Giustizia

donnee

La denuncia di una donna rispetto ad una violenza subita è un atto di coraggio e non può essere trattata con il normale iter giudiziario. Per questo, finalmente, è approdato all'esame nel Consiglio dei ministri il "Codice rosso", un disegno di legge che prevede la riduzione dei tempi per i procedimenti giudiziari nei casi di violenza. Per “fare prima” e azzerare i tempi della giustizia: prima che gli uomini uccidano, prima che arrivino a vendicarsi.

appuntamento il 4 dicembre a milano per il cild fest 2018

Il 4 dicembre si terrà a Milano il Cild Fest 2018, una giornata organizzata dalla Coalizione Italiana Libertà e Diritti civili e dedicata al tema delle libertà civili, un'occasione di incontro e scambio tra le organizzazioni della società civile e i cittadini che si articolerà in vari momenti. Si svolgeranno presentazioni, workshop e dibattiti nel corso dei quali si parlerà di migrazioni, privacy e tecnologia, comunicazione, giustizia e tanto altro.

carceri

Secondo gli ultimi dati dell’Amministrazione penitenziaria (Dap), dal 2015 ad oggi è aumentato in maniera considerevole il numero dei detenuti negli istituti penitenziari: un’accelerazione che non può non destare preoccupazione. Da 52 mila persone ristrette il numero sfiora le 60 mila unità, ben oltre il limite della capienza regolamentare. L’altro dato che preoccupa è quello legato al numero, troppo elevato, di suicidi avvenuti tra le mura penitenziarie: sono 55 nel 2018, mai così tanti negli ultimi cinque anni.

giustizia caserme

Uno spazio dedicato alle donne e ai minori dipinto di rosa, con mobili di legno, un divano e un’area giochi per bambini: tutto pensato per creare un ambiente accogliente e mettere la persona a proprio agio. Si tratta di un’idea che nasce nel 2017 dall’esigenza di avere uno spazio dedicato all’accoglienza per le donne vittime di violenza e per le audizioni protette, alla presenza di personale appositamente formato e preparato. La prima stanza dalle pareti rosa è stata inaugurata a Castenaso, in provincia di Bologna, e ne apriranno altre sei nel 2019 con l'obiettivo di avere una “stanza rosa” per ogni Unione dei Comuni dell'area metropolitana.

decretosicurezza

Sono ore decisive per il provvedimento fortemente voluto dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, ora all’esame della Camera. In attesa della decisione, il Naga - storica associazione con un’esperienza pluridecennale nell’assistenza ai migranti - ha messo a punto un importante strumento informativo che aiuta a capire quali sono le modiche introdotte dal decreto. Due i temi fondamentali che subiranno interventi e che destano molta preoccupazione e tensione sociale: l'abolizione della protezione umanitaria e il ridimensionamento dello Sprar, il Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati.

giustizia

Cinque anni è la durata media dei processi per i due gradi di giudizio, otto mesi invece i tempi medi per la Cassazione. Ma troppi risultano i processi ancora pendenti: 1,2 milioni per il primo grado, 270 mila per il secondo, 30.000 in Cassazione. Numeri che spaventano, soprattutto perché ogni anno 130.000 processi finiscono in prescrizione e questo significa nessuna condanna per i colpevoli, nessun risarcimento per le vittime, nessuna tutela per gli innocenti.

ti amo da morirne

Lo spettacolo, scritto, diretto e interpretato da Mena Vasellino, è un omaggio alle tante donne vittime di violenza domestica raccontato al pubblico dalla stessa vittima. Per raggiungere un pubblico numeroso è stato necessario sperimentare il teatro via internet: il sito web dedicato allo spettacolo nasce pertanto dal desiderio di portare, attraverso il teatro, un messaggio forte contro la violenza sulle donne. La vera novità di questo progetto consiste dunque nell’essere visibile esclusivamente online e acquistabile in qualsiasi orario. Procedendo all'acquisto dello spettacolo è possibile selezionare e sostenere una tra le associazioni che aderiscono all’iniziativa, tra cui anche Cittadinanzattiva.

strage viareggio

Il 13 novembre si è aperto a Firenze il processo di appello per la strage del 29 giugno del 2009 che trasformò in un inferno la stazione di Viareggio e provocò la morte di 32 persone innocenti. Cittadinanzattiva, rappresentata dall’avv. Stefano Maccioni, è presente come parte civile accanto ai familiari delle vittime per chiedere verità e giustizia rispetto ai fatti accaduti su cui, purtroppo, incombe il rischio della prescrizione. Infatti, nel processo d'appello risultano prescritti i reati di incendio e lesioni colpose, un colpo di spugna che cancella la verità: per questo, i familiari delle vittime chiedono agli imputati di rinunciare alla decadenza dei due reati colposi, perché il dolore non va in prescrizione.

CODICI IDENTIFICATIVI PER LE FORZE DI POLIZIA 10

Diversi stati dell’Unione europea hanno dato seguito a questa richiesta, ma non l’Italia. Per questo, con un appello rivolto al ministro dell’Interno Matteo Salvini e al capo della Polizia Franco Gabrielli, Amnesty International Italia ha lanciato una campagna per chiedere che le forze di polizia siano dotate di codici identificativi alfanumerici - ben visibili sulle uniformi degli agenti - durante le operazioni di ordine pubblico.

con i migranti

Cittadinanzattiva, insieme a molte altre organizzazioni, ha aderito all’appello contro razzismo e xenofobia “Con i migranti per fermare la barbarie”, che porterà il prossimo 27 ottobre a manifestare nelle piazze di tantissime città italiane. Una grande iniziativa, una battaglia di civiltà, contro le diseguaglianze, contro le povertà, sociali e culturali, contro le strumentalizzazioni, per sostenere i soggetti di maggiore fragilità - i migranti - e per contrastare la preoccupante involuzione che sta coinvolgendo l’Italia e l’Europa sul fronte dei diritti umani e civili.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.