Menu

Notizie

Il mondo dell'informazione rischia di perdere una altra voce importante e da sempre attenta al mondo dell'attivismo civico e alle tematiche sociali. Si tratta dell'Agenzia Dire: giornaliste e giornalisti della agenzia incrociano le braccia per protestare contro mancati stipendi ed esuberi. L’assemblea dei redattori esprime netta contrarietà in merito alla proposta di piano di riorganizzazione voluta dall’azienda, che "presenta profili fortemente discriminatori e punta a spaccare lo spirito di solidarietà interno alla redazione".

"Non pone inoltre nessuna iniziativa per il rilancio e la sostenibilità dell’attività dell’azienda, eludendo gravi criticità a livello organizzativo. Il documento ricevuto prevede infatti solo tagli al personale e alle redazioni, ponendo a grave rischio la continuità delle attività nelle diverse unità produttive, e svilisce in maniera intollerabile i sacrifici compiuti dal corpo redazionale in questi mesi con i contratti di solidarietà. Nel documento sono inoltre presenti diverse incongruenze sull’effettiva copertura economica delle attività legate ai territori", così si legge nella nota pubblicata sul sito web dell'agenzia mercoledì 11 gennaio 2023.

Redazione Online

Iscriviti alla newsletter

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido

Valore non valido


Valore non valido

Valore non valido