Consumatori

Slitta il Fondo di solidarietà per la sospensione fino a 18 mesi delle rate di mutuo
Adiconsum, Adoc e Cittadinanzattiva al Ministro del Tesoro: varare al più presto Disciplinare e nominare Gestore
Ampliare le risorse: i 20 milioni di euro sufficienti solo per 3.000 famiglie

L’entrata in vigore, prevista per il 2 settembre, del Fondo di Solidarietà che consente la sospensione fino a 18 mesi delle rate di mutuo, è solo formale.
Lo slittamento è dovuto in primis alla tardiva emanazione del Regolamento di attuazione (circa due anni) dalla legge istitutiva.

Fondo mutui: Cittadinanzattiva, Adiconsum e Adoc plaudono al regolamento attuativo. Il Governo intervenga per estenderne l’accesso ed integrarlo con le altre politiche a favore delle famiglie

Cittadinanzattiva, Adiconsum ed Adoc plaudono al Fondo di solidarietà per i mutui prima casa, reso operativo nei giorni scorsi, ma chiedono un ampliamento delle risorse e un allargamento dei potenziali utenti, nonchè maggiore sistematicità nelle iniziative a favore delle famiglie.
"Siamo soddisfatti che sia stato reso finalmente operativo un Fondo per il quale ci eravamo battuti e che attendevamo da oltre un anno e mezzo",

Cittadinanzattiva su disagi Tirrenia al porto di Civitavecchia: immediato risarcimento danni per villeggianti lasciati a terra con biglietto pagato, senza informazione e assistenza

Risarcire immediatamente i cittadini vittime dei gravi disservizi che si sono registrati sin dalle prime ore di oggi al porto di Civitavecchia: è quanto chiede Cittadinanzattiva a Tirrenia alla luce delle lamentele che ha registrato da parte di alcune delle migliaia di villeggianti in partenza per la Sardegna.
Al guasto che ha impedito alla nave della Tirrenia si salpare per Cagliari ha fatto seguito sin da stamane un caos caratterizzato da totale disinformazione, mancanza assoluta di assistenza e violazione dei diritti:

Cittadinanzattiva su sanzioni AGCOM a operatori tlc: Telecomunicazioni solita maglia nera tra i servizi di pubblica utilità. Multe giuste ma irrisorie, occorre inasprimento delle sanzioni

Sanzioni doverose ma pressocché inefficaci, per un settore che da dieci anni fa registrare il più alto numero di disservizi subiti dai cittadini. Questo il commento di Cittadinanzattiva all’indomani delle multe comminate dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a carico di diversi operatori del settore per oltre un milione e duecentomila euro.

Cittadinanzattiva su via libera Commissione Europea a Sky su DTT: segnale positivo per concorrenza

"Il mercato italiano è ingessato, accogliamo positivamente la decisione della UE sull'ingresso nel digitale di Sky, con l'augurio che possa rappresentare uno stimolo per la concorrenza". Questo il commento di Antonio Gaudioso, vice segretario generale di Cittadinanzattiva e responsabile delle politiche dei consumatori dell'organizzazione.

Cittadinanzattiva su contenuti relazione annuale Abi:
Con PattiChiari, Abi gioca un ruolo centrale in tema di trasparenza e concorrenza nel settore bancario

Alla Associazione Bancaria Italiana va riconosciuto il merito di aver intrapreso negli ultimi anni un percorso di autoregolamentazione che ha costituito la premessa per importanti novità legislative per il settore bancario e finanziario. Se oggi il comparto bancario è relativamente più concorrenziale e trasparente di prima, molto lo si deve alle iniziative di PattiChiari, nelle quale sin da subito l’Abi ha voluto coinvolgere le Associazioni dei Consumatori, iniziative che nel loro insieme stanno contribuendo ad elevare il livello medio del sistema bancario italiano dal punto di vista dei bisogni e della tutela degli utenti.

Cittadinanzattiva su Finanziaria e servizi di pubblici utilità: dal Governo un assist perfetto per cattivi amministratori e gestori dei servizi in rosso. Per le famiglie, "vecchi" servizi a costi più alti

Una manovra finanziaria a tutto vantaggio di chi da anni sfrutta l’alibi delle minori risorse per mascherare una cattiva e poco trasparente gestione dei servizi. Per le famiglie, la solita minestra rappresentata da riduzione dei servizi e aumento delle relative tariffe.
Cittadinanzattiva boccia senza appello l’ennesima operazione di aggiustamento dei conti, caratterizzata da interventi tampone e priva di misure strutturali nel medio lungo termine.

X Rapporto Pit Servizi X - Cittadinanzattiva in tema di servizi di pubblica utilità 
"Servizi e P.A. dal punto di vista dei cittadini: 10 anni tra disservizi, reclami e nuove tutele".
 
2009: anno nero per energia, trasporti e banche. trasporti e banche. trasporti e banche. trasporti e banche.    
Migliorano i rapporti tra i cittadini e la PA, telecomunicazioni solita maglia nera

Quattro  anni  per  farsi  cancellare  dalla  banca  dati  cattivi  pagatori,  "solo"  un  anno  per  ottenere  i  rimborsi  di Trenitalia o disdire un contratto di fornitura di energia. Più di 6 mesi per la liquidazione di un sinistro auto. Tre mesi per riparare il guasto della linea telefonica di casa.

A Roma doppio appuntamento di Cittadinanzattiva in tema di servizi di pubblica utilità
Il 21 maggio X Rapporto PiT Servizi, il 25 maggio Tavola rotonda su "Criticità e prospettive del mercato energetico retail"

Si terrà venerdì 21 maggio a Roma, presso la Sala delle Colonne a Palazzo Marini (via Poli, 19 dalle ore 9:30 alle 13.00), la presentazione del X Rapporto Pit Servizi - Cittadinanzattiva in tema di servizi di pubblica utilità e P.A. dal titolo: "Servizi e P.A. dal punto di vista dei cittadini: 10 anni tra disservizi, reclami e nuove tutele".

Dossier rifiuti di Cittadinanzattiva.
In Italia la gestione dei rifiuti meno funziona e più la si paga:
+55% dal 2000 ad oggi, +2,8% rispetto all’ultimo anno.

In Campania (301€) la spesa media annua più elevata, a Siracusa (407€) e Caserta  (393€) le tariffe più care d’Italia. Nell’ultimo anno aumenti record in 5 città: Salerno  (+67,4%), Caltanissetta (+40%), Lecco (+29%), Chieti (+25%) e Benevento (+21,5%)

Rifiuti a peso d’oro: a Siracusa, la spesa annua per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ammonta a  407€, il quadruplo rispetto alla città meno cara d’Italia, Reggio Calabria (95€). Roma la quinta città più cara  d’Italia con 337€, preceduta solo da Salerno (356,5€), Catania (365€), Caserta (393€) e Siracusa.

Condividi