La Carta della qualità in chirurgia ha lo scopo di garantire ai cittadini, dal momento del loro ricovero e fino alle dimissioni, massima qualità e sicurezza, oltre che accoglienza, informazioni, rispetto per le persone e per la loro condizione.


I 54 impegni contenuti nella Carta sono riassumibili in sette principi: accoglienza, informazione, organizzazione, consenso informato, sicurezza e igiene, innovazione e dimissioni. Questi principi rappresentano gli aspetti fondamentali che fanno di un reparto un'organizzazione capace non solo di curare, ma soprattutto di "prendersi cura" dei propri pazienti, consentendo ai cittadini di essere dei soggetti attivi, più consapevoli e capaci di interagire con il personale e la struttura ospedaliera.

 

Nei reparti che adottano la Carta il cittadino ricoverato potrà contare su un'adeguata accoglienza, avrà a disposizione un medico di riferimento, prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico firmerà un consenso informato e sarà tutelato da misure per prevenire l'insorgenza di infezioni ospedaliere. Inoltre al momento delle dimissioni avrà una scheda completa che riporta diagnosi, terapia e decorso, con i numeri di telefono a cui rivolgersi in caso di necessità.

Nella sezione Guide utili puoi scaricare la Carta della qualità in chirurgia

Nel 2009, a quasi due anni dal lancio del progetto Carta qualità in chirurgia, più di 80 reparti hanno sottoscritto la Carta, impegnandosi, in questo modo, a mettere in atto azioni per rispettare i 54 principi in essa contenuti.

Nella sezione Approfondimenti puoi consultare l'elenco dei reparti che hanno adottato la Carta (2009).

Anno di realizzazione: dal 2007

Per avere maggiori informazioni contatta Sabrina Nardi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi saperne di più in tema di sicurezza ospedaliera visita la relativa Area di Interesse.


Il progetto è stato realizzato con il patrocinio di ACOI - Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani e FIASO - Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere.


Con il sostegno di

johnson johnson medical logo

Classe '79. Il rosso è il mio colore preferito, l'arte vista con gli occhi dei bambini il mio primo amore, i viaggi un modo per saziare la mia curiosità. Il rosso perdura nella passione con cui mi impegno a difendere i diritti delle persone nel Tribunale per i diritti del malato, di cui sono vice coordinatrice nazionale.

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.