amazzonia

La grande foresta non è solo una riserva di biodiversità e di ossigeno per il pianeta: è anche un "deposito" di CO2 che finisce in atmosfera quando parte di essa brucia. Il Sinodo dei vescovi che si è chiuso a Roma il 27 ottobre ha poi sottolineato che, al problema ambientale, in Amazzonia si somma quello sociale e umanitario delle popolazioni indigene private di terre, diritti e, a volte, anche della vita.

Esclusi ghiacciai e calotte polari l'Amazzonia custodisce un quinto dell'acqua dolce e un quarto della biodiversità dell'intero pianeta. Inoltre fissa al suolo, principalmente nel legname degli alberi e nel terreno, una quantità enorme di anidride carbonica, prima responsabile del riscaldamento globale. Gli incendi, oltre a consumare il "polmone verde" del mondo, liberano la CO2 in atmosfera. Domenico Gaudioso, esperto di cambiamenti climatici ed ex dirigente di ISPRA, è stato tra gli uditori laici invitati ai lavori del Sinodo che Papa Francesco ha voluto dedicare alla questione amazzonica. Qui traccia un bilancio dell'evento.

APPROFONDISCI

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.