Il risultato delle analisi effettuate fin’ora dall’Asl lombarde parla chiaro, la percentuale di uova avvelenate è del 76% nei pollai degli allevamenti. Le sostanze trovate sono diossina e Pcb, presenti in ben 23 allevamenti su 30, tra Milano e Sesto San Giovanni, Monza e lungo il Lambro, fino alla terra mantovana, e non solo la città ma anche il suo prossimo hinterland, come Marmirolo o Borgoforte.Approfondisci

 

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.