Giustizia

Arriva il parere positivo del Consiglio Nazionale Forense allo schema di decreto del Ministero della Giustizia che disciplina i parametri forensi destinati ad essere applicati dal giudice in sede di liquidazione delle spese processuali. Leggi di più

Gli ultimi dati Istat confermano che in Italia, negli ultimi undici anni,  le persone condannate con sentenza definitiva  sono diminuite del 4,8%. I tempi processuali invece si allungano, soprattutto per i reati di stampo mafioso ed omicidio. Ma quali sono i delitti più diffusi? Leggi l’inchiesta

Nell'udienza preliminare relativa all'inchiesta sull'ampliamento dell'Ospedale Umberto Parini di Aosta, che vede tra i sette imputati anche il presidente della Regione accusato di abuso d'ufficio, il giudice dell’udienza preliminare ha ammesso la richiesta di costituzione di parte civile dell'associazione Cittadinanzattiva. Approfondisci e leggi il nostro comunicato stampa

Ancora si parla dell’indagine civica svolta da Cittadinanzattiva a cavallo tra il 2011 ed il 2012 e che ha riguardato 9 Tribunali civili italiani. L’indagine ha costituito una novità nel contesto nazionale perché, per la prima volta, i cittadini sono entrati nei Tribunali civili per valutare la qualità del servizio reso, sulla base di determinati indicatori.  Scarica il rapporto ed approfondisci

Sono ben 767 i dirigenti dell’Agenzia delle Entrate a rischio, con conseguente nullità di tutti gli atti fiscali e delle cartelle esattoriali firmati da personale in realtà privo di qualifica. La vicenda degli atti sottoscritti da falsi dirigenti era nata circa un anno fa e “sanata” con un provvedimento che lasciava adito a non pochi dubbi. Oggi però, ad avvalorare la tesi della nullità, arriva la sentenza n. 5451/2013 del Consiglio di Stato. Leggi di più

Cittadinanzattiva ammessa come parte civile al processo per parcheggio Ospedale Parini 

 
Il Tribunale di Aosta ha ammesso Cittadinanzattiva come parte civile nel processo per abuso  di ufficio e turbativa d’asta legata all’acquisizione e realizzazione del parcheggio dell’ospedale regionale Parini, che vede imputate sette persone, tra cui il presidente della regione valdostana.

50 mila firme per le 3leggi sulla giustizia e i diritti.
Cittadinanzattiva: vigileremo perché il volere dei cittadini trovi riscontro e risposta nell'agenda politica

"Cittadinanzattiva ha ritenuto doveroso aderire e dare un contributo fattivo a questa campagna, di cui oggi raccogliamo i primi importanti risultati ossia le 50 mila firme dei cittadini, per una riforma della giustizia penale che metta al centro i diritti umani" è quanto afferma Laura Liberto, coordinatrice nazionale di Giustizia per i diritti-Cittadinanzattiva a margine della conferenza stampa di chiusura della campagna "3 leggi per la Giustizia e i Diritti".

Cittadinanzattiva, parte civile processo Cucchi: non accettabile che resti aperto quesito sull’origine delle lesioni sul corpo. 

“Al di là delle singole condanne o assoluzioni, come cittadini, dopo 2 anni e mezzo e processo, e a 4 anni dal decesso, non possiamo accettare che resti aperto un quesito fondamentale: chi ha provocato a Stefano Cucchi le lesioni che aveva sul corpo e che lo hanno condotto alla morte?”. Questo il commento di Stefano Maccioni, legale di Cittadinanzattiva, organizzazione costituitasi parte civile nel processo a sostegno della famiglia. “Le decisioni prese oggi dal Tribunale lasciano tutti i dubbi sul tappeto. “

CUCCHI: CITTADINANZATTIVA, CI FU TOTALE MANCANZA UMANITA'
NUOVA UDIENZA PROCESSO, OGGI CONCLUDERANNO LE PARTI CIVILI
(ANSA) - ROMA, 15 APR - La vicenda della morte di Stefano
Cucchi, il geometra arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e
morto una settimana dopo all'ospedale 'Sandro Pertini', si è
caratterizzata "per la totale mancanza di umanità". Lo ha
sostenuto l'avvocato Stefano Maccioni che, nel processo che vede
imputati sei medici, tre infermieri, e tre agenti della polizia
penitenziaria, è costituito parte civile per
'Cittadinanzattiva'.

 

Cittadinanzattiva su 3 leggi di iniziativa popolare su giustizia e diritti in carcere:
soddisfazione per le prime 10mila firme raccolte. A breve sarà possibile firmare anche presso molti Comuni

"Siamo molto soddisfatti del risultato di questa prima giornata di mobilitazione nazionale sulle tre proposte di legge di iniziativa popolare per la introduzione del reato di tortura, la legalità nelle carceri e per la modifica della legge sulla droga. In poche ore sono state raccolte oltre 10mila firme", ad affermarlo Laura Liberto, coordinatrice nazionale di Giustizia per i diritti-Cittadinanzattiva, che aderisce al Comitato promotore della campagna "3leggi per la giustizia e i diritti".

Condividi