Pratiche commerciali scorrette: avviato procedimento dell’Antitrust nei confronti di Acea Ato2, anche su segnalazione di Cittadinanzattiva

L’Antitrust, in seguito anche all’attivazione di Cittadinanzattiva, ha avviato un procedimento nei confronti di Acea Ato2 per presunte condotte ingannevoli, omissive e aggressive nei  confronti dei consumatori e piccole imprese correlate all’attivazione del contratto per la fornitura del servizio idrico.

In particolare, numerosi utenti del servizio idrico integrato erogato da Acea Ato 2, si sono rivolti al servizio di consulenza e assistenza (PiT servizi) di Cittadinanzattiva, perché hanno ricevuto una “informativa sulla fatturazione dei conguagli tariffari” relativi al periodo 2006-2011. Come specificato nella stessa informativa, questi conguagli si riferiscono a periodi precedenti al trasferimento all’AEEGSI delle funzioni di regolazione e controllo del settore idrico (01.01.2012) e non sono considerati ai fini del calcolo delle determinazioni tariffarie.

“Riteniamo prescritte e, dunque, indebite le richieste avanzate dalla società idrica in questione, poichè, per i crediti relativi alle utenze domestiche, il codice civile prevede una prescrizione quinquennale “, afferma Isabella Mori, responsabile del PIT unico di Cittadinanzattiva. “La fatturazione si conferma, come già segnalato nel  focus “Energia e ambiente- Rapporto pit servizi 2014 ”, la principale criticità per i cittadini, sia in termini di trasparenza dei consumi (presenza di consumi stimati, conguagli e morosità) sia in termini di trasparenza delle bollette che di aumenti tariffari.  Chiediamo all’Autorità di proseguire nella piena estensione agli utenti del servizio idrico di misure e strumenti previsti a tutela del consumatore”.

Inoltre, Acea Ato 2 nel periodo compreso tra novembre 2012 e aprile 2015, avrebbe attuato, come evidenziato nell’avvio del procedimento dell’Antitrust, ulteriori pratiche commerciali scorrette in questi ambiti:

·         voltura e subentro in un’utenza attiva;

·         modalità di rilevazione dei consumi, e criteri di fatturazione dei servizi forniti;

·         consumi anormalmente elevati dovuti a perdite  occulte e procedure di depenalizzazione tariffaria;

·         modalità e tempi di gestione dei reclami e dei rimborsi nonché modalità e procedure per il distacco della fornitura.

I cittadini possono rivolgersi a Cittadinanzattiva per reclamare in caso di disservizi, acquisire maggiori informazioni e tutelare al meglio i propri diritti, telefonando allo 0636718555 (lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9:00 alle 13:30), oppure scrivendo apit.servizi@cittadinanzattiva.it.

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.