I edizione (2005/2006)

Che cosa stanno facendo le Aziende sanitarie italiane per soddisfare al meglio il bisogno di assistenza domiciliare dei cittadini? Per rispondere a questa domanda Cittadinanzattiva, attraverso la rete del Tribunale per i diritti del malato, ha deciso di raccogliere dati e informazioni, riunendo in un Tavolo di lavoro comune i principali attori impegnati in questo ambito:

  • ANTEA - Hospice;
  • AIOM - Associazione Italiana di Oncologia Medica;
  • AISLEC - Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee;
  • ASSR - Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali;
  • CARD - Confederazione Associazioni Regionali di Distretto;
  • FIASO - Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere;
  • FIMMG - Federazione Italiana Medici di Famiglia;
  • IPASVI - Federazione Nazionale Collegi Infermieri.

Il 7 novembre 2006 è stato realizzato il workshop sull'assistenza domiciliare integrata, durante il quale è stato presentato il I Rapporto nazionale sullo stato dell'arte dell'ADI in Italia.

In questa iniziativa sono stati coinvolti:

  • aziende sanitarie locali;
  • famiglie degli assistiti a domicilio;
  • medici di medicina generale;
  • assessorati regionali alla salute.

Nel corso del 2007, al fine di divulgare i dati emersi dal rapporto e aprire un dibattito per cogliere con maggiore chiarezza gli aspetti critici e i punti di forza del servizio, sono stati organizzati degli eventi a Napoli (c/Federfarma), Verona (c/centro medico culturale Giorgio Marani), e Torino (c/Associazione CESPI, Centro studi delle professioni sanitarie).
Ne seguono momenti di riflessione e discussione istituzionali, una crescente sensibilità tra le realtà regionali e la decisione di continuato ad occuparsi di assistenza territoriale.

II edizione (2008/2009)

La presentazione del I Rapporto nazionale sullo stato dell'arte dell'ADI ha favorito momenti di riflessione e discussione istituzionali, una crescente sensibilità tra le realtà regionali e la decisione di continuare ad occuparsi di assistenza territoriale. Partendo proprio dalle carenze emerse dal Primo rapporto è stata così avviata la seconda indagine sul sistema delle cure domiciliari, con obiettivo di cogliere gli aspetti che rimangono critici e i miglioramenti in termini di best pratice realizzati a distanza di due anni.
Una delle caratteristiche della seconda indagine è stata non solo quella di aver coinvolto nel tavolo di lavoro nuovi soggetti, ma anche di aver messo insieme un maggior numero di punti vista – ad esempio distretti, comuni, infermieri - per fotografare il reale quadro dell'ADI nel nostro Paese. In particolare, l'iniziativa è stata realizzata con la collaborazione di diversi soggetti, tra i quali:

  • FIASO - Federazione italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere
  • CARD - Confederazione Associazioni Regionali di Distretto
  • Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali
  • Federsanità Anci
  • FIMMG – Federazione Italiana Medici di Medicina Generale
  • IPASVI – Federazione nazionale Collegi Infermieri

I risultati, presentati il 10 giugno 2009 in Commissione Salute delle Regioni a Roma, sono contenuti nel II Rapporto sull'assistenza domiciliare integrata di Cittadinanzattiva - Tribunale per i diritti del malato. Per saperne di più scarica il rapporto e leggi il comunicato stampa.

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato all'iniziativa. Hanno fornito utili informazioni per fotografare lo stato dell'arte sul servizio. I più sentiti ringraziamenti, in particolare, a coloro che hanno compilato le griglie: più di 300 medici di medicina generale, più di 200 infermieri, oltre 300 utenti e familiari del servizio, oltre che Regioni, Aziende Sanitarie, distretti e comuni.

Per avere maggiori informazioni contatta Sabrina Nardi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi saperne di più in tema di assistenza domiciliare visita la relativa Area di interesse.

Ambedue le edizioni del monitoraggio sul sistema delle cure domiciliari sono state realizzate in partnership con: gsk logo

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.