La nuova normativa introdotta per il codice di rito nel 2012, forse sottovalutata, sancisce che nel caso in cui l'appello presentato sia privo dei presupposti fondamentali e sia considerato dal giudice privo di ragionevole fondatezza, venga rigettato e la parte condannata non solo a pagare le spese processuali, ma anche un importo pari al contributo unificato. Per saperne di più

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.