Sicurezza a scuola

  • Succede a Torino, dove gli studenti e le famiglie del liceo scientifico Copernico e dell’Istituto tecnico commerciale Luxemburg hanno deciso di autotassarsi per bonificare la scuola dalla lana di vetro, visto che la Provincia non ha più soldi per farlo. E per testimoniare la loro azione di cittadini attivi hanno in 1900 organizzato un flash mob davanti al Lingotto. Approfondisci

  • Cittadinanzattiva su decennale San Giuliano di Puglia: controlli e certificazioni in tutte le scuole, Anagrafe a livello nazionale. E per i cittadini possibilità di destinare l'8Xmille alla messa in sicurezza delle scuole

    A dieci anni dal terremoto del Molise, e dal crollo della scuole elementare Jovine in cui, il 31 ottobre 2002, persero la vita 27 bambini e una maestra, almeno un terzo delle nostre scuole è ancora in condizioni di insicurezza, soprattutto nel sud del Paese e solo un quarto è in regola con tutte le certificazioni di sicurezza, a cominciare da quella di agibilità statica che mancava anche nella scuola di San Giuliano.

  • Il prossimo 17 giugno a Caldarola si terrà l'evento "Con quante scuole con quali scuole" dedicato alla progettazione della ricostruzione nel territorio marchigiano delle strutture scolastiche. L'evento organizzato dall'Università di Macerata, l'Istituto Storico di Macerata, Cittadinanzattiva e Actionaid con la collaborazione di Save the Children, Associazione Ondata, e Cronache Maceratesi, sarà un 'occasione di dibattito e riflessione sul tema della ricostruzione post sisma.

  • 456 milioni saranno destinati a specifici interventi di messa in sicurezza delle scuole di tutto il territorio nazionale (due terzi al Sud) così come definito nel "Programma straordinario di interventi urgenti negli edifici scolastici" www.governo.it. Gli altri 100 milioni serviranno per la costruzione di nuovi plessi all'avanguardia in termini di efficientamento e consumo energetico. Approfondisci

  • "Apprezziamo il lavoro svolto dagli inquirenti, anche in tempi celeri, per l'accertamento delle responsabilità e ci auguriamo che le eventuali sanzioni arrivino in tempi stretti.
    L'accaduto pone in luce il problema dei controlli sui lavori pubblici inerenti la sicurezza delle scuole, un ambito su cui l'urgenza di intervenire non può far passare in secondo piano l'aspetto relativo alla correttezza e qualità dei lavori svolti e al controllo sugli stessi. Per questo valuteremo la possibilità di costituirci parte civile nel processo per truffa sui lavori di ristrutturazione, in nome del nostro impegno per la trasparenza e la legalità". A dichiararlo è Daniela Mondatore, Presidente di Cittadinanzattiva Puglia, in merito alla indagine della Guardia di Finanza per il crollo della Scuola Pessina di Ostuni che ha portato alla notifica di un avviso di garanzia a sette persone, quattro imprenditori, due tecnici e un dirigente comunale ritenuti responsabili di abuso d'ufficio e turbativa d'asta.

  • Cittadinanzattiva su crollo scuola Ciampino: accertare le responsabilità ed effettuare sopralluoghi nelle scuole durante il periodo natalizio

    "Ancora una volta è andata bene. Ma non possiamo continuare a mettere a repentaglio la vita dei più piccoli prima che le nostre istituzioni, nazionali e locali, mettano in agenda come prioritaria l'edilizia scolastica. Nel frattempo, la scuola che dovrebbe essere il luogo più sicuro e protetto, si è dimostrata essere ancora una volta, pericolosa: quale favola racconteranno ai bambini della Scuola Materna "M. L. King" di Ciampino per spiegare quanto è successo alla loro compagna? Come spiegare ai genitori che solo per pura coincidenza non si è verificata l'ennesima tragedia?", è quanto dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva.

  • “Le scuole insicure devono essere chiuse su iniziativa degli insegnanti responsabili della sicurezza”. A dirlo è la Cassazione nelle motivazioni di conferma delle sei condanne per il crollo del liceo Darwin di Rivoli (Torino), vicenda che, il 22 novembre del 2008, costò la vita Vito Scafidi, mentre il suo compagno di classe Andrea Macrì perse l'uso delle gambe.

    "Agli insegnanti del Darwin che avevano accettato l’incarico di responsabili della sicurezza e che hanno sostenuto di non avere le competenze tecniche necessarie per svolgere quel compito, la Cassazione ha replicato che chi non dispone di un adeguato bagaglio tecnico ha tre strade da percorrere: darsi da fare per acquisirlo, utilizzare le conoscenze di chi ne dispone, o “segnalare al datore di lavoro la propria incapacità”. In nessun caso chi riveste questa delicata posizione di garanzia “può addurre la propria ignoranza per escludere la responsabilità dell’evento dannoso”.

  • crollo scuol 20185 02 19

    Crollo intonaco nella scuola materna
    nel giorno dell'insediamento al Miur dell'Osservatorio edilizia

    Legambiente e Cittadinanzattiva:
    "Aprire il tavolo alle associazioni con competenze specifiche sul tema"

    "Mentre plaudiamo al riavvio dello strumento dell'osservatorio per l'edilizia scolastica - che ci auguriamo contribuisca a risolvere la mancanza di coordinamento fra le politiche di programmazione nazionale e territoriale e auspichiamo riesca finalmente a rendere possibile la pubblicazione dei dati dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica - crolla un controsoffitto in una scuola materna in provincia di Milano. Questo ci pone nuovamente di fronte all'assoluta necessità di interventi puntuali e di monitoraggi costanti per scuole più sicure ed efficienti".
    Così Legambiente e Cittadinanzattiva sono intervenute sul tema dell'edilizia scolastica e gli incidenti che possono mettere a rischio alunni e studenti.

     

  • Dodici anni fa crollava la scuola di San Giuliano di Puglia, uccidendo 27 bambini e la loro maestra. Ad oggi le famiglie delle vittime non hanno ancora ricevuto tutto il risarcimento dovuto, si parla di milioni di euro.Il Consiglio Comunale di San Giuliano ha deciso di anticipare i rstanti 4 milioni e darli a rate ai familiari delle vittime. Per saperne di più

  • processo copy

    Il processo per la morte di Vito Scafidi termina con 6 condanne, tre per i funzionari della provincia di Torino e tre per gli insegnanti responsabili della sicurezza. La Cassazione ha confermato le condanne della Corte d'Appello di Torino dello scorso 28 ottobre del 2013. Leggi il comunicato di Cittadinanzattiva. Leggi l'articolo

  • Cittadinanzattiva su ultimi casi di crollo nelle scuole: non si può restare inermi.
    Si attivino task force di controllo a livello locale e si acceleri per il completamento dell'Anagrafe

    Con l'episodio di ieri dell'Istituto di Pescara salgono a 6 i casi dr crollo, verificatisi solo nel mese di febbraio, ed almeno a 50 avvenuti negli ultimi mesi, in zone diverse del nostro Paese. Oltre all'assenza o carenza di manutenzione questi episodi si riferiscono quasi esclusivamente a deficit rintracciabili nelle condizioni precarie di tetti, solai e controsoffitti, veri punti deboli dell'edilizia scolastica.

     

  •  

    Almeno 20 i crolli di varia natura, per fortuna senza vittime, registrati nell’anno scolastico che si sta chiudendo in questi giorni, in media due al mese. A registrarli Cittadinanzattiva che oggi interviene sull’ultimo episodio, verificatosi ieri nella scuola elementare Saffi di Carrara, dove un pesante cancello è caduto su due alunni, per fortuna ferendoli solo lievemente, mentre uscivano da scuola.
    “Le amministrazioni locali devono vigilare ed intervenire con tempestività per garantire la sicurezza delle scuole e scongiurare episodi come quello avvenuto ieri”, ha dichiarato Adriana Bizzarri, della rete scuola di Cittadinanzattiva.

  • crolloscuola 2015 2 16 1

    Cittadinanzattiva su ultimi casi di crolli in scuole della Campania e della Sardegna: Il Ministero supporti le regioni inadempienti nella realizzazione e completamento dell'Anagrafe

    E' sempre più difficile assistere impotenti al susseguirsi ininterrotto di episodi di crolli all'interno delle scuole. Ancora una volta l'assenza di manutenzione, in questo caso i mancati interventi sull'infiltrazione dell'acqua piovana, ha provocato nei giorni scorsi il cedimento della controsoffittatura in due scuole della Campania, la Collodi di Monteruscello e l'Isis Giovanni XXIII di Salerno, e in una della Sardegna, il Liceo Scientifico Marconi di Sassari.

     

  • Sono insicuri e quindi agli studenti è proibito accedervi: è il caso cortili delle scuole Moscati, Volta, Feltrinelli, Manzoni, Donatelli Pascal, Beccaria, Curie Sraffa di Milano.  In alcuni casi, si tratta di situazioni che vanno avanti da anni, anche nove, nel caso del Liceo Volta.

    L’ultima protesta a fare clamore è quella della Moscati, che raccoglie medie e primaria: da cinque mesi i 650 alunni non possono uscire perché le recinzioni sono fuorilegge. Online è partita la petizione «Un’ora d’aria ti vorrei», 2.400 firme in pochi giorni. 

  • 10997062 1404172266562639 1891924260 n

    Pubblicato un nuovo Bando dal Miur questa volta sul tema della sicurezza nelle scuole. Si tratta di un vero e proprio concorso di idee con l'obiettivo di individuare proposte progettuali per la promozione del tema della sicurezza nelle scuole. Possono partecipare tutte le scuole di ogni ordine e grado anche organizzate in reti.

  • consegnato l xi premio per le buone pratiche a scuola vito scafidi

    Scuole resilienti dopo i sismi verificatisi tra agosto-ottobre 2016 e gennaio 2017, pratiche e progetti diffusi di educazione civica “fai da te”. Sono queste le buone notizie di cui numerose scuole si fanno testimoni, accompagnate dal permanere di elementi critici e di incertezza in merito alle condizioni degli edifici scolastici e all'assenza o scarsa trasparenza dei dati. Ad esempio, sulle oltre 19mila scuole situate in zona a rischio sismico, di ben 14270 non sappiano se siano adeguate sismicamente; incertezze anche sugli esiti delle verifiche di vulnerabilità sismica negli edifici scolastici delle aree terremotate. E, ancora, dati vecchi e poco attendibili sulla sicurezza di gran parte delle scuole a causa dei ritardi nella messa online della nuova Anagrafe dell’edilizia scolastica.

  • Progetti di resilienza al terremoto e promozione della educazione civica. Chiediamo dati certi sullo stato di sicurezza delle scuole e impegni concreti per l’educazione civica

    Scuole resilienti dopo i sismi verificatisi tra agosto-ottobre 2016 e gennaio 2017, pratiche e progetti diffusi di educazione civica “fai da te”. Sono queste le buone notizie di cui numerose scuole si fanno testimoni, accompagnate dal permanere di elementi critici e di incertezza in merito alle condizioni degli edifici scolastici e all’assenza o scarsa trasparenza dei dati. Ad esempio, sulle oltre 19mila scuole situate in zona a rischio sismico, di ben 14270 non sappiano se siano adeguate sismicamente; incertezze anche sugli esiti delle verifiche di vulnerabilità sismica negli edifici scolastici delle aree terremotate. E, ancora, dati vecchi e poco attendibili sulla sicurezza di gran parte delle scuole a causa dei ritardi nella messa online della nuova Anagrafe dell’edilizia scolastica.

  • consegnato il xii premio per le buone pratiche a scuola vito scafidi

    Combattere il bullismo e il vandalismo, incoraggiare la donazione di sangue, curare la propria città e in particolare le aree verdi. Sono queste le buone pratiche condotte da tre scuole, due marchigiane e una emiliana, premiate con la XII edizione delPremio Vito Scafidi, promosso da Cittadinanzattiva e consegnato a Roma, all’interno del Villaggio per la terra di Earth Day. Si aggiudicano questa dodicesima edizione l’Istituto comprensivo Egisto Paladini di Treia (MC) con “Crescere nella cooperazione”, un progetto che vede protagonista Harry Potter che con il dono dell’amicizia sconfigge il bullismo e il vandalismo; l’Istituto professionale Olivetti di Fano (PU) con “Ho bisogno di te”, una canzone per invitare alla donazione del sangue; la Scuola primaria Poledrelli – IC Govoni di Ferrara con “Adottiamo un’aiuola”, un progetto per prendersi cura di un’area verde della città grazie all’impegno e alla collaborazione tra studenti e migranti.

  • consegnato il xii premio per le buone pratiche a scuola vito scafidi

    Sul podio esperienze vincenti sul bullismo, per la solidarietà e la cura del bene comune.
    Cittadinanzattiva lancia dieci proposte da mettere in pratica per #lascuolachevorrei

    Combattere il bullismo e il vandalismo, incoraggiare la donazione di sangue, curare la propria città e in particolare le aree verdi. Sono queste le buone pratiche condotte da tre scuole, due marchigiane e una emiliana, premiate con la XII edizione del Premio Vito Scafidi, promosso da Cittadinanzattiva e consegnato oggi a Roma, all’interno del Villaggio per la terra di Earth Day. Si aggiudicano questa dodicesima edizione l’Istituto comprensivo Egisto Paladini di Treia (MC) con “Crescere nella cooperazione”, un progetto che vede protagonista Harry Potter che con il dono dell’amicizia sconfigge il bullismo e il vandalismo; l’Istituto professionale Olivetti di Fano (PU) con “Ho bisogno di te”, una canzone per invitare alla donazione del sangue; la Scuola primaria Poledrelli – IC Govoni di Ferrara con “Adottiamo un’aiuola”, un progetto per prendersi cura di un’area verde della città grazie all’impegno e alla collaborazione tra studenti e migranti.

    Dal 2006 il Premio ha raccolto 1.837 buone pratiche provenienti da scuole di tutta Italia su tre aree tematiche: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva.

  • Elezioni fra gli studenti dei Rappresentanti Alunniper la Sicurezza, elaborazione dal punto di vista dei più giovani di una proposta di legge per l’invecchiamento attivo, costruzione di un “albergo per insetti” per scoprire la natura e la biodiversità. Sono questi i tre progetti, molto concreti, vincitori del X Premio “Vito Scafidi” per le Buone pratiche nella scuola promosso da Cittadinanzattiva e consegnato oggi a Roma.

  •  FabioGrosso premia ScuolaAlighieridiVolpiano

    La "buona scuola" esiste già e va messa in rete e diffusa: a testimoniarlo le oltre 100 scuole che, facendo riferimento soltanto alla nona edizione, hanno partecipato al Premio "Vito Scafidi" per le Buone pratiche nella scuola, promosso da Cittadinanzattiva e consegnato il 24 aprile a Torino.
    Due le scuole premiate, entrambe piemontesi, altre cinque le menzionate con progetti sulla sicurezza a scuola e sul territorio e sulla educazione alla cittadinanza attiva.

  • caschetto ldarwin 2015 02 19

    Conferma delle condanne per il crollo al liceo Darwin: si chiude una pagina tragica. Da oggi più responsabilità da parte di chi vigila sulla sicurezza delle scuole

    "Da oggi più che mai nessuno potrà ignorare o prendere alla leggera le responsabilità in materia di sicurezza scolastica". Questo il commento di Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva in merito alla conferma da parte della Cassazione delle sei condanne nel processo per il crollo al Liceo Darwin di Rivoli, che ha causato la morte di Vito Scafidi.

     

  • La formazione di classi numerose è incompatibile con l'esigenza di assicurare la sicurezza e salubrità degli studenti. A riconoscerlo due sentenze - la n.144/2012 e la n.145/2012 - del Tar Molise in riferimento ai ricorsi presentati dai genitori degli alunni dei Licei di Riccia e di Larino, entrambi in provincia di Campobasso. Approfondisci

  • Illegittimo costituire classi con più di 20 alunni se nella stessa è presente un alunno con disabilità grave o due con disabilità lievi. A stabilirlo la sentenza 759 pronunciata dal Tar di Reggio Calabria lo scorso 26 ottobre. Questo perchè spetta a tutti i docenti e non solo a quello di sostegno prendere in carico lo studente disabile e garantirne la piena inclusione a scuola. Leggi di più

  • sala aldo moro scuola

    Fra le tante cose accadute il 18 settembre, nella giornata tutta dedicata alla scuola da noi promossa, vogliamo qui ricordarne una: quella di essere stati definiti “cittadini abusivi”. Per raccontarvelo, facciamo un passo indietro.

    I tre eventi nazionali organizzati a Roma il 18 settembre scorso - la presentazione del XIII Rapporto sulla sicurezza a Palazzo Montecitorio, l’installazione “La mia scuola è” a Piazza San Silvestro, la presentazione del libro “La cattiva scuola” di Alex Corlazzoli alla scuola “Di Donato” - sono stati accomunati da un’unica motivazione: parlare della scuola italiana a partire dai suoi protagonisti e dai suoi edifici.

  • “Una sentenza importante perché sancisce il sacrosanto principio di  mettere in salvaguardia la vita delle persone situate in edifici pubblici, come le scuole, ma che interviene in una situazione di vuoto normativo, da sanare urgentemente, rispetto all’obbligo di adeguamento sismico e attribuendo chiaramente le responsabilità tra i diversi livelli”. E’ quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, in merito alla sentenza della Cassazione che ha accolto il ricorso della Procura di Grosseto contro il Sindaco di Roccastrada indagato per omissione d’atti di ufficio per non aver chiuso il plesso scolastico di Ribolla “nonostante dal certificato idi idoneità statica ne emergesse la non idoneità sismica (…) in quanto il rischio sismico era risultato pari a 0,985”.

    Sul caso specifico colpisce che la Procura di Grosseto, e successivamente la Cassazione, siano intervenute su un caso certamente meno preoccupante di tanti altri perché la scuola in oggetto è molto vicina all’indice di vulnerabilità 1, ritenuto soddisfacente dalle Norme tecniche del 2008, ed è situata in una zona sismica a bassa intensità. In base alla recente indagine di Cittadinanzattiva (settembre 2017), solo il 27% degli edifici scolastici ha effettuato la verifica di vulnerabilità sismica e, nelle zone a più elevata sismicità (1 e 2), solo una minima parte delle oltre 15.000 scuole (8%) è stata adeguata sismicamente.

  •  

    Cittadinanzattiva su Piano scuola: tropanagrafe 2015 2 16pi interventi di facciata al Sud. E senza Anagrafe dell’edilizia scolastica, non si stabiliscono priorità realistiche

    Le regioni del Nord hanno la meglio su #scuolesicure e #scuolenuove, per impegno economico e numero di interventi, Campania, Sicilia, Puglia e Calabria invece occupano i primi posti per interventi e finanziamenti di #scuolebelle. “Questa situazione se da un lato è giustificata dal fatto che siano proprio le regioni del Nord ad avere accantonato fondi oggi disponibili grazie allo sblocco del patto di stabilità, dall’altro comporta che, almeno in questa fase, si investa di meno nelle regioni del Sud e nelle Isole dove è maggiore il numero di scuole con deficit strutturali pesanti. Inoltre, sono proprio Sicilia, Campania e Calabria le regioni con maggior numero di scuole in zone a rischio sismico: rispettivamente 4.894, 4.872 e 3.199. Su queste occorrerebbero interventi ben più pesanti dal punto di vista strutturale e non certo solo di abbellimento e decoro”, dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice della Scuola di Cittadinanzattiva che oggi ha presentato una analisi del Piano Renzi per la scuola.

  • Progetto senza titolo

    Cittadinanzattiva su ispezione in mense scolastiche: un fenomeno preoccupante. Lavorare per garantire la mensa a tutti gli studenti e per ampliare il ruolo delle Commissioni mensa

    “Ringraziamo i Nas e la Ministra Grillo per il lavoro di controllo sulle mense scolastiche in tutta Italia che ci restituisce una realtà preoccupante, sulla quale chiediamo un’attenta analisi e messa a punto di proposte di miglioramento, oltre che, nell’immediato, sanzioni per chi ha la responsabilità di aver agito contro la sicurezza e la salute degli studenti e dei docenti accompagnatori”, dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva. "Crediamo sia fondamentale diffondere e ampliare il ruolo delle Commissioni mensa, per garantire un controllo puntuale, capillare e costante al fine di vigilare sia sulla qualità del cibo che sulle condizioni delle strutture, diffondendo competenze e formazione fra i membri delle Commissioni".

  • Edilizia Scolastica

    "Esprimiamo parere favorevole a quanto emerso dall'accordo Stato – Regioni di ieri sull'edilizia scolastica anche se avanziamo alcuni dubbi e perplessità che ci auguriamo vengano chiariti nella prossima riunione dell’Osservatorio dell’Edilizia scolastica di cui facciamo parte", dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

    "L'individuazione di procedure più snelle per l'assegnazione dei fondi statali, specificata nell'accordo, è un tema cruciale per garantire un’accelerazione degli investimenti sugli edifici scolastici date le condizioni in cui versano. Ci auguriamo che, sulla base di questa prima sperimentazione, possano produrre gli effetti sperati in termini di drastica riduzione dei tempi per l’utilizzo effettivo delle risorse a disposizione.

  • XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica: Cittadinanzattiva presenta un ricorso al TAR Lazio contro MIUR sull’Anagrafe dell’edilizia scolastica.
    Suhttp://j.mp/XIGiornatasicurezza l’elenco delle scuole che riceveranno i finanziamenti

    Non è il Ministero dell’Istruzione l’amministrazione che detiene le informazioni relative alla Anagrafe dell’edilizia scolastica e non ci sarebbe alcun obbligo di pubblicazione della stessa da parte delle amministrazioni competenti. Sono queste le motivazioni con cui il MIUR ha negato a Cittadinanzattiva l’accesso civico, previsto dal d.lgs 33/2013, ai dati dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, richiesto dall’associazione lo scorso settembre. E contro tale diniego Cittadinanzattiva ha depositato un ricorso al Tar in occasione della XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica.

  • Lo scorso 18 settembre Cittadinanzattiva è stata audita nella Commissione Cultura, Scienza ed istruzione della Camera dei Deputati sul tema dell'edilizia scolastica.
    Dalla richiesta di cancellare le incongruenze normative sulla sicurezza e la vivibilità nelle aule, alla necessità di trovare nuovi fondi ma anche soluzioni doverse per far fronte alla emergenza di edifici poco sicuri, alla improrogabile necessità di avere, tramite l'Anagrafe, un quadro chiaro della situazione di ogni singola scuola, ecco alcune delle richieste fatte nel corso della audizione. Guarda il video integrale dell'intervento di Adriana Bizzarri. Leggi il testo

  • We are having a baby girl

    “Siamo molto sorpresi per la repentina e non motivata chiusura della Struttura di Missione che tanto merito ha avuto nel rilanciare e riqualificare l'edilizia scolastica come non si faceva da due decadi", commentano Cittadinanzattiva e Legambiente. “E i risultati che ha prodotto in 4 anni di attività stanno a dimostrarlo: ha messo a disposizione task force regionali che hanno accompagnato, anche da un punto di vista tecnico, le amministrazioni comunali che, o per carenze di personale o per mancanza di competenze, non erano in grado di accedere ai fondi previsti; ha creato la Web gis, una piattaforma online per la localizzazione di tutti gli interventi realizzati, supplendo così alla assenza di una Anagrafe aggiornata dell'edilizia scolastica; ha interloquito con tutti i soggetti interessati sul tema, oltre agli enti competenti, come associazioni, comitati di genitori e studenti, per risolvere casi concreti, anche urgenti, agendo da facilitatore”.

  • “Una grande incertezza sul nostro ruolo e l’impossibilità di riportare le dovute osservazioni e proposte all'interno dell’Osservatorio nazionale dell’edilizia scolastica”, è quanto denunciano oggi Cittadinanzattiva e Legambiente in una lettera inviata al Ministro Giannini e al sottosegretario Faraone, coordinatore dell’Osservatorio.

    “Alle riunioni dell’Osservatorio, indette da settembre ad oggi, siamo state invitate informalmente o non invitate affatto. Ci siamo ritrovate, insomma, in una situazione di totale incertezza rispetto all'essere o meno membri dell’Osservatorio e, conseguentemente, rispetto alle responsabilità in relazione a decisioni assunte dallo stesso. Conseguenza anche della mancata approvazione, da luglio 2015, di un decreto o regolamento attuativo al comma 159 della legge 107/2015 che stabilisca con chiarezza i criteri di partecipazione e il ruolo delle associazioni all'interno dell’Osservatorio”.

  • Edilizia scolastica: Cittadinanzattiva chiede approvazione emendamento M5S al DL 154/2015 per la messa in sicurezza delle scuole. Chiudere il filone #scuolebelle  a favore di #scuolesicure
    Cittadinanzattiva sostiene la proposta emendativa del M5S, a prima firma di Chiara Di Benedetto, all’art.1 “Misure urgenti  in materia sociale per garantire il decoro degli edifici scolastici” del DL 154/2015, e ne chiede l’approvazione da parte della V Commissione Bilancio della Camera dei Deputati.
    Una proposta che risponde alla richiesta che Cittadinanzattiva avanza da mesi affinché le risorse destinate a favore del filone “scuole belle” siano dirottate sugli interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, in particolare a vantaggio delle scuole del Sud e delle Isole che presentano maggiori problemi strutturali e manutentivi.

  •  sicurezza cinture scuolabus

    L'ultimo incidente, in ordine di tempo, è accaduto nel Mantovano solo pochi giorni fa: uno scuolabus è finito fuori strada, provocando il ferimento di 30 fra alunni, autista e insegnanti.

    Da qui una petizione online, rivolta al Ministero dei Trasporti e al MIUR, che chiede l'obbligatorietà delle cinture di sicurezza per i bambini che viaggiano sui bus scolastici:

  • 4000 iniziative, eventi importanti in numerose regioni. A Lamezia Terme l'incontro nazionale sul rischio sismico con la partecipazione del capo Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli.
    Leggi di più dalle agenzie. Rivedi la puntata di Geoegeo del 30 novembre con l'intervento di Adriana Bizzarri.

  • Il Governo Conte non ha rinnovato il mandato della Struttura di Missione per la riqualificazione dell’edilizia scolastica presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

    In questi quattro sono stati stanziati 10 miliardi per l'edilizia scolastica di cui oltre 5 già spesi da Comuni, Province e Città Metropolitane per interventi di messa in sicurezza e realizzazione delle scuole. Sono stati edificati oltre 300 nuovi edifici scolastici in tutta Italia e le task force edilizia scolastica hanno monitorato sul campo oltre 2.100 interventi in 15 regioni.

  • "Una sentenza importante perché sancisce il sacrosanto principio di  mettere in salvaguardia la vita delle persone situate in edifici pubblici, come le scuole, ma che interviene in una situazione di vuoto normativo, da sanare urgentemente, rispetto all’obbligo di adeguamento sismico e attribuendo chiaramente le responsabilità tra i diversi livelli”. E’ quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, in merito alla sentenza della Cassazione che ha accolto il ricorso della Procura di Grosseto contro il Sindaco di Roccastrada indagato per omissione d’atti di ufficio per non aver chiuso il plesso scolastico di Ribolla “nonostante dal certificato idi idoneità statica ne emergesse la non idoneità sismica (…) in quanto il rischio sismico era risultato pari a 0,985”.

  • sicurezza scuola

     Caro Presidente Renzi,
    Le Sue dichiarazioni di questi giorni sulla centralità della scuola e sull’edilizia scolastica (piano  straordinario sull’edilizia scolastica, tempi ristretti di attuazione, coinvolgimento degli operatori  della scuola, svincolamento dal patto di stabilità, mappatura aggiornata dei dati)hanno ridato  speranza e concretezza a noi come a tanti cittadini, sul fatto che lo Stato che lei rappresenta abbia deciso di affrontare in modo serio, concreto e con mezzi adeguati questa gravissima emergenza nazionale.
    Da 12 anni Cittadinanzattiva si impegna sul tema della messa in sicurezza delle scuole e dello sviluppo della cultura della sicurezza tra i giovanissimi con la Campagna Impararesicuri, intitolata ai 27 bambini e alla maestra morti nel crollo della scuola di San Giuliano di Puglia (31 ottobre 2002).

  • Centodieci le scuole partecipanti sui temi della sicurezza, dell’educazione al benessere, della cittadinanza attiva. Una sezione speciale “La scuola oltre il terremoto” dedicata alle iniziative messe in campo dagli istituti scolastici nelle zone colpite dai recenti sismi. Infine, una carrellata delle iniziative realizzate in sedici istituti con il progetto 10&lodeinsalute, sui temi dei corretti stili di vita e del benessere fra i più piccoli.

    Sono questi i principali progetti che saranno presentati, attraverso la testimonianza diretta dei protagonisti e video-clip, durante la XI edizione del Premio per le Buone Pratiche a scuola “Vito Scafidi” promosso da Cittadinanzattiva. L’Evento si svolgerà a Roma, il 5 aprile dalle ore 9:30 alle ore 13:30, presso la Sala Igea dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, in Largo della Enciclopedia Italiana 4.

  • Il concorso "Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla Salute Vito Scafidi", promosso dalla rete Scuola di Cittadinanzattiva, giunge quest'anno alla sua decima edizione. Il concorso è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato un progetto su uno dei seguenti temi: sicurezza a scuola e sul territorio; educazione al benessere; educazione alla cittadinanza attiva. Una giuria di esperti valuterà i lavori che perverranno alla sede nazionale di Cittadinanzattiva entro e non oltre il 9 Marzo.

  • scuole sicure 2015 02 13

    Dopo il Presidente del Consiglio ed i suoi Ministri, dopo i Sindaci e gli Assessori comunali e regionali, anche Cittadinanzattiva, nonostante tutto, augura agli studenti italiani ed alle loro famiglie, agli insegnanti ed al personale non docente, ai Dirigenti scolastici, un buon anno scolastico.
    Nonostante tutto.
    Nonostante il perdurare di problemi gravi come il precariato di insegnanti e non docenti,la scarsità e la poca managerialità dei Dirigenti scolastici; l’accorpamento forzato delle scuole,l’imperfetta inclusione di studenti con disabilità, di studenti senza cittadinanza italiana, di studenti “dispersi”; l’assenza di verde, di palestre, di mense e laboratori adeguati, di servizi igienici degni di questo nome; il permanere di aule sovraffollate e poco vivibili;lalenta digitalizzazione delle scuole;

  • Di fronte a 33 aule su 62 di fatto inagibili e di fronte all’impossibilità di avviare i lavori per mancanza di fondi, i genitori si schierano in prima fila per garantire il diritto allo studio dei loro figli. Accade al liceo «Pizzi» di Capua, dove, dopo il crollo del controsoffitto a maggio scorso e il sequestro che ne è seguito, si è intensificato il pressing delle famiglie nei confronti della Provincia, responsabile dell’edilizia scolastica.

  • IX Giornata Nazionale UILDM
    Assente ingiustificato - Perché le barriere a scuola non hanno giustificazione
    Dal 18 al 31 marzo invia un sms o chiama il numero 45508
    Contribuisci a realizzare nelle scuole italiane una piena inclusione sociale

    La Giornata Nazionale UILDM, dedicata all'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, torna dal 18 al 31 marzo prossimi sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Anche in questa occasione protagoniste della manifestazione saranno le Farfalle della Solidarietà, i peluche ripieni di ovetti di cioccolato che verranno distribuiti, assieme a materiale informativo sull'Associazione e sulle malattie neuromuscolari, da migliaia di volontari presso i banchetti presenti in tante città italiane, a fronte di un contributo minimo di 5 euro. Nello stesso periodo, inoltre, sarà possibile sostenere l'iniziativa mandando un sms o chiamandoil numero 45508.

  • Contesto
    In Italia ci sono quasi 200.000 studenti con disabilità, che vedono leso il loro diritto allo studioquotidianamente: sono impossibilitati a frequentare regolarmente la scuola a causa della riduzione dei servizi (trasporto, orari insegnanti di sostegno, assenza del personale ausiliario, ecc.), sono spesso parcheggiati nelle aule, soli e circondati dall’indifferenza degli adulti ma anche dei loro coetanei. La loro condizione di vita si aggrava ulteriormente a causa del contesto già difficile di molte scuole perché sovraffollate, insicure, insalubri, poco attrezzate, ecc.

  • Succede a Montesilvano (PE) dove la scuola dell'infanzia ha sede in un'abitazione privata, o meglio nel garage, in affitto al prezzo di 1500 euro al mese. I genitori denunciano: “La saracinesca del garage è stata rivestita con una parete di cartongesso che lascia esposta l’aula al freddo invernale. Il solaio è attraversato da più di un’infiltrazione. Le finestre sono senza grate di sicurezza e gli spigoli non hanno protezione. Le pareti sono scrostate e l’area esterna dove i piccoli giocano è gravemente danneggiata". Leggi la storia su www.ilfattoquotidiano.it

  • Emesso il primo verdetto per il crollo della Casa dello Studente dell’Aquila, l'edificio distrutto dal sisma del  6 aprile 2009 in cui morirono otto ragazzi: condanne da quattro anni a due anni e sei mesi per omicidio plurimo e lesioni. Cittadinanzattiva si era costituita parte civile nel processo a sostegno dei familiari delle vittime. Leggi di più

  • 2017 - XV Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Tremila istituti scolastici hanno partecipato alla Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole del 22 novembre, promossa da Cittadinanzattiva. Oltre trenta le città, fra cui Roma, Napoli, Torino, Pisa, Chieti, Cagliari, Potenza, in cui si sono svolti eventi di formazione ed informazione, nonché prove pratiche sui temi della sicurezza e della gestione dei rischi nel contesto scolastico e sul territorio. 

    Leggi il comunicato stampa

    Scarica il Manuale "A scuola di sicurezza"

    2016 - XIV Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Da Milano a Messina, da Torino a Napoli, passando per Chioggia, Oristano, Campobasso, l’Aquila, Policoro e Crotone, sono oltre 30 gli appuntamenti in tutta Italia promossi in questa edizione da Cittadinanzattiva, in occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole Circa mille le scuole che formalmente hanno aderito alla Giornata che si svolge con la collaborazione del Dipartimento della Protezione civile e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: negli istituti sarà distribuito il materiale sul rischio sismico e su quello alluvione.

    Leggi il comunicato stampa

    Guarda il video dell'evento tenutosi ad Ascoli Piceno

    2015 - XIII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Dopo tredici anni, la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva diventa patrimonio di tutte le scuole. 

    Ecco i numeri lanciati in questa occasione: oltre 7000 scuole coinvolte in media annualmente, 15.000 studenti e genitori intervistati su rischio sismico e maremoto, 1.250 studenti formati come Responsabili Studenti Sicurezza. 2.300 edifici monitorati, oltre 1.500 progetti di buone pratiche raccolte. E ancora centinaia di incontri con esperti sulla sicurezza a scuola e sul territorio e con amministrazioni comunali, migliaia di prove di evacuazione effettuate nelle scuole; prove pratiche, giochi e laboratori con gli studenti su sicurezza, salute e benessere. 

    Leggi il comunicato stampa

    Guarda le foto della Giornata

    2014 - XII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    “Scuole belle e sicure”, questo lo slogan scelto dagli studenti di cinque istituti scolastici romani (I.C. Largo Oriani, I.C. Piazza Gola, Scuola Media Massimo Gizio, I.C. Rosmini, Istituto Paritario Santa Teresa di Gesù) e cinque reatini, che hanno animato il Children Mob in Piazza del Campidoglio a Roma in occasione della XII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole promossa da Cittadinanzattiva in 5mila istituti in tutta Italia. 
    I giovani studenti sono stati poi nominati, alla presenza del MIUR, del Dipartimento nazionale della Protezione civile, dell’Assessorato alla Scuola del Comune di Roma e dell’Inail, Responsabili Studenti per la Sicurezza come altri 660 coetanei di Umbria, Piemonte e Basilicata.

    Leggi il comunicato stampa

    Guarda il video del Children Mob in Campidoglio

    2013 - XI Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Interventi concreti per abbattere le barriere architettoniche, nomina di 655 giovanissimi Responsabili Studenti Sicurezza, Piani di emergenza comunali, prove di evacuazione e primo soccorso. Sono alcuni dei temi e delle attività della XI Giornata nazionale della sicurezza scolastica, in programma fra il 22 novembre e il 3 dicembre, in varie città e in circa 5mila scuole.

    Scarica i materiali della Giornata

    L'elenco delle principali iniziative in pdf

    2012 – X Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole

    Venerdì 23 novembre si è festeggiata la X Giornata della sicurezza nelle scuole. Le scuole coinvolte su tutto il territorio nazionale sono state quasi 5000. Eventi locali, organizzati dai volontari di Cittadinanzattiva in 16 regioni e 33 città.,che hanno visto protagonisti gli studenti ed i genitori con attività riguardanti la sicurezza a casa e a scuola, l’uso responsabile di internet, i corretti comportamenti rispetto ai rischi sismico, industriale, idrogeologico e la conoscenza dei Piani comunali di emergenza. Protezione Civile, 118, Croce Rossa, Vigili del Fuoco, al livello locale, hanno coinvolto gli studenti in prove pratiche di primo soccorso, interventi di emergenza, uso di estintori, ecc.


  • “Un impegno importante da parte del Governo per la messa in sicurezza delle scuole, reso possibile anche grazie alle denunce e richieste avanzate da anni da Cittadinanzattiva” questo il commento di Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, alla firma del decreto con cui il MIUR lo scorso 10 dicembre ha approvato la graduatoria dei 7.304 istituti scolastici che beneficeranno di 36 milioni di euro per l’indagine diagnostica degli elementi strutturali e non strutturali.
    La graduatoria delle scuole che hanno richiesto il finanziamento è scaricabile dal sito del Ministero dell’Istruzione ed è divisa per regioni e per province http://www.istruzione.it/edilizia_scolastica/indagini_diagnostiche.shtml.

  • Cittadinanzattiva su apertura scuole: insicure un terzo delle nostre aule, ma dal sindaco di Campobasso solo un rinvio del problema

    Mancano le certificazioni in 3 scuole su 4, la manutenzione ordinaria è diventata un lusso per pochi, le aule sono sovraffollate in un terzo dei casi. "Non vorremmo rovinare la festa per l'inizio dell'anno scolastico a quasi 9 milioni di studenti e alle loro famiglie, ma anche quest'anno siamo qui a ricordare che almeno un terzo delle nostre scuole è insicuro, soprattutto nel sud del Paese", a dichiararlo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva che il 20 settembre presenterà il X Rapporto su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici.

  • VIII Premio delle Buone Pratiche nella scuola "Vito Scafidi", promosso da Cittadinanzattiva: bando aperto fino al 4 marzo, la consegna del Premio a Roma il 9 aprile.


    La sicurezza a scuola e sul territorio, l'educazione al benessere, l'educazione alla cittadinanza attiva intesa come cura dei beni comuni, inclusione sociale, solidarietà, convivenza civile, legalità.
    Sono questi le aree su cui Cittadinanzattiva, con l'annuale Premio delle Buone Pratiche nella scuola "Vito Scafidi", premierà le scuole di ogni ordine e grado che hanno realizzato progetti su queste tematiche.

     

  • VII Premio delle Buone Pratiche nella scuola "Vito Scafidi", promosso da Cittadinanzattiva: bando aperto fino al 15 marzo, la consegna del Premio a Roma il 23 aprile
    http://j.mp/XcOttS

    La sicurezza a scuola e sul territorio, l'educazione al benessere, l'educazione alla cittadinanza attiva intesa come cura dei beni comuni, inclusione sociale, solidarietà, convivenza civile, legalità.
    Le scuole di ogni ordine e grado che hanno sviluppato progetti in uno degli ambiti indicati, nell'anno scolastico passato o in quello in corso, possono partecipare alla VII edizione del Premio delle Buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute, promosso da Cittadinanzattiva nell'ambito della campagna nazionale Impararesicuri. Il Premio è intitolato dal 2009 a Vito Scafidi, il ragazzo morto per il crollo del controsoffitto nel Liceo Darwin di Rivoli (Torino).
    C'è tempo fino al 15 marzo

     

  • scuolaamica 2015 02 15

    21 e 22 novembre - XII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole: gestione delle emergenze naturali, spreco alimentare, salute e benessere i temi al centro degli eventi.
    Iscrizioni fino al 31 ottobre

    Sarà dedicata all'emergenza per i rischi alluvione e sismico e allo spreco alimentare, la XII Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva ed in programma il 21 e 22 novembre in tutte le scuole che aderiranno all'iniziativa.
    Da oggi e fino al 31 ottobre, gli istituti scolastici, di ogni ordine e grado, potranno registrarsi sul sito di Cittadinanzattiva (sezione scuola, link diretto http://j.mp/XIIGiornatascuola) per ricevere gratuitamente il materiale da distribuire in occasione della Giornata.

  •  

    Cittadinanzattiva anche quest'anno in occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole che si celebra il 22 novembre ha predisposto per le scuole di ogni ordine e grado un kit didattico gratuito. Per ricevere il kit basta semplicemente iscrivere il proprio istituto alla giornata per la sicurezza di Cittadinanzattiva compilando il form presente sul sito dell'associazione al seguente link: http://www.cittadinanzattiva.it/form/scuola/xv-giornata-della-sicurezza-nelle-scuole.html

    Il kit di quest'anno contiene: poster sui piani di emergenza a scuola e nel comune e depliant per docenti e genitori sui piani di emergenza a scuola e nel comune.

    Le iscrizioni resteranno aperte fino al 6 novembre.

    Scarica la lettera per il dirigente

  • Il Milleproroghe del dicembre scorso ha rinviato, con un colpo di mano inaspettato, al 31 dicembre 2017 la scadenza per adeguare le scuole italiane alla normativa di prevenzione incendi.

    “Siamo indignati rispetto a questa ennesima proroga e contestiamo chi la giustifica sostenendo che si tratti di un mero adempimento burocratico quindi rinviabile sine die”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

    Secondo i dati MIUR, le scuole provviste di tale certificazione sarebbero il 60% e secondo l'ultimo rapporto di Cittadinanzattiva (“XIV Rapporto su sicurezza, qualità, accessibilità a scuola”, settembre 2016) solo il 10% è in grado di mostrare il certificato di prevenzione incendi.

    La norma che imponeva alle scuole di dotarsi del CPI (Certificato di Prevenzione Incendi) risale al 1992, ben 25 anni fa.

  • Ancora proproghe nel mondo della scuola. Una riguarda l'adeguamento delle scuole alle normative anti-incendio, che slitta alla fine del 2017. L'altra riguarda l’abilitazione dei neolaureati che potranno continuare a fare supplenze fino al 2020.  Rinviata di un anno anche la scadenza per utilizzare i 100 milioni di euro messi a disposizione dall’Inail per la messa in sicurezza delle scuole: in molti casi i cantieri non sono ancora stati aperti, il rischio era quello di perdere le risorse.

  • Ancora tragedie sfiorate a cause di crolli nelle scuole il nuovo Governo non dimentichi ledilizia scolastica

    Eboli e Fermo sono solo gli ultimi due episodi, per fortuna senza aver procurato vittime, nella lista nera dei crolli improvvisi avvenuti nelle scuole italiane, come censito ogni anno da Cittadinanzattiva nell’annuale Rapporto sulla sicurezza delle scuole. Solo nell’ultimo anno scolastico, abbiamo notizia, tramite la stampa locale, di circa 30 crolli di varia entità e natura.
    “Aspettando che venga fatta chiarezza al più presto sui due episodi, vogliamo sottolineare al nuovo Governo la centralità delle politiche della scuola, a partire da quella più urgente dell’edilizia scolastica”, dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

  • crolloscuola 2015 2 16 1 copy

    Ancora una volta i crolli si sono verificati per la mancanza di manutenzione e le continue infiltrazioni di acqua hanno fatto cedere i solai. E, ancora una volta, per fortuna si sono verificati di notte, evitando il peggio a studenti e personale scolastico. "Chiediamo che il Ministero dell’Istruzione e l’Unità di Missione per l’Edilizia Scolastica individuino le ragioni e le responsabilità di questa inadempienza e, se necessario, supportino le Regioni nella realizzazione o nel completamento dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica". Leggi il nostro comunicato stampa

  • Una raccolta firme per l’immediata pubblicazione dell’Anagrafe. A lanciarla Cittadinanzattiva, in occasione del IX Premio Scafidi e dell’avvio del tour “La mia scuola è” a Torino

    Da Torino parte oggi una raccolta di firme tra i cittadini, promossa da Cittadinanzattiva e rivolta al Governo, per l’immediata pubblicazione dell’Anagrafe nazionale dell’Edilizia scolastica. “Genitori, studenti, organizzazioni civiche non possono restare inermi di fronte all’ennesimo dietrofront del Ministero sulla pubblicazione della Anagrafe, e alla chiusura rispetto ad un vincolo di trasparenza sul reale stato e fabbisogno delle scuole italiane, sancito anche dalla sentenza del Tar del Lazio (n.03014/2014) e dall’Ordinanza del Consiglio di Stato (agosto 2014), avviate da Cittadinanzattiva”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.

  • Dal MIUR doppio stop su Anagrafe edilizia scolastica e interventi per la sicurezza delle scuole. Chiediamo al Governo di fare chiarezza

    Il Ministero dell'Istruzione ha presentato ricorso al Consiglio di Stato per l'annullamento della sentenza del Tar del Lazio (la n. 03014/2014 dello scorso marzo) che ha riconosciuto il diritto di Cittadinanzattiva ad accedere ai dati dell'Anagrafe e della Mappatura degli edifici scolastici italiani e ha ribadito la responsabilità del MIUR circa il suo aggiornamento periodico in collaborazione con gli enti interessati.
    "A questa opposizione si aggiunge il mancato completamento dell'Anagrafe che il sottosegretario Reggi aveva assicurato per il 1 luglio, nonché una scarsa chiarezza sulla lista degli interventi finanziati dal Governo Renzi per la messa in sicurezza e la sistemazione di circa 10 mila scuole", spiega Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.

  • Cittadinanzattiva su mancata pubblicazione Anagrafe edilizia scolastica: indignati per l'ennesimo rinvio

    "Ancora una volta assistiamo ad un dietro front sull'Anagrafe dell'edilizia scolastica. Ci sentiamo indignati e delusi, ma non resteremo inermi di fronte a questo ennesimo rinvio. Daremo corso a nuove iniziative: un'interrogazione parlamentare; l'individuazione di altre iniziative legali nei confronti del Ministero dell'Istruzione, già inadempiente rispetto alla sentenza del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato dei mesi scorsi; una mobilitazione di protesta", è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva rispetto all'ennesimo rinvio della pubblicazione dell'Anagrafe che il Ministero, tramite il sottosegretario Davide Faraone, aveva annunciato per oggi 22 aprile.

  • “Con rammarico ci vediamo costretti ad avvisare i cittadini, che così com’è oggi, l’Anagrafe dell’edilizia scolastica non è utilizzabile né attendibile, perché contiene dati parziali e non aggiornati, indicatori mancanti ed incomprensibili per i cittadini, E mentre non si è provveduto ad aggiornare, come promesso entro il 31 gennaio scorso, i dati relativi alle certificazioni, è stata prorogata di ancora un anno (31 dicembre 2016) l’entrata in vigore dell’obbligo per le scuole di dotarsi della certificazione di prevenzione incendi. Per sapere se la scuola dei proprio figli sia sicura o meno, occorrerà agire caso per caso, scuola per scuola, anche con l’aiuto di Cittadinanzattiva e Legambiente”. È quanto denunciano Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva e Vanessa Pallucchi, responsabile di Legambiente Scuola, associazioni da anni impegnate sul tema della sicurezza scolastica.

  • Il Ministero dell'Istruzione non ci sta e presenta ricorso al Consiglio di Stato per chiedere l'annullamento della sentenza del Tar Lazioche  ha riconosciuto l'obbligo del MIUR a pubblicare i dati dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica, come richiesto da Cittadinanzattiva.
    Nelle motivazioni addotte dal Ministero si legge un rimpallo di responsabilità fra enti locali e governo centrale che nuoce al diritto alla trasparenza dei dati della PA e al diritto dei cittadini ad avere informazioni certe sullo stato di sicurezza delle scuole italiane. Leggi il nostro comunicato stampa. La risposta del sottosegretario Reggi su Vita.it

  • anagrafe scolastica 2015 02 20

    Anagrafe edilizia scolastica: Il Consiglio di Stato "boccia" il Miur e promuove la richiesta di pubblicazione da parte di Cittadinanzattiva

    Con l'Ordinanza del 1 agosto scorso, il Consiglio di Stato ha rigettato la domanda di sospensione presentata dal Ministero dell'Istruzione in merito all'obbligo di pubblicazione dei dati relativi all'Anagrafe dell'Edilizia scolastica, come previsto dalla sentenza di I grado del Tar Lazio (la n. 03014/2014 dello scorso marzo).

  • La attendiamo da 16 anni e ora sarebbe quasi pronta. E' l'Anagrafe dell'edilizia scolastica che il Ministro Profumo nei giorni scorsi ha dichiarato essere in dirittura di arrivo. L'Anagrafe ci permetterebbe di capire in che condizioni si trovano le nostre scuole e quali sono le priorità per la loro messa in sicurezza. Leggi di più

  • E' andata online ad agosto dello scorso anno e doveva essere aggiornata entro il 31 gennaio 2016. Ma ad oggi l'Anagrafe dell'edilizia scolastica resta ancora una promessa mancata. Dati non aggiornati e parziali, indicatori mancanti e incomprensibili per i cittadini che, di certo, non possono utilizzarla come strumento di trasparenza e di scelta per la scuola da frequentare o dove far iscrivere i propri figli.
    La denuncia, l'ennesima, arriva da Cittadinanzattiva e Legambiente, da anni impegnate sul tema della sicurezza scolastica.

  • A che punto è l'aggiornamento dell'Anagrafe dell'edilizia scolastica (resa pubblica dal 2015 solo grazie ad una battaglia giudiziaria portata avanti da Cittadinanzattiva). In un'ampia intervista a Quotidiano del Sud, Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva, afferma: "«Abbiamo riscontrato ancora una volta che i dati inseriti ed attualmente visibili nell'Anagrafe con la "Scuola in chiaro" - e per farlo basta digitare il nome della scuola e la città di riferimento sotto la voce "edilizia"- fanno riferimento a voci vecchie, obsolete, oltre che incomplete. Abbiamo richiesto di inserire anche la data di rilevazione, perché è importante sapere quando è stato aggiornato l'ultima volta il dato di quella scuola. Invece ad oggi questo non è possibile. In poche parole, siamo fermi esattamente all' estate scorsa. E questo è un problema, anche perché sul completamento dei lavori annunciato entro la fine dell'anno non abbiamo nessuna certezza».

  • Sono 2.400 le scuole in Italia contaminate dall'amianto, 350.000 gli studenti e 50.000 i docenti e non docenti esposti.

    I dati sono stati presentati in occasione della proiezione del documentario «Asbeschool - stop amianto a scuola», di Stefania Divertito, con la regia di Luca Signorelli: un viaggio nelle scuole italiane a rischio. Un film-denuncia sulla situazione caotica di codici e leggi che regolamentano il monitoraggio dell’amianto: più di 400, che una proposta di legge governativa vuole armonizzare in un testo unico.

  • L'amianto sembrerebbe interessare il 10% delle scuole, soprattutto al Nord. Ma mancano dati ufficiali anche perchè molte scuole non si fanno monitorare. L'unica Regione a censire è stata il Lazio, con un 16% di istituti coinvolti dalla presenza di amianto. Secondo le anticipazioni di Legambiente che a breve presenterà un nuovo rapporto, i capoluoghi di Regione èiù interessati dal fenomeno amianto sono Genova, Forlì ed Agrigento.

    All'istituto professionale di Policoro, in provincia di Matera, dopo un anno di pressione da parte della sede locale di Cittadinanzattiva, La Provincia nei giorni scorsi è finalmente intervenuta ed ha deciso di rimuovere la sostanza tossica.

  • La Scuola di Cittadinanzattiva condivide l'allarme sulla sicurezza delle scuole lanciato dal Presidente dell'UPI Saitta, e critica quello che è stato l'intervento del capo dipartimento del MIUR. E' necessaria una seria programmazione di intervento. Leggi il comunicato

  • giornata nazionale sicurezza nelle scuole

    Il prossimo 22 novembre si celebrerà la Giornata nazionale per la Sicurezza nelle scuole che per Cittadinanzattiva giunge alla sua XVI edizione. Come ogni anno le scuole di ogni ordine e grado potranno ricevere gratuitamente materiali didattici dedicati al tema della sicurezza realizzati in collaborazione con il Dipartimento della Protezione civile.

    Per questa edizione il kit di materiali sarà composto da: un manifesto dedicato al rischio sismico, un manifesto dedicato al rischio alluvione ed un video tutorial per una corretta prova di evacuazione a scuola in caso di rischio sismico.

  • La IX Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole è partita simbolicamente da Rivoli, con una fiaccolata in ricordo di Vito Scafidi. Guarda il video su www.liberapiemonte.it. Domani appuntamenti in tutta Italia, a Lamezia Terme l'evento centrale sul tema del rischio sismico. Leggi il comunicato

  • Dopo 18 anni di attesa e un ricorso perso al Tar contro Cittadinanzattiva, il Ministero dell'Istruzione ha finalmente avviato l’aggiornamento del database delle oltre 40mila scuole italiane. Ma i tempi non sembrano essere brevi: ancora sei regioni sono in forte ritardo nella trasmissione dei dati. Approfondisci su Wired

  • Il Premio di Cittadinanzattiva è rivolto alle scuole di ogni ordine e grado che hanno promosso progetti su: sicurezza a scuola, educazione al benessere, sicurezza e qualità dell'ambiente. È possibile partecipare inviando la scheda e i materiali alla sede di Cittadinanzattiva entro il 10 marzo 2012. Leggi il Bando

  • Prende il via il Piano dell'edilizia scolastica voluto dal Presidente Renzi. Gli edific coinvolti saranno 20.845 edifici scolastici per investimenti pari a 1.094.000.000 di euro. Il progetto interesserà il biennio 2014-2015 e avrà l'obiettivo di rendere le scuole più belle, più sicure, più nuove. Per saperne di più

  • Pubblicato il bando della XI edizione del Premio Buone Pratiche di educazione alla sicurezza ed alla salute "Vito Scafidi", promosso dalla rete scuola di Cittadinanzattiva. Il premio giunge quest'anno alla sua undicesima edizione ed è rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado che abbiano realizzato nell'anno scolastico in corso o in quello precedente progetti relativi a tre ambiti tematici: educazione al benessere; sicurezza a scuola e sul territorio; educazione alla cittadinanza attiva.

  • Si parte il 1 luglio con 20 mila cantieri. Coinvolti 4 milioni di studenti che potranno avere scuole più sicure, belle o completamente nuove. Venerdì 13 il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato un decreto del presidente del Consiglio che esclude per due anni (2014 e 2015) dal patto di stabilità interno i comuni che hanno in progetto di costruire nuove scuole. Approfondisci sul sito web de La Stampa. Guarda la mappa degli interventi che saranno realizzati

  • E' partita la campagna Assente ingiustificato, con cui l'Unione italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM) e Cittadinanzattiva si impegneranno, nel corso del 2013, per l'abbattimento delle barriere, non solo architettoniche, nelle scuole italiane. Dal 18 al 31 marzo la raccolta fondi finalizzata all'iniziativa. Scarica la locandina

  • È il titolo allarmante della inchiesta di Repubblica.it sulla situazione degli edifici scolastici italiani. Nella inchiesta i dati del X Rapporto sulla sicurezza nelle scuole, lo spot della Giornata nazionale della sicurezza del prossimo 23 novembre ed una intervista ad Adriana Bizzarri, responsabile della scuola di Cittadinanzattiva. Approfondisci

  • scuola ko

    In occasione del tour "La mia scuola è", Cittadinanzattiva lancia, in collaborazione con il sito Schoolraising.it, una campagna di raccolta fondi online dedicata a progetti per sostenere concretamente la sicurezza, la qualità e  l'accessibilità degli edifici scolastici, promuovendo una nuova forma di partecipazione attiva attraverso una “adozione collettiva”.

  • ediliziascolastica

    Cittadinanzattiva su dichiarazioni Faraone su edilizia scolastica: bene la pubblicazione della Anagrafe. Vera progettazione partecipata per le scuole del futuro. 

    “Apprezziamo l’impegno a render pubblica entro aprile l’Anagrafe dell’edilizia scolastica, per la quale ci battiamo da anni e su cui abbiamo contribuito da sempre a tener alta l’attenzione”, è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva in riferimento a quanto annunciato oggi in conferenza stampa dal sottosegretario al Miur, Davide Faraone.
    “Chiediamo che da subito vengano cambiate le regole per la gestione degli interventi di manutenzione ordinaria delle scuole, affinché ai Presidi sia affidato maggior potere e scelta sulle azioni da mettere in campo per la sicurezza degli edifici, contrariamente a quanto avvenuto finora con l’operazione #scuolebelle.

  • sulmona

    Il sindaco di Sulmona decide di rinviare l'apertura delle scuole, prevista per il 12 settembre, a data da destinarsi, a seguito di una animata assemblea pubblica voluta anche dal Comitato "Scuole sicure", composto da circa 400 famiglie che si sono rifiutate di mandare a scuola i figli prima che gli enti preposti abbiano certificato la sicurezza degli edifici

    Di seguito la notizia riportata dall'Agenzia Ansa.

  • Un cittadino informato può dettare le regole. Per se stesso e per gli altri. Anche nel campo della protezione civile che altro non è che saper gestire le emergenze, soprattutto quelle legate a calamità naturali come terremoti e alluvioni, per le quali il BelPaese fa spesso notizia.
    E le regole si imparano soprattutto a scuola. Per questo Gabrielli, Capo del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, chiede che la protezione civile sia inserita tra le materie scolastiche. Approfondisci

  • I carabinieri hanno sequestrato a Lampedusa tre contenitori in amianto posti sul tetto del liceo Ettore Maiorana, che contengono acqua usata da tre aule della scuola. Ed un genitore denuncia in un video la totale insicurezza di un'altra scuola da anni in disuso ma ancora accessibile a tutti. Approfondisci

  • La Scuola di Cittadinanzattiva e Save the Children il prossimo 12 Luglio saranno a Scalea presso il Centro educativo "fuori classe", per realizzare il secondo appuntamento di un corso di formazione, per operatori e volontari del terzo settore, per migliorare le tecniche e le capacità di intervento in caso di emergenza. Leggi il programma

  • amatrice distrutta terremoto

    E' l'allarme che lancia il Presidente dell'ANP Rusconi dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia nei giorni scorsi. le scosse si sono sentite anche a Roma, dove il rischio sismico non è elevato ma non c'è da restare tranquilli. Come afferma Rusconi la maggior parte delle scuole della capitale non ha il certificato di agibilità statica,dato che viene confermato ogni anno anche dal Rapporto nazionale di Cittadinanzattiva sulla Sicurezza Qualità ed Accessibilità a scuola, del quale è prevista la presentazione di questa annualità il 21 Settembre a Roma.

  • terremoto scuola amatrice

    E' l'allarme che lancia il Presidente dell'ANP Rusconi dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia nei giorni scorsi. le scosse si sono sentite anche a Roma, dove il rischio sismico non è elevato ma non c'è da restare tranquilli.

  • Cittadinanzattiva, dopo i recenti crolli nella scuola dell’infanzia “M.L.King” di Ciampino alle porte di Roma, e a Napoli nella scuola elementare “Marco Polo” avanza la proposta a Comuni e Province di effettuare sopralluoghi durante il periodo delle vacanze di natale, approfittando della chiusura . La proposta è stata già appoggiata dalle sedi locali di Cittadinanzattiva presenti nella regione Lazio. Leggi il comunicato

  •  

    Dal 29 maggio al 4 giugno, "La mia scuola è", l'installazione in legno sulle due facce della scuola italiana promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi, farà tappa a Modena in Piazza Roma. Ad esattamente tre anni di distanza dal terremoto che, nel 2012, colpì l'Emilia Romagna, la presenza a Modena della nostra installazione sarà anche l'occasione per tenere alta l'attenzione sul tema della sicurezza nelle scuole nelle zone a rischio sismico.

  • L'Anagrafe dell'edilizia scolastica sarà pronta e pubblica entro il 1 luglio. Ad assicurarlo, nel corso della cerimonia di premiazione del Premio Scafidi per le Buone pratiche nella scuola, il sottosegretario del MIUR Roberto Reggi. Lo stesso ha annunciato che è in via di definizione un decreto per stabilire con certezza le responsabilità di ogni singolo attore in materia di sicurezza delle scuole, a cominciare da dirigente scolastico ed ente proprietario. Il resoconto e l'intervista a Reggi sull'Agenzia Dire

  • anagrafe 2015 2 16

    Il Sottosegretario all'istruzione Davide Faraone ha annunciato nel corso dell'insediamento dell'Osservatorio, la volontà da parte del Miur di ultimare l'anagrafe per l'edilizia scolastica entro Giugno 2015. In questa occasione ha sollecitato l'impegno ed il lavoro da parte delle regioni e ribadito la centralità dell'Osservatorio, uno strumento capace di tenere insieme emergenza e programmazione. Per saperne di più

  • 8xmille scuola 2015 02 20

    Risorse 8 per mille per edilizia scuola – via libera dal Consiglio dei ministri al decreto presidenziale. Plauso delle associazioni Benvenuti in Italia, Cittadinanzattiva, Libera e Legambiente.

    "Un importante passo avanti per costituire una continuità di risorse finanziare a favore del patrimonio edilizio scolastico"

    "Plaudiamo al via libera che il Consiglio dei Ministri ha dato ieri al decreto presidenziale, che prevede l'utilizzo dei fondi dell'8 per mille per il miglioramento qualitativo e la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Un passo in avanti che come associazioni abbiamo sempre caldeggiato nella convinzione che questa opportunità possa costituire una continuità di risorse finanziare per la manutenzione del nostro patrimonio edilizio scolastico, nell'ottica di superare l'approccio emergenziale in favore di una programmazione di fondi ed interventi di lungo respiro". Così si esprimono Benvenuti in Italia, Cittadinanzattiva, Libera e Legambiente, le associazioni che da tempo sostengono la necessità di far rientrare l'edilizia scolastica fra i beneficiari del fondi dell'8 per mille Irpef a gestione statale.

     

  • E' questo il titolo della Conferenza nazionale in programma il 28 marzo a Rivoli (TO) dove, nel 2008, perse la vita Vito Scafidi sotto il crollo del controsoffitto nel Liceo Darwin. Tra i relatori anche Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva. Maggiori dettagli e il programma

  • scaf 800x450 1 1

    Si celebra il 22 novembre in tutta Italia la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva, con la collaborazione del Dipartimento nazionale della Protezione Civile e il Miur, e giunta alla sedicesima edizione.

    Appuntamenti in numerose scuole, da Bologna a Napoli, da Torino a Licata con eventi dedicati, tra l’altro, ai rischi naturali e ai comportamenti corretti da assumere a scuola e sul territorio. Fra i materiali a disposizione degli studenti e delle famiglie, due manifesti dedicati al rischio sismico e al rischio alluvione e il video tutorial “Prepariamoci”, realizzato con la partecipazione dei ragazzi dell’Istituto comprensivo Radice-Ovidio di Sulmona AQ), per mostrare come prepararsi e comportarsi a scuola in caso di terremoto.

    Il video è disponibile sulcanale youtube di Cittadinanzattiva e sarà proiettato anche all’interno della mostra “Terremoti d’Italia” allestita dal Dipartimento della Protezione Civile, nell’ambito del Forum europeo per la riduzione del rischio, in corso a Roma presso il Centro Congressi di Confindustria.

  • 22 novembre, Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole di Cittadinanzattiva. Numerosi eventi sul territorio, 3000 istituti aderenti.
    E da oggi scaricabili online i materiali per studenti, docenti e famiglie
    Tremila gli istituti scolastici che partecipano alla Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole, promossa da Cittadinanzattiva e che si celebra il 22 novembre in tutta Italia. Oltre trenta le città in cui si svolgeranno eventi di formazione, informazione e prove pratiche organizzati dai volontari dell’associazione: fra le principali Roma, Torino, Pisa, Perugia, Urbino, Rieti, Campobasso, Bari, Napoli, Chieti, Cagliari, Oristano, Potenza. In Campania, inoltre, verranno nominati oltre 250 bambini di quarta elementare che nelle proprie scuole ricopriranno per un anno il ruolo di “Responsabili della Sicurezza degli Studenti”, dopo aver frequentato e superato un percorso formativo legato alla sicurezza dell’ambiente scolastico e ai rischi naturali.

  • norme comuni terremoto

    Secondo la Legge 100 del 12 Luglio del 2012 ciascun Comune italiano avrebbe dovuto dotarsi di un piano di emergenza entro 90 giorni da tale legge (12 ottobre 2012). Il piano consiste in un dossier sulle caratteristiche del territorio e pianificazione degli interventi in caso di disastri stilato in base a delle regole definite dalla protezione Civile, uno strumento importantissimo per la prevenzione dei rischi e per le modalità di intervento e soccorso.

  • altrochescuola 2.0 2015 02 16

    Sul sito Passodopopasso.it il Governo dà gli aggiornamenti sui lavori di edilizia scolastica realizzati a fine 2014 e su quelli previsti per il nuovo anno.
    Una delle modalità nuove con cui i cittadini possono intervenire direttamente è quella di versare l'8 per mille per mettere in sicurezza la propria scuola. Strumento, approvato nella legge di stabilità 2014 anche grazie alla pressione di Cittadinanzattiva, con il quale ad oggi sono stati presentati già più di 1000 progetti per scuole in tutta Italia. Approfondisci

  • Iscrivi  la tua scuola alla IX Giornata nazionale della Sicurezza per ricevere materiali e proposte di attività. Per Saperne di più. Compila il form
  • terremoto sicurezza scuola

    Nel dossier che sarà presentato il 21 settembre, l'associazione raccoglie le dichiarazioni dei responsabili della sicurezza degli edifici scolastici: "Nel 10% non sono ancora stati individuati percorsi praticabili che non comportino l’uso dell’ascensore o del servoscala". Prevenzione incentrata sul (remoto) rischio incendio e non su quello sismico-alluvionale

  • 8xmille scuola 2015 02 20

    Fondazione Mission Bambini e Fondazione con il sud hanno dato il via alla seconda edizione del bando #Lanostrascuola. Il bando che scade a fine Dicembre, mette a disposizione 300 mila euro che consentiranno a cittadini e soprattutto a genitori di acquistare del materiale per lavori di manutenzione all'interno delle scuole.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.