Il contesto

Cittadinanzattiva è impegnata nella tutela dei diritti dei cittadini in ambito sanitario, affermando e promuovendo il rispetto dei 14 diritti presenti nella Carta europea dei diritti del malato. Essa enuncia come primo punto il diritto a misure preventive: "Ogni individuo ha diritto a servizi appropriati per prevenire la malattia".
Con l’Intesa tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano concernente il Piano nazionale per la prevenzione per gli anni 2010-2012 si stabilisce che ciascuna regione adotterà il piano regionale per la prevenzione.
È facile intuire che l’adozione di piani regionali per la prevenzione può generare anche nell’ambito della prevenzione differenze al livello regionale non solo nella pianificazione, ma anche nella reale accessibilità per i cittadini a prestazioni che riducono il rischio di insorgenza di patologie e/o ne favoriscono la diagnosi precoce.
Il "federalismo vaccinale", non dà la possibilità a tutti i cittadini di avere accesso a vaccinazioni libere e gratuite, producendo così delle iniquità. Gli approcci curativi e preventivi sono diversi a seconda delle regioni ma non vengono stabiliti sulla base dei dati epidemiologici.
Per questo Cittadinanzattiva - attraverso la rete del Tribunale per i diritti del malato – ha deciso di promuovere quest’attività di rilevazione civica in merito al diritto all’accesso alle misure preventive, mettendo in luce le differenze esistenti tra le regioni.

Obiettivi

L’analisi e la comparazione tra le regioni rispetto all’organizzazione e dell’erogazione di prestazioni destinate alla prevenzione, permetterà in particolare di raggiungere i seguenti obiettivi specifici:

  • Valutare l’accessibilità dei diversi sistemi dal punto di vista civico;
  • Evidenziare best practice e principali criticità;
  • Offrire agli operatori del settore utili elementi conoscitivi e di approfondimento.

Obiettivo generale del progetto è quello di fornire una fotografia rispetto all’accesso alla prevenzione e fornire proposte migliorative a decisori politici ed interlocutori istituzionali.
Caratteristica del lavoro è la collaborazione di diversi soggetti, a vario titolo coinvolti nel settore della prevenzione vaccinale:

  • A.O.G.O.I. Associazione Ostetrici Ginecologi Ospadalieri Italiani;
  • S.It.I. Società Italiana di Igiene;
  • F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri;
  • Area Clinica SIMG;
  • Università di Tor Vergata Roma.

L’indagine è stata svolta in cinque regioni pilota rappresentative delle differenze regionali: Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Sardegna e Trentino, per un totale di 21 ASL e 668 centri vaccinali attivi
Sono state impegnate nella raccolta dei dati direttamente le sedi regionali di Cittadinanzattiva – Tribunale per i diritti del malato.

Scarica il rapporto

Anno di realizzazione: 2011 (in corso)

Per avere maggiori informazioni contatta Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per saperne di più in tema di politiche sanitarie, visita la relativa Area di interesse


Progetto realizzato con il sostegno di

gsk logo

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi