Comunicato stampa, Roma 9 novembre 2006


Sono oltre 200 le best practices nei servizi capaci di meritarsi, per una volta, il plauso degli utenti e non le solite lamentele.
A Roma, il prossimo 20 novembre, la proclamazione del vincitore del Premio “La Buona Pratica”, iniziativa promossa da Cittadinanzattiva con il sostegno di Poste Italiane, Eni e Pfizer e giunta alla VIII edizione.
L’appuntamento è presso il Teatro Dell’Angelo, via Simone De Saint Bon, a partire dalle ore 18.00.
Il Premio punta a raccogliere e diffondere esperienze innovative nel campo della sanità, dei servizi pubblici e della Pubblica Amministrazione, valorizzando soprattutto collaborazioni tra pubblico e privato e la partecipazione attiva dei cittadini.
Per la sezione sanità, intitolata alla memoria di Andrea Alesini, concorrono 116 progetti provenienti da Asl (45%), aziende ospedaliere (18%), amministrazioni comunali (7%), associazioni (25%), Regioni (4%) con una prevalenza di iniziative del Nord (57%) rispetto a quelle del Centro (26%) e Sud Italia (16%). La giuria di esperti ha esaminato esperienze di successo riguardanti, tra gli altri, i seguenti settori: assistenza sanitaria (17%), pediatria (13%), assistenza domiciliare integrata e sociale (10,3%), oncologia (6%), patologie croniche (6%), geriatria (5,2%), odontoiatria (5,2%), malattie infettive (4,3%), psichiatria (3,4%), handicap (3,4%), ginecologia e ostetricia (2,6%).
Per la sezione servizi e P.A., intitolata alla memoria di Roberto Villirillo, concorrono 123 progetti provenienti da Enti Pubblici (47%), associazioni (27%), aziende (22%) e cooperative (4%) con una prevalenza di iniziative del Centro (49%) rispetto a quelle del Nord (33%) e Sud Italia (18%). La giuria di esperti ha esaminato esperienze di successo riguardanti i seguenti settori: P.A. (37%), ambiente (17%), scuola e università (14%), servizi alla persona (10%), servizi finanziari, postali ed assicurativi (6,5% nel loro insieme), trasporti (6%), cultura e legalità (5%), energia e tlc (3,5%).

Per maggiori informazioni sui progetti in concorso, è possibile consultare la banca dati delle Buone Pratiche ospitata nella home page del sito www.cittadinanzattiva.it.

 

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.