Cittadinanzattiva su sciopero taxi: inaccettabile, chiediamo intervento immediato Garante

"Lo sciopero dei Taxi contro le ipotesi di liberalizzazione è inaccettabile, non si può tenere in ostaggio un Paese per gli interessi di una categoria", queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, vice segretario generale di Cittadinanzattiva. "Soprattutto perché le modalità con cui si attuano non tengono in alcun modo conto dei diritti dei cittadini.

Siamo coscienti dei problemi relativi a molti che si trovano ancora a dover affrontare i debiti accesi per la licenza. In questo caso, va convocato un apposito Tavolo di lavoro, a cui siedano anche le associazioni dei consumatori, per individuare soluzioni che tengano conto delle necessità di tutte le parti. Accanto a questo, riteniamo inaccettabili dichiarazioni di aperta violenza di esponenti del settore rilasciate in questi giorni. Crediamo che sarebbe necessario abbassare i toni anche nell'interesse della stessa categoria". "Dopo tutto quello che sta accadendo, ci appelliamo ai tassisti perché si interroghino sulle prospettive di quanto stanno attuando in questi giorni" ha continuato Gaudioso. "Il rischio è che a fine protesta non troveranno più clienti, esasperati dalle modalità e dai toni.In una stagione come questa, in cui si continuano a chiedere sacrifici ai cittadini, ci aspettiamo che tutti facciano la loro parte, accettando di cedere parte dei privilegi di cui hanno goduto sino ad ora nell'interesse collettivo per un Paese con meno corporazioni e più concorrenza, e rispettoso dei diritti dei cittadini".

Alessandro Cossu
Classe '71, napoletano di nascita, mancato romano di adozione. Laureato in economia, ha passato molto tempo a collezionare master in diverse discipline, ed è a Cittadinanzattiva dal 1997. Appassionato di cucina e di tecnologia applicata, è responsabile dell'ufficio comunicazione e stampa, e membro della Direzione Nazionale.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.