La prima sezione del Tribunale civile di Roma ha stabilito che il genitore che riconosce il figlio, seppur mentendo, non è poi legittimato a tornare sui suoi passi ed a chiederne il disconoscimento, anche se esiste la prova del Dna sulla non paternità. I giudici tutelano quindi il diritto del figlio a non vedere stravolto il proprio status: la famiglia degli affetti vince, questa volta, sulla famiglia biologica. Per saperne di più

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.