Editoriale

marino alemanno 2015 02 15

Cari candidati,
vi scriviamo perché domenica i cittadini di Roma dovranno decidere chi nei prossimi anni avrà l’onore e l’onere di governare la nostra città.
Crediamo, e la bassa affluenza al primo turno dei votanti lo dimostra, che la fiducia dei cittadini sia ai minimi e solo dando un segnale di forte discontinuità dal punto di vista del metodo e del merito ci sia la possibilità di ridurre un divario tra cittadini ed istituzioni che rischia di essere irrecuperabile. 
Dal punto di vista del merito senza dubbio alcune proposte sono:

repitaliana 2015 02 18

Nella nostra tradizione c’è l’idea che la nostra classe dirigente si è dimostrata nel tempo sempre più inadeguata a guidare il Paese, e che per garantire un governo più partecipato bisogna trasferire poteri, risorse e spazi alla cittadinanza attiva. In questi anni siamo riusciti a conseguire un risultato straordinario, l’introduzione del principio di sussidiarietà orizzontale nella Costituzione Italiana.
L’articolo 118 ultimo comma infatti riconosce l’autonoma iniziativa dei cittadini nel perseguire l’interesse generale come pilastro della democrazia italiana. Si tratta di una vera e propria rivoluzione culturale, tutt’ora in corso.

flag eng

 

european union 2015 02 18

L’evento di Bruxelles della 7° Giornata Europea dei Diritti del Malato (16 Maggio), organizzato da ACN, la rete Europea di Cittadinanzattiva, ha rappresentato un'importante occasione per i membri delle organizzazioni nazionali di pazienti, piattaforme europee, istituzioni comunitarie e nazionali, fornitori di assistenza sanitaria etc, di condividere le diverse esperienze sul recepimento della Direttiva 2011/24/UE sulle cure transfrontaliere e sul coinvolgimento dei pazienti nelle politiche sanitarie.
La Direttiva rappresenta un'opportunità per migliorare i diritti di tutti i cittadini europei per quanto riguarda i servizi sanitari, dal momento che essi beneficeranno a livello nazionale di una serie di disposizioni inizialmente previste per tutelare i diritti dei pazienti transfrontalieri.

europe for citizens 2015 02 18

The 7th European patients rights day has been an occasion for all of us, representatives of national patient organizations, European platforms, EU and national institutions, representatives of healthcare providers etc. to share our experiences on the directive 2011/24/EU on cross border care and on patients' involvement in health policies on a multi-stakeholder basis.
Now it is time to start to work together on monitoring and actively participating in the transposition and implementation processes of the Directive, to make it a concrete example and best practice of patient participation in the health policy making.The Directive is an opportunity to enhance the rights of all European citizens with respect to healthcare services, since national citizens will also benefit from a number of provisions initially planned to protect the rights of cross-border patients.


flag eng

diritto cittadini 2015 02 18

“Diritti dei cittadini europei: coinvolgimento dei pazienti e cure transfrontaliere”. 
Questo è il titolo della 7a Giornata Europea dei Diritti del Malato che si è svolta a Brussels il 16 maggio scorso. Quest'anno Active Citizenship Network (ACN) ha deciso di enfatizzare il principio finale della Carta Europea dei Diritti del Malato, cioè il "Diritto a partecipare al policy making in materia di salute ".
Leggi il Programma 
Il 2013 è davvero molto significativo per la partecipazione civica per due motivi principali:

la forza riformatrice cotturri 2015 02 18

Ovvero come spiegare la cittadinanza attiva ai politici.
Il detto popolare, in uso fra Calabria e Sicilia, potrebbe indicare in modo appropriato quanto siano rilevanti, nella crisi, le iniziative che singoli cittadini, associazioni del terzo settore e volontariato compiono per i beni comuni.
Ne parliamo con Giuseppe Cotturri, professore ordinario all’Università “Aldo Moro” di Bari, ove insegna Sociologia del diritto e Sociologia dei fenomeni politici, già presidente di Cittadinanzattiva ed autore del libro appena edito da Carocci “La forza riformatrice della cittadinanza attiva” (2013, pp.160).
Non ci offendiamo a sentirci fegatuzzi di mosca?

 

volantinosanita 2015 02 18

I cittadini sono fortemente preoccupati per il presente e per il futuro del nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN) e per la reale garanzia del Diritto alla Salute previsto dalla nostra Carta Costituzionale.
In questi ultimi anni, infatti, abbiamo assistito a politiche economiche basate prevalentemente sul contenimento e il definanziamento della spesa pubblica, e in questo senso la Sanità è il settore che ha dato di più, in realtà troppo.
Tagli lineari alle risorse del Fondo Sanitario Nazionale, riduzione dell’offerta dei servizi socio-sanitari, aumento dei ticket e super aliquote, rappresentano le principali misure, poco originali e per nulla condivisibili, adottate negli ultimi anni dai diversi Governi che si sono succeduti. 

 

flag eng

carta diritti malato 2015 02 18

“Diritti dei cittadini europei: coinvolgimento dei pazienti e cure transfrontaliere”. Questo è il titolo della 7a Giornata Europea dei Diritti del Malato in programma a Brussels il prossimo 16 maggio.
Quest'anno Active Citizenship Network (ACN) ha deciso di enfatizzare il principio finale della Carta Europea dei Diritti del Malato, cioè il "Diritto a partecipare al policy making in materia di salute ". Il 2013 è davvero molto significativo per la partecipazione civica per due motivi principali:
Il 2013 è l’ “Anno europeo dei Cittadini” e mira ad aumentare la consapevolezza dei diritti dei cittadini e a stimolare la loro partecipazione attiva al processo decisionale europeo;

 

napolitano 2015 02 18

Nei giorni scorsi i Dieci Saggi nominati da Napolitano hanno elaborato due relazioni per il Parlamento per indicare priorità e proposte di intervento. 
L’Agenda fornita è  stata per noi una occasione per riflettere su alcune delle idee contenute in essa, anche se nutriamo alcuni dubbi sulla efficacia di una agenda di questo tipo visto il momento contingente, soprattutto perché vi abbiamo ritrovato troppe idee che sanno più di buoni principi piuttosto che di proposte concrete.
I saggi e le riforme istituzionali
Proposte un po’ timide, dalla necessità di riformare la legge elettorale senza indicare alcuna direzione, alla partecipazione dei cittadini che sembra fermarsi a prima della riforma del 2001 e all’introduzione della sussidiarietà.

bagnoli talsider 2015 02 18

Proprio in queste ore la Procura di Napoli ha disposto il sequestro a Bagnoli dell'area dell'ex Italsider. Indagate per disastro ambientale 21 persone. Sotto accusa la mancata bonifica e la trasformazione della zona, nel corso degli anni, in un deposito di rifiuti pericolosi. Un cimitero di rifiuti.A Taranto, negli scorsi giorni, il Comune ha disposto il blocco di ogni attività nel cimitero di San Brunone nel quartiere Tamburi - non una metafora, questa volta, un cimitero vero e proprio, per la sepoltura dei morti -, perché l'accumulo delle sostanze tossiche nella terra di cui è fatto è tale da rendere insicuro lavorarci e insicuro perfino bonificarlo.
Poi, l'altro ieri sera, la sentenza della Corte di Cassazione sulla costituzionalità del decreto Ilva.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.