Tantissimi piccoli comuni nella regione stanno ‘importando’ il ‘porta a porta’ al fine di realizzare un modello virtuoso di raccolta dei rifiuti, segnando una controtendenza rispetto al caos rifiuti di Roma che domina sulle colonne dei giornali da mesi.

La Capitale, dati dell’ultimo rapporto ISPRA, ha visto infatti nel 2018, per la prima volta da un decennio, scendere il dato della raccolta differenziata, unica grande città italiana. Inoltre, sempre in controtendenza, lo stesso territorio vede crescere il conferimento dei rifiuti della categoria dell’indifferenziato.

Dai piccoli centri dunque parte la riscossa di una pratica che sembra non contagiare più i romani disillusi e sgomenti, indistintamente, di fronte ai cumuli di immondizia accatastati accanto ad ogni batteria di cassonetti. Che la questione rifiuti abbia uniformato i ceti è dimostrato infatti dalla persistenza di sacchetti ammonticchiati sia nei quartieri ‘bene’ che in quelli popolari. Invece, constatazioni alla mano, ciò che ha fatto la differenza è stata proprio la raccolta ‘porta a porta’ poiché nei municipi nei quali si è optato per questa metodologia, applicandola correttamente, si sono segnalati pochissimi disservizi rispetto al resto della città.

A dare una nuova cassa di risonanza alla metodologia del ‘porta a porta’ sono invece i comuni più piccoli del Lazio. A scendere in campo, per così dire, sono ora i cittadini di Cellere, piccolo comune del viterbese, che dal 20 gennaio hanno iniziato a veder i piccoli contenitori in strada al posto dei precedenti. E a segnare il cambio di passo, sono proprio i cittadini che addirittura in versi raccontano il passaggio al nuovo tipo di raccolta. Mario Olimpieri, nonno del paese, ha addirittura scritto una poesia dal titolo ‘È arrivata la differenziata’ per celebrare l’avvenimento. Una novità che, con tutta evidenza, ha il compito per una volta di non sottolineare le distinzioni di classe, bensì quello di evidenziare un passo in avanti nella difficile convivenza tra uomo e ambiente.

Leggi la poesia di Mario Olimpieri

Scarica il Rapporto Ispra sui rifiuti e i dati presentati da Cittadinanzattiva a novembre 2019.

Condividi

Potrebbe interessarti

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.