Emendamenti dell’ultimo minuto che lasciano perplessità, soprattutto se a farne le spese (in ogni senso!) sono le tasche dei cittadini. Ci si riferisce alle novità introdotte in materia di spese di giustizia, in particolare all’emendamento che cancella l’esenzione dalle spese di notifica per gli atti e le conciliazioni fino a 1.033 euro. Dal prossimo anno si pagheranno, quindi, tutte le notifiche, anche per cause e le conciliazioni di piccolo valore: non converrà dunque più instaurare un giudizio dinnanzi al giudice per far valere le proprie ragioni. Approfondisci

Valentina Ceccarelli
Classe '78, romana e romanista doc. Laureata in Giurisprudenza, è a Cittadinanzattiva dal 2009. Impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini, è consulente del Pit Unico e si occupa delle tematiche di Giustizia per la newsletter. Appassionata di libri, cucina e danza orientale, è convinta che il mondo non si possa cambiare restando seduti.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.