania ha fatto controlli su tutte le strutture sanitarie del territorio rispetto alla loro capacità di gestire il sovraffollamento. Il pronto soccorso è un punto di riferimento per il cittadino e come tale va salvaguardato - ha concluso Aceti - rafforzando anche il ruolo di filtro della medicina di famiglia in modo da decongestionare gli ospedali".

  • Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato: i cittadini campani….ancora una volta beffati. La decisione di imporre ok preventivo di ASL a cure fuori regione grave lesione diritti dei cittadini

    “Forse il Commissario campano alla salute non sa, o non vuole ricordare, che da agosto sarà operativa la nuova Direttiva Europea sulle cure transfrontaliere, che di fatto permetterà maggiore libertà di movimento e più diritti per i cittadini in materia di cure all’estero”. Questo il commento di Antonio Gaudioso, segretario generale di  Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in merito al decreto Commissariale, pubblicato ieri in Gazzetta Regionale, con cui si impone ai cittadini che volessero farsi curare fuori regione di avere un ok preventivo da parte delle ASL.

  • "La sanità negata aumenta ancora. Erano 9 milioni nel 2012, sono diventati 11 milioni nel 2016 gli italiani che hanno dovuto rinviare o rinunciare a prestazioni sanitarie nell'ultimo anno a causa di difficoltà economiche, non riuscendo a pagare di tasca propria le prestazioni. Al cambiamento «meno sanità pubblica, più sanità privata» si aggiunge il fenomeno della sanità negata: «niente sanità senza soldi».

  • In Italia la spesa annua per abitante è di 1.867 euro, molto meno rispetto a Regno Unito, Francia e Germania. E le famiglie arrivano a spendere di tasca propria fino a 1.222 euro. Mezzo milione i "migranti della salute". Leggi tutto

  • ancora tagli alla salute

    “422 milioni di euro in meno per la sanità pubblica non è una bella notizia per i cittadini. Quello del taglio delle risorse era un rischio che avevamo denunciato ripetutamente e chiesto di scongiurare, e che invece oggi siamo tristemente costretti a commentare. E’ l’ennesimo film già visto in questi anni di tagli alla sanità, e che hanno già portato circa il 10% degli italiani a rinunciare alle cure per liste di attesa e costi, con circa mezzo miliardo di euro in meno la situazione non è certo destinata a migliorare ”. Questo il commento di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva sull’accordo per il riparto del Fondo sanitario nazionale 2017.

  •  

    “Il servizio sanitario ligure ha subito una cura dimagrante con effetti deleteri sui diritti dei cittadini: liste di attesa troppo lunghe e ticket insostenibili spingono di fatto le persone a rivolgersi al privato, con costi ormai insostenibili per le loro tasche”, nelle parole di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, la “diagnosi” del servizio sanitario in Liguria emerso dai due giorni della tappa genovese del tour Sono malato anch’io. La mia salute è un bene di tutti, tenutasi il 17 e 18 giugno.

  • Walter Ricciardi, da un anno presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, analizza la situazione attuale del sistema sanitario italiano: “Per un Servizio sanitario nazionale come il nostro che è pubblico, finanziato attraverso la tassazione dei cittadini, c’è tutto l’interesse a cercare di razionalizzare gli acquisti". "Ma - prosegue Ricciardi in un'intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano - il rischio è che le procedure d’acquisto non siano più costruite intorno ai bisogni del paziente ma dei conti delle strutture sanitarie.

  • farmacie di strada

    Il progetto “Farmacie di strada" mette insieme attori diversi del sistema salute, accomunati dalla volontà di fare la propria parte nel contrastare il diffondersi di patologie legate alla povertà o al mancato accesso alle cure.

    "Farmacie di strada", proposto dall’Istituto di Medicina Solidale Onlus (Imes), in partnership con la Fondazione Banco Farmaceutico (Fbf), l’associazione Banco Farmaceutico Research (Bfr) e la Federazione nazionale degli Ordini dei farmacisti (Fofi), è stato lanciato in occasione dell’Assemblea pubblica 2018 di Assogenerici, caratterizzato dallo slogan "Abbiamo cura di loro”, e prevede l’apertura di due presìdi negli ambulatori di medicina solidale di Tor Bella Monaca e nel colonnato di San Pietro.

  • “Spendere di meno, spendere meglio”, “Trasferire l’assistenza dall’ospedale al territorio” e, naturalmente “eliminare gli sprechi”: sono queste - commenta Alessio Terzi, segretario regionale per il Piemonte di Cittadinanzattiva - e altre simili, le frasi che accompagnano, da anni, le manovre di contenimento della spesa sanitaria. Principi del tutto condivisibili che rischiano, però, di apparire ai cittadini come  tentativi di mascherare la riduzione dei livelli di servizio.

  • “Attendiamo fiduciosi il Decreto speciale Calabria annunciato dal governo e chiediamo nel contempo che venga vagliata ogni soluzione, come la sospensione temporanea degli aumenti Irap e Irpef e, per quanto possibile, del blocco del turn over, affinchè si eviti che i calabresi incolpevoli continuino a pagare un prezzo altissimo per le irresponsabilità altrui”. Queste le dichiarazioni di Felice Lentidoro, Segretario regionale di Cittadinanzattiva Calabria. Nell'intervista aggiunge che come sempre  saranno vicini ai cittadini e dalla parte dei più deboli per l’affermazione dei diritti e a credere fermamente nelle istituzioni.

  • La Sanità pubblica molisana è a rischio: il piano sanitario in fase d'approvazione depotenzia le Aziende sanitarie pubbliche a favore delle strutture private. La riorganizzazione dei servizi rischia di far ricadere integralmente sui cittadini le conseguenze delle gestioni finanziarie.

    La petizione online ha lo scopo di chiedere alle Istituzioni che si facciano garanti della tutela della Salute e della Sanità pubblica, in particolare per quanto concerne la fornitura dei servizi e delle cure, in modo che siano garantiti in maniera uniforme su tutto il territorio;

  • Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 13 gennaio le linee guida siglate dalle regioni e dagli enti locali per migliorare salubrità e sicurezza degli ambienti scolastici, e prevenire fattori di rischio come allergie e asma. Approfondisci

  • la salute non è un lusso

    In vista delle prossime elezioni del 4 marzo, Cittadinanzattiva Lazio invia un documento ai candidati alla carica di Presidente del Lazio.
    La naturale premessa di questo documento è l’inversione dell’approccio con il quale viene gestito un settore così rilevante per le persone come quello della salute: passare quindi da un approccio economicista dove uno dei diritti fondamentali della persone viene “scambiato” come se fosse una merce con la pretesa giustificazione che i soldi non ci sono, alla sfida aperta dalla Costituzione dove lo Stato nelle sue diverse articolazioni si deve impegnare a rimuovere gli ostacoli che impediscono alle persone lo sviluppo completo della propria identità.

  • Salute mentale Psichiatria Democratica chiede maggiore impegno

    "Una recente indagine del Ministero per la Salute - afferma Psichiatria Democratica, l'Associazione fondata da Basaglia per combattere la segregazione dei malati mentali - ha evidenziato che sono ben 9000 gli operatori che mancano per fare funzionare i Servizi e, così, continuare il percorso che tanti ottimi risultati ha dato nel corso degli anni."
    "Bisogna, perciò - continua il comunicato di Psichiatria Democratica - rilanciare una nuova operatività e contrastare a muso duro l’idea della ineluttabilità della malattia mentale: l’antico, perverso gioco, che schiaccia le persone tra incurabilità (e quindi pericolosità) e cronicità. Ma proprio perché consci di questa grave situazione, occorre investire in Salute Mentale a cominciare dalle fasce di sofferenza maggiore. "

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.