Cittadinanzattiva su ritiro decreto sui Lea: grave atto di irresponsabilità. Meno tagli e più controlli per tutelare la salute dei cittadini

Roma, 24 luglio 2008

Giudizio estremamente negativo da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato in merito al ritiro da parte del Governo del decreto sui Lea.

“Questo è un atto di irresponsabilità grave, in particolare nei confronti delle donne e dei soggetti deboli”, afferma Teresa Petrangolini, segretario generale di Cittadinanzattiva. Fuori dai Lea il parto indolore, il vaccino per la prevenzione del tumore al collo dell’utero, le cure odontoiatriche per gli indigenti, l’assistenza per molti pazienti cronici e affetti da malattie rare, l’assistenza domiciliare.

“I livelli essenziali di assistenza sono fondamentali per garantire l’unitarietà del sistema e, con questo atto, si aggraveranno, di fatto, le disuguaglianze dei cittadini a seconda della regione di residenza.

Finora dal Governo arrivano solo provvedimenti negativi nel campo della salute e nessuna disponibilità all’ascolto di quanti lavorano a fianco dei cittadini. Ci piacerebbe - conclude Petrangolini - che il Ministero del Welfare lanciasse segnali sul fronte dei controlli, piuttosto che su quello dei tagli: le risorse possono essere trovate con la lotta alla corruzione, agli sprechi e alle inefficienze della sanità. E chiediamo che ci sia data voce in capitolo nel momento in cui saranno definiti i nuovi Lea, recuperando quello che ieri è stato stracciato in modo così irresponsabile nei confronti dei cittadini”.

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.