Cittadinanzattiva su manovra Governo: un salasso per famiglie già stremate dalla crisi.

Aumento IVA ulteriore danno per fasce a reddito basso di 250 euro annui.

 

“Le famiglie italiane sembrano essere diventate dei salvadanai da svuotare, con tasse,  Iva e tagli di risorse al servizio sanitario e alle politiche sociali”, queste le dichiarazioni di Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva

Secondo Bankitalia nel 2010  300mila famiglie sono  strozzate dai debiti. Di questi, circa 160mila, ossia lo 0,6% del totale, è talmente in affanno al punto che le sue passività sono superiori alle attività. Considerando l’aggravarsi della crisi economica che si è verificata negli ultimi tre anni, non è irrealistico pensare che attualmente questi dati si siano ulteriormente aggravati.

“Di sicuro non aiutano le famiglie italiane le nuove misure varate con la legge di stabilità, che se da un lato introduce la diminuzione dell’aliquota Irpef di un punto percentuale per i primi due scaglioni, dall’altro prevede l’aumento dell’Iva di un punto percentuale, introduce un tetto massimo di 3000 per le detrazioni e una franchigia di 250 euro per le deduzioni, prevede ulteriori tagli di risorse da destinare a regioni ed enti locali”, ha continuato Gaudioso,.

“L’aumento dell’aliquota Iva si tradurrà in un ulteriore aumento di costo di tutti i beni di consumo che solo nell’ultimo anno ha fatto registrare un tasso di inflazione di oltre il 3%; tutto questo si tradurrà in una maggiore spesa per le famiglie italiane pari a circa 250 euro annui”.

Il tetto di 3000 euro alle detrazioni fiscali e la franchigia di 250 euro per le deduzioni provocherà una riduzione degli sconti applicati (dal 16 al 40% circa, a seconda del nucleo familiare e del reddito netto disponibile) ad alcune spese determinanti per le famiglie italiane: ad esempio nel caso dei mutui la percentuale di detraibilità si ridurrà di circa il 30% (a fronte di una spesa media mensile sostenuta di circa 700 euro) e per gli asili nidi di circa il 50% (a fronte di una spesa media mensile di oltre 300 euro).

Al di là dell’annullamento dell’effetto positivo che potrebbe apportare la diminuzione delle aliquote Irpef, misure come il tetto massimo di 3.000 euro alle spese detraibili potrebbero incentivare invece forme di pagamento in nero con sconti immediati ad ulteriore aggravio dell’evasione fiscale.

A tutto ciò occorre aggiungere l’effetto prodotto dai continui tagli delle risorse agli enti locali che si traducono in minori servizi per i cittadini e continui incrementi delle tariffe di servizi cruciali come acqua, rifiuti, trasporto locale o i già citati asili nidi, che negli ultimi 5 anni hanno fatto registrare aumenti che arrivano a oltre 35%.

Voci di spesa

Spesa media anno 2011

Servizio idrico integrato

€ 290

Smaltimento rifiuti urbani

€ 246

Telefono

€ 420

Asili nido comunali

€ 3.020

Trasporti

€ 4.650

Mutuo

€ 8.400

Energia elettrica

€ 524

Gas

€ 1.227

Spese alimentari

€ 3.312

Spese per abbigliamento

€ 1.790

Totale

23.879

Dati Cittadinanzattiva – Osservatorio prezzi e tariffe e dati Cittadinanzattiva su Istat

Alessandro Cossu
Classe '71, napoletano di nascita, mancato romano di adozione. Laureato in economia, ha passato molto tempo a collezionare master in diverse discipline, ed è a Cittadinanzattiva dal 1997. Appassionato di cucina e di tecnologia applicata, è responsabile dell'ufficio comunicazione e stampa, e membro della Direzione Nazionale.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.