Notizie

carcere copy copy

Far visita ad un genitore in carcere per un bambino fino a ieri significava essere segnato come assente a scuola. Ora una circolare del MIUR modifica la situazone, infatti introduce questo motivo tra quelli per cui i collegi dei docenti possono disporre motivate deroghe alla frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale, così come accade per le lunghe malattie.

Una novità che finalmente interessa questa fascia di studenti che a fine anno nella maggior parte dei casi si ritrova ad aver raggiunto il monte massimo di ore di assenza ed in molti casi addirittura superato. La decisione del Ministero tiene conto che in molti istituti di pena il giorno di ricevimento è stabilito in modo rigido e non sempre coincide con il fine settimana.

FALACOSAGIUSTAUMBRIA2019

Cittadinanzattiva a Fà la cosa giusta! Anche quest'anno presso Umbriafiere dal 15 al 17 novembre si terrà la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili . Scarica il programma

LOGO SUSI

Il servizio di tutela di Cittadinanzattiva sui Servizi pubblici locali (acqua, rifiuti, trasporto pubblico locale, asili nido comunali), è realizzato nell’ambito del progetto "Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino" finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (dm 7 febbraio 2018).
Il servizio è composto dal sistema digitale integrato S.U.S.I., un assistente virtuale a disposizione dei consumatori visibile sulla homepage di Cittadinanzattiva (www.cittadinanzattiva.it/informap) e su Informap e dal Call Center al numero 06 36718040 attivo il lunedì dalle 14:30 alle 17:30 e il mercoledì e venerdì dalle 10 alle 13.

consultazione civica sulla gestione dellacqua

Nel quadro del progetto “Le città e la gestione sostenibile dell’acqua e delle risorse naturali”, cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AID 011788), Cittadinanzattiva, a partire da lunedì quattro novembre, ha lanciato la consultazione civica che si propone di coinvolgere i cittadini per promuovere buone prassi nei comportamenti per la gestione sostenibile delle risorse naturali, in particolare rispetto ad usi e consumi dell’acqua potabile.

decreto sicurezza

E’ il quadro che emerge dal rapporto dal titolo “La sicurezza dell’esclusione-Centri d’Italia 2019”, realizzato da ActionAid e Openpolis, che offre una valutazione dell’impatto delle politiche migratorie del primo Governo Conte. Il rischio di un aumento del numero degli stranieri irregolari c’è ed anche in termini consistenti: si tratta della conseguenza più diretta dell’abolizione della protezione umanitaria contenuta nel Decreto Sicurezza e che porterà ad una vera emergenza.

diritti umani

Si è prorogato in maniera automatica il Memorandum d’intesa Italia-Libia sui migranti (c.d. MoU) stipulato dal Governo italiano con il Governo di Tripoli il 2 febbraio 2017. Nei giorni precedenti il tacito rinnovo, le organizzazioni della società civile e alcuni esponenti del mondo giornalistico avevano sollevato un piccolo polverone, per ricordare al Ministro degli Esteri i terribili fatti accaduti in questi due anni, una lista infinita di criticità e violazioni che avrebbero dovuto innescare un dibattito politico ben più ampio di quello sulla manovra finanziaria.

Tratta di esseri umani, torture, violenze sessuali, stupri e abusi di ogni tipo: due anni di orribili violazioni dei diritti umani e di continuative denunce documentate dalle Nazioni Unite e perpetrate nei centri di detenzione libici, il tutto all’interno di strutture finanziate anche dal Governo italiano. Già nel 2017 l’Onu aveva puntato il dito contro la guardia costiera libica, denunciandone il coinvolgimento in “gravi violazioni dei diritti umani”; altrettanto note erano le condizioni dei centri di detenzione presenti nel paese, che sempre nel 2017 l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti Umani aveva definito “un oltraggio alla coscienza dell’umanità”.

per sito copy

Rendere il sistema delle procedure di gara più efficiente e vicino ai bisogni delle persone e anche più equo da un punto di vista della spesa. Individuare quali siano le modalità migliori per raggiungere questi risultati, salvaguardando i diritti dei cittadini. Tali diritti che, per essere effettivi, devono essere garantiti in modo equo ed uniforme su tutto il territorio nazionale e in grado di assicurare la libera scelta, la qualità, l’innovazione, la sicurezza e la personalizzazione.

La solitudine degli anziani

Cittadinanzattiva trevigiana ha partecipato alla tavola rotonda organizzata da "Telefono Amico" in occasione dei suoi 25 anni di vita. Tema dell' incontro era " La Solitudine: conoscenza e solidarietà". Nell' incontro sono state riproposte le risultanze dell' indagine del 2018 sul tempo degli anziani nelle case di riposo e in famiglia. Trecento persone, anziani e loro famigliari, parcheggiati in casa di riposo e in famiglia, hanno raccontato le loro esperienze. sono persone persone, anziani e disabili, che hanno la necessità, malgrado le loro intenzioni, di essere accuditi e assistiti nei loro bisogni, anche i più elementari. Sia i familiari che gli accuditi, hanno un giudizio negativo su come sono trattati, specie sul piano umano e sulle relazioni interpersonali. Riconoscono, invece valida è accettabile la parte dell' accudimento e  quella sanitaria. In provincia di Treviso gli anziani, over 65, sono circa 195 mila, su una popolazione di 887.8O6 (31 DICEMBRE 2018). Di questi circa 40/45 mila hanno bisogno di accudimento.

giustizia riforma 2015.02.11 copy

Importante affermazione di principio contenuta in una sentenza del 20 ottobre scorso del Giudice di Pace di Chiavari, d.ssa Grassone : se il paziente ricoverato in RSA (Residenza Sanitaria Assistita) e’ soggetto a cure di carattere prevalentemente sanitario, non sono dovute dall’ospite – o dai suoi familiari – le quote per la retta alberghiera. Leggi il comunicato integrale di Cittadinanzattiva Liguria

food farm

Food Farm 4.0 è il primo laboratorio in Italia inaugurato nei giorni scorsi organizzato in un'azienda agroalimentare dove i giovani imparano a fare impresa. In tutto 3000 mq di estensione e quasi 500 studenti provenienti da 6 istituti Superiori e Comprensivi ma anche 12 aziende, associazioni del territorio ed enti. Un progetto unico nel suo genere, gli studenti guidati dai docenti saranno gli artefici di tutti i momenti produttivi, dalla raccolta alla trasformazione ai controlli di qualità nel rispetto dei protocolli della sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale. La produzioe sarà a regime dall'11 novembre prossimo.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.