Scuola

banchi di scuola 2015 02 26

Il decreto Sostegni bis ad agosto scorso ha stanziato 350milioni di euro per "interventi di manutenzione" che garantissero l’avvio dell’anno 2021/2022 in sicurezza. Ma gli istituti non hanno puntato sulla sostituzione degli impianti. Due sole eccezioni: Emilia-Romagna e Marche. Adriana Bizzarri, coordinatrice scuola di Cittadinanzattiva, spiega così in una intervista al Fatto Quotidiano: "Il Decreto ripartizione che ha assegnato 350 milioni di euro alle scuole prevedeva l’acquisto di “strumenti per l’aerazione”, ma tale destinazione d’uso non è specificata nel Disegno Legge 73/2021 che fa riferimento solo a interventi di piccola manutenzione. Di conseguenza, aerazione e ventilazione sono affidate al ‘protocollo’ finestre aperte”. Risultato? “Di fatto non si tratta di interventi sistematici e il protocollo finestre aperte è sottoposto a troppe variabili, la cui applicazione ricade ancora una volta sul personale scolastico e sui dirigenti".

I primi a protestare sono stati gli studenti delle scuole superiori di Bari che, già dalle prime settimane di scuola, sono scesi in piazza per chiedere il ritorno all'orario unico per l'ingresso. Richiesta accolta, proprio nelle ultime ore, dalla Prefetta Bellomo, che ha annunciato lo stop agli orari scaglionati a partire dal prossimo 3 novembre. Nel frattempo la mobilitazione è partita in diverse città, a Roma e Milano sono stati coinvolti numerosi istituti superiori che nei giorni scorsi hanno messo in atto varie forme di protesta.

La Rete degli studenti medi sta preparando una seconda lettera da inviare alla prefettura. Con la stessa richiesta: entrare tutti alla stessa ora. Meglio se alle 8, "per avere più tempo libero per studio, sport e per vedere gli amici".

studenti copy

Gli studenti delle scuole secondarie di II grado per l'anno scolastico 2021-2022 sono oltre 2,5 milioni, esattamente 2.661.856. Nei licei gli studenti sono 1356.811, nei tecnici  843.226, nei professionali 461.819. In particolare nella regione Lombardia troviamo il numero più alto, quasi 400 mila studenti, seguita dalla Campania con 311 mila e il Lazio con 256 mila.

ragazzi neet

L'Unicef nei giorni scorsi ha presentato il rapporto "La condizione dell'infanzia nel mondo: nella mia mente". In Europa il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani di età compresa tra i 15 ed i 19 anni. Sono 9 milioni gli adolescenti che convivono con disturbi mentali ed il suicidio è la seconda causa di morte preceduto solo dagli incidenti stradali. Lo studio effettuato  esamina le problematiche che colpiscono i bambini e i giovani in Europa, e fornisce dati molto preoccupanti sul livello di stress a cui sono sottoposti. Circa 1200 bambini e adolescenti fra i 10 ed i 19 anni decidono di porre fine alle loro vite ogni anno. La percentuale dei ragazzi è di gran lunga maggiore rispetto alle ragazze , rispettivamente il 69% contro il 31%. La situazione è fortemente peggiorata a causa della Pandemia da Covid 19.

Il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza prende avvio dalla scuola, come annunciato dal presidente del Consiglio Draghi e dal Ministro dell'Istruzione Bianchi. Sei riforme entro il 2022 e 17 miliardi di investimenti, 5 in arrivo entro novembre. Tre per asili e scuole dell’infanzia, 400 milioni per la riqualificazione delle mense, 300 per le palestre (si parla della costruzione di circa 430mila mq), 800 per le scuole nuove e 500 per la messa in sicurezza degli istituti.

Sulla notizia Cittadinanzattiva ha espresso il proprio apprezzamento e nello stesso tempo la necessità di avere informazioni certe su criteri, progetti e trasparenza su tutto il processo.

aulascuola

E' pronta la bozza contenente le nuove indicazioni per le scuole redatte dall'Istituo Superiore di Sanità, dal Ministero della Salute, dal Ministero dell'Istruzione con il contributo delle Regioni. Se risulta positivo un docente scatta la sorveglianza tramite testing; se i positivi diventano due, per i vaccinati /negativizzati entro i 6 mesi è prevista la sorveglianaza con testing, mentre per gli altri scatta la quarantena. Regole simili anche per gli studenti: se uno studente è positivo, la classe resta in presenza con i testing; se i positivi sono due, gli studenti non vaccinati vanno in quarantena mentre i vaccinati restano in presenza.

Lo scorso 22 settembre Cittadinanzattiva ha presentato la XIX edizione dell' "Osservatorio civico sulla sicurezza a scuola", con numerosi dati sulla sicurezza strutturale delle scuole, le classi sovraffollate, le condizioni degli asili nido comunali e i servizi tagliati durante la pandemia. Durante la diretta online, che è possibile rivedere sul nostro canale Youtube, sono intervenuti, tra gli altri, Nino Cartabellotta, Presidente Fondazione GIMBE; Claudio Di Berardino, Coordinatore Commissione Istruzione, Università e Ricerca della Conferenza delle Regioni ed assessore Scuola e Formazione, Politiche per la ricostruzione, Personale della Regione Lazio;  Alessandro Fusacchia, VII Commissione Istruzione Scienza e Istruzione della Camera dei Deputati; Antonello Giannelli, Presidente Associazione Nazionale Presidi; Titti Postiglione, Vice Capo Dipartimento della Protezione Civile. 

Sono 117 i Comuni che hanno manifestato, entro il termine previsto, il proprio interesse ad ottenere i contributi previsti dal Fondo di 2 milioni di euro (art. 23-bis del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito nella legge 21 maggio 2021, n. 69) per realizzare sedi alternative agli edifici scolastici da destinare a seggi elettorali, al fine di evitare la sospensione delle attività didattiche, in occasione della tornata elettorale di ottobre. In totale si tratta di 510 i seggi elettorali, con il coinvolgimento di circa 300.000 elettori e di oltre 30.000 studenti che non saranno privati delle lezioni in quei giorni.
Nella maggior parte dei casi sono state individuate come sedi alternative, palestre comunali, strutture polivalenti e uffici municipali dismessi.
I contributi saranno effettivamente erogati, come stabilito dalla normativa vigente, a seguito dell’attestazione dell’avvenuto trasferimento dei seggi da parte dei Comuni interessati. 
Un battaglia che Cittadinanzattiva conduce da tempo. "Il numero di Comuni riferito dal Ministero certo non è elevato. Si può tuttavia dire che è un segnale, che si vede che comincia a crescere la sensibilità su questo tema, sia da parte degli amministratori sia dei cittadini. Se ne parla. È l’inizio di un percorso», commenta Adriana Bizzarri, Coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva in una intervista a Vita.it.

scuola di generosità

Dal 20 settembre ha preso il via un nuovo progetto dal titolo "A scuola di generosità" , un percorso didattico rivolto alle scuole secondarie di II grado ideato da AIFR - Associazione Italiana di Fundraising , per far conoscere e sensibilizzare i giovani al tema della solidarietà e generosità in vista del 30 novembre, la Giornata Mondiale del Dono, il Giving Tuesday, che arriva quest'anno alla sua quinta edizione. Sono stati coinvolti esperti ma anche diverse organizzazioni no profit per dare vita al percorso proposto ai ragazzi composto da 8 schede didattiche. Anche Cittadinanzattiva ha dato il suo contributo con la redazione di una scheda dal titolo :" Cittadini attivi si diventa".

mirko cazzato

Si chiama Mirko Cazzato, ed è uno studente diciannovenne di Lecce. E' l'unico italiano tra i 50 finalisti al mondo del "Global Student Prize 2021", premio che mette in palio ben 100.000 dollari. Mirko ha dato il via alla startup sociale "MABASTA" che ha come mission la lotta al bullismo. Circa un anno fa ha inoltre avuto un'altra grande intuizione, ha messo in piedi il progetto "1000 a 0 - Sport vince bullismo perde" coinvolgendo il mondo dello sport e ottenendo la collaborazione ed il patrocinio di 34 Federazioni sportive nazionali di Sport e Salute.

Condividi