Perché una campagna di informazione e tutela sull'incontinenza?

  • Per promuovere una corretta informazione su questa patologia ed aumentare, nei cittadini e negli operatori sanitari, la consapevolezza della possibilità di prevenzione, cura o corretto trattamento;
  • perché ancora oggi l'incontinenza rimane una malattia non adeguatamente diagnosticata e curata, vissuta quasi sempre come una situazione imbarazzante da non rivelare a nessuno, nemmeno al proprio medico di fiducia;
  • per abbattere la "cultura del non far sapere";
  • per migliorare la qualità della vita di chi ha problemi di incontinenza, garantendo l'accesso all'innovazione terapeutica a costi sostenibili;
  • per garantire percorsi diagnostico-terapeutici corretti ed appropriati;
  • per promuovere una più estesa rimborsabilità dei farmaci sulla continenza;
  • per assicurare un adeguato livello qualitativo degli assorbenti (vedi il glossario) e difendere il principio della libertà di scelta del cittadino, oggi molto spesso pregiudicato dal sistema di acquisti che considera unicamente il criterio economico come elemento prioritario;
  • per sostenere le organizzazioni di tutela del settore che, da anni, chiedono l'attivazione di centri specialistici provinciali per la cura e la riabilitazione dell'incontinenza e, per le forme più gravi, norme di legge per facilitare il reinserimento nel mondo del lavoro e agevolare la mobilità nel territorio, anche attraverso la realizzazione di servizi igienici pubblici.

 
Anno di realizzazione:


Per avere maggiori informazioni contatta il Tribunale dei diritti del malato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi saperne di più in tema di assistenza domiciliare - RSA, visita la relativa Area di interesse

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.