Cittadinanzattiva su Wind, costi ricarica e livello occupazionale: qual'è il nesso? Non si usi strumentalmente il tema delle liberalizzazioni

"Siamo sconcertati dalle dichiarazioni di Wind. Legare l'eliminazione del costo di ricarica ai livelli occupazionali è sbagliato, scorretto e privo di fondamento". Queste le dichiarazioni di Giustino Trincia, vice segretario generale di Cittadinanzattiva.

 "Da anni, in quasi tutti I Paesi, I costi delle ricariche non esistono. Dopo che le compagnie hanno fatto orecchie da mercante alle richieste pressanti delle organizzazioni dei consumatori, è dovuto intervenire una legge del Governo per porre fine ad una pratica scorretta e rimedio ai ritardi delle Autorità delle comunicazioni".

"Usare ora questi argomenti per giustificare delle decisioni aziendali sui livelli occupazionali è quanto meno scorretto. Ma I cittadini consumatori italiani sapranno come rispondere, anche cambiando operatore".

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi