Cittadinanzattiva su sciopero dei medici. No ai disagi dei cittadini per il mancato aumento delle buste paga dei medici

 

Roma, 20 settembre 2007

“Chiediamo la revoca dello sciopero dei medici di medicina generale e il coinvolgimento dei cittadini nella definizione e revisione dei contratti di lavoro”. È quanto afferma Francesca Moccia, coordinatrice nazionale del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva in merito allo sciopero di tre giorni, a partire da domani, proclamato dai medici di famiglia. “Domani i cittadini dovranno intasare i Pronto soccorso, ricorrere a visite private o, in alternativa, smettere di curarsi? Sarebbe meglio prevedere modalità alternative di sciopero che non causino disagi ai cittadini sui quali non deve ricadere il mancato aumento delle buste paga dei medici. Ci sembra invece un’ottima idea stare nelle piazze delle città, come i medici prevedono di fare a Roma, per dare informazioni ai cittadini sulle patologie croniche, sulla terapia del dolore e sulla continuità assistenziale. Su questo siamo al loro fianco”.

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.