Progetto senza titolo

Cittadinanzattiva su ispezione in mense scolastiche: un fenomeno preoccupante. Lavorare per garantire la mensa a tutti gli studenti e per ampliare il ruolo delle Commissioni mensa

“Ringraziamo i Nas e la Ministra Grillo per il lavoro di controllo sulle mense scolastiche in tutta Italia che ci restituisce una realtà preoccupante, sulla quale chiediamo un’attenta analisi e messa a punto di proposte di miglioramento, oltre che, nell’immediato, sanzioni per chi ha la responsabilità di aver agito contro la sicurezza e la salute degli studenti e dei docenti accompagnatori”, dichiara Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale Scuola di Cittadinanzattiva. "Crediamo sia fondamentale diffondere e ampliare il ruolo delle Commissioni mensa, per garantire un controllo puntuale, capillare e costante al fine di vigilare sia sulla qualità del cibo che sulle condizioni delle strutture, diffondendo competenze e formazione fra i membri delle Commissioni".

“Nel Rapporto da noi presentato ad ottobre evidenziamo che solo il 10% delle scuole dispone di un locale mensa e che le condizioni non sempre sono ottimali. Ad esempio, l'80% dei bambini da noi intervistati ritiene che i locali mensa siano molto rumorosi, il 57% poco accoglienti e il 45% poco allegri. La maggioranza mangia a mensa con piacere, soprattutto perché può stare insieme ai propri compagni. E ciò a dimostrazione che occorre lavorare per garantire a tutti una mensa sicura e di qualità anche per evitare il diffondersi del fenomeno del "pasto da casa". Inoltre, a fronte di una spesa media mensile a famiglia di circa 82€ per il servizio di ristorazione scolastica nelle scuole dell’infanzia e primarie, emerge una notevole disparità nei costi fra le diverse province, con Livorno che si attesta come la più costosa (in media 128€ al mese) e Barletta come la più economica (32€). Crediamo che, come la recente sentenza sul caso Lodi dimostra, tale servizio debba rientrare nei livelli essenziali delle prestazioniai sensi dell’art.117 della Cost. e dunque venga erogato gratuitamente”.

Ufficio Stampa
Ufficio stampa e comunicazione di Cittadinanzattiva, e se no di chi? Scriviamo, parliamo, twittiamo e ci divertiamo. Se esageriamo, ditecelo!

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.