Cittadinanzattiva su aumento Irap per disavanzo sanità: ancora una volta al danno si aggiunge la beffa. I cittadini pagano, ma quando avranno diritto di parola?

Il varo dell’aumento Irap per I cittadini residenti nelle Regioni che hanno registrato un disavanzo a causa della spesa sanitaria ha il sapore della beffa. Infatti, I cittadini residenti in queste Regioni intanto dovranno pagare poi, si legge negli articoli della stampa, forse potranno recuperare a luglio.

Per una volta ancora, infatti, I cittadini non hanno potuto avere alcuna informazione in più, né tantomeno esercitare un ruolo nelle scelte, se non quello di dover mettere mano al portafogli. E tutto questo per cause prevalentemente legate a scarse capacità amministrative da parte delle Regioni interessati.

Al ministro Turco chiediamo di convocare, così come avevano già richiesto I segretari regionali di Cittadinanzattiva nelle passate settimane, anche le organizzazioni di tutela dei cittadini insieme alle Regioni, al fine di valutare l’intero piano di risanamento, evitando che siano I soli utenti a doversi fare carico del dissesto e dando vita ad un nuovo “patto per la sanità” che punti finalmente alla programmazione dei bisogni, piuttosto che al mero contenimento della spesa.

Redazione Online
Siamo noi, quelli che ogni giorno scovano e scrivono forsennatamente notizie di diritti e partecipazione. Non solo le nostre, perché la cittadinanza attiva è bella perché è varia. Età media: 33 anni, provenienza disparata....

Condividi

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.