Sicurezza a scuola

  • Cittadinanzattiva presenta un ricorso al TAR Lazio contro MIUR sull’Anagrafe dell’edilizia scolastica

    XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica: Cittadinanzattiva presenta un ricorso al TAR Lazio contro MIUR sull’Anagrafe dell’edilizia scolastica.
    Suhttp://j.mp/XIGiornatasicurezza l’elenco delle scuole che riceveranno i finanziamenti

    Non è il Ministero dell’Istruzione l’amministrazione che detiene le informazioni relative alla Anagrafe dell’edilizia scolastica e non ci sarebbe alcun obbligo di pubblicazione della stessa da parte delle amministrazioni competenti. Sono queste le motivazioni con cui il MIUR ha negato a Cittadinanzattiva l’accesso civico, previsto dal d.lgs 33/2013, ai dati dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, richiesto dall’associazione lo scorso settembre. E contro tale diniego Cittadinanzattiva ha depositato un ricorso al Tar in occasione della XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica.

  • Torna l'XI Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica: numerose le iniziative in programma, tra il 22 novembre e il 3 dicembre, in 5mila scuole

    Torna la Giornata nazionale della sicurezza scolastica, promossa da Cittadinanzattiva e giunta quest'anno alla undicesima edizione con iniziative in programma, tra il 22 novembre e il 3 dicembre, in varie città e in circa 5mila scuole.

  • Responsabili della sicurezza a scuola: ci dimettiamo!

    All’indomani della sentenza sul crollo del Liceo Darwin, con la condanna dei docenti della scuola responsabili della sicurezza, numerosi presidi, a cominciare dagli istituti piemontesi, segnalano che i professori responsabili della sicurezza stanno pensando di dimettersi: "Il rapporto tra rischi e gratificazione economica è assolutamente svantaggioso. Di fronte ai rischi che si possono correre, chi si era assunto responsabilità con spirito di servizio, rinuncerà". Leggi tutto

  • Scuola italiane, quanto sono sicure?

    Dopo la sentenza di appello per il crollo al Liceo Darwin di Rivoli, Uno Mattina ha dedicato una puntata al tema della sicurezza delle scuole. In studio Adriana Bizzarri di Cittadinanzattiva, il sottosegretario al MIUR Galletti e, in collegamento, Cinzia Caggiano, la mamma di Vito lo studente morto sotto il crollo della scuola. Rivedi la puntata su www.rai.tv

  • Prorogato il termine per le iscrizioni alla XI Giornata della sicurezza

    Il termine per le iscrizioni delle scuole all'XI Giornata nazionale della sicurezza è stato prorogato al 3 di novembre. Siete ancora in tempo per iscrivere le scuole dei vostri figli, parlatene prima con il Dirigente scolastico, compilate il modulo che trovate sul nostro sito al seguente link e la scuola riceverà gratuitamente il kit didattico realizzato ad hoc. Per saperne di più

  • Iscrizioni alla XI Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Torna il 22 e 23 novembre l'XI Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole.
    C'è tempo fino al 25 ottobre per iscriversi su www.cittadinanzattiva.it

    Anche quest'anno si rinnova l'appuntamento con la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva, nell'ambito della campagna nazionale Impararesicuri, e in programma in tutta Italia i prossimi 22 e 23 novembre.
    Le scuole possono partecipare compilando, entro il 25 ottobre, l'apposito modulo online al link http://j.mp/XIGiornatasicurezzascuole.
    Edifici sicuri, piani comunali di emergenza, benessere e corretta alimentazione, uso responsabile di internet, sono i temi principali della XI Giornata e su questi le scuole che avranno aderito riceveranno gratuitamente materiale informativo ad hoc, diversificato per fasce di età.

  • Incidenti a scuola: lo Stato responsabile anche fuori orario

    Lo Stato è responsabile di tutti gli infortuni che possono capitare ai bambini a scuola, anche se l'episodio accade appena fuori dall'edificio scolastico. E' quanto si evince da una sentenza con cui la terza sezione civile della Cassazione ha rigettato il ricorso del ministero della Pubblica Istruzione e di una scuola elementare di Cerveteri. Approfondisci

  • Piani di emergenza inadeguati, il preside paga

    Una sanzione di 1300 euro, pagata dal dirigente scolastico del Montale di Genova, per non aver saputo gestire l'emergenza in seguito all'alluvione del novembre 2011. A determinare la "chiamata in causa" del preside, la morte di una donna che si era recata a scuola per riprendere uno studente. Secondo l'inchiesta, i piani di emergenza non tenevano in adeguata considerazione i rischi di una eventuale inondazione e la sicurezza di circa 500 studenti e 40 dipendenti. Approfondisci. Leggi le FAQ di Cittadinanzattiva sul piano di emergenza a scuola

  • Cittadinanzattiva in Commissione Cultura su sicurezza delle scuole

    Lo scorso 18 settembre Cittadinanzattiva è stata audita nella Commissione Cultura, Scienza ed istruzione della Camera dei Deputati sul tema dell'edilizia scolastica.
    Dalla richiesta di cancellare le incongruenze normative sulla sicurezza e la vivibilità nelle aule, alla necessità di trovare nuovi fondi ma anche soluzioni doverse per far fronte alla emergenza di edifici poco sicuri, alla improrogabile necessità di avere, tramite l'Anagrafe, un quadro chiaro della situazione di ogni singola scuola, ecco alcune delle richieste fatte nel corso della audizione. Guarda il video integrale dell'intervento di Adriana Bizzarri. Leggi il testo

  • La scuola, tra cittadini attivi e paganti e istituzioni riluttanti

    scuolaamica 2015 02 15

    Genitori che si rimboccano le maniche per ripulire la scuola, ed altri che si oppongono alla chiusura della scuola "insicura" per la scomodità' che crea. Dirigenti scolastici che presidiano la sicurezza degli edifici a loro affidati con il concorso di tutti, e altri che impediscono l’accesso nelle scuole  alle organizzazioni o ai Comitati, considerandole proprietà privata.
    Sindaci che non riescono ad intervenire neanche rispetto alle urgenze, altri che agiscono con le poche risorse disponibili, ingegnandosi come possono. Insegnanti disponibili anche a somministrare medicinali, insegnanti refrattari a qualunque cambiamento e innovazione. Edifici scolastici nelle grandi città che cadono a pezzi, edifici all’avanguardia anche in piccole città del Sud.

  • Presentato l’XI Rapporto su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola

    flag eng

    Scuole più sicure? Non ci sembra, ma lo chiediamo al Ministero. Senza Anagrafe si rischiano interventi inappropriati e fondi sprecati. E dalle famiglie 390 milioni di euro nell’ultimo anno scolastico.Presentato l’XI Rapporto su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola

    Lesioni strutturali in una scuola su sette, distacchi di intonacoin una su cinque e, nel corso dell’ultimo anno scolastico, ben 29 casi di tragedie sfiorate a causa di crolli di diversa entità nelle scuole. Migliorano i dati sul possesso delle certificazioni, peggiora invece lo stato di manutenzione delle scuole che nel 39% dei casi è del tutto inadeguato, così come la qualità di vita all’interno degli ambienti scolastici, interessati più che in passato, forse anche per via dell’ultima annata particolarmente piovosa, da muffe, infiltrazioni e segni di umidità che colpiscono un’aula su cinque.  E un terzo delle scuole ha subito atti di vandalismo.
    Gran parte delle scuole sembrerebbe priva di barriere architettoniche, ma in realtà l’accessibilità si ferma spesso al solo ingresso, oltre troviamo aule in un caso su quattro inaccessibili a studenti in carrozzina e prive di arredi e attrezzature didattiche destinati a loro.
    Sempre nell’ultimo anno, dalle famiglie sono arrivati circa 390 milioni di euro, sotto forma di contributo volontario o donazione di materiali e beni, senza i quali la nostra scuola non potrebbe tirare avanti.

  • Presented The Xi Report On Safety, Quality And Accessibility To School

    Safer schools? It does not seems to, but we ask it to the Ministry. Without Registry is likely inappropriate actions and funds wasted. And 390 million euro in the last school year for families.Presented XI Report on safety, quality and accessibility to school

    In a school out of seven structural lesions, detachment of plaster in one out of five and, during the last school year, at least 29 cases of tragedies touched due to collapse of varying significance in schools. Improve data on the possession of the certificates, instead worsens the state of maintenance of schools in 39% of cases it is inappropriate, as well as the quality of life within school settings, more interested in the past, perhaps because last year particularly rainy, mold, leaks and signs of moisture affecting classroom on five.  And a third of schools have suffered acts of vandalism.

  • Sicurezza e accessibilità a scuola: il 18 la presentazione dell'XI Rapporto

    Intonaci cadenti, impianti non a norma, banchi e sedie rotte: le scuola italiane fanno ancora paura? A rappresentare la situazione degli edifici scolastici dal punto di vista della sicurezza e dell'accessibilità sarà l'annuale Rapporto di Cittadinanzattiva che sarà presentato il prossimo 18 settembre. Leggi il programma e iscriviti all'evento. Leggi l'intervista ad Adriana Bizzarri sul canale scuola di Corriere.it

  • XI Rapporto sicurezza, qualità e accessibilità a scuola

    Il prossimo 18 Settembre a Roma, presso la Sala delle Colonne di Palazzo Marini, Camera dei Deputati, la Scuola di Cittadinanzattiva presenterà i dati relativi all' XI Rapporto sulla sicurezza negli edifici scolastici. Quest'anno vi è un'interessante novità, il Rapporto infatti contiene un focus sul tema dell'accessibilità delle strutture scolastiche per studenti disabili. Per partecipare è necessario confermare la propria presenza tramite il link contenuto nell'invito elettronico entro il 13 Settembre. Scarica il programma

  • Invito stampa XI Rapporto sicurezza a scuola

    "Sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola": il 18 settembre a Roma la presentazione dell'XI Rapporto nazionale di Cittadinanzattiva

    In coincidenza della ripresa dell'anno scolastico sarà presentato a Roma il prossimo 18 settembre, presso la Sala delle Colonne (Palazzo Marini, Camera dei Deputati, via Poli 19, ore 9.15-13.30), l'XI Rapporto nazionale su sicurezza, qualità ed accessibilità a scuola, realizzato da Cittadinanzattiva sulla base dei dati raccolti nel corso del monitoraggio civico di circa 160 scuole, di tutte le regioni, ad esclusione di Valle D'Aosta e Liguria.

     

  • A Scalea un corso di formazione sulle tecniche di resilienza

    La Scuola di Cittadinanzattiva e Save the Children il prossimo 12 Luglio saranno a Scalea presso il Centro educativo "fuori classe", per realizzare il secondo appuntamento di un corso di formazione, per operatori e volontari del terzo settore, per migliorare le tecniche e le capacità di intervento in caso di emergenza. Leggi il programma

  • Volontari a Scuola per la Campagna Imparare Sicuri

    Si è conclusa in questi giorni una delle attività della Campagna Imparare sicuri, che la Scuola di Cittadinanzattiva porta avanti da ormai undici anni. Si tratta del Monitoraggio sulla sicurezza qualità e comfort degli edifici scolastici, i dati raccolti verranno presentati il prossimo 18 Settembre a Roma.
    Quest'anno l'indagine contiene due grandi novità: un focus sulla disabilità, e una collaborazione con l'Unione italiana lotta alla distrofia muscolare (UILDM). Ecco il racconto dei volontari UILDM di Chivasso che insieme a Cittadinanzattiva sono entrati nelle scuole per realizzare il Monitoraggio. Per saperne di più

  • Disposti ad autotassarsi per risanare la scuola

    Succede a Torino, dove gli studenti e le famiglie del liceo scientifico Copernico e dell’Istituto tecnico commerciale Luxemburg hanno deciso di autotassarsi per bonificare la scuola dalla lana di vetro, visto che la Provincia non ha più soldi per farlo. E per testimoniare la loro azione di cittadini attivi hanno in 1900 organizzato un flash mob davanti al Lingotto. Approfondisci

  • Su edilizia scolastica

    Cittadinanzattiva su edilizia scolastica: subito Anagrafe, 8 per mille e interventi durante il periodo estivo.
    Ai buoni propositi delle istituzioni seguano impegni immediati e concreti

    "Accogliamo con soddisfazione e fiducia il monito e gli impegni con cui autorevoli rappresentanti delle nostre istituzioni pubbliche stanno portando all'attenzione del Paese il tema della edilizia scolastica e della necessità di investire sulla messa in sicurezza delle nostre scuole. Ora chiediamo che ai buoni propositi seguano impegni concreti, perché non sia tradita ancora una volta la fiducia dei 10 milioni di studenti e personale scolastico", ad affermarlo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, in riferimento alla relazione annuale presentata oggi dal Garante per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, nonché alla relazione programmatica del Ministro Carrozza e agli interventi del sottosegretario Rossi Doria.

  • "La scuola che vorrei" in Commissione Cultura della Camera dei Deputati

    Otto proposte per il futuro della scuola e dei giovani studenti. Il Memorandum "La scuola che vorrei" elaborato da Cittadinanzattiva e già sottoscritto da numerose scuole, presentato il 30 maggio al Presidente e ai Capigruppo della Commissione Cultura della Camera dei Deputati. Leggi di più

  • Allarme sicurezza a scuola!

    La Scuola di Cittadinanzattiva condivide l'allarme sulla sicurezza delle scuole lanciato dal Presidente dell'UPI Saitta, e critica quello che è stato l'intervento del capo dipartimento del MIUR. E' necessaria una seria programmazione di intervento. Leggi il comunicato

  • Sicurezza scuole: allarme dell'UPI

    Cittadinanzattiva su sicurezza scuola: allarme UPI fondato, il Ministero risponda con una seria programmazione

    "Condividiamo l'allarme lanciato dal presidente dell'UPI Saitta. I dati forniti sulla sicurezza degli edifici e sulla situazione delle palestre sono verosimili: si parla di rischio riapertura di 400 scuole su 5179 e da anni sosteniamo, a seguito dei monitoraggio della campagna Impararesicuri, che una scuola su dieci è in condizioni pessime", ad affermalo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.

  • VII Edizione Premio "Vito Scafidi" delle Buone Pratiche di Educazione alla Sicurezza

    Si è tenuta, il 23 aprile 2013, la consegna del VII Premio per le Buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute nelle scuole “Vito Scafidi”.
    120 i progetti concorrenti, 3 le scuole vincitrici, 9 le menzionate.

  • VII Premio “Vito Scafidi” per le Buone pratiche nella scuola. 3 scuole premiate e 9 menzionate.

    VII Premio “Vito Scafidi” per le Buone pratiche nella scuola. 120 progetti, 3 scuole premiate e 9 menzionate. Consegnato il primo Diploma per Responsabili Studenti per la Sicurezza.
    E da oggi 1000 scuole per “La scuola che vorrei”

    Un video e un sito web completamente dedicato al tema della sicurezzamessi a punto dagli studenti dell’Istituto superiore Avogadro di Torino; una rete sul territorio di Ferrara, attivata dall’Istituto comprensivo Govoni, sul tema dell’integrazione degli alunni stranieri, che tiene insieme mediatori culturali, associazioni ed altri istituti scolastici; una campagna di sensibilizzazione sull’uso di alcool e droghe e sui rischi che comportano messa a punto dai giovanissimi alunni della scuola elementare Vivaldi di Settimo Torinese.

  • Quante barriere nelle nostre scuole?

    Scalini all’ingresso nel 14% delle scuole monitorate da Cittadinanzattiva, l’ascensore è assente nel 54% degli edifici e non funziona nel 14%; le barriere architettoniche interessano il 14% degli ingressi principali, il 18% delle mense, il 13% dei laboratori, il 12% dei cortili, l’11% delle aule e dei laboratori multimediali, l’8% delle palestre. Nel 34% delle scuole non esistono bagni per persone con disabilità. Segnalaci scuole con barriere architettonichecompilando la scheda.

    I dati del X Rapporto Sicurezza a scuola di Cittadinanzattiva (2012) e dell’ultima rilevazione ISTAT(gennaio 2013)

    SCUOLA E DISABILITÀ. Diritti in pillole. Quali sono le leggi di riferimento, quali i diritti degli studenti disabili, a chi compete adeguare le scuole e rimuovere le barriere architettoniche? Qualche riferimento in pillole

  • Scuole "sgarrupate": ecco come sistemarle!

    Sei un genitore e vuoi sistemare la scuola di tuo figlio? Sono sempre più numerosi le mamme e i papà che, armandosi di scope, pennelli e cazzuole, si adoperano per ripulire e sistemare aule e spazi comuni. Per chi vuole conoscere le procedure da seguire per far sì che simili attività dei genitori siano riconosciute e anzi sostenute dall'istituzione scolastica e dall'amministrazione comunale. il sito www.squolastra.org, partendo da un progetto condiviso in Toscana, rappresenterà una valida guida, ricca di informazioni, moduli e procedure.

  • IX Giornata UILDM, perchè le barriere a scuola non hanno giustificazione!

    Dal 18 al 31 marzo invia un sms o chiama il numero 45508 per avere scuole libere da barriere architettoniche. E' l'obiettivo della IX Giornata nazionale UILDM (Unione italiana Lotta alla Distrofia muscolare) con cui prende avvio la campagna "Assente ingiustificato" che vedrà impegnati la UILDM e Cittadinanzattiva nel corso del 2013. Online il materiale di comunicazione della campagna. Leggi il comunicato
    Contribuisci alla campagna "Assente ingiustificato" segnalandoci casi di barriere architettoniche nelle scuole e disagi per gli studenti disabili nella vita scolastica.
    Scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Assente ingiustificato - IX Giornata nazionale UILDM

    IX Giornata Nazionale UILDM
    Assente ingiustificato - Perché le barriere a scuola non hanno giustificazione
    Dal 18 al 31 marzo invia un sms o chiama il numero 45508
    Contribuisci a realizzare nelle scuole italiane una piena inclusione sociale

    La Giornata Nazionale UILDM, dedicata all'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, torna dal 18 al 31 marzo prossimi sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Anche in questa occasione protagoniste della manifestazione saranno le Farfalle della Solidarietà, i peluche ripieni di ovetti di cioccolato che verranno distribuiti, assieme a materiale informativo sull'Associazione e sulle malattie neuromuscolari, da migliaia di volontari presso i banchetti presenti in tante città italiane, a fronte di un contributo minimo di 5 euro. Nello stesso periodo, inoltre, sarà possibile sostenere l'iniziativa mandando un sms o chiamandoil numero 45508.

  • Al via Assente ingiustificato, contro le barriere a scuola

    E' partita la campagna Assente ingiustificato, con cui l'Unione italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM) e Cittadinanzattiva si impegneranno, nel corso del 2013, per l'abbattimento delle barriere, non solo architettoniche, nelle scuole italiane. Dal 18 al 31 marzo la raccolta fondi finalizzata all'iniziativa. Scarica la locandina

  • Arriva la sentenza per il crollo della Casa dello Studente

    Emesso il primo verdetto per il crollo della Casa dello Studente dell’Aquila, l'edificio distrutto dal sisma del  6 aprile 2009 in cui morirono otto ragazzi: condanne da quattro anni a due anni e sei mesi per omicidio plurimo e lesioni. Cittadinanzattiva si era costituita parte civile nel processo a sostegno dei familiari delle vittime. Leggi di più

  • Premio Buone Pratiche a scuola

    E' in corso la VII edizione del Premio delle Buone pratiche sulla sicurezza e la salute a scuola "Vito Scafidi". Il concorso è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato progetti nelle seguenti aree tematiche: sicurezza a scuole e sul territorio; educazione al benessere;, educazione alla cittadinanza attiva. I progetti saranno selezionati da una giuria di esperti. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Roma il 23 Aprile. Scarica il bando

  • Assente ingiustificato

    Contesto
    In Italia ci sono quasi 200.000 studenti con disabilità, che vedono leso il loro diritto allo studioquotidianamente: sono impossibilitati a frequentare regolarmente la scuola a causa della riduzione dei servizi (trasporto, orari insegnanti di sostegno, assenza del personale ausiliario, ecc.), sono spesso parcheggiati nelle aule, soli e circondati dall’indifferenza degli adulti ma anche dei loro coetanei. La loro condizione di vita si aggrava ulteriormente a causa del contesto già difficile di molte scuole perché sovraffollate, insicure, insalubri, poco attrezzate, ecc.

  • Aperto il Bando per il VII Premio Buone pratiche nella scuola

    VII Premio delle Buone Pratiche nella scuola "Vito Scafidi", promosso da Cittadinanzattiva: bando aperto fino al 15 marzo, la consegna del Premio a Roma il 23 aprile
    http://j.mp/XcOttS

    La sicurezza a scuola e sul territorio, l'educazione al benessere, l'educazione alla cittadinanza attiva intesa come cura dei beni comuni, inclusione sociale, solidarietà, convivenza civile, legalità.
    Le scuole di ogni ordine e grado che hanno sviluppato progetti in uno degli ambiti indicati, nell'anno scolastico passato o in quello in corso, possono partecipare alla VII edizione del Premio delle Buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute, promosso da Cittadinanzattiva nell'ambito della campagna nazionale Impararesicuri. Il Premio è intitolato dal 2009 a Vito Scafidi, il ragazzo morto per il crollo del controsoffitto nel Liceo Darwin di Rivoli (Torino).
    C'è tempo fino al 15 marzo

     

  • Un premio per le scuole

    Prende il via la nuova edizione del Premio delle Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla salute Vito Scafidi. Il concorso è ormai arrivato alla sua VII edizione, ed è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato nello scorso anno o nell'anno in corso progetti relativi a tre aree tematiche: la sicurezza a scuola e nel territorio; l'educazione al benessere; l'educazione alla cittadinanza attiva. Per saperne di più sulla modalità di partecipazione scarica il bando

  • VI Edizione Premio "Vito Scafidi" delle Buone Pratiche di Educazione alla Sicurezza

    Anno scolastico 2011/2012

    Ad aprile 2012 si è tenuta la VI edizione del Premio Buone pratiche per la sicurezza e la salute a scuola "Vito Scafidi",promosso dalla Scuola di Cittadinanzattiva nell’ambito della campagna nazionale Impararesicuri.

    I progetti pervenuti sono stati 158 provenienti da 17 regioni, tutte ad eccezione di Basilicata, Liguria e Valle d'Aosta.

  • A Natale regalate la sicurezza nelle scuole!

    Cittadinanzattiva, dopo i recenti crolli nella scuola dell’infanzia “M.L.King” di Ciampino alle porte di Roma, e a Napoli nella scuola elementare “Marco Polo” avanza la proposta a Comuni e Province di effettuare sopralluoghi durante il periodo delle vacanze di natale, approfittando della chiusura . La proposta è stata già appoggiata dalle sedi locali di Cittadinanzattiva presenti nella regione Lazio. Leggi il comunicato

  • In Dl sviluppo Fondo unico per l'edilizia scolastica

    Il Fondo unico per l'edilizia scolastica è previsto in un emendamento al Decreto sviluppo  approvato dalla Commissione industria del Senato. A gestirlo il Ministero dell'Istruzione che, d'intesa con la conferenza unificata delle Regioni, avrebbe il compito di definire le priorità strategiche, le modalità e i termini per la predisposizione e l'approvazione di appositi "piani triennali" di interventi. Per saperne di più

  • Crollo scuola Ciampino

    Cittadinanzattiva su crollo scuola Ciampino: accertare le responsabilità ed effettuare sopralluoghi nelle scuole durante il periodo natalizio

    "Ancora una volta è andata bene. Ma non possiamo continuare a mettere a repentaglio la vita dei più piccoli prima che le nostre istituzioni, nazionali e locali, mettano in agenda come prioritaria l'edilizia scolastica. Nel frattempo, la scuola che dovrebbe essere il luogo più sicuro e protetto, si è dimostrata essere ancora una volta, pericolosa: quale favola racconteranno ai bambini della Scuola Materna "M. L. King" di Ciampino per spiegare quanto è successo alla loro compagna? Come spiegare ai genitori che solo per pura coincidenza non si è verificata l'ennesima tragedia?", è quanto dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva.

  • X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole: oltre 1 milione di studenti coinvolti.
    Istituire il Responsabile Studenti per la sicurezza

    Fare degli studenti i veri protagonisti della sicurezza a scuola. E' questo l'obiettivo su cui proseguirà la campagna di Cittadinanzattiva Impararesicuri per la sicurezza delle scuole, lanciato oggi in occasione della X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, in corso con eventi ed iniziative in 5mila scuole di tutta Italia ed il coinvolgimento diretto di oltre 1 milione di studenti.

     

  • X Giornata della sicurezza: Cittadinanzattiva "mobilita" le scuole

    Venerdì 23 novembre si festeggia la X Giornata della sicurezza nelle scuole. Le scuole coinvolte su tutto il territorio nazionale sono quasi 5000. Eventi locali, organizzati dai nostri volontari  in 16 regioni e 33 città.
    Vedi gli eventi in programma

  • La scuola non è uguale per tutti

    Canicattì e Trento, due realtà distanti non solo geograficamente. Fa impressione vedere come siano diverse le scuole di queste due città, riprese dalle telecamere del Tg2 Dossier. Ma il problema della sicurezza scolastica attraversa tutta Italia, come da anni denunciamo con il Rapporto Impararesicuri. Rivedi il servizio del Tg2. Approfondisci

  • Aiuto, viene giù la scuola

    È il titolo allarmante della inchiesta di Repubblica.it sulla situazione degli edifici scolastici italiani. Nella inchiesta i dati del X Rapporto sulla sicurezza nelle scuole, lo spot della Giornata nazionale della sicurezza del prossimo 23 novembre ed una intervista ad Adriana Bizzarri, responsabile della scuola di Cittadinanzattiva. Approfondisci

  • X Giornata nazionale sicurezza scuole

    X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole:
    il 23 e 24 novembre in 5000 istitutia lezione di sicurezza e salute

    Studenti, genitori, insegnanti e chiunque abbia a cuore la sicurezza e la salute a scuola, può contribuire attivamente partecipando alla Giornata nazionale della sicurezza scolastica promossa da Cittadinanzattiva il prossimo 23 e 24 novembre nelle scuole di ogni ordine e grado; oppure segnalando situazioni di insicurezza e degrado o al contrario buone pratiche diffuse negli istituti scolastici, chiamando lo 06.36718555, oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

  • UPI su scuole senza riscaldamento

    Privare le scuole del riscaldamento per qualche settimana? Un'intollerabile provocazione quella del presidente dell'UPI Saitta. Resta prioritario svincolare gli interventi di edilizia scolastica dal Patto di stabilità

    "Sarà stata pure una provocazione, quella del neopresidente dell'UPI Saitta, ma avremmo preferito che mettesse in atto forme di protesta civili e pensasse a tagli al funzionamento degli apparati amministrativi o ad individuare le vere sacche di spreco di denaro pubblico che purtroppo interessano tanti Comuni e Province, piuttosto che colpire chi frequenta la scuola e le loro famiglie", è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, in merito alle dichiarazioni del neo eletto Presidente dell'Unione delle Province Italiane il quale ha preannunciato la possibilità di una chiusura anticipata delle scuole nel periodo natalizio per mancanza di fondi per il riscaldamento delle stesse.

  • Lo spot della X Giornata della sicurezza

    Si avvicina la X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, in programma il prossimo 23 e 24 novembre in tutta Italia. Sul canale Youtube di Cittadinanzattiva il video promozionale della Giornata. A breve sul nostro sito gli aggiornamenti sulle iniziative e i materiali.

  • Scuole fredde e insicure, si rischia la chiusura

    "La sicurezza delle scuole è una emergenza nazionale. solo per mettere a norma gli istituti della provincia di Torino occorrerebbero 60 milioni di euro. Altrimenti occorre chiudere": a dirlo, in una telefonata con il ministro Profumo, è stato il procuratore della Repubblica Guariniello. E il presidente della Provincia torinese minaccia di anticipare la chiusura natalizia delle scuole perchè con i tagli del governo "non posso più farmi carico nemmeno del riscaldamento". Approfondisci

  • Decennale Terremoto Molise

    Cittadinanzattiva su decennale San Giuliano di Puglia: controlli e certificazioni in tutte le scuole, Anagrafe a livello nazionale. E per i cittadini possibilità di destinare l'8Xmille alla messa in sicurezza delle scuole

    A dieci anni dal terremoto del Molise, e dal crollo della scuole elementare Jovine in cui, il 31 ottobre 2002, persero la vita 27 bambini e una maestra, almeno un terzo delle nostre scuole è ancora in condizioni di insicurezza, soprattutto nel sud del Paese e solo un quarto è in regola con tutte le certificazioni di sicurezza, a cominciare da quella di agibilità statica che mancava anche nella scuola di San Giuliano.

  • Sicurezza a Scuola e Rischio Sismico

    Presentati a Roma il "X Rapporto su sicurezza qualità e comfort degli edifici scolastici" e la "IV Indagine su conoscenza e percezione del rischio sismico".

  • Iscrizioni aperte per la X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Sono aperte le iscrizioni per la X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole del prossimo 23 - 24 novembre. Iscrivi la scuola compilando il form on line presente sul nostro sito e riceverai gratuitamente il kit didattico.

  • X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Iscrivi la tua scuola  e riceverai il kit. Per saperne di più. Compila il form

  • Presentato il X Rapporto su sicurezza qualità e comfort degli edifici scolastici di Cittadinanzattiva

    Sicurezza delle scuole ancora fuori controllo: peggiorano i dati sulle certificazioni, manutenzione sempre più scarsa, aule fatiscenti e, in attesa della scuola 2.0, mancano le aule computer.
    Presentato il X Rapporto su sicurezza qualità e comfort degli edifici scolastici di Cittadinanzattiva

    Solo un quarto delle scuole è in regola con tutte le certificazioni di sicurezza e la manutenzione è ridotta a lumicino, tanto che ad esempio nel 45% delle scuole monitorate da Cittadinanzattiva sono stati richiesti interventi strutturali, ma in oltre la metà dei casi l’ente proprietario non è mai intervenuto. Lesioni strutturaliin una scuola su dieci, distacchi di intonaco in una su cinque, muffe ed infiltrazioni in una su quattro.

    E mentre si annuncia la scuola 2.0, un terzo degli edifici è privo anche della più semplice aula computere quasi la metà di laboratori didattici.  Il 46% non ha una palestra al proprio interno, in un terzo dei casi i cortili sono usati come parcheggio.

    È questa la condizione in cui versano le scuole italiane, fotografate dal X Rapporto su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici, presentato oggi a Roma da Cittadinanzattiva nell’ambito della campagna nazionale Impararesicuri giunta alla sua decima annualità.

  • Scuola: dati MIUR su sicurezza

    Cittadinanzattiva in merito a dati Miur sulla sicurezza delle scuole:
    non basta, chiediamo una Anagrafe nominativa e pubblica

    "Ringraziamo il Ministero per aver fornito alcuni dati dell'Anagrafe sull'edilizia scolastica, ma dalla Anagrafe ci aspettiamo una lista delle urgenze, ossia l'elenco delle scuole con il relativo stato di manutenzione, il tipo di interventi e i fondi di cui necessita. Ciò consentirebbe l'individuazione di una lista delle priorità sulla base delle urgenze e la programmazione di tutti gli interventi. L'anagrafe, inoltre, dovrebbe essere resa pubblica nella sezione del sito del MIUR "Scuola in chiaro", dove già compaiono, consultabili da tutti, i dati sull'organizzazione e sul personale di migliaia di scuole italiane, ma non quelli appunto relativi all'edilizia scolastica"

  • Sicurezza scolastica e rischio sismico

    Mancano le certificazioni in 3 scuole su 4, la manutenzione ordinaria è diventata un lusso per pochi, le aule sono sovraffollate in un terzo dei casi. Sono alcuni dei dati contenuti nel X Rapporto su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici che sarà presentato il prossimo 20 settembre. Nello stesso evento sarà inoltre presentata la IV Indagine sul rischio sismico.
    Leggi l'invito e il programma. Ascolta l'intervista ad Adriana Bizzarri su Baobab (RadioUno Rai)

  • Apertura scuole

    Cittadinanzattiva su apertura scuole: insicure un terzo delle nostre aule, ma dal sindaco di Campobasso solo un rinvio del problema

    Mancano le certificazioni in 3 scuole su 4, la manutenzione ordinaria è diventata un lusso per pochi, le aule sono sovraffollate in un terzo dei casi. "Non vorremmo rovinare la festa per l'inizio dell'anno scolastico a quasi 9 milioni di studenti e alle loro famiglie, ma anche quest'anno siamo qui a ricordare che almeno un terzo delle nostre scuole è insicuro, soprattutto nel sud del Paese", a dichiararlo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva che il 20 settembre presenterà il X Rapporto su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici.

  • Invito Presentazione X Rapporto scuola

    La sicurezza della scuola in (tempo di) crisi:
    il 20 settembre la presentazione del
    "X Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici"
    e della "IV Indagine su Conoscenza e percezione del rischio sismico"

    Solo 1 scuola su 4 è a norma di legge: a svelarlo Cittadinanzattiva che il prossimo 20 settembre presenterà a Roma il "X Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici" nell'ambito della campagna Impararesicuri giunta alla decima annualità. I dati fanno riferimento alla presenza delle certificazioni di agibilità statica, igienico-sanitaria e di prevenzione incendi previste dal decreto 81/08 e risultano al di sotto della media nazionale fornita dal Ministero dell'Istruzione che parla di 1 scuola su 3 priva delle certificazioni di sicurezza.
    La presentazione del X Rapporto si terrà presso la Sala Conferenze del Senato della Repubblica (Palazzo Bologna), in via di S.Chiara 4, dalle ore 9.30 alle ore 13.30.

  • Non è sempre un gioco da ragazzi!

    Lo scivolo sarà sicuro? E la struttura gonfiabile? E la scaletta di legno sarà adatta per un bambino? La stagione estiva è alle porte e i più piccoli trascorrono gran parte delle ore nei parchi-gioco. In due guide i consigli per genitori ed accompagnatori, utili per sorvegliare sulla sicurezza dei più piccoli, nonchè per gli amministratori pubblici impegnati, anche attraverso le aree di gioco attrezzate, a rendere le nostre città più a misura di bambino. Scarica le guide su www.prevenzionescuola.ispesl.it e www.sviluppoeconomico.gov.it

  • Anagrafe edilizia scolastica, è la volta buona?

    La attendiamo da 16 anni e ora sarebbe quasi pronta. E' l'Anagrafe dell'edilizia scolastica che il Ministro Profumo nei giorni scorsi ha dichiarato essere in dirittura di arrivo. L'Anagrafe ci permetterebbe di capire in che condizioni si trovano le nostre scuole e quali sono le priorità per la loro messa in sicurezza. Leggi di più

  • Classi sovraffollate: ancora una bocciatura dal Tar Molise

    La formazione di classi numerose è incompatibile con l'esigenza di assicurare la sicurezza e salubrità degli studenti. A riconoscerlo due sentenze - la n.144/2012 e la n.145/2012 - del Tar Molise in riferimento ai ricorsi presentati dai genitori degli alunni dei Licei di Riccia e di Larino, entrambi in provincia di Campobasso. Approfondisci

  • VI Premio buone pratiche nella scuola "Vito Scafidi"

    Assegnato il VI Premio Buone pratiche nella scuola "Vito Scafidi" di Cittadinanzattiva.

    Centocinquantotto progetti per la sicurezza e la salute nelle scuole, quattro premiati in Puglia, Lazio, Toscana ed Emilia Romagna.

    Un corso per minivolontari della protezione civile ad Ostuni, quattro spot autoprodotti per smettere di fumare da Bologna, un gioco dell'oca che attraverso un simpatico personaggio insegna il percorso della sicurezza a scuola a Viareggio, uno storyboard e uno spot sull'acquisto online di prodotti anabolizzanti da Roma. È quanto hanno realizzato studenti ed insegnanti delle quattro scuole vincitrici del VI Premio Buone pratiche per la sicurezza e la salute a scuola "Vito Scafidi", premiati oggi a Roma presso la Camera dei Deputati da Cittadinanzattiva nell'ambito della campagna nazionale Impararesicuri, alla presenza, tra gli altri, di rappresentanti del Ministero dell'istruzione, del Dipartimento della Protezione civile, dell'Associazione nazionale dirigenti scolastici, dell'Associazione dei Comuni Italiani, nonchè della famiglia di Vito a cui è dedicato il premio.

  • Scuola: il pm Guariniello interviene

    Cittadinanzattiva su appello Guariniello per edilizia scolastica: Il Ministro Profumo intervenga per impedire l'aggravarsi della situazione

    "Crediamo che l'appello di Guariniello al Ministro Profumo non debba rimanere inascoltato. Lo stato dell'edilizia scolastica oscilla fra Enti che mancano di fondi e altri impossibilitati ad utilizzarli a causa dei limiti imposti dal Patto di stabilità. Chi rischia grosso sono sempre gli studenti e il personale della scuola", a dirlo Adriana Bizzarri, responsabile scuola di Cittadinanzattiva.

  • Invito stampa VI Premio Scafidi

    Sicurezza a scuola: a Roma, il 19 aprile, la consegna del VI Premio "Vito Scafidi" promosso da Cittadinanzattiva.
    158 progetti concorrenti, 4 i premi assegnati

    Si terrà il prossimo 19 aprile a Roma la consegna del Premio "Vito Scafidi" per le Buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute nelle scuole, promosso dalla Scuola di Cittadinanzattiva.

    Giovedì 19 aprile 2012
    Ore 9.00-13.30
    Sala delle Colonne di Palazzo Marini – Camera dei Deputati
    Via Poli 19, Roma

  • Premio Scafidi: ultimi giorni per partecipare

    Si chiude il 10 marzo l'adesione al VI Premio delle Buone pratiche nella scuola "Vito Scafidi". Al premio possono partecipare le scuole di ogni ordine e grado che hanno realizzato progetti sul tema della sicurezza, educazione al benessere e prevenzione del bullismo e vandalismo. Scarica il Bando

  • A scuola acqua all'amianto

    I carabinieri hanno sequestrato a Lampedusa tre contenitori in amianto posti sul tetto del liceo Ettore Maiorana, che contengono acqua usata da tre aule della scuola. Ed un genitore denuncia in un video la totale insicurezza di un'altra scuola da anni in disuso ma ancora accessibile a tutti. Approfondisci

  • Il viaggio del TG1 nello scuole di Italia

    Viaggio nelle scuole italiane. Da Rivoli (TO) all'Aquila, da Brindisi a Miilano, lo speciale Tg1 del 20 febbraio ha fatto il punto sulla sicurezza degli edifici scolastici, scoprendo in diretta un nuovo crollo nel Liceo Darwin in cui nel 2008 perse la vita Vito Scafidi. Nello speciale anche un riferimento ai dati di Cittadinanzattiva. Rivedi la puntata

  • Scuole non sicure: testimonianze e interviste

    In tema di edilizia scolastica, alcune testimonianze degli studenti che, rispetto ai terremoti, pensano che le scuole non siano sicure. Approfondisci. Puoi ascoltare l'intervista a Carlo Cassaniti sulle scuole siciliane non sicure e l'intervista a Mariagrazia Gianforte: protesta comitato scuole sicure

  • Tavolo sull'edilizia scolastica: ecco alcune novità

    Massima trasparenza ed accessibilità ai dati sull'edilizia scolastica, nessuna proroga per la certificazione antincendio nelle scuole, un concorso di idee sulla scuola del futuro intesa come "civic center". Sono alcuni degli impegni e delle novità discusse nel Tavolo tecnico sull'edilizia scolastica promosso dal Ministero dell'Istruzione al quale ha partecipato anche Cittadinanzattiva soddisfatta perchè alcune sue proposte sono state recepite. Leggi una sintesi dell'incontro

  • Sicurezza a scuola

    Che cos'è il documento di valutazione rischi?
    Il documento di valutazione dei rischi deve essere predisposto in ogni istituto scolastico ad opera del Dirigente scolastico, in collaborazione con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e con il Medico competente, come previsto dal D.lgs 81/08 . Con la circolare n. 119 del 29 aprile 1999, il Ministero dell' Istruzione ha fornito un modello guida per la valutazione dei rischi.

    Che cos'è un piano di emergenza delle scuole e chi lo deve predisporre?
    Il piano di emergenza è contenuto nel documento di valutazione dei rischi ed è uno strumento operativo che deve essere predisposto in ogni scuola ad opera del Dirigente Scolastico.

  • Dal Cipe 556 milioni per l'edilizia scolastica

    456 milioni saranno destinati a specifici interventi di messa in sicurezza delle scuole di tutto il territorio nazionale (due terzi al Sud) così come definito nel "Programma straordinario di interventi urgenti negli edifici scolastici" www.governo.it. Gli altri 100 milioni serviranno per la costruzione di nuovi plessi all'avanguardia in termini di efficientamento e consumo energetico. Approfondisci

  • I Indagine sui livelli essenziali del Servizio Scolastico

    È la vera novità del 2011 per quanto riguarda le attività del settore Scuola di Cittadinanzattiva.

    Si tratta di una prima sperimentazione di valutazione civica della qualità del servizio scuola, e si propone di:

    • sperimentare la misurazione di alcuni aspetti del servizio scolastico: la popolazione scolastica, le performances degli studenti, l'accoglienza, la partecipazione, l'accesso alle informazioni di studenti e famiglie, i servizi offerti, la promozione di politiche come l'educazione alla cittadinanza attiva, ecc.
    • Nuovo crollo nel Liceo Darwin

      È accaduto ancora. A poco più di tre anni di distanza dalla tragedia del novembre 2008, un nuovo crollo del controsoffitto ha interessato l'aula adiacente a quella in cui perse la vita il giovane studente Vito Scafidi. "Sconcertante, stanziati 3 milioni di euro ma ancora nulla si è fatto", è stato il nostro commento. Le immagini del nuovo crollo su Repubblica.it

    • Il successo della IX Giornata della sicurezza

      530 città, 103 capoluoghi di provincia, 19 regioni coinvolte. Sono alcuni dei dati della IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole dello scorso 25 novembre. Sul sito di Cittadinanzattiva il Report della Giornata

    • SICUREZZA SCUOLE

      Cittadinanzattiva su nuovo crollo nel Liceo Darwin di Rivoli: sconcertante. Via i vincoli del Patto di stabilità e procedure più snelle per la sicurezza delle scuole

      "Siamo scandalizzati di quanto accaduto perché, a distanza di tre anni dalla morte di Vito Scafidi e nonostante l'erogazione di 3 milioni di euro per la messa in sicurezza del Liceo Darwin, nulla è stato fatto". A dirlo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva.

    • Scuola in chiaro, anche sulla sicurezza?

      Dal 12 gennaio parte il progetto "Scuola in chiaro" con cui il Ministero dell'Istruzione mette sul proprio sito la "carta di identità" delle scuole italiane. E noi pubblichiamo, regione per regione, l'elenco dei 13 mila istituti su cui lo stesso Ministero stabilisce la necessità di intervenire con un Piano generale di riqualificazione dell'edilizia scolastica. Visita la pagina con l'elenco delle regioni

    • Scuola in chiaro

      Bene "La scuola in chiaro". A quando una scuola più trasparente anche sulla sicurezza?

      "E' un segnale davvero nuovo ed incoraggiante quello che il Ministro Profumo ha voluto dare oggi inaugurando la "Scuola in chiaro". Se indubbia importanza riveste per un genitore poter consultare on line, prima di iscrivere il proprio figlio in una scuola, il sito del MIUR o della scuola per avere informazioni sull'attività didattica, sui servizi, sulle attrezzature, vorremmo che altrettanta trasparenza ed attenzione venisse riconosciuta alle condizioni di sicurezza strutturali di ciascuna delle 42.000 scuole pubbliche, così come avviene in altri paesi europei", ha dichiarato Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva.

    • VI Premio Scafidi

      Da Cittadinanzattiva al via la VI edizione del Premio delle buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute "Vito Scafidi". Ad aprile la cerimonia di premiazione

      Sono aperte le iscrizioni alla VI edizione del Premio delle buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute "Vito Scafidi", istituito da Cittadinanzattiva nell'ambito della campagna Impararesicuri, che negli anni ha visto crescere l'entusiasmo e il coinvolgimento delle scuole e degli studenti.

    • Individuate le 13.500 scuole "a rischio crollo"

      Il documento del Ministero, ancora non divulgato, fa seguito alla decisione del Consiglio di Stato del 20 gennaio del 2011 con cui si ordina al MIUR di definire il Piano di riqualificazione dell'edilizia scolastica. A gennaio sul sito di Cittadinanzattiva l'elenco delle scuole interessate divise per Regioni.Approfondisci

    • Terremoto: niente soldi e le ditte fermano i lavori sulle scuole

      Avezzano e Sulmona: bloccati i lavori per la messa in sicurezza antisismica delle scuole. "La Provincia non ci ha ancora versato nemmeno un euro", è questa la protesta dell'Ance locale. Leggi di più sul sito 6 aprile, nato dopo il terremoto abruzzese del 2009.

    • Edlizia scolastica: dichiarazioni Profumo

      Edilizia scolastica: dichiarazioni del Ministro siano un impegno di governo. Accanto a fondi europei, tassiamo i capitali scudati a favore della sicurezza delle scuole

      "Accogliamo con piacere la dichiarazione del Ministro Profumo e la prendiamo come un suo impegno di governo". Così Adriana Bizzarri, coordinatrice della scuola di Cittadinanzattiva in riferimento a quanto detto dal neoministro dell'Istruzione che ha indicato come prioritaria la messa in sicurezza delle scuole.

    • Al via il VI Premio Vito Scafidi su sicurezza e salute nelle scuole

      Il Premio di Cittadinanzattiva è rivolto alle scuole di ogni ordine e grado che hanno promosso progetti su: sicurezza a scuola, educazione al benessere, sicurezza e qualità dell'ambiente. È possibile partecipare inviando la scheda e i materiali alla sede di Cittadinanzattiva entro il 10 marzo 2012. Leggi il Bando

    • Protocollo di intesa fra Cittadinanzattiva e MIUR

      Promuovere la cultura della legalità, della sicurezza e della cittadinanza nelle scuole. È questo l'obiettivo del Protocollo di intesa firmato nelle scorse settimane da Cittadinanzattiva e Ministero dell'Istruzione. Scarica il Protocollo

    • Chiusa la IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

      4000 iniziative, eventi importanti in numerose regioni. A Lamezia Terme l'incontro nazionale sul rischio sismico con la partecipazione del capo Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli.
      Leggi di più dalle agenzie. Rivedi la puntata di Geoegeo del 30 novembre con l'intervento di Adriana Bizzarri.

    • Al via la IX Giornata della sicurezza nelle scuole

      La IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole è partita simbolicamente da Rivoli, con una fiaccolata in ricordo di Vito Scafidi. Guarda il video su www.liberapiemonte.it. Domani appuntamenti in tutta Italia, a Lamezia Terme l'evento centrale sul tema del rischio sismico. Leggi il comunicato

    • Classi sovraffollate e disabili: una nuova sentenza

      Illegittimo costituire classi con più di 20 alunni se nella stessa è presente un alunno con disabilità grave o due con disabilità lievi. A stabilirlo la sentenza 759 pronunciata dal Tar di Reggio Calabria lo scorso 26 ottobre. Questo perchè spetta a tutti i docenti e non solo a quello di sostegno prendere in carico lo studente disabile e garantirne la piena inclusione a scuola. Leggi di più

    • Una fiaccolata per Vito Scafidi

      Sicurezza delle scuole in programma una fiaccolata per Vito Scafidi. Partecipa Cittadinanzattiva in apertura della IX Giornata nazionale della sicurezza

      Cittadinanzattiva partecipa oggi 22 novembre alle 9.30 a Rivoli (Torino), alla fiaccolata 'Un fiore per Vito', in onore di Vito Scafidi, lo studente che nel 2008 perse la vita sotto il crollo di un soffitto nel Liceo Darwin della cittadina. All'evento, organizzato da Libera, parteciperà Adriana Bizzarri, responsabile scuola di Cittadinanzattiva.

    • Gli eventi della IX Giornata della sicurezza nelle scuole

      Fra le 4 mila scuole che aderiscono alla IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, vi segnaliamo alcuni degli eventi già confermati in Calabria, Campania, Lazio, Sicilia, Sardegna, Valle D'Aosta. L'evento nazionale si svolgerà a Lamezia Terme presso la sala consiliare del Comune in Corso Numistrano. Nei prossimi giorni tutte le informazioni nella sezione scuola del nostro sito web. Approfondisci

    • Giornata sicurezza: si parte da Rivoli

      La Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, in programma il 25 novembre in 4000 scuole, parte simbolicamente il 22 con una fiaccolata a Rivoli, la piccola cittadina alle porte di Torino, dove nel 2008 Vito Scafidi morì sotto il crollo di un soffitto al liceo Darwin. Leggi il comunicato. Scarica la locandina

    • IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, 25 novembre 2011

      IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva in 4mila istituti scolastici.Comportamenti corretti, prove di evacuazione, piani comunali per fronteggiare i rischi del territorio, al centro degli eventi

      Si è tenuta il 25 novembre la IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva, in collaborazione con il Dipartimento nazionale della Protezione civile.

    • L'integrazione scolastica

      In occasione della Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva ed in programma il 25 novembre in 4000 scuole in tutta Italia, saranno distribuite anche le Linee Guida per l'Integrazione scolastica nella distrofia muscolare di Duchenne/Becker, prodotte dall'associazione Parent Project. Leggi di più. Scarica le linee guida

    • Sicurezza delle scuole: proteste in varie città

      In attesa della IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, in programma il prossimo 25 novembre, segnaliamo la protesta di genitori, studenti e insegnanti per le situazioni di insicurezza delle loro scuole in varie parti di Italia, da Cesena a Fermo, da Matera a Salerno e Lecce. Leggi i progetti di Cittadinanzattiva. Leggi di più

    • Firmato protocollo per le scuole abruzzesi

      A misura di bambino, senza barriere architettoniche, rispettose dell'ambiente e soprattutto costruite con criteri antisismici. Così, secondo i protocolli firmati nei giorni scorsi a Palazzo Chigi, dovranno essere le future scuole abruzzesi. Approfondisci

    • Il Cipe denuncia il Governo

      "Interventi non avviati per un ammontare di 97,8 milioni di euro": è la denuncia del Comitato Interministeriale per la programmazione economica contenuta nella delibera 46/2011 che invita il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e il Ministero dell'istruzione a fornire un quadro complessivo delle iniziative in atto in materia di edilizia scolastica, con riferimento sia ai costi che alle disponibilità esistenti e al relativo stato di attuazione.

    • Sciopero scuola: non dimenticare sicurezza

      Cittadinanzattiva su sciopero scuola: non dimenticare la sicurezza. Sbloccare i 426 milioni di euro del Cipe, sì all'8 per mille per l'edilizia scolastica pubblica

      "Rivendichiamo il diritto dei giovani a studiare in luoghi sicuri, attrezzati e dignitosi. Per questo appoggiamo lo sciopero organizzato oggi dalle associazioni studentesche". A dirlo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

    • Otto per mille alla scuola pubblica

      Il 29 settembre la Camera dei Deputati ha approvato il disegno di legge per la ripartizione annuale della quota dell'otto per mille dell'imposta sul reddito delle persone fisiche. Il testo approvato, e trasmesso al Senato per l'approvazione definitiva, contiene un ordine del giorno che impegna il Governo a modificare la normativa per consentire ai cittadini di indicare la scuola pubblica (ivi comprese le scuole paritarie, come stabilito dalla riforma Berlinguer del 2000). www.ansa.it, www.archiviostorico.corriere.it, www.tuttoscuola.com. Leggi il testo del disegno di legge

    • La giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

      English version flag eng

      La giornata nazionale di mobilitazione per la sicurezza delle scuole è il momento clou dell'intera Campagna IMPARARESICURI (scaricabile sul sito), che dal 2002 si svolge ogni anno  il 25 novembre.
      La giornata vede la partecipazione di tutte le scuole iscritte, con la realizzazione di eventi, incontri istituzionali, prove di evacuazione e dimostrazioni da parte di istituzioni locali e forze dell'ordine su tutto il territorio nazionale.

    • Italy: National Day for the safety in the schools

      On the 23rd and 24th of November 2012 the National day of safety in schools took place, promoted by Cittadinanzattiva with 5 thousand initiatives in schools across Italy and the direct involvement of more than 1 million students.

      The national day of mobilization for school safety is the highlight of the campaign information and awareness “IMPARARESICURI” which since 2002 is held every year on the 25th of November in hundreds of Italian schools.

      The day sees the participation of all registered schools, with the realization of events, institutional meetings, evacuation drills and demonstrations by local institutions and law enforcement agencies across the country.

    • Il pericolo corre tra i banchi

      Aule malmesse, edifici senza certificazioni e manutenzione, bagni sporchi, palestre degradate. E oltre 60 mila studenti stipati in classe come sardine. È stato presentato al Senato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva "Sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici". Leggi il comunicato. Scarica il Rapporto Una sintesi degli interventi in conferenza stampa su www.facebook.com/cittadinanzattiva. Leggi la replica del Ministro Gelmini. Adriana Bizzarri ospite a Skytg Pomeriggio in diretta dalle ore 15.30

    • IX Rapporto di Cittadinanzattiva su “Sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici”

      Il pericolo corre tra i banchi: aule degradate e sovraffollate, edifici senza certificazioni e manutenzione.

      Presentato il IX Rapporto di Cittadinanzattiva su "Sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici"

      Se c’è un luogo in cui sarebbe meglio che i nostri figli non entrassero sono le aule. Malmesse, degradate, e negli anni sempre più sovraffollate, le aule scolastiche sono da bocciare senza appello: i numerosi distacchi di intonaco (rilevati nel 18% delle classi), la presenza di altri segni di fatiscenza (30%), le finestre rotte (23%), l’assenza di tapparelle o persiane (56%), i pavimenti sconnessi (21%), banchi e sedie rotte (rispettivamente nel 13% e nel18% dei casi), la presenza di barriere architettoniche (9%), sono tra i principali elementi di pericolo. Il 28% degli edifici scolastici, inoltre, è del tutto fuorilegge, perchè privo delle certificazioni e dei requisiti di base previsti dalla legge sulla sicurezza (81/08, ex 626/96).

      A dirlo il IX Rapporto “Sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici”, presentato oggi a Roma da Cittadinanzattiva. Il Rapporto nasce dall’indagine su 88 scuole appartenenti a 13 Province di 12 Regioni: Piemonte, Lombardia, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.

      FOCUS AULE

      Barriere architettonichenegli accessi

      9%

      Distacchi di intonaco

      18%

      Altri segni di fatiscenza

      30%

      Finestre non integre

      23%

      Porte con apertura anti panico

      12%

      Difformità dei pavimenti

      21%

      Impianti elettrici e norme anti incendio adeguate

      82%

      Prese e interruttori rotti

      14%

      Cavi volanti

      14%

      Senza tapparelle e persiane

      56%

      Banchi danneggiati

      13%

      Sedie danneggiate

      18%

      IX Rapporto Sicurezza a scuola 2011 - Cittadinanzattiva

      A questi dati si aggiunge l’aumento del numero di studenti per aula che non fa che aggravare la situazione. Dal Rapporto emerge che le classi con più di 30 alunni sono 21 su un totale di 1234, ossia l’1,7%.

      Il Ministero dell’Istruzione ha dichiarato che, quest’anno, il numero di classi oltre i parametri stabiliti è pari a circa lo 0,6% delle aule. In percentuale il dato non colpisce più di tanto, ma trasformato in valore assoluto su circa 370.000 aule quelle con più di 30 alunni ammonterebbero a 2.220, per un totale dunque di oltre 66mila studenti!

      In tante scuole gli alunni sono stipati in aula come sardine, con effetti deleteri sulla vivibilità, sulla didattica ed anche sulla sicurezza. Come emerge da questa indagine, infatti, l’88% delle aule non ha porte antipanico e le scale di sicurezzarisultano assenti, in tutto o in parte, nel 22% delle scuole a più piani. Ci preoccupa, dunque, quello che potrebbe accadere se da queste scuole fosse necessario uscire in fretta in caso di emergenza.

      SENZA CERTIFICAZIONI, SENZA MANUTENZIONE: LA SICUREZZA NON ABITA A SCUOLA

      Distacchi di intonaco, mancanza di certificazioni, scarsa manutenzione. Gli edifici scolastici sono in pessimo stato.

      Partiamo dalle certificazioni: meno di 1 scuola su 2 fra quelle monitorate possiede il certificato di agibilità statica (41%). A rendere più grave la situazione il fatto che il 42% delle scuole del campione si trova in zona sismica e che lo stato della manutenzione lasci piuttosto a desiderare. La percentuale è quasi la stessa nel caso della certificazione igienico- sanitaria, presente solo nel 40% dei casi.

      Il dato più grave è quello relativo alla certificazione di prevenzione incendi: ne è provvista soltanto poco più di una scuola su 4 (28%). Sulla base dei dati del Ministero, emerge che Calabria e Lazio sono i due fanalini di coda nel possesso delle certificazioni: nel Lazio solo il 25% delle scuole possiede il certificato di agibilità statica, il 16,7% quello di agibilità igienico-sanitaria, il 22,2% quello di prevenzione incendi. In Calabria ad essere in regola con la certificazione di agibilità statica è il 35,1% delle scuole; con la certificazione igienico-sanitaria il 33,9% e con quella di prevenzione incendi solo il 10,4%.

      Ritornando ai dati del IX Rapporto di Cittadinanzattiva, in ben 17 scuole sono state rilevate lesioni strutturali. I distacchi di intonaco interessano invece principalmente corridoi ed ingressi (24%), aule e laboratori scientifici (18%), palestre e segreterie (17%), mense e sale professori (15%), bagni (13%), aule computer e biblioteche (5%).

      L’indagine sottolinea, inoltre, il deficit di manutenzione (34% delle scuole) e la necessità di interventi manutentivi ordinari (89% dei casi) e di manutenzione straordinaria (31%). Questa situazione è determinata anche dall’età avanzatadegli edifici scolastici: il 70% del nostro campione risale aprima del 1974.La percentuale nazionale supera il 50%.

      La situazione si aggrava ulteriormente perché gli enti proprietari non riescono ad intervenire in tempi accettabili. I Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione intervistati hanno risposto che, in caso di richiesta di interventi urgenti, una volta su tre l’Ente proprietario non è mai intervenuto.

      POCA TUTELA PER GLI ALUNNI DISABILI

      L’insicurezza delle scuole si ripercuote sugli alunni disabili, come più volte hanno affermato ad alta voce le associazioni dei portatori di handicap.

      Alcuni dati del IX Rapporto: su 29.128 studenti, 545 sono disabili. Il numero degli insegnanti di sostegno è pari a 270 su un totale di 3.248 docenti, con un rapporto tra alunni disabili ed insegnantipari al 2,1 al Nord, 2,7 al Centro e 1,5 al Sud ed isole, sostanzialmente in linea con i dati del Ministero che, per il 2010, indicano un rapporto di 2,21 al Nord Ovest, 2,09 nel Nord Est, 2,23 al Centro, 1,79 al Sud e 1,76 nelle Isole.

      Nel 13% delle scuole esaminate da Cittadinanzattiva, esistono barriere architettoniche che rendono impossibile lo spostamento dei disabili in vari luoghi dell’edificio:i cortili (17%), le palestre (15%), l’ingresso (13%), seguiti dai laboratori scientifici, le mense, le segreterie, le aule degli studenti ed i bagni, tutti con il 9%. Chiudono la classifica le aule computer (4%), la sala professori e la biblioteca con il 3%. Soltanto l’11% delle scuole dispone di un’apposita entrata priva di ostacoli. Gli edifici situati a piano terra sono l’8% dei casi; quelle che dispongono di ascensore sono il 61% ma nel 7% dei casi l’ascensore non è funzionante.

      TAGLIO AI BILANCI? BAGNI SEMPRE PIÙ SPORCHI

      La circolare emanata dal MIUR nel dicembre 2009 (n. 9537) continua a provocare grossi problemi sul pagamento delle supplenze, il regolare svolgimento degli esami, l’acquisto della cancelleria, e ha comportato anche una riduzione del 25% delle spese per personale addetto alle pulizie delle scuole.

      Inoltre, il taglio del bilancio di ciascuna scuola incide in modo consistente sull’acquisto di prodotti come il sapone, gli asciugamani, la carta igienica che già prima della Circolare erano assenti in gran parte delle scuole.

       Particolarmente deficitaria la situazione dei bagni, al vertice della hit degli ambienti più sporchi: nel 32% manca la carta igienica, nel 42% è assente il sapone, il 63% è sprovvisto di asciugamani.

      LE PALESTRE, COSÌ POCHE, COSÌ MAL MESSE

      Come ogni anno, registriamo dati negativi sul tema delle palestre. Ben 31 scuole sulle 88 monitorate, dunque il 35%, non dispone di una propria palestra.

      Laddove presenti all’interno dell’edificio scolastico, le palestre rivelano condizioni di insicurezza e invivibilità: segni di fatiscenza (22%), mancanza della cassetta di pronto soccorso (sempre nel 22% dei casi), distacchi di intonaco (17%), attrezzature danneggiate o altre fonti di pericolo (16%).

      CONTESTO AMBIENTALE A RISCHIO. E GLI INCIDENTI AUMENTANO

      Partiamo da una breve tabella riepilogativa sul contesto ambientale in cui sono collocati gli edifici scolastici presi in esame:

      Degli 88 edifici monitorati

      N. scuole

      Percen. su totale

      Con accessi comunicanti direttamente su strade

      31

      35%

      Con semaforo in prossimità

      6

      7%

      Con sistema di vigilanza nell’attraversamento

      22

      25%

      In zone a rischio sismico

      37

      42%

      In zone a rischio idrogeologico

      15

      17%

      In zone a rischio industriale

      5

      6%

      In zone ad elevato inquinamento acustico

      8

      9%

      In zone con problemi di ordine pubblico

      5

      6%

      Con episodi di criminalità nei pressi della scuola

      9

      10%

      Con episodi di criminalità all’internodella scuola

      4

      5%

      Con episodi di bullismonella scuola

      7

      8%

      Con episodi di vandalismo nella scuola

      34

      39%

      - ad opera di soggetti “interni”

      14

      42%

      - ad opera di soggetti “esterni”

      19

      58%

      La scuola utilizza fonti di illuminazione a basso consumo

      37

      42%

      La scuola utilizza pannelli solari o altre forme di energia rinnovabile

      10

      11%

      IX Rapporto Sicurezza a scuola 2011 - Cittadinanzattiva

      Il 10% delle scuole è stato interessato da episodi di criminalità nei pressi dell’edificio, il 5% addirittura al proprio interno; l’8% da fenomeni di bullismo e il 39% da atti vandalici. Questi dati ci sono stati forniti dal Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione o dal Dirigente Scolastico e dunque immaginiamo che ben più elevato sarà il numero di episodi dovuti a comportamenti violenti di diversa gravità che si consumano spesso di nascosto o che vengono occultati e minimizzati.

      Alcuni dati, correlati a questo, fanno riflettere: è vero che il 90% delle scuole monitorate adotta sistemi di vigilanza all’ingresso dell’edificio, ma oltre la metà (60%) non adotta lo strumento più semplice che è quello di chiudere i cancelli anche durante l’orario scolastico.

      Il numero degli incidenti a scuola è in aumento rispetto allo scorso anno, come denunciano i dati INAIL: nel 2010 hanno coinvolto 98.429 studenti, (nel 2009 erano 92.060) e 14.735 insegnanti (nel 2009 erano 14.239).

      Anche dal IX Rapporto di Cittadinanzattiva emergono dati allarmanti: i Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione di 55 scuole hanno segnalato 445 incidenti, di cui 396 accorsi a studenti. Tra le cause più importanti, in ordine di frequenza: le cadute durante le attività sportive, le cadute accidentali, malori improvvisi o legati a patologie, le cattive condizioni di arredi e mobili, le cattive condizioni degli infissi, l’uso improprio o scorretto delle attrezzature.

      A proposito di incidenti, l’indagine rivela, tra l’altro, che le scuole non sempre sono attrezzate per rispondere alla prima emergenza: il 24% dei laboratori scientifici e il 22% delle palestre è sprovvisto delle elementari cassette di pronto soccorso.

      OK LA PREVENZIONE, DA ESTENDERE ANCHE ALLE FAMIGLIE

      É uno dei dati migliori del Rapporto 2011. Le prove di evacuazione vengono realizzate con regolarità nel 95% dei casi, un dato in costante aumento rispetto agli anni precedenti.

      Le attività di prevenzione, tuttavia, vanno estese alle famiglie coinvolgendole nella conoscenza e nella formazione rispetto ai rischi (naturali e non) presenti sul proprio territorio. Infatti, dall’indagine risulta ancora assai limitato il coinvolgimento dellefamiglie nei diversi percorsi riguardanti la sicurezza:  solo nel 44% dei casi la scuola, per esempio, fornisce informazioni sulle procedure di sicurezza e di primo soccorso.

      Per questo si è scelto di dedicare la IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole (25 novembre 2011) ai “Genitori a scuola di sicurezza”. Oltre alle attività di informazione e formazione sul tema della sicurezza, con la Giornata del prossimo 25 novembre si punterà a coinvolgere anche le famiglie.

      COSA CHIEDIAMO: ANAGRAFE, REGOLAMENTO ATTUATIVO DELLA LEGGE, FONDI

      Anagrafe subito.L’Anagrafe dell’edilizia scolastica va resa nota subito. Senza una completa e aggiornata mappatura dello stato degli edifici scolastici italiani, è impossibile passare dall’emergenza ad una vera programmazione degli interventi.

      Regolamento attuativo della legge 81/08. Va rimesso mano ad un regolamento attuativo della legge 81/08, che prenda in considerazione quegli aspetti della legge che non tengono conto delle peculiarità degli ambienti scolastici, non considerabili alla stessa stregua degli altri ambienti lavorativi. In particolare, il regolamento attuativo dovrebbe indicare con chiarezza, competenze, obblighi, funzioni e responsabilità dei diversi soggetti coinvolti in materia di sicurezza scolastica; inserire l’obbligo, per l’ente/soggetto proprietario, di aggiornare in maniera costante i dati relativi alle condizioni strutturali e non degli edifici scolastici; individuare un referente degli studenti per la sicurezza; omologare gli studenti ai lavoratori non soltanto quando si fanno ”uso di laboratori, attrezzature di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici ivi comprese le apparecchiature fornite di video terminali”, al fine di garantirne adeguata tutela nel caso di incidenti a scuola.

      Fondi. E’ urgente definire l’effettiva entità dei finanziamenti necessari per l’edilizia scolastica ed occorre dare organicità e stabilità nel tempo ai finanziamenti stessi attraverso un piano quinquennale basato, anzitutto ma non esclusivamente, sui fondi ordinari. Innazitutto vanno utilizzati quelli già disponibili (circa 420 milioni di euro dei Fondi FAS, circa 220 milioni di euro dei Fondi strutturali Europei).

      Chiediamo inoltre, in nome della autonomia scolastica, l’affido dei fondi e delle funzioni legati alla manutenzione ordinaria, direttamente alle scuole. Crediamo, infine, che  l’apertura ai soggetti privati, senza una deriva verso la vecchia proposta del Governodi creare una ‘Scuola Spa’, sia un terreno nuovo, sul quale occorre sperimentare, alla ricerca di soluzioni innovative.

    • Sicurezza nelle scuole: iI IX Rapporto di Cittadinanzattiva

      Le scuole stanno per aprire i battenti ovunque, reggeranno? A chiederlo Cittadinanzattiva che, come ogni anno, si appresta a fare il punto sulla sicurezza degli edifici scolastici dal suo osservatorio attraverso il "IX Rapporto nazionale su Sicurezza, qualità e comfort delle scuole italiane". L'appuntamento è il 20 settembre a Roma presso la Sala delle Conferenze del Senato della Repubblica in Via di Santa Chiara 4, ore 9.30 - 13.30. Il Comunicato

    • Piano di riqualificazione dell'edilizia scolastica 2011

      Abruzzo

      Basilicata

      Calabria

      Campania

      Emilia-Romagna

      Friuli Venezia-Giulia

      Lazio

      Liguria

      Lombardia

      Marche

      Molise

      Piemonte

      Puglia

      Sardegna

      Sicilia

      Toscana

      Umbria

      Veneto

       

    • 10 e lode in Sicurezza!!!

      Iscrivi  la tua scuola alla IX Giornata nazionale della Sicurezza per ricevere materiali e proposte di attività. Per Saperne di più. Compila il form

Condividi