Giustizia

Con 159 voti favorevoli, 126 contrari e 2 astenuti, il 26 febbraio il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge di conversione del decreto-legge recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie. È seguita la promulgazione della legge da parte del Presidente della Repubblica. L'ABC del Milleproroghe

I dati del II Rapporto PiT Giustizia di Cittadinanzattiva parlano chiaro: la giustizia è un servizio in crisi perenne. Costi elevati e lungaggini processuali; sacrifici e disagi per cittadini ed imprese; disomogeneità di funzionamento: questi i principali "mali" da curare. L'intervista a Mimma Modica Alberti. Sulla stampa

Quattro coppie su dieci pongono fine alla loro unione in tribunale. Nel 70% dei casi la strada prescelta è quella della separazione consensuale. Quanto ai tempi, l'attesa per una separazione giudiziale, quando manca l'accordo, è di circa due anni. La stampa. L'iter passo dopo passo

In attesa del progetto di riforma della giustizia, oltre cinque milioni e mezzo di fascicoli sono ancora da smaltire: questo il carico di lavoro che incombe sui giudici civili.

Si terrà a Roma il prossimo 2 marzo 2011, la seconda edizione del Convegno sulla Conciliazione organizzato dal Consumers'Forum. Scarica il programma

La Corte di Cassazione, con due distinti provvedimenti, interviene sulla privacy e sulla detenzione dei dati personali da parte degli avvocati. La detenzione di dati e documentazione può essere giustificata anche dopo la revoca del mandato professionale se è in discussione il pagamento della parcella. Approfondisci

Seicento toghe onorarie in soccorso ai Tribunali per smaltire sei milioni di cause pendenti: è uno dei punti salienti del ddl C. 3798 approvato il 09/02/11. Approfondisci

Presentato un nuovo emendamento che cambia ancora le carte in tavola e fa slittare di un anno l'entrata in vigore della mediazione obbligatoria. Cittadinanzattiva aveva già espresso le sue perplessità sull'ipotesi di un rinvio totale. Leggi Il comunicato stampa

Il Tribunale di Varese, con la sentenza n.98/2011, ha stabilito che l'abuso del processo va contrastato, in quanto causa di un danno indiretto all'erario e di un danno diretto al litigante. Il conseguente carico del lavoro giudiziario rallenta inevitabilmente i procedimenti, con riflessi negativi sullo sviluppo economico del Paese. Approfondisci

La Corte di Cassazione, sentenza n. 2334/2011, ha consolidato il principio secondo cui la responsabilità del medico presuppone la violazione dei doveri inerenti allo svolgimento della professione, tra cui il dovere di diligenza. Tale diligenza non è quella del "buon padre di famiglia", ma deve essere valutata in riferimento alla natura della specifica attività esercitata. Approfondisci

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.