Scuola

italia sveglia

 

Actionaid, Cittadinanzattiva e Slow Food insieme per chiedere al Premier Renzi di rivedere le Linee di indirizzo per la Ristorazione Scolastica entro la chiusura di Expo 2015.  Nasce “Italia, Sveglia!”, un’alleanza per contribuire alla trasformazione del Paese attraverso il ruolo attivo dei cittadini e la tutela dei loro diritti.  A partire dalla ristorazione scolastica, un comparto strategico per 10 milioni di italiani e dal fatturato di 1.3 miliardi di euro

 PER PARTECIPARE ALLA PETIZIONE http://bit.ly/1BqF3ii

È stata presentata questa mattina a Roma, nel corso di una conferenza stampa,  “Italia, Sveglia!”, una alleanza tra le organizzazioni civiche ActionAid, Cittadinanzattiva e Slow Food, nata con l’ambizioso obiettivo di moltiplicare l’offerta di occasioni di impegno e attività  per i cittadini attraverso una collaborazione sempre più stretta tra le organizzazioni e aperta a ulteriori adesioni, al fine di mettere in comune competenze e capacità operative. La comune convinzione, infatti, è quella che cittadini consapevoli e attivi rappresentino una risorsa fondamentale per “ridare fiato” al Paese, e che l’ultimo comma dell’articolo 118 della Costituzione, riconoscendo il diritto dei cittadini ad agire ed essere agevolati nella cura degli interessi generali da parte delle pubbliche amministrazioni, rappresenti il principio democratico dal quale ripartire. 

Si terrà il prossimo 29 maggio a Modena, dalle ore 11:30 in Piazza Roma, la conferenza stampa ed inaugurazione della installazione in legno "La mia scuola è", promossa da Cittadinanzattiva, FederlegnoArredo Eventi e MADE Expo. La stessa sarà visitabile In Piazza Roma, dal 29 maggio al 4 giugno

L'installazione architettonica porterà nelle piazze italiane, da aprile a settembre, uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all'innovazione.
Sul sito web www.lamiascuola.org tutte le tappe della installazione.

Documento senza titolo

la mia scuola e padova

Una installazione sulle due facce della scuola italiana promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi.

È stata presentata oggi a Padova "La mia scuola è", un'installazione architettonica che, da aprile a settembre,  porterà nelle piazze italiane uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all'innovazione.

L'installazione, promossa da Cittadinanzattiva, FederlegnoArredo Eventi e MADE Expo,  sarà visitabile In Piazza Portello fino all’8 maggio.

“La mia scuola è” farà tappa in 8 città: dopo Torino (24-26 aprile) e Padova (4-8 maggio), sarà la volta di Modena (29 maggio - 4 giugno), Spoleto (5-7 giugno), Udine (3-5 luglio), Napoli (11-16 settembre), Roma (17-20 settembre), Milano (data da definirsi). Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web www.lamiascuola.org.

Una raccolta firme per l’immediata pubblicazione dell’Anagrafe. A lanciarla Cittadinanzattiva, in occasione del IX Premio Scafidi e dell’avvio del tour “La mia scuola è” a Torino

Da Torino parte oggi una raccolta di firme tra i cittadini, promossa da Cittadinanzattiva e rivolta al Governo, per l’immediata pubblicazione dell’Anagrafe nazionale dell’Edilizia scolastica. “Genitori, studenti, organizzazioni civiche non possono restare inermi di fronte all’ennesimo dietrofront del Ministero sulla pubblicazione della Anagrafe, e alla chiusura rispetto ad un vincolo di trasparenza sul reale stato e fabbisogno delle scuole italiane, sancito anche dalla sentenza del Tar del Lazio (n.03014/2014) e dall’Ordinanza del Consiglio di Stato (agosto 2014), avviate da Cittadinanzattiva”, commenta Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.

vito scafidi murales

IX Premio Scafidi per le Buone pratiche nella scuola: 101 scuole partecipanti. Due istituti piemontesi premiati. Cinque i menzionati.
E con “La Mia scuola è”, in Piazza Castello fino al 26, per mostrare i due volti della scuola italiana

Un telegiornale della sicurezza scolastica e un docu-film prodotto dagli studenti di un viaggio nella mafia. Sono questi i due progetti vincitori del IX Premio “Vito Scafidi” per le Buone pratiche nella scuola promosso da Cittadinanzattiva e consegnato oggi a Torino da Fabio Grosso, allenatore della Primavera della Juventus, presso l’ISS Avogadro.

Cittadinanzattiva su mancata pubblicazione Anagrafe edilizia scolastica: indignati per l'ennesimo rinvio

"Ancora una volta assistiamo ad un dietro front sull'Anagrafe dell'edilizia scolastica. Ci sentiamo indignati e delusi, ma non resteremo inermi di fronte a questo ennesimo rinvio. Daremo corso a nuove iniziative: un'interrogazione parlamentare; l'individuazione di altre iniziative legali nei confronti del Ministero dell'Istruzione, già inadempiente rispetto alla sentenza del Tar del Lazio e del Consiglio di Stato dei mesi scorsi; una mobilitazione di protesta", è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva rispetto all'ennesimo rinvio della pubblicazione dell'Anagrafe che il Ministero, tramite il sottosegretario Davide Faraone, aveva annunciato per oggi 22 aprile.

ediliziascolastica

Cittadinanzattiva su dichiarazioni Faraone su edilizia scolastica: bene la pubblicazione della Anagrafe. Vera progettazione partecipata per le scuole del futuro. 

“Apprezziamo l’impegno a render pubblica entro aprile l’Anagrafe dell’edilizia scolastica, per la quale ci battiamo da anni e su cui abbiamo contribuito da sempre a tener alta l’attenzione”, è quanto afferma Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della Scuola di Cittadinanzattiva in riferimento a quanto annunciato oggi in conferenza stampa dal sottosegretario al Miur, Davide Faraone.
“Chiediamo che da subito vengano cambiate le regole per la gestione degli interventi di manutenzione ordinaria delle scuole, affinché ai Presidi sia affidato maggior potere e scelta sulle azioni da mettere in campo per la sicurezza degli edifici, contrariamente a quanto avvenuto finora con l’operazione #scuolebelle.

 

madeexposca

Inaugurata al MADE Expo “La mia scuola è”. Una installazione sulle due facce della scuola italiana promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi.

È stata inaugurata oggi al MADE Expo di Milano “La mia scuola è”, un’installazione architettonica che, da aprile a settembre,  porterà nelle piazze italiane uno spaccato della scuola italiana, per metterne a confronto gli aspetti più negativi e inadeguati, come lesioni strutturali e muffe alle pareti, arredi non a norma, barriere architettoniche e cortili degradati, e quelli positivi, improntati alla sicurezza, alla cura degli ambienti, all’innovazione.
L’installazione, promossa da Cittadinanzattiva e FederlegnoArredo Eventi, farà tappa in 8 città: Torino (24-26 aprile), Milano (27 aprile - 3 maggio), Padova (4-10 maggio), Modena (29 maggio - 4 giugno), Spoleto (5-7 giugno), Udine (3-5 luglio), Napoli (11-16 settembre), Roma (17-20 settembre).

Cittadinanzattiva su DDL per riforma della scuola: "Non chiamatelo "nuovo modello di scuola". Ancora molte le perplessità su temi legati all'edilizia scolastica e su sistema di valutazione

Dopo l'ampia consultazione su La buona scuola, alla quale anche Cittadinanzattiva ha partecipato (qui le nostre proposte http://www.cittadinanzattiva.it/comunicati/scuola/altro/6879-le-nostre-proposte-sulla-buona-scuola.html), erano cresciute le aspettative e le speranze da parte di tanti cittadini sul fatto che davvero si volesse "riformare" la scuola italiana. "Il disegno di legge presentato ieri, pur contenendo alcune proposte interessanti, altre meno condivisibili, non presenta un respiro di radicale trasformazione della scuola italiana ma un agglomerato di proposte", dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva.

Cittadinanzattiva su ultimi casi di crollo nelle scuole: non si può restare inermi.
Si attivino task force di controllo a livello locale e si acceleri per il completamento dell'Anagrafe

Con l'episodio di ieri dell'Istituto di Pescara salgono a 6 i casi dr crollo, verificatisi solo nel mese di febbraio, ed almeno a 50 avvenuti negli ultimi mesi, in zone diverse del nostro Paese. Oltre all'assenza o carenza di manutenzione questi episodi si riferiscono quasi esclusivamente a deficit rintracciabili nelle condizioni precarie di tetti, solai e controsoffitti, veri punti deboli dell'edilizia scolastica.

 

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.