Cittadinanzattiva su Aeroporto Fiumicino: inverosimile legare il tutto ad un sabotaggio. Non più rinviabile intervento strutturale su aeroporto e enti di controllo. Il Ministro Bianchi coinvolga i cittadini

"Quello di Fiumicino non può essere solamente ridotto, come invece si sta tentando, ad un episodio di sabotaggio, ma è sotto gli occhi di tutti che l’aeroporto sia sotto gli standard internazionali, come testimoniano anche i dati sui ritardi medi registrati nel hub". Queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, vice segretario generale di Cittadinanzattiva e testimone diretto degli episodi di ieri. "A questo si aggiunge anche la situazione dell’Alitalia. Dopo l’episodio di domenica, si continuano a registrare ritardi nella consegna dei bagagli di 4-5 giorni, nessuna assistenza ai passeggeri e procedure di rimborso a dir poco farraginose. Insomma, quello che è un diritto, cioè il rimborso per il ritardo nella consegna, viene il più delle volte ridotto ad un puro miraggio. Nel caso di Fiumicino, poi, è riduttivo e anche offensivo pensare che un sabotaggio possa mandare in tilt un aeroporto di queste dimensioni, e in particolare la consegna dei bagagli del terminal dedito agli intercontinentali, che dovrebbe invece essere il “fiore all’occhiello” dell’azienda. Infatti, al di là del ritardato arrivo dei bagagli di ieri, con cittadini che hanno atteso da 1 a due ore (le immagini sono disponibili sul sito www.cittadinanzattiva.it), con inevitabile mancato rispetto di coincidenze, sono tre gli elementi che evidenziano come la situazione non potesse essere solo ascrivibile ad un episodio straordinario e inatteso: - assoluta mancanza di assistenza da parte del personale della società aeroporti di Roma; - migliaia di persone accalcate in fila senza aria condizionata - lo stato di degrado in cui versa quell’area con buchi nel soffitto, fili pendenti e bagagli accatastati senza alcuna forma di sorveglianza. Chiunque avrebbe potuto saccheggiare liberamente. Anche in questo caso, c’è quindi da registrare un comportamento encomiabile tenuto dai cittadini: costretti ad attese estenuanti e in condizioni inaccettabili hanno mostrato grandissimo senso di civiltà e un alto tasso di pazienza”. “E’ mai possibile che la situazione sia arrivata a questo livello senza che Autorità di controllo e Enac abbiano fatto nulla per evitarla o prevenirla?". "Ogni anno, nello stesso periodo, si ripetono gli stessi problemi, e ogni volta più gravi. Crediamo sia arrivato il momento di intervenire con delle misure strutturali e anche con l’individuazione di responsabilità chiare e il sanzionamento delle stesse. Chiediamo al Ministro Bianchi e al sottosegretario competente per deleghe, Annunziata, di intervenire per dare un chiaro segnale di discontinuità e di coinvolgere i cittadini e le loro organizzazioni nella definizione e verifica di standard di qualità dei servizi, provvedimento oramai non più rinviabile".

Per fornire un utile supporto ai turisti in partenza, è disponibile una guida ai diritti dei passeggeri e la Carta dei diritti del passeggero
L’organizzazione ha inoltre creato un modulo per segnalare eventuali disservizi o contrattempi

Alcune foto

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi