Editoriale

Si impegnano per rendere più sicure le loro scuole, per il rispetto dell'ambiente e del territorio, per diffondere una alimentazione sana, per promuovere un uso consapevole delle nuove tecnologie e lottare contro i comportamenti violenti e il bullismo fra pari. Sono gli studenti ed insegnanti delle circa 250 scuole di 17 Regioni che hanno partecipato, con 262 progetti, alla terza edizione del Premio delle Buone pratiche di educazione alla sicurezza e alla salute "Vito Scafidi" promosso dalla Scuola di Cittadinanzattiva, nell'ambito della campagna Impararesicuri.
Domani tre di queste scuole saranno ufficialmente premiate da Cittadinanzattiva con un evento pubblico a Roma per aver realizzato progetti innovativi e replicabili nell'ambito della sicurezza e salute  a scuola e dintorni.

punto_16_04_09Carissimi, sono appena passati pochi giorni dalla tragedia che ha colpito L'Aquila e la sua provincia, e anche il nostro Movimento è stato sollecitato dall'esigenza di esprimere in primis il suo cordoglio per tutte le vittime e di interrogarsi sul nostro ruolo in questa tragedia. Sono sicuramente molte le cose che possiamo fare, sia nell'immediato che nella seconda fase, quella cioè della ricostruzione e del dopo emergenza. In questi giorni sono arrivate diverse proposte da alcune delle nostre assemblee, una delle quali mi sento di proporvi.

punto_09_04_09Sono passati appena pochi giorni dalla tragedia che ha colpito l'Aquila e la sua provincia, e anche il nostro Movimento è stato sollecitato dall'esigenza di esprimere in primis il suo cordoglio per tutte le vittime e di interrogarsi sul nostro ruolo in questa tragedia.

luttoCittadinanzattiva si unisce al cordoglio di tutta l'Italia per le vittime del terremoto della notte tra il 5 e 6 aprile che ha colpito la provincia de l'Aquila. Il Segretario generale e il segretario regionale dell'Abruzzo hanno già provveduto a mobilitare la rete di Cittadinanzattiva non tanto per i soccorsi, che non competono ad una organizzazione di impegno civico, quanto per il conforto, il supporto e l'informazione alle popolazioni colpite.

punto_02_04_09Si legge che, in questi giorni, il Presidente del Consiglio incontrerà i Governatori regionali per concordare l'impostazione del cosiddetto "piano casa".
Il dibattito pubblico che ha preceduto questo annuncio, come purtroppo di consueto, è stato rissoso e poco utile per comprendere quale fosse il vero oggetto del contendere.

punto_05_02_09Anche se avrebbero diritto all'applicazione di una norma che semplifica la loro vita, molti cittadini continuano a essere ingiustamente chiamati a visita per vedere riconfermata una patologia che purtroppo non potrà migliorare. È questa in estrema sintesi la situazione paradossale che sta vivendo la maggior parte dei pazienti interessati dalla legge 80 del 2006.

punto_19_03_09

Scarse possibilità di esito positivo per la rigidità delle procedure; si costringe la donna a sottoporsi a procedure reiterate e quindi con alto tasso di rischiosità e invasività; non si tiene conto dell'elevato rischio genetico di produrre embrioni malati; non si tiene conto dell'inutile spreco di embrioni con l'applicazione rigida della norma; si produce una inammissibile coazione alla cura in ordine ad un trattamento sanitario. Ancora, si sottolinea il diritto del concepito a una futura vita non connotata da limitazioni connesse a patologie genetiche.

punto_12_03_09Ci riferiamo al disegno di legge "Disposizioni in materia di sicurezza" approvato al Senato e che inizia ora l'iter di discussione alla Camera dei deputati .(C. 2180).
L'art. 45 comma 1 lett.f di questo disegno di legge introduce l'obbligo, per il cittadino straniero, di esibire il permesso di soggiorno in sede di richiesta di provvedimenti riguardanti gli atti di stato civile, tra i quali sono inclusi anche gli atti di nascita.

punto_05_03_09 Che senso ha la firma dell’accordo sul nucleare con la Francia da parte del Governo italiano? Non è forse una manifesta schizofrenia politica quella del nostro Governo che ha appena firmato accordi europei vincolanti per giungere ad una quota del 35 per cento di energia elettrica da fonti rinnovabili al 2020 e poi decide di avviare una politica energetica dal nucleare che sottrarrà risorse allo sviluppo delle rinnovabili, oggi ferme al 16 per cento?

punto_26_02_09Dopo la scandalosa sentenza in primo grado, che aveva prosciolto tutti gli imputati, in appello sono piovute le condanne nei confronti di chi, in diversi ruoli e posizioni, ha avuto una responsabilità nella tragedia dei 27 bambini morti nel crollo della scuola nel corso del terremoto del 2002. In attesa del testo definitivo della sentenza, è importante sottolineare alcune importanti decisioni dei giudici.

Condividi