Cittadinanzattiva su sicurezza scuola: allarme UPI fondato, il Ministero risponda con una seria programmazione

"Condividiamo l'allarme lanciato dal presidente dell'UPI Saitta. I dati forniti sulla sicurezza degli edifici e sulla situazione delle palestre sono verosimili: si parla di rischio riapertura di 400 scuole su 5179 e da anni sosteniamo, a seguito dei monitoraggio della campagna Impararesicuri, che una scuola su dieci è in condizioni pessime", ad affermalo Adriana Bizzarri, coordinatrice nazionale della scuola di Cittadinanzattiva.


"La risposta del capo dipartimento del MIUR, Lucrezia Stellacci ci pare dettata da una scarsa consapevolezza della gravità della situazione e dalla mancanza di una programmazione puntuale degli interventi da attuare per la sicurezza delle nostre scuole. Una logica da "mettere le toppe" non più accettabile. Al ministero chiediamo di prendere in considerazione le proposte che da qualche settimana abbiamo lanciato con "La scuola che vorrei", già sottoscritte da numerose scuole.
"Anche la tempistica e le soluzioni proposte per l'immediato dall'UPI sono da condividere. Dall'allentamento del patto di stabilità per gli interventi di edilizia scolastica più urgenti alla previsione di un piano straordinario triennale di almeno 1 miliardo di euro l'anno: sarebbero le prime risposte immediate che vorremmo avere dal Ministro".

Aurora Avenoso
Lucana, classe '73, master in comunicazione e relazioni pubbliche. Il meglio lo sto imparando con i miei figli, Greta e Giacomo. Per Cittadinanzattiva mi occupo di ufficio stampa e comunicazione. "Non dubitare mai che un gruppo di cittadini coscienziosi ed impegnati possa cambiare il mondo. In verità è l'unica cosa che è sempre accaduta" (Margaret Mead)

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.