La Carta della qualità in medicina interna si inserisce nell’ambito delle attività di promozione della qualità e della sicurezza che il Tribunale per i diritti del malato da anni persegue e rappresenta una risposta alla questione degli errori nella pratica medica e assistenziale.


Questo progetto vuole dare attuazione concreta ai contenuti della Carta Europea dei diritti del malato, favorendone l’interpretazione ed il rispetto nei reparti di medicina interna, oltre che dimostrare la maturità della società civile, impegnata concretamente nella promozione di iniziative finalizzate a riconoscere ai cittadini un ruolo attivo nel miglioramento dei servizi sanitari.

Cos’è la Carta della qualità in medicina interna

La Carta della qualità in medicina contiene 48 impegni, riassumibili in sette principi: accoglienza, informazione, organizzazione, consenso informato, sicurezza e igiene, innovazione e dimissioni, che rappresentano gli aspetti fondamentali che fanno di un reparto un’organizzazione capace non solo di curare, ma soprattutto di “prendersi cura” dei suoi pazienti, consentendo ai cittadini di essere dei soggetti attivi, più consapevoli e capaci di interagire con il personale e la struttura ospedaliera.
Nella sezione Approfondimenti è ospitata la Carta della qualità in medicina interna

Cosa significa per un cittadino entrare in un reparto che sottoscrive la Carta

Nei reparti che adottano la Carta il cittadino ricoverato potrà contare su un’adeguata accoglienza, avrà a disposizione un medico di riferimento, prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico firmerà un consenso informato e sarà tutelato da misure per prevenire l’insorgenza di infezioni ospedaliere. Inoltre al momento delle dimissioni avrà una scheda completa che riporta diagnosi, terapia e decorso, con i numeri di telefono a cui rivolgersi in caso di necessità.

Come può aderire un reparto

I reparti ospedalieri possono aderire all’iniziativa sottoscrivendo volontariamente la Carta della qualità in medicina interna, impegnandosi in questo modo ad intraprendere un percorso che mira al raggiungimento progressivo degli “standard” indicati nella Carta.

 


Quali sono i requisiti che un reparto deve possedere per aderire al progetto


l reparti che vogliono prender parte al progetto non devono necessariamente rispettare ogni punto contenuto nella Carta; è importante sottolineare che aderendo, ciascun reparto assume l’impegno -nei confronti dei cittadini- a porre in essere tutte quelle azioni di miglioramento necessarie per renderli attuabili nel tempo.

Anno di realizzazione: 2009

Per avere maggiori informazioni contatta Sabrina Nardi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi saperne di più in tema di sicurezza ospedaliera, visita la relativa Area di Interesse

In collaborazione con

fadoi logo

Classe '79. Il rosso è il mio colore preferito, l'arte vista con gli occhi dei bambini il mio primo amore, i viaggi un modo per saziare la mia curiosità. Il rosso perdura nella passione con cui mi impegno a difendere i diritti delle persone nel Tribunale per i diritti del malato, di cui sono vice coordinatrice nazionale.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.