Editoriale

urna 2015 02 18

Elezioni 2013 - MANIFESTO - 10 punti per ricominciare
In vista delle Elezioni 2013 e della prossima Legislatura, Cittadinanzattiva abbraccia con convinzione la prospettiva europea. L’Europa chiede, allo stesso tempo, di tenere in ordine i conti pubblici e di garantire adeguati livelli di tutela dei diritti, equità sociale, sviluppo, promozione della cittadinanza attiva.
Vota il punto più urgente, più importante, più necessario
Lo dimostrano gli anni europei dedicati alla centralità del cittadino e gli obiettivi di sviluppo della strategia Europa 2020.
In prima battuta, nei primi 100 giorni di azione del nuovo governo, chiediamo la rapida adozione di misure di cui si discute da anni .

inquinamento taranto 2015 02 18

Una storia di ricatti, anni di mancati controlli e connivenze, soldi spariti e manager arrestati, inquinamento e morti sospette. Potrebbe sembrare la trama di un film giallo, anche non molto innovativo, e invece è la triste realtà di Taranto e del più grande impianto siderurgico d’europa che ha sede in questa città. Il 23 gennaio l’ennesimo episodio: l’arresto del vicepresidente Ilva Fabio Riva a Londra, e il rilascio su cauzione con ritiro del passaporto
Lo stesso giorno, Taranto viveva l’ennesimo “assedio”, di cui non sentiva davvero la necessità.  

tartassati 2015 02 18

Tasse, sempre tasse, fortissimamente tasse! Potrebbe sembrare uno slogan pre-elettorale al contrario, ma invece è semplicemente la triste realtà del periodo sociale che stiamo vivendo. A quanto pare il comparto politico del nostro Paese sembra conoscere molto bene questo vocabolo, tanto da applicarlo erga omnes all'uopo per fare cassa.

Un esempio? La crisi internazionale di ieri,

scuolesicure 2015 02 18

All’indomani dell’evacuazione dei 450 studenti della scuola primaria L. Sciascia a Villa Bonelli di Roma, lo scorso 18 settembre, per il cedimento di un pilone al piano terra della scuola, un consigliere del XV Municipio di Roma ha dichiarato, ad un noto organo di stampa, in risposta alla preoccupazione manifestata dalle famiglie degli alunni: “E’ solo allarmismo. E’ tutto sotto controllo”.

ilva notte 2015 02 18

Anche se il "Decreto Ilva" ha ottenuto il voto positivo della Camera mercoledì 19, il varo definitivo dovrebbe avvenire solo dopo il voto del Senato. Ecco perché ci appelliamo affinché i Senatori non lo approvino, e vi diciamo perché con sette chiare ragioni.
Non votatelo! Con questo accorato appello, abbiamo scritto questa mattina ai membri della Camera dei Deputati, affinché non votino la trasformazione in legge del DL 207/2012, il cosiddetto Decreto Legge “Salva Ilva”. Il nostro appello giunge a poche ore dal voto, ma non vogliamo darci per vinti, perché siamo convinti che una Legge così fatta non tuteli il diritto alla salute dei lavoratori e dei cittadini tarantini e non, poiché la sua applicazione non riguarda solo lo stabilimento tarantino, bensì “l’operatività degli stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale” come cita il titolo del DL stesso.

evoluzione politica 2015 02 18

C'è un momento in cui la responsabilità, in un paese normale, dovrebbe avere la meglio sui calcoli politici, sulle decisioni che sono legate all'autoconservazione, sulla tutela e la protezione di sé, dei propri amici, degli amici degli amici.
C'è un momento in cui, una volta tanto, la strumentalizzazione, gli interessi particolari, il giocare sulla pelle di un paese dovrebbe lasciare il passo all'onestà, almeno intellettuale. Evidentemente a questo momento non siamo ancora arrivati. Ma quando è troppo è troppo.Quello che sta accadendo in queste ore è quanto di peggio potessimo aspettarci come epilogo di una legislatura totalmente al di sotto delle attese, in un Paese che attende da una vita riforme che non arrivano mai.

ilva nuovo 2015 02 18.jpg

Il presidente Napolitano ha firmato il decreto del Governo sull’Ilva che, di fatto, vanifica le disposizioni della magistratura e consente all’Ilva di continuare a produrre contro il diritto alla salute dei cittadini tarantini. Questo decreto non ci piace per una serie di ragioni, di cui proverò a sintetizzare le principali:Compromette il rapporto fra due poteri dello Stato che, in un caso come quello tarantino, avrebbe dovuto ispirarsi all’unità degli intenti e delle azioni a tutela dei diritti garantiti dalla Costituzione. Antepone ragioni di strategia industriale alla salute delle persone e al vero diritto al lavoro per come lo definisce la Costituzione, che è il diritto non a un posto di lavoro qualsiasi ma a un lavoro salubre, sicuro, dignitoso.

 primarie 2015 02 18

Dopo le interviste ai candidati alle primarie del centrosinistra, il punto di vista di Giuseppe Cotturri, della Direzione nazionale di Cittadinanzattiva, e di Antonio Gaudioso, segretario generale, in vista del voto di domenica 2 dicembre.
Dopo le interviste ai candidati alle primarie del centrosinistra, il punto di vista di Giuseppe Cotturri, della Direzione nazionale di Cittadinanzattiva, e di Antonio Gaudioso, segretario generale, in vista del voto di domenica 2 dicembre.

primarie pd 01

È la domanda che in tanti si sono posti e si stanno ponendo in questi giorni.
Le primarie del centro sinistra di domenica scorsa sono state un segnale molto forte in questo senso, denso di mille significati che vengono dalla grande partecipazione popolare ma, una volta tanto, anche da un confronto vero tra idee e strategie sostenute da candidati seri, in cui chi vota ha la possibilità di riconoscersi.

primariepd 2015 02 18.jpg

Forse è la prima volta in Italia che l’art.49 della Costituzione trova una applicazione così vicina alla sua formulazione letterale: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la direzione politica nazionale”.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.