strage viareggio

Dopo una pausa lunga quasi due mesi riprende nella aule giudiziarie del Tribunale di Lucca il processo per la strage di Viareggio, la terribile tragedia, avvenuta alla stazione ferroviaria della cittadina toscana quel maledetto e indimenticabile 29 giugno del 2009,  costata la vita a 32 persone. I reati contestati vanno dal disastro ferroviario colposo, incendio colposo, omicidio e lesioni colpose plurime, oltre alcune violazioni delle nome in materia di sicurezza sul lavoro.

Dopo la lunghissima fase dibattimentale – quasi cento udienze, la prima il 13 novembre 2013 – comincia il gran finale con la requisitoria dell’accusa: si profila un intenso tour de force visto che il presidente del collegio giudicante ha già messo in calendario una ventina di udienze scaglionate da oggi a fine ottobre nel corso delle quali, dopo le richieste del Pm, sono previste le arringhe dei legali degli imputati e anche le conclusioni degli avvocati di parte civile, tra cui Cittadinanzattiva, costituitasi nel processo a sostegno dei familiari delle vittime.

La presenza dell'Associazione rappresenta un importante riconoscimento del lavoro promosso sul terreno della sicurezza dei trasporti e della tutela dei passeggeri e si carica anche del significato e del valore di una rappresentatività quasi istituzionale, affinché trovi risposta la legittima e sacrosanta istanza di giustizia dei cittadini.

Leggi di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.