Giustizia

Cinque Giudici e due PM lasciano la sede del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Ce), il quinto d'Italia per carico di lavoro. L'Associazione Nazionale Magistrati lancia l'allarme: "impossibile lavorare nella terra di Gomorra". Approfondisci. L'articolo di Roberto Saviano

Le parti dovranno depositare un'istanza di trattazione della causa per scongiurare l'estinzione del processo civile pendente in Cassazione od in Corte di Appello da oltre due anni. Questa una delle (tante) misure previste dalla legge n. 183 del 2011, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14/11/11. Approfondisci

Accanto ad occasioni da cogliere al volo per l'acquisto di prodotti di ogni tipo, sul web iniziano a comparire offerte sui generis: prestazioni legali con maxi sconti. Un mercato selvaggio delle professioni che rischia di pregiudicare la qualità della tutela e di far traballare una lobby ben consolidata. Leggi l'articolo

Stop alle udienze ed astensione da ogni attività giudiziaria fino al 18 novembre per sollecitare la riforma forense e la ripresa del dibattito sulla riforma costituzionale della giustizia. Approfondisci

Il figlio naturale è affidato ad entrambi i genitori anche se non conviventi: questo il principio espresso dalla Cassazione, con la sentenza 10265/2011. Approfondisci

Questo il titolo del film-documentario presentato al Festival di Roma da Ilaria Cucchi, sorella del giovane morto nel reparto di Medicina Protetta dell'Ospedale Sandro Pertini sei giorni dopo il suo arresto. Il film compie una rigorosa indagine sul decesso di Stefano, contro il quale la vita e lo Stato hanno giocato una partita spietata. Approfondisci

Il Tribunale di Roma ha accolto la domanda di addebito della separazione rivolta dalla moglie nei confronti del marito, per non aver mai ottemperato ai propri doveri familiari. Anche se disoccupato, il coniuge è stato condannato a versare l'assegno di mantenimento alle figlie. Approfondisci

Quando vengono sottratte al controllo della criminalità organizzata nove aziende su dieci muoiono. C'è quindi bisogno di razionalizzare la gestione dei beni confiscati per evitare la perdita di redditività e di migliaia di posti di lavoro. Approfondisci

Nei moduli progettati per un massimo tollerabile di 903 persone, nel carcere bolognese della Dozza, si contano 1.024 uomini e 67 donne: più del doppio della capienza. La vita trascorre in celle di dieci metri quadrati da condividere. Il reportage di Repubblica

È quanto stabilito dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza n. 18696/11. Il magistrato che impiega più di un anno per il deposito della motivazione di una sentenza è reo di condotta lesiva del diritto al giusto processo del cittadino. Approfondisci

Condividi