Consumatori

fatturazione 28 giorni rimborso

Il Consiglio di Stato con sentenza definitiva del 4/7/19 ha stabilito che gli operatori dovranno restituire i giorni erosi illegittimamente con la fatturazione a 28 giorni nella prossima bolletta utile. Pertanto, in base alla delibera AgCom 269/18/CONS si potrà richiedere il rimborso in denaro dei giorni erosi nel periodo decorrente dal 23 giugno 2017 fino al ritorno alla fatturazione su base mensile (5 aprile 2018).
Tale rimborso è previsto per chi non dovesse accettare l'offerta dell'operatore e anche per coloro i quali non sono più attualmente clienti dell'operatore telefonico, avendo chiuso l'utenza o cambiato operatore.

sentenza definitiva su fatturazione ogni 28 giorni

Il Consiglio di Stato (ultimo grado della giurisdizione amministrativa) ha finalmente preso una posizione riguardo il ricorso in tema di bollette a 28 giorni. Con la sentenza di pochi giorni fa, gli operatori Fastweb, Vodafone, Wind a Tre sono obbligati a restituire agli utenti il dovuto eroso illegittimamente con la fatturazione a 28 giorni nella prossima bolletta utile come stabilito dall'Agcom. Su Tim invece, la decisione sarà presa nei prossimi giorni ma dovrebbe essere la stessa delle altre. L'entità del risarcimento dovrebbe essere compresa tra i 20 e i 60 giorni e spetta agli utenti di telefonia fissa che hanno subito la fatturazione a 4 settimane tra il giugno del 2017 e aprile 2018 e non sono passati ad altri operatori.

vacanzeconifiocchi

La campagna Vacanze coi Fiocchi riparte!
Come ogni anno sul sito web Vacanze coi Fiocchi potrete trovare utilissimi consigli per mettervi alla guida per i luoghi di villeggiatura in assoluta sicurezza. Sono tanti i comportamenti prudenti da adottare al volante specialmente durante il periodo estivo che non è possibile fare a meno di consultare il pratico web site vacanzecoifiocchi.it
In aggiunta, il segretario di Cittadinanzattiva Antonio Gaudioso, ospite in studio alla RAI nella trasmissione "Parlamento Settegiorni" (a partire dal 30° minuto) suggerisce dove porre la massima attenzione sia nel momento della prenotazione del luogo di destinazione che per le soluzioni di indennizzo e risarcimento.

Airbnb si impegna sulla trasparenza

La Commissione Europea marca un altro punto a favore dei consumatori. E' notizia di pochi giorni fa che, a seguito dei negoziati con Airbnb, la società americana ha migliorato e chiarito esaurientemente le modalità di presentazione delle offerte di alloggio ai consumatori nel proprio website.
In particolare, il primo oggetto di cambiamento risulta il prezzo totale che compare nella pagina dei risultati che sarà comprensivo di tutti gli oneri e supplementi obbligatori applicabili (come le spese di pulizia per esempio). Il secondo cambiamento riguarderà chi sta dietro l'offerta proposta: Airbnb farà in modo di far emergere chiaramente se l'offerta di alloggio è immessa sul mercato da un privato o da un professionista.

trasparenze banche

La Banca d'Italia stabilisce nuove regole sulla trasparenza nei servizi bancari e la correttezza nelle relazioni con i clienti.
Con un provvedimento appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale (Provvedimento Banca d’Italia del 18 giugno 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 156 del 5 luglio 2019), le modifiche, che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2020, prevedono maggiori informazioni e garanzie per i clienti delle banche che hanno rapporti di conti correnti.
La prima novità riguarda gli obblighi di comunicazione delle banche nei confronti dei propri clienti. Ai correntisti dovranno essere inviati documenti di sintesi esposti in maniera chiara. Per facilitare il compito, il provvedimento della Banca d’Italia ha predisposto un modello tipo al quale le banche dovranno attenersi. L’obiettivo è quello di presentare le condizioni economiche in maniera tale che risulti facilmente comprensibile sia il dettaglio delle singole operazioni sia il loro costo complessivo. La banca dovrà inoltre inviare al cliente un apposito “Indicatore dei costi complessivi” (Icc), che consentirà ai consumatori di effettuare confronti con altre offerte e di conoscere quanto veramente gli costa il conto.

gestione sostenibile acqua

E' opportuno segnalare, specialmente nel periodo estivo, l’inizio del progetto “Le città e la gestione sostenibile dell’acqua e delle risorse naturali” finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo sviluppo- AICS.

Il soggetto proponente del progetto è il CeVI, affiancato da un ricco partenariato composto da: CAFC Spa, Cittadinanzattiva, Coordinamento di Iniziative Popolari di Solidarietà Internazionale- CIPSI, Comitato Italiano per il Contratto Mondiale dell’Acqua – CICMA, Comune di Milano – Assessorato all’Ambiente, Coordinamento Nazionale Enti locali per la pace e i diritti umani , GMA Montagnana , MM SpA, People Help the People – PHP e Università degli studi di Udine – DPIA.

tassazione articolo

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato - Agcm, ha presentato pochi giorni fa la relazione annuale su quanto realizzato nell'anno precedente.
Alcuni dati: sono state comminate sanzioni alle aziende per un ammontare superiore a 1 miliardo e 277 milioni di euro, di cui oltre 1 miliardo e 192 milioni di euro in sede di enforcement antitrust ed oltre 85 milioni di euro in materia di tutela del consumatore. Per quanto concerne la tutela della concorrenza, sono stati chiusi 13 procedimenti per intese, 11 procedimenti per abuso di posizione dominante e 5 procedimenti per concentrazioni.

lotta alla contraffazione copy

Si è riunito recentemente il Consiglio Nazionale Anticontraffazione per l’approvazione del Piano Strategico Nazionale 2019-2020 al fine di discutere gli obiettivi futuri della lotta alla contraffazione.
Dai dati che emergono risulta che i maggiori produttori mondiali di prodotti contraffatti destinati all’Italia sono Cina e Hong Kong mentre il paese più vicino all’area euro che più riproduce illegalmente marchi italiani è la Turchia. In Italia, le aree da dove sono stati registrati maggiori illeciti di prodotti contraffatti sono la zona di Prato, Firenze e Napoli.
Il genere di abbigliamento appare come il bene più contraffatto, seguito da quello elettronico e quello alimentare.

arera

L'Arera - Autorità di regolazione per energia reti e ambiente – ha pubblicato la Relazione annuale per l’anno 2019. Il documento presenta alcuni dati interessanti.
Per quanto riguarda il settore idrico, la variazione media delle tariffe, rispetto all’anno precedente, è stata pari allo 0,4% nel 2018 e allo 0,8% nel 2019, confermando una sostanziale stabilità delle tariffe all’utenza. Scomputando le diverse voci che compongono il corrispettivo pagato dagli utenti domestici, il 39% della spesa è imputabile al servizio di acquedotto, per il quale si spendono a livello nazionale 121,1 euro/anno, mentre per i servizi di fognatura e depurazione si pagano rispettivamente 39 euro/anno (il 13% del totale) e 89 euro/anno (con una incidenza del 29%).

art rapproto 2019

L'Art - Autorità di regolazione dei trasporti, attraverso l'intervento del Presidente Andrea Camanzi, ha presentato alla Camera dei deputati la Relazione annuale 2019.
Dai dati riportati, emerge che nel 2017 l’auto privata è stata utilizzata nel 57% degli spostamenti (pari a 20,7 milioni), mentre solo il 21% di essi (7,6 milioni di spostamenti) sono avvenuti utilizzando servizi di trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano via strada e via ferrovia. Molto forte è stato l’incremento degli spostamenti a piedi e in bicicletta (+8,6% nel periodo 2015-2017, registrando nel 2017 un numero di spostamenti pari a 6,9 milioni).

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.