Lungaggine al quadrato, verrebbe da dire: perché i tempi lunghi non riguardano solo i processi, ma anche l'iter per ottenere l’indennizzo da Legge Pinto, una volta riconosciuto. Per questo il Ministero della Giustizia, per sanare le posizioni debitorie ancora pendenti, ha messo a disposizione un modulo per tutti i cittadini che nel 2008 hanno visto riconosciuto, con sentenza della Corte di Cassazione, il diritto all’equa riparazione ma che sono rimasti ad oggi insoddisfatti. Per scaricare il modulo clicca qui

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Potrebbe interessarti

Stai parlando con SUSI
Realizzato nell'ambito del progetto Consapevolmente consumatore, ugualmente cittadino, finanziato dal Ministero dello sviluppo economico (DM 7 febbraio 2018)

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.