Cittadinanzattiva: nuovo allarme sulla riduzione del finanziamento al SSN. A rischio l''accesso a protesi ed ausili di qualità per malati cronici e disabili

A rischio la qualità di protesi ed ausili per malati cronici e disabili. Per effetto di successivi e reiterati tagli (Dl 98/2011 e Dl 95/2012), ultimati dalla legge di stabilità 2013, la spesa relativa ai dispositivi medici si ridurrà di 1.250 milioni di euro nel 2013 e di ulteriori 1.750 milioni nel 2014, ossia rispettivamente del 18 e 25 per cento in meno rispetto agli attuali livelli di spesa.

 

 

"Il rischio per malati cronici e persone con disabilità è quello di vedere minato il proprio diritto all'accesso, ma anche e soprattutto alla qualità, innovazione, personalizzazione e sicurezza di dispositivi come carrozzine, pannoloni. Come affermato dalla Corte dei Conti, la scelta di operare una riduzione indistinta dei finanziamento statale al SSN potrebbe produrre effetti indesiderati", è quanto dichiara Tonino Aceti, responsabile del Coordinamento nazionale delle associazioni dei malati cronici (CnAMC) di Cittadinanzattiva. Le Regioni, infatti, a fronte di tagli sempre più frequenti e massicci saranno costrette, come già stanno facendo, ad erogare prodotti scadenti e al costo più basso, individuato anche attraverso procedure di acquisto centralizzate, che nel medio lungo periodo produrranno un'esplosione della spesa ospedaliera per il trattamento delle relative complicanze causate dal loro stesso utilizzo. Una scelta miope e poco lungimirante. E' il caso dei dispostivi per le stomie, utilizzati nel Lazio, che stanno "rovinando la vita" di molte persone stomizzate.

"Non si può continuare ad avere un approccio esclusivamente economicistico – continua Aceti - non considerando la "qualità della vita" delle persone con malattie croniche e rare. Il Governo anziché tagliare in modo lineare i tetti di spesa, garantisca una riqualificazione selettiva della stessa, ad esempio attraverso l'implementazione di un'attività di HTA (valutazione delle tecnologie sanitarie), che preveda anche la partecipazione delle Organizzazioni civiche e di pazienti".

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.