divano demergenza

Il 24% dei Comuni Italiani non ha ancora redatto il Piano Comunale di emergenza!

Cittadinanzattiva chiede che il 100% dei Comuni ne abbia uno e lo comunichi efficacemente alla popolazione e per farlo ha deciso di lanciare la campagna #divanodemergenza per informare i cittadini sui propri diritti in materia di sicurezza in caso di emergenza. Il contributo di ognuno sarà utile a diffondere il messaggio e a rendere i cittadini consapevoli dei propri diritti in materia di sicurezza. Perché la sicurezza di ciascuno è un bene per tutti.

Cos'è Il Piano di emergenza Comunale
E' un documento redatto dai Comuni come strumento del Sindaco per gestire un'emergenza di protezione civile
sul territorio, sulla base delle indicazioni della propria Regione.
Contiene la descrizione dei rischi presenti sul territorio e le azioni previste dal Comune nelle diverse emergenze: prima, durante e dopo.
Obbligatorio dal 2012 (legge 100, 12 luglio 2012), si trova sul sito del Comune.
Va presentato e fatto conoscere a tutti. Se non c'è, va richiesto al Sindaco.

È davvero così importante?
Sì. L'Italia è un Paese con il 48% dei comuni ad elevata sismicità e l'82% ad elevato rischio idrogeologico. Inoltre, abbiamo più di 1.000 impianti industriali a rischio di incidente rilevante e ben il 30% di superficie esposta a rischio incendi (boschivi), oltre a 11 vulcani attivi o quiescenti.
In Italia, dunque, l'emergenza è potenzialmente all'ordine del giorno.
Un Piano è esattamente quello che ci vuole, e vogliamo che il 100% dei Comuni ne abbia uno. Aiutaci a diffondere il messaggio con #divanodemergenza.

Visita il sito della campagna

Approfondisci

Classe '74. Adoro la pasta (non meno di 250g a porzione) e qualunque cosa cucinino le mie colleghe, purché abbia il pranzo pronto. Mi chiamano ringhio, ma in realtà mordo anche. La mia frase è se non ti piacciono i miei difetti, ne ho anche altri. Sono a Cittadinanzattiva dal 1999 ed attualmente sono responsabile networking nell'ufficio Pac (Partecipazione e Attivismo civico).

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.